chiudi | stampa

Raccolta di aforismi di Andrea Olivo
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Discere sine erroribus

L'apprendimento senza errori è un dito che scrive nella sabbia in una giornata piena di vento.

*

Conversare

Conversare, una poesia in cui a ogni a capo si cede la parola per comporre versi di convivenza civile. 

*

Figli viziati

I figli viziati sono metonimie di genitori pedagogicamente pigri.

*

Coraggio

Non ci può essere nulla di razionale in una parola che per etimologia proviene dal cuore.

 

 

*

La buona politica...

La buona politica oggi? Un'ipotetica controfattuale. 

*

Autostima kafkiana

Sono molto sicuro di me quando sono ubriaco, soprattutto se in giro non c'è nessuno.

*

Cultura

Chi usa la cultura a guisa di vestito e non di abito, presto o tardi rimane nudo davanti alla sua ignoranza. 

*

Testi universitari

Un buon testo universitario parla allo studente, uno cattivo parla del docente.

*

Vox animalium

Se gli animali potessero verbalizzare il proprio dolore, nessun uomo mangerebbe più la loro carne.

*

Democrazia eterodiretta

La democrazia smette di essere potere del popolo, quando questo popolo è eterodiretto.

*

Res(sa) publica italiana

Se la Repubblica italiana fosse stata fondata su precariato e litigiosità, oggi la politica avrebbe di che compiacersi. 

*

Destrudo politica

Nel dibattito politico continua a prevalere la relazione distruttiva dell'io-contro al posto di quella costruttiva del noi-insieme.

*

Res sensorum

Quando il buon senso fallisce, il senso dell'umorismo risarcisce.

*

Ubi vera pulchritudo est?

Lasciate a chi non sa vedere le Versailles d'Europa e stupitevi invece del pervicace fiore che spunta solingo sui cigli della strada, e saprete dov'è la vera bellezza...

*

San Ni-Cola

Da San Nicola di rosso vestito al Babbo Natale della Coca-Cola, qualcosa dev'essere andato storto.

*

Politicus honestissimus

Era un politico così onesto da lasciarsi corrompere dalla stessa idea di esserlo.

*

VI Dies

E il sesto giorno Dio creò l'uomo: non ci saremo sopravvalutati?

*

Senescere

Un uomo capisce di invecchiare quando gli crescono i peli dove non dovrebbero, comincia ad amare la domenica in modo viscerale e a odiare i vicini perché troppo rumorosi.

*

Vir bonus

E' più facile che un uomo buono sia povero che un pover'uomo sia buono.

*

Vita brevis est

Al netto del tempo passato a dormire, bloccati nel traffico, o a difendere idee nemmeno nostre, moriamo poco più che adolescenti. 

*

Le razze esistono:

Le razze esistono finchè non le pronunci: sono dei pesci d'acqua salata con due affricate alveolari sonore.

*

InciviltÓ moderna

Meglio un popolo sinceramente barbaro che uno civilmente barbarizzato.

*

Fama

C'è un nuovo appetito, tipico dell'oggi: la fama nel mondo.

*

Tempus naturalis

Se vivessimo seguendo il tempo fisico, quello delle stagioni, e non quello sociale, tiranno dei nostri giorni, ci riscopriremmo fibre del mondo in comunione con la natura.

*

Dubito et cogito

L'intelligente vive nel dubbio; lo stupido nella certezza.

*

De vita

In passato, l'uomo anelava alla vita eterna; oggi, a rendere eterna la vita.

*

Locus communis

Il luogo comune è un comodo salotto senza finestre.

*

Mendacium

Una bugia a volte è tutta la verità di cui abbiamo bisogno.

*

Immortalis

Era morto, solo che Facebook non lo sapeva.

*

Scribere

Scrivere è l'alveo di un fiume chiamato emozione.

*

Homo fumat et currit

A primavera, nei parchi delle grandi città si aggirano solinghi due evoluti mammiferi, il fumatore e il runner; entrambi latori della propria dipendenza, si distinguono soprattutto nel modo di vestire: molto più sobrio quello del primo. 

*

Haikurisma

La vita scorre

come l'acqua di un fiume

lasciando segni.

*

What’s app, ergo sum.

Oggi per esistere non basta "essere" nel mondo reale, ma bisogna essere in quello digitale-multimediale, nell'e-mondo.

*

De mercatore

Il commerciante mente già dal sorriso.

*

La politica

Se la politica fosse un verbo, sarebbe un predicato stativo.

*

Adulator

Vicino al narcisista si trova l'adulatore, come l'ombra vicino al suo albero.

*

Timidus

Il più delle volte, il timido è un egocentrico represso.

*

Optimus magister

Il migliore degli insegnanti non smette mai di essere uno studente.

*

Edere in telegiornale

L'abitudine di mangiare durante il telegiornale è la migliore pedagogia all'insensibilità.

*

Futurum

Il futuro è un amico che consola quando il presente delude.

*

Mala verba

Le parolacce sono i veicoli di sentimenti troppo istintivi, forti e viscerali da poter essere espressi attraverso la ragione.

*

coerenza

La coerenza a ogni costo porta a essere incoerenti con la propria intelligenza.

*

Vera aut falsa est?

Due mesi fa ho comprato un'orchidea di plastica. Poi è morta.

*

Ars manibus, mos pedibus

Se la tecnica di un pianista è evidente dal suo periodare sui tasti, è dal tocco sui pedali che emerge il suo carattere.

*

Historiae vanitas

E' tipico della natura umana reiterare quegli errori che la storia suggerirebbe di non ripetere.

*

Jazz taratantara dixit

Il jazz è quella musica dove sembra non succedere nulla perché tutto sta accadendo. 

*

In contrabbasso veritas

Il contrabbasso è come il clown: non può essere né bello né felice, ma solo buffo o triste.

*

Affectus inopia

La frequenza al quarto corso di scrittura creativa è una palese richiesta d'affetto.

*

Vulgi turbatoris ancilla

L'emotività dell'elettorato è l'ancella del demagogo.

*

Asini petulantia

Il saccente è colui il quale cavalca un asino pensando di essere su un cavallo.

*

Ironico ma non troppo

La più grande qualità che un contrabbassista deve possedere non è "l'orecchio" e nemmeno il senso del ritmo, ma l'autoironia.

*

La veritÓ bugiarda del racconto

Un racconto è una bugia di cui si è talmente persuasi  da volerla scrivere con la massima sincerità di cui si dispone.