chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Armando Bettozzi
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Er Posto Fisso

 Armando Bettozzi

 

Er Posto Fisso

e le...”generazzioni senza”...

   

C’era ‘na vòrta...e adesso ce n’è meno

ch’è un meno che côr tempo aumenterà

finché propio der tutto sparirà

-er Posto Fisso -...diventato...osceno...

 

Saranno guai sortanto a nominàllo!

Na legge! Ce starà pe garantìllo!

Che manco lo potranno mai capìllo

li giòveni...e figùrate a cercàllo...!...

 

Saranno le...“generazzioni senza”...

Che, nun sapènno, nu lo cercherànno,

ché  manco a scòla je ne parlerànno...

pe via de na forzata reticenza!...     

 

È stato er sogno che cià preso a tutti

e prima o poi a tutti s’è avverato

-o guasi –...Ma un giorno fu dichiarato 

fòri-legge...oprènno a tempi brutti...

 

Senza più er bèr sogno...Pòri regàzzi!...

Però ner diènne-a sta inciso a fòco,

e certo riciccerà...a poco, a poco...

senza forzà...pe nun creà imbarazzi...

 

Si sentiranno addosso na stranezza

li giovinòtti, senza na raggione

si nun sarà pe amore, n c’è quistione:

quer sogno è! che ... a ffà er morto...n ce s’avvezza!

 

Armando Bettozzi

  23 gennaio 2019

*

Al Camposanto

Armando Bettozzi

 al Camposanto di Bettona

 

 Al Camposanto

 

Quanto soffrire silenzioso ha empito

avanti d’aver pace in questa tomba

i brevi, o lunghi giorni d’una vita

or li rinchiusa, ad aspettar le trombe!

 

Con tal speranza al giusto sonno hai chiuso

quegli occhi ch’eran stanchi…o ancor curiosi…

lasciando tutto e tutti, e nuova casa

come a una pasqua han benedetto in chiesa:

 

ristretta, su misura…E ai larghi spazi

com’ anche a tutti i belli e brutti sfizi,

e pure ad ogni gioia, a ogni supplizio,

dolente hai detto addio, da culla o ospizio.

 

Aspira, l’uomo, a viver nella pace

ch’è un forte desiderio e mai si placa…

E ancora adesso in quel tuo buio pece

la pace cerchi e affidi ad una prece.

 

Riposo eterno, nella pace eterna

a ognun concessa sia finché non torna

-nel giorno del giudizio, che reincarna –

la vita che ha promesso il Padreterno.                                                                    

 

Armando Bettozzi

         2019

*

Va’, pensiero

Armando Bettozzi

 

Va’, pensiero!

 

Va’, pensiero!..Vattene…Vola via…

Va a confonderti in cielo…tra le stelle…

Troppo! di sublime sai, melodia,

troppo, n’hai di parole e note belle…

 

Sporcarti, in questa Italia alla deriva,

offuscata…perduta…delirante…

non ha ragion…Va con la casta diva...

Va’ a esser - con lei - stella luccicante.

 

Non merita, chi il brivido a ascoltarti

non sa sentir – l’eterna tua bellezza;

e par che goda nel mortificarti…

giacché non sa di te provar fierezza.

 

Da su potrai quaggiù fioccar le note

come sui prati vital pioggerella

sì da riempir di te l’anime vuote,

finché non t’amino, melodia bella!

 

Armando Bettozzi

   22 maggio 2019

*

Grifagnamente

Armando Bettozzi

 

Grifagnamente

 

Come da cime d’alberi giganti
o dalle rocce aguzze dove ha il nido,
col bieco occhio e coll’acuto grido
e rostri e artigli in resta e becco avanti

è pronto il falco al lancio sulla preda,
così s’apprestan con la bava in bocca
da soli, o in…stormo a far che ancor succeda
il mercimonio, con la lingua scocca,

del pubblico denaro, e di poltrone,
favori a scambio, cariche preziose…
vestite d’onestà tante persone
addette, o a lor d’intorno ognor bramose,

col pelo in cuore, e cùpido cipiglio
e co’altezzoso sprezzo d’ogni legge
vergata, o solo naturale appiglio,
e col dileggio di chi – onestà – regge.

Che della delinquenza ne fan scienza,
con falsa lingua, e con grifagna mente,
che adusi li ha a fare con quiescenza
i disonesti, ed anche impunemente!

Occor disinfestare come s’usa
coi mai satolli osceni roditori
e far fascine di ciascun che abusa,
d’ognun corrotto e tutti i corruttori.
Con quell’ugual grifagno piglio e ratto
di chi, a risolvere, è una peste in atto.

 

Armando Bettozzi

*

Se ’nfrattàmo...

Armando Bettozzi

 

a Lisa

  

"Se ‘nfrattàmo..."...

 

Come sòrti, pijàmo er ventitre:

“Giuliana”... “Clodio” ... e poi in quattrequattrotto

staremo solamente ... io e te

a ffà più peggio che...ner quarantotto!...

 

Bell’infrattati...co nisuno attorno

(però badando che n ce stia ‘r guardone...).

Fa fresco, sì...ma noi saremo un forno

e sentiremo solo l’emozzione...

 

Ar giorno d’oggi...questi che ne sanno...

Nisun probblema ciànno a finì a letto,

co – anzi – papà e mamma che je fanno

... da reception ... Ma nu è un maggior diletto...

 

“Se ‘nfrattàmo” è finito a stà in cantina,

fra li ricordi belli der passato...

Ma, le vòrte, giù...na sporveratina...

e pe noi, torna er mèjo mai ‘nventato!

 

Armando Bettozzi

  14 febbraio 2019

*

Il farsi d’un giorno di grigio

 Armando Bettozzi

 

Il farsi d’un giorno di grigio

 

Stenta il farsi del giorno…

Ma sveglia è la micia già,

pronta, con fare felino

a invisibil sospetto…

Oggi niente pigrare…Oggi

son io il più pigro…

 

Le prime luci, di fronte: chissà…

Grigio è per l’ora, il cielo,

o ancora

quella coperta fitta di ieri, di nubi

continue

qui ha trovato l’ambiente che va…

 

Fioco ed opaco, un lume schiarisce

il vuoto là fuori;

entra attraverso le doghe

della persiana che ho appena richiuso.

 

Nell’ovattato silenzio, improvviso

realizzo! Oggi è sabato … E si riposa

il giorno, la casa…Torno a dormire?...

 

Meglio goder questo sogno da sveglio…

Con un caffè, ancora meglio…

Due ne preparo: per Lisa e per me…

Ora la micia anche lei si riposa,

sulle ginocchia, e inizian le fusa.

 

Armando Bettozzi

 2 marzo 2019

*

Pece

Armando Bettozzi

 

Pece

 

Quanno che  “pece” era l’incollante

nun solo pe le scarpe e er carzolaro,

er mônno l’allumava più de n faro,

e lo faceva èsse trepidante…

 

innammorato perzo … Quànno “amante”

voleva dì…no! “tutt’er cucuzzaro”…

Voleva solo dì (che fusse dôrce, o amaro),

l’amore pe uno, o una…Era ‘mportante!

 

E quànno quarchiduno era ‘mpeciato,

ce stava male…Dice: “Er mal d’amore”…

Ma era la bellezza der creato.

 

Mo’…quela “pece” l’hanno tutta sciòrta,

che va a la grànne quer ch’è…squajatore,

e er “quànno se vedémo?” – “n’artra vòrta”….

 

Armando Bettozzi

  16 marzo 2019

*

Sonetto a Primavera

 

“Sonetto di Primavera”

 

 

  

È Marzo! È l’alba della Primavera!

S’intiepidisce l’aria e sotto il tetto

intreccia il primo nido la primiera

rondine, come a raccontar sta il detto:

 

“La prima rondine, a San Benedetto”…

Or, la luce del giorno, fino a sera

c’ illumina…ed ha tutto un altro aspetto

il sole col tramonto suo a raggera.

 

Anche la prima rosa nel suo rovo

fa capolino…sboccia, e i verdi prati

si van vestendo d’un vestito nuovo:

 

di bianche  margherite…petalose.

Cresce il grano pei campi coltivati…

D’oro e profumo s’empion le mimose…

 

 

 

Armando Bettozzi

 marzo 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Armando Bettozzi

1 marzo 2019

*

Franco Rosi Omaggio alla Memoria

Armando Bettozzi

 

Omaggio alla memoria dell'amico imitatore

FRANCO ROSI

(Emilio Eros De Rosa + 17 febbraio 2019)

  

Ciao, Eros! Un piccolo semplice ricordo di quel gran bel periodo della nostra vita

da ragazzi pieni di sole e di sogni, per le vie di Roma…Piccolo ricordo di una grande e bella amicizia.

 

Fino a uno degl’incontri da grandi…con la mia Lisa, e con la tua Carmen…

 

https://www.youtube.com/watch?v=isphjNL_wXA

 

<il coro degli angeli

 ci fa sognare ancora

Io vorrei…io vorrei

che questo sogno fosse realtà…>

 

da “Come sinfonia” di Pino Donaggio

 

“...dai, prendi la fisarmonica, Arma’!

che “alle Grazie” stanno a fare un teatrino…

Si va a piedi, che tanto sta vicino…

È incominciato da un bel pezzo, già…”

 

“Ecco!...Prendo lo spartito, ché senza

suono male…Ma, dì…tu sei sicuro

che ci faranno fare?...” “Ti giuro,

Arma’… che avremo una grande accoglienza…”

 

E infatti… “…ed ecco a voi, fuori programma,

il duo con Armando e Franco Rosi…”…

Van suono e canto…e applausi calorosi,

ché <Come sinfonia> i cuori infiamma!

 

Caro Eros, fu il tuo primo gran successo…

Seguiron tanta radio e assai tivvù…

T’han detto “Le Mille Voci”…E lassù,

tra gli angeli e i santi, continui, adesso…          

 

Armando Bettozzi - 17 febbraio 201

*

Il farsi d’un giorno grigio

 Armando Bettozzi

 

 Il farsi d’un giorno di grigio

  

Stenta il farsi del giorno…

Ma sveglia è la micia già,

pronta, con fare felino

a invisibil sospetto…

Oggi niente pigrare…Oggi

son io il più pigro…

 

Le prime luci, di fronte: chissà…

Grigio è per l’ora, il cielo,

o ancora

quella coperta fitta di ieri, di nubi

continue

qui ha trovato l’ambiente che va…

 

Fioco ed opaco, un lume schiarisce

il vuoto là fuori;

entra attraverso le doghe

della persiana che ho appena richiuso.

 

Nell’ovattato silenzio, improvviso

realizzo! Oggi è sabato … E si riposa

il giorno, la casa…Torno a dormire?...

 

Meglio goder questo sogno da sveglio…

Con un caffè, ancora meglio…

Due ne preparo: per Lisa e per me…

Ora la micia anche lei si riposa,

sulle ginocchia, e inizian le fusa.

 

Armando Bettozzi

 2 marzo 2019

*

San Valenti’...fa’ qualcosa!...

Armando Bettozzi

 

San Valentì, fa’ qualcosa!

(al modo bettonese, di Bettona, PG)

 

   

San Valentì, cocchino, e che fè, dòrme?

Lo stè a vedé tuqua quel che succede,

o ormai ‘n ce fè più caso che anche l’orme

de quan che ce bastava avè la “fede”

 

pe staje appicciat’ ta qualcuno

mo stònno a scomparì ‘n po’ dapertutto

e fa ‘na pena! e si ce ne sta uno

che ancora  ‘n s’ è infettato co sto brutto

 

malanno-epidemia che fredda ‘l còre

e fa murì l’amore dopo ‘n po’,

lo stònn’a pià pe un essere inferiore…

Ma te par giusto ta te? Io  nnel so…

 

E ‘l so che nun è giusto, Valentì,

ma allora fa qualcosa: la vergogna!

Sì, la vergogna…fajela sentì

ta chi st’a mette ‘l bene nto la gogna!

 

 

Armando Bettozzi

*

San Valentino...saldatore

Armando Bettozzi

 

 

San  Valentino…saldatore

  

A San Valentì…’nfra moje e marito

nisùno, dice, cià da mett’er dito…

Pò èsse…ma però qua nun funziona!

Perché ‘gni nota che ‘nfra loro stona

je pò  mannà per aria er grànne amore

coprènnoli co un velo de griggiore

da fà sparì er colore dell’Amore,

ch’è de un gran bell’azzùro e se confônne

co quello che c’è in cèlo e in mezz’all’ônne.

Ma pe nun fà succède ‘ste scempiézze

nu sta a ddà retta a tutte ‘ste…certezze…

e mméttecelo! er dito immezz’ a lloro

pe fà ogni vòrta quer capolavoro

che solo tu sai fà de sardatùra,

nell’età acerba e in quella più matura!                                                                                         

 

Armando Bettozzi

*

San Valentino, paladino d’amore

Armando Bettozzi

 

San Valentino,

Paladino d’Amore

                                     

Dove trova rifugio,

in quale pertugio nascosto

è riposto lo stampo

che il lampo produce, e ogni freccia

che apre la breccia nei cuori

a nuovi bagliori pulsanti,

o ai  pianti…se il tiro è uno sbaglio

e solo un abbaglio è quel che ne viene

invece del bene agognato

da chi innamorato ti chiede

con fede, o San Valentino,

e il proprio destino ti affida

e insieme con te sfida il mondo

pe’ un amore profondo?

Deh ! diccelo, o San Valentino,

tu che d’Amore sei il gran Paladino!

 

Armando Bettozzi

*

San Valentino, l’emozzion d’amore

Armando Bettozzi

 

San Valentino

(l’emozzion d’amore)

 

 San Valentino, dàcce l’occasione

de avé 'na vòrta armeno ne la vita

quer senso de felicità infinita

che un grànne amore pieno de passione

 

sa dà a chi vò provà quel’emozzione

che arimarà pe sempre accustodìta

ner còre, come ‘na quarsìa pepita

è messa in cassaforte, a protezzione…

 

Così lei resta llì na vita intera

pe ffàllo stà ar calluccio ogni momento

quer còre, e si è che schiòppa ‘na bufera 

 

e ce se trova immèzzo, è proprio allora

che lei è più che mai ‘r medicamento

che in quer gran buio fa sortì l’aurora.

 

Armando Bettozzi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*

Briciole ho fatto di quei sogni

Armando Bettozzi

 

a Lisa

 

Briciole ho fatto di quei sogni...

 

Più celeste e pulita e leggera

dell’aria e del cielo

delicato cuore di bambina offesa

talmente inadatto

mi fai sentire, e pien di colpe...

 

Ho calpestato i tuoi sogni

fatti di piccole cose...

con me al centro di ognuna...

E io che la luna,

volevo per te,

come un vento rapace

incapace a frenarsi

e i rami spoglia al ciliegio in autunno,

briciole ho fatto di quei semplici sogni.

 

Grandezza!

in quel generoso tuo cuore

che ho amato, e che amo...ma che – anche - ho ferito...

E un frastornamento

che porta ‘l tormento che non si lenisce,  

percuote il mio essere, ché

di false malie ha ingrigito l’incanto.

 

Ma che mi rimane

se il cuor tuo, ch’è il mio

così ho ridotto...

che i tuoi sogni ho interrotto...

Radunerò io, queste briciole...

Ne coglierò...andando a ritroso,

come racconta la fiaba,

e pe’ ogni briciola, un piccolo sogno

almeno una parte, ridarti

per farti tornare a guardarmi

e riaverti di nuovo a sognare, con me...

 

Armando Bettozzi

17 novembre 2018

*

Teremotati...Bòn Natale!...

Fatti, una poesia

 

da Meteoweb.eu, 23 Dicembre 2018

LaPresse

“Il terzo Natale dopo il terremoto ci consegna da una parte la chiusura della fase emergenziale e dall’altra l’enorme difficolta’ a far partire la ricostruzione, in particolare quella pesante e pubblica”: è quanto dicono, all’ANSA, i sindaci di Norcia, Cascia e Preci, analizzando il momento che stanno vivendo i tre paesi umbri più colpiti dagli eventi sismici del 2016.

“Per Norcia – dice Nicola Alemanno – è’ il Natale piu’ difficile...adesso si avverte molta sfiducia. Ci attendevamo – aggiunge – segnali importanti sia sul fronte della ricostruzione, sia negli aiuti alle imprese, ma cio’ non sta accadendo...”. Pietro Bellini di Preci, rimarca la “necessita’ di snellire le procedure e implementare il personale negli Uffici speciali per la ricostruzione cosi’ da sveltire l’iter delle pratiche”. Il sindaco della citta’ di San Benedetto torna anche a ribadire l’urgenza di dichiarare le zone terremotate come “aree svantaggiate cosi’ che le imprese possano accedere ai contributi comunitari previsti. Questo – conclude – permetterebbe agli imprenditori locali di continuare a scommettere ancora su questo territorio”.

Il più pessimista dei tre sindaci della Valnerina terremotata è Bellini di Preci: “Dopo oltre due anni dalle prime scosse siamo al disastro e al caos totale. Se la fase dell’emergenza è stata gestita nei tempi e nei modi giusti – dice – quella della ricostruzione e’ all’anno zero e per di più vedo scarso interesse a livello politico”. “La gente è demoralizzata – aggiunge Bellini – per mandare avanti una pratica servono mesi, in tutto questo tempo a Preci siamo riusciti ad autorizzare solo 8 ristrutturazioni, serve un deciso cambio di passo”. 

 

Dove sono le voci sempre pronte a farsi ben sentire di certi personaggi pubblici...?...

Quanto può essere...astratto...l’antirazzismo-razzista...Quando il - da quello inteso - “razzista” dice: “Prima gl’Italiani” non dice: “Solo gl’Italiani!”. Mentre l’antirazzismo-razzista dice: “Prima gli altri”...e basta. Sembra sentirlo dire:

 

Teremotàti...Bòn Natale!

(e, magari...aiutate...)

 

Dopo er bòtto tremendo e lo sfacelo,

e quer tremà infinito de la tèra,

e lo sparì de tutto quer che c’era

da métteje tristezza inzin’ar cèlo,

 

lo stato è côrzo...ha ffàtt’er piagnistèo,

ha ffàtto du’ promesse...Ed è...sparito...

ché da vicino, er dramma l’ha ‘mpaurito...

e ha lassàto tutto a...domine deo.

 

In quant’a llui - o a chi pe llui - er caso

pò aspettà...“Sì!...È e terzo Natale, già,

ma vedi...vòi métte a dàsse da fà 

ner métte anima e...tasca pe er...<travaso>

 

che pe noàntri è la sola cosa degna?!

Che?!...Er teremotato nu’ sta più in pace...?!...

E che potémo fàje: ce dispiace,

ma...er morto giace...e er vivo...embeh...se ‘ngnegna...”

 

“Ciavémo àrtro da fà...che ve penzàte...!...

‘N volémo passà mica pe razzisti

a penzà a noàntri, e nno a quei...pòri cristi...!...

Anzi...teremotati!...Su!...Aiutate!...”                                                                      

 

Armando Bettozzi

 25 dicembre 2018

*

Allo scader del tempo

Armando Bettozzi

 

"Allo scader del tempo"

 

Pian, piano cessa allo scader del tempo

ogni andare gaio…ogni andare mesto…

Cessa di battere le ali, la farfalla

Cessan gli affanni in cerca di riposo

Cenere è al posto di fiammate ardenti

Scie d’argento, sui tranquilli andar…

Su tutto resta il chiaro della luna

a cullar l’aria, pregna di ricordi,

e - tra lo sciabordar delle maree -

di mare e ciel – l’unirsi – all’orizzonte.

 

Armando Bettozzi

  7 Marzo 2015

 

*

Al lume di luna

Armando Bettozzi

 

"Al lume di luna"

 

Alla luna, quando   tutta tonda splende,

le malinconie

cantan sopra i tetti,   miagolosi, i gatti.

Sognano, i topini   stretti nelle tane

mille e più razzie

d’appetenti caci   da spartir coi mici.

Per ogni rumore,   sta il cane a latrare

pe’ ignote fobie

d’ogni ombra pauroso…  da spiriti invaso…

Or si specchia alla luna  il genere umano:

verità e bugie

s’han da separare… ma occorre capire…

Molti sono insonni...  San che sono inganni…   

false ideologie

quelle che hanno in testa…  Ma ammetterlo…costa!

Passa la nottata  dicendo impaurito

preci e litanie

ogn’animo reo…  Reo con sé e con Dio. 

Smaniano nei letti   <pupe> e giovanotti

per le…fantasie

che, pur se non vere…  ne è dolce il sognare.

Al lume di luna s’appressa un pensiero

qual dorata malia

e tutto m’accendo, ché a lei sto pensando.

  

Armando Bettozzi

*

La margherita e la rosa

Armando Bettozzi 

 

LA MARGHERITA E LA ROSA

    (m’ama…numm’ama…)

                                          

 “Sei ‘na rosa: sei bella e vaporosa,

  ma vòi mette: sei puro assai spinosa!

 

  Appett’a tte io sò ‘na poverella:

  sò modesta e nemmanco troppo bbèlla,

 

  ma, però, nun è a tte che va cercànno

  chi vorebbe sapé si come stanno

 

  le quistioni d’amore, e lo viè a lègge

  su li pètali mia, e me s’arègge

 

  co ‘na mano, e coll’artra, piano, piano,

  me li tira a uno a uno, e quann’in mano

                                   

  je ciarimane er gambo solamente,

  saprà si l’ama, o no, sicuramente.

 

 Come vedi noi due semo importanti

 pe l’amore, ma io…sto un po’ più avanti:

 

 io sò quella che dice si l’amore

 c’è, e in quer caso tu – pòi - je porti un fiore”.

 

Armando Bettozzi

*

Chi ’n capisce...chi nun sa...

Armando Bettozzi 

 

Chi ‘n capisce…Chi nun sa…

 

C’è chi ‘n capisce de ‘n capì…ma inzegna

C’è chi ‘n capisce proprio…Ché…c’è nato…

Ma er peggio è chi ‘n capisce e sta ar senato,

e è ggènte strapagata,  la più indegna.

 

C’è chi nun sa ‘na mazza e… spiega tutto;

se crede ‘n padreterno…E è ‘n pòro scemo.

Ma puro noàntri, a vòrte, ‘n distinguémo,

facènnoce, così, fregà de brutto.

 

C’è chi ‘n capisce…e a vòrte è puro mèjo:

così ‘n se sente cresce…er bòzzo in fronte…

C’è chi capisce troppo…e ggiù da ‘n ponte,

lo bùtteno, ché guai! chi è troppo svéjo!

 

C’è chi nun dice ‘n cacchio ner discôre,

ma a certi je sta bbène e je conviene.

Ché più sa incasinàcce e più je viene

un quarchecosa…a llui e ar su’ gestore.

 

Evviva chi sa ddì che nu’ è ‘n saputo,

ché questo è già ‘n bòn segno d’onestà.

Ch’è quer che manca a chi, a sta società

la vò tiené incollata co no sputo.

 

Armando Bettozzi

  

 

 

 

*

Abbasterebbe poco

Armando Bettozzi

 

Abbasterebbe poco

 

 Côr poco a vòrte ce pòi fà più tanto

che a ffà quarcosa co ‘n se sa co quanto.

E a ffà co tanto manco c’è bravura,

ma questa, a ffà co poco è sicura.

 

Tu guarda la ricchezza...E che ce fai

si ‘r còre che lei cerca nun ce l’hai;

e er còre, a tte, te l’hanno rigalato

pe ‘r fatto solamente d’èsse nato.

 

Nun ce sò costi, nun ce stanno spese

a ffà un sorìso che, senza pretese

je fai a uno che ce l’ha côr mônno

e cerca de tiràsse su dar fônno.

 

E na carezza...? Vòi mette...na carezza

che je sa dàje tanta più certezza

più de un gran rigalo a un fanelletto

che più de gn’artra cosa vò l’affetto!

 

E che diceva a Assisi, er Poverello:

“Guarda llassù in cèlo quer fringuello...

cià tutto quanto puro si ‘n cià gnènte,

ma no pe questo je pòi dì pezzente”.

 

Ma quanti ce ne sò ricchi sfonnàti,

che ‘n ciànno pace e arùbbeno sfrenati,

che nu j’abbasta mai da st’ammucchià...

Ma nun è mica vita, quella llà.

 

E ‘nvece abbasterebbe tanto poco...

Nun dico solo l’aria, l’acqua e ‘r fòco,

ma quer che serve a vive degnamente,

rispetto pe se stessi e pe la ggènte.

 

Armando Bettozzi

 

Pluripremiata con primi e secondi premi (Castello di Cisterna, Na; Rorà, TO; Barletta, FO; Torre S. Susanna, BR; Caserta; Falconara Marittima, AP)  

*

Burograzzìe e burògrati der...cacio

Armando Bettozzi

 

Un fatto, una poesia

 

da vari blogs…settembre 2017

 

95enne acciaccata, ma col cervello ben funzionante, cacciata dalla sua casa di legno fatta nel suo terreno edificabile in tutta fretta – come rimedio alla casa distrutta dal terremoto - saltando momentaneamente le previste lunghezze burocratiche per il rilascio della concessione edilizia, rimandata a un secondo momento. Ma c’è il vincolo…essendo zona protetta… 

 

 

Burograzzìe e burògrati der…cacio…

   

Burograzzìe e burògrati der…cacio,

che séte accosì bravi e accosì forti

e sverti e cattivelli, e poco accorti

co li poràcci, e ‘nvece, adacio, adacio

 

co tutte l’attenzioni e riverenze,

fino propio a nu’ rompéje ‘i cojoni

trattate fòrilegge e gran marpioni

pe ricoprìvve de…benemerenze…

 

Possibbile che ‘n fate passà un giorno

senza passàcce voi pe “criminali”

sibbè co in mano articoli legali…

(però de leggi da...levà da torno...).

 

Potete avécce tutte le raggioni:

“la-legge-è-legge”! Facile da dì…

Ma ‘n ve risùrta che…mo’vale er “chi”

e nno più er “che” pe ddà le…punizzioni?

 

Pe chi delinque propio! soluzzioni

se tròveno!..Chi casa se l’arùbba,

su l’attenti! ve mette!…e anche a ‘i carubba!

Ma…ggiù! a ‘na vecchia…! e in quele condizzioni!

 

“C’è er vincolo…!”…E perché, la “propietà”

chedè pe tutti voàntri, e pe la legge?!

Che…propio fa vedéllo a “chi”! protègge…

Pell’artri…manco un’oncia de pietà.

 

A stà nfra leggi strane a doppia-faccia,

burograzzie a occhi spalancati,

oppuramente miopi, o cecati,

secônno chi è er “chi”…è ‘na storiaccia

 

che avrebbe da finì...ch’è da imbrojoni!

E poi ce stanno sempre certi a chiede:

“Ma come mai la ggènte nun ce crede…

nun vò più crede a Stato e a Istituzzioni?!”                

 

Armando Bettozzi - 24 settembre 2017

*

Limiti...finarmente!

Un fatto, una poesia

 

da Corriere della Sera, 4 nov. 2018

I quartieri Flaminio, Parioli, Coppedè, Salario, Africano e San Lorenzo diventeranno tutte zone a «percorrenza dolce e sostenibile». Ovvero avranno il limite di 30 chilometri l’ora. Non si riparano le buche, il maltempo ne crea in continuazione di nuove, allora meglio far andare piano le auto?...

 

Limiti...Finarmente!...

(a 30 all’ora...)

 

“Oh...! Era ora, a Re’...che arivàsse un freno

a tutta sta gran libbertà sfrenata

che st’a girà pe dapertutto...Arméno

co sto regolamento, mo’ c’è stata

 

la vòja de dì: ‘Basta! ‘...Escrùso er treno

-pe cui la norma ancora nun c’è stata -

er freno a Roma mo’ funziona appieno,

tant’è che mo’, la sìnnaca è...osannata!...”

 

“Ma allora, a Ro’...sta murta...Come mai?!”...

“Corévo, a Re’...Lo so...è pericoloso!...

Ma quànno vai de fretta...ce lo sai...”

 

“Ma...E a quant’annàvi?...” “A trentasei all’ora!

Quànno ch’ er limite, er Comune, anzioso,

l’ha mess’a trenta!...E vvò abbassàllo ancora!

 

È ‘n discorso che règge...

Si pìi ‘na buca...gnènte contensioso...

Ché si...‘corévi’...eri...’n fòrilegge...”....(!!!)....

 

“Nun solo!...C’è la cassa...che se ‘ngrossa...

Eh, sì!...Davero!...È ‘na gran bèlla mossa!...

Virginia incassa...e te protegge l’ossa!”

 

Armando Bettozzi

 8 novembre 2018

*

Li limiti dell’ òmo

Armando Bettozzi

 

Li limiti dell’omo

 

Vienìmo tutti quanti da un “puntino”

ch’è annàto ar posto giusto

in d’un momento bbèllo e appassionato.

E llì, ndove ch’è entrato,

in nove mesi, puro ce sortìmo

piagnènno tutti quanti a perdifiato:

tutti a l’istessa, identica magnéra.

 

Pe ffà…? Quarsiasi cosa!

E è proprio qui che se differenziamo:

perché c’è chi va appresso a na ghimera…

perché ce sta chi osa e chi nun osa,

chi spera e chi nu spera…

perché c’è chi è signore e chi è fetente…

perché c’è chi capisce e chi è ottuso,

chi cià la fede e chi nun crede a gnènte…

Ciaivòja a dì la fila de’ perché…!

sippuro tutti! fàmo certe cose:

magnàmo e poi…sur cèsso: nun se scappa!

E poi, pò èsse prima, pò èsse dopo,

sia puro in tanti mòdi diferènti,

ognuno, e dico ognuno! quann’è ‘r dunque

dev’ammollà gni cosa e…così sia!

 

È in quer fratànto - fra ‘r vienì e annà vvìa -

che nun ce sta uguàjanza,

nun c’è demograzzìa,

nemmànco su la cosa llì der cèsso,

che infatti a chi nu mmàgna,

sur cèsso…lo pìa – e de brutto –

solo la cicagna*.

E pòi, pe dìnne un’antra,

ce sta a chi j’è concesso,

e chi ‘n cià gnènte tempo pe pentìsse…

 

Er fatto è che noàntri, tutti quanti

pensàmo e fàmo ognuno ar modo nostro:

quell’antre cose invece – inizzio e fine –                                                               

pe quanto er tempo nfra de loro è vario

pe ciaschiduno                                                              

o pe natura o artro -

sò già bell’e fissate

perché er Signore, è Lui! che l’ha penzàte.                

 

   *la sonnolenza                                                                                                                   

Armando Bettozzi

*

Poesie per il 2 Novembre

Armando Bettozzi

 

Poesie per il 2 Novembre

"L’ ultima benedizione"

L’odore dell’incenso seguitava
a spandersi intorno al catafalco
ad ogni sbuffo di nuvole leggere
al ritmato cantilenar di catenelle.

Silenzio. In quel momento neanche un canto
nemmeno un pianto; solo, sottovoce,
il mesto pregar del prete, il tintinnio,
e il leggero frusciar dei paramenti sacri.

E ancor così, durante l’aspersione
tutt’intorno, con gocce d’acqua santa.
E il cuore, stanco, era come ipnotizzato,
affascinato, forse…forse consolato.

E c’eran tanti fiori…e le candele
con le fiammelle dritte verso il cielo.
Come a una festa, ma senza il festeggiato:
ed è a questo pensier che il cuor si ribellava!

Armando Bettozzi - 2 Novembre 2006

-----------------------------------------------------------------------------------------

"Tramonto al Camposanto di Bettona"

Di leggiadria è vestita qui, la pace
tra il rimbalzar silente dei riflessi
che fan filtrare l’oro tra i cipressi
e il coro dei lumini che mai tace…

E ognun ch’è andato, e in questo loco giace
gradire sembra i premurosi eccessi
d’essenze odorose, e i pregar sommessi….
E ognuno a tanto amore si compiace.

E nel sito, dai miei cari abitato,
non solo c’è quel che ho portato io,
ma quel che anche altri, han tributato.

Che io nemmeno so, ma loro…sanno…
Di certo sono quei che a quegli “addio”
non mai s’adattano…e a trovarli, vanno.

Armando Bettozzi - 26 Luglio 2015

------------------------------------------------------

"Il mio 2 Novembre"

Parla per tutti, il campanile, assorto,
con la campana e il suono suo più mesto.
Dice il cordoglio per qualcun ch’è morto,
e ben s’addice al funebre contesto.

Volan per l’aria tocchi cadenzati,
come un lamento, come quasi un pianto.
Io, non li sentirò, seppur suonati,
quando ai miei cari il còr lascerò affranto.

E li vedrò, allor, coi crisantemi,
e la fiammella tremula d’un cero,
portati quali doni ormai estremi,
sul mio giaciglio, in seno al cimitero.

Armando Bettozzi - 2 Novembre 2012

--------------------------------------------------------------------------------------

"Al Camposanto di Bettona"
( a mio padre e a mia madre, e a ognuno che lì riposa in pace)

Al camposanto
che grande silenzio,
e come meglio si sente cantare
il pettirosso
tra bossi e cipressi!
Che pace! È il silenzio che avvolge,
tra i viali coi marmi allineati e fioriti,
dove l’anima è viva,
e la vita ancor vive d’amore e ricordi.

Solo, accompagna il silenzio,
lo sfregar della breccia a ogni passo.

A sera i lumini
dan luce al gran buio
che il sole di giorno rischiara
e colora.
Come abat-jour sui comodini,
al sonno eterno danno compagnia
contr’ogni paura,
a grandi e bambini addormentati.
Ha un guizzo leggero
a ogni ombra che pasa, ogni fiammella,
finché col mattino
con voce animosa
ritorna a cantare, il pettirosso,
per chi in quel luogo di pace, riposa.

Armando Bettozzi - 11 Gennaio 2011

---------------------------------------------------------------------

"L’ Amore oltre…"
(verso l’ultimo appuntamento)

Con pena mai spenta
amorevolmente guarda
l’immaginetta ovale e mestamente
sorride
come a cercare il ritorno d’un sorriso
da chi in quel marmo riposa, a cui
tutto il pianto possibile già ha donato.
Mostra i crisantemi freschi
e accende il lumino,
intanto che in cuor dice l’orazione,
mentre la pena incontra uno spiraglio
verso quella pace
che già da tempo,
è la sola sua agognata mèta.

Sul cipresso, un pettirosso
svolazza chioccolando,
e a quello volge il viso e lo sguardo
e di nuovo sorride.
Un giorno si ritroveranno a chioccolare
insieme, pensa, e spera,
su quel cipresso che al cielo aspira
intanto che abbellisce:
“Questo tuo marmo
così tanto bianco,
così tanto freddo”.
E teneramente lo accarezza,
come per scaldarlo.

Armando Bettozzi - 2 Novembre 2007

*

Flamenco!

Armando Bettozzi 

 

Flamenco!

  

Balla ballerina nella spumosa veste

con nacchere e mantiglie, e neri pizzi e veli,

e zingareschi anelli ai lobi, e suono ai tacchi,

col rosso acceso al labbro, e alle dita gli ori…

Balla al frenetico supplicar di chitarre,

focosa e fredda a un tempo, ché tutto di te

sembri voler dare…ma non è che appariscenza…

E ognun che spartito ha il tuo tormento, lasci

come ubriacato l’avesse un vin caliente...

Caliente come il sangue che in te scorre,

ma che al tuo lui, soltanto è riservato,

seppure a quegli, poco, forse, cali

mentre al sol guardarti..., per te, io...già ho preso fuoco.

 

Armando Bettozzi

*

L’aquilone del mare

Armando Bettozzi

 

Più volte passata accanto

più volte accarezzata

in quell’acquario ch’è il vanto

d’una città incantata.

a.b.

 

"L’ aquilone del mare"

 

Razza, che sul pelo dell’acqua sguazzi,

o sul fondale serpeggi del mare,

in questa vasca ti vedo remare

verso di me, ché non hai larghi spazi...

 

Forse m’illudo, ma sembri capire,

e al mio richiamo, da quel lato opposto

la rotta inverti, e appressatomi tosto,

dalla mia mano ti lasci lambire.

 

Sembri aquilon che pel mare svolazza

come fa quel, che su in cielo s’innalza.

Però ai capricci del vento sobbalza...

Tu, l’onda domini: sei più di razza!

 

Armando Bettozzi

   20 luglio 2018

 

*

Cuppido...ancora c’è!....

Armando Bettozzi

 

Sentimento... (a Lisa)

 

"Cuppido....

ancora c’è!..."

 

Nun ve sto a ddì quer ch’è successo, un giorno...!....

Lui stava a ‘nnà a ‘na festa, da ‘na parte...

E lei – senza sapé – anche lei ce parte...

Così che llì, pe ffòrza se ‘ncontròrno.

 

Nun solo!...Che...l’hai visto a accènn’er fòco ?

Beh!...Guasi che facéveno scintille

quer lui e lei, llì, principiànn’er gioco

che te fa arzàtte la pressione a mille.

 

Gnènte de che...se badi!...du’ ‘nnocenti

Che er solito Cuppido (ancora esiste!)

li pìa de mira...e queli sò impotenti

-si sò de qualità...’N se pò! resiste!...

 

Ed è un momento – quello – che viè inciso

dar sangue drent’ar còre e ne la mente

ché...poi pò vienì giù tutt’er Monviso

che a scancellàllo nun esiste gnènte!

 

Che avòja li ciartroni a spianà tutto...

tutt’er mèjo der mèjo che c’è ar mônno!

Sippuro tanto l’hanno messo a lutto

buttànno via li resti a ‘no sprofônno!

 

Tornann’a bomba - immèzz’a tanta ggènte -

pe queli due la sala è come vòta;

c’è l’innamoramento, ch’è crescente

tra l’accarezzamento de ‘gni nota.

 

Co bbòna pace de chi ‘r sentimento

lo vò vedé finito all’ottocento...

Ma è tanto scemo...e miope...e disattento

da nun vedé che ‘n s’è pe gnènte spento.

Arde!...Sì, arde...E allora?...Sei scontento?

Lo senti, o nno, che vola assieme ar vento!?

Che nu lo pò ammazzà nisun evento,

e se ne frega si c’è er malcontento

fra chi ‘n vò ar mônno un propio scernimento.    

 

Armando Bettozzi

 4 settembre 2018

*

Sonetto...burlesco

Armando Bettozzi

 

 Sonetto burlesco

 

Il mio cannone è pronto a dar battaglia

in campo aperto in mezzo all’erba e i fiori,

quando nel buio esplodono i bagliori

di luna e stelle a accendere la paglia.

 

E c’è Cupido che le frecce scaglia

su noi indifesi  presi dai calori

che divampar ci fanno tra i furori,

e ardiam come arderebbe la sterpaglia.

 

Finite le cartucce – pel momento –

si fa ritorno…E oramai è tardi…

Però non cessa ancor l’eccitamento…

 

E il corpo-a-corpo seguita tra i lini…

E mitragliate, sono…e son petardi!

su corpi ora sfiniti e proni, e chini…

 

Ma di pugnar non cessa  l’ardimento!

E più spariamo, e più alto è il rendimento

del nostro agguerritissimo armamento!

E solo all’alba…scade il…godimento...

 

 

Armando Bettozzi

*

La ...superiorità der tipo...superiore

Armando Bettozzi 

 

La…superiorità der tipo…superiore

  

C’è in giro un male (ma c’è sempre stato)

capace de fà bbène a certa ggènte,

perché la tiene su!...Sippuro è un …gnènte

appett’ a chi vò ffà passà…sbajàto.

 

Er fatto è ch’è ‘n pallone stragonfiato…

Se sente d’èsse unico!...se sente…

Se sent’ “er più” !…È propio strafottente

co quela puzza ar naso  da…sfigato,

 

ché è tutto farzo!…ché a gurdàllo drento

è rancoroso fracico…è invidioso….

Ma fà vedé ch’ è fico e paravento.

 

Si un occhio stràbbico lo guarda...storto,

lui se la pìja! Pròpio come ‘n coso…

Ma poi vò ffà vedé che ‘n cià mai torto.

 

Come fussi ‘n poràccio

te guarda da su a ggiù tutto borioso

e a le vòrte te fa sentì no straccio.

 

 Armando Bettozzi

   6 Ottobre 2017

*

Carne da...macello...

Armando Bettozzi

 

Fatti, una poesia

 

A seguito dei fatti di Macerata (Pamela stuprata, ammazzata e fatta a pezzi da irregolari), e di Roma-San Lorenzo (Desirèe stuprata e ammazzata da irregolari) riportati per giorni dai media (ottobre 2018), con le piazzate – in quegli stessi luoghi – dei soliti  a far la loro politica (di odio contro i loro avversari, pure in piazza), anziché invocare insieme giusti rimedi, ecco – tra l’altro – (di buono e di cattivo) quello che ci tòcca leggere:   

da BlastingNews, 10, 2018:

Alessandra Moretti: “Morte Desirèe colpa Salvini, non ha espulso immigrati”

L’esponente del PD scarica sul ministro dell’Interno leghista la responsabilità della morte di Desirèe perché, contrariamente alle promesse fatte in campagna elettorale, non avrebbe espulso i clandestini.

 

Pamela (18 anni)...Desirèe (16 anni)...

 

 Carne da...macello...

  

Quant’artra! ne dovremo da vedé

carne da macello, si ne le piazze

ce vann’a ffà caciara teste pazze

che tutto fanno e dìcheno forché

dì e ffà quer che ce vòle, ossia, cioè

-si propio vònno stà co le ragazze -

‘na guèra (no!...gnènte armi...gnènte mazze...)

contro chi spaccia...contro ognuno che

fa in modo d’ariempi città e paesi

-ner nome de ‘na fàrza libbertà -

de spacciatori...e senza...contrappesi...

co legge e maggistrato a ddà ‘na mano...

tignosamente - a chiunque vò stà qua,

che manco lo...“disarma”... pe èsse...”umano”...!...

.............................................................................

Così succede quelo che succede:

che a Macerata...e a Roma, a San Lorenzo

(pe ffà solo du’ esempi...), pe compenzo,

in piazza vann’a professà...la “fede”

de ...“attenti ar lupo!”... Quànn’è propio er “lupo”

er solo a ffà quarcosa de concreto

contro sto annà de corsa ner dirupo,

coll’artri, invece, sempre a pìà d’aceto!

..................................................................................

Cara Pamela...Cara Desirèe...

inortre a tutto quer che v’è successo,

a vvoi nemmanco adesso v’è concesso

d’avé ‘n po’ de giustizzia, e ecco perché:

perché finché c’è chi drent’ar ciarvèllo

ce cova odio e libbertà sfrenata,

una come voi pò èsse anche ammazzata...

Ma guai ‘n paletto...finirebb’er ....bello!

Si, poi, ve sfrùtteno – come A. Moretti –

pe la cretineria de li giochetti

politichi, pe ffà scema ironia...

nun ve resta che abbozzà...e così sia.

 

Armando Bettozzi

 29 ottobre 2018

*

Sogno

Armando Bettozzi

 

Sogno

 

Poco ho dormito in questa notte insonne,

dove ho vagato in mezzo ad un alone

di nebbia sparsa, sfilacciata o densa,

tra un bosco scuro, e una radura accesa

da lucciole leggere e silenziose.

 

Pareva mi volessero far luce

vedendomi cercare un qualche cosa...

Cercavo forse quel che il giorno andato

m’aveva fatto avere, e poi ripreso

nel ritirarsi pe’ alloggiar la notte.

 

Pareva come stessi in mezzo a un sogno,

però tutto appariva assai reale,

ne dubitavo, ma ero lì presente

e il cuor batteva...mentre nebbia scura

mi ricopriva tutto come un velo...

 

Come ghiacciare allor mi son sentito,

e ho aperto gli occhi...ma dormivo ancora...

Finché s’è trasformata in una fata

la lucciola più bella e luminosa,

e nel sonno, ho abbracciato la mia sposa.

 

Armando Bettozzi

   6 agosto 2018

*

Burocrazia...amorosa

Armando Bettozzi

 

La moda delle denunce per molestie sessuali e stupri (ne è ricca la cronaca di questi giorni 2018) sembra non aver fine, giustamente...finché di cose ‘serie’ e ‘non a qual-che-sia titolo, interessate’ si tratti...

 

Quando ogni donna al mondo era donzella

e ora non lo è più...

 

 

Burocrazia ... amorosa

(il modulo dell’amore)

 

 

“Miei nobili e devoti Cavalieri,

missione vostra è quella di salvare

donzelle che si trovano a che fare

coi manigoldi, con i masnadieri

che sempre pronti sono ad inzozzare

i bei sentimenti...l’illibatezza

con la bestialità ed ogni bassezza

che li distingue, e che le fa tremare...

Andate dunque a compiere le gesta

che ad ogni orco dian giusta mercè

di cui già vi ringrazia il vostro re,

ed ogn’altra persona proba e onesta.”

 

Tempi passati...che or non son più quelli...

Quel re farebbe oggi altro discorso.

“Giovani, che vivete un nuovo corso,

badate che negli atti anche più belli

può esserci nascosto il...disonore...

Attenti, dunque! E prima di baciare...

abbiate cura di ben compilare

il modulo  < consenso a far l’amore>,

che includa clausole di comportamento

dal primo incontro...al bacio...alla carezza...

all’atto...pur se “estorto con destrezza”,

incluse paroline del momento...

Ma se siete ‘nulla’ e nullatenenti

tal penosa burocrazia amorosa

potete anche evitarla, ché...chi osa

seguir quell’iter senza dei proventi?  

 

 Armando Bettozzi - 7 ottobre 2018

*

Cuppido...Ancora c’è!...

Armando Bettozzi

 

"Cuppido....

ancora c’è!..."

 

Nun ve sto a ddì quer ch’è successo, un giorno...!....

Lui stava a ‘nnà a ‘na festa, da ‘na parte...

E lei – senza sapé – anche lei ce parte...

Così che llì, pe ffòrza se ‘ncontròrno.

 

Nun solo!...Che...l’hai visto a accènn’er fòco ?

Beh!...Guasi che facéveno scintille

quer lui e lei, llì, principiànn’er gioco

che te fa arzàtte la pressione a mille.

 

Gnènte de che...se badi!...du’ ‘nnocenti

Che er solito Cuppido (ancora esiste!)

li pìa de mira...e queli sò impotenti

-si sò de qualità...’N se pò! resiste!...

 

Ed è un momento – quello – che viè inciso

dar sangue drent’ar còre e ne la mente

ché...poi pò vienì giù tutt’er Monviso

che a scancellàllo nun esiste gnènte!

 

Che avòja li ciartroni a spianà tutto...

tutt’er mèjo der mèjo che c’è ar mônno!

Sippuro tanto l’hanno messo a lutto

buttànno via li resti a ‘no sprofônno!

 

Tornann’a bomba - immèzz’a tanta ggènte -

pe queli due la sala è come vòta;

c’è l’innamoramento, ch’è crescente

tra l’accarezzamento de ‘gni nota.

 

Co bbòna pace de chi ‘r sentimento

lo vò vedé finito all’ottocento...

Ma è tanto scemo...e miope...e disattento

da nun vedé che ‘n s’è pe gnènte spento.

Arde!...Sì, arde...E allora?...Sei scontento?

Lo senti, o nno, che vola assieme ar vento!?

Che nu lo pò ammazzà nisun evento,

e se ne frega si c’è er malcontento

fra chi ‘n vò ar mônno un propio scernimento.                                                       Armando Bettozzi

          2018

*

Quelle pòre Gemelle de Manhattan

Armando Bettozzi

 

 

Quelle pòre Gmelle de Manhattan

(11 Settembre 2001)

 

 

C’è er teremòto...No!...È un ariopràno

che s’è infilato in panza a ‘na ‘Gemella’

pe ffàje zompà er còre e le budella

a llei, a llui, e ar gran pienone umano.

 

Pòra crista! S’è sciòrta e è annàta ggiù,

e ar posto suo, pe un po’, c’è stato er fumo

ch’ ha ffàtto salì tutt’er gran frantumo...

E mo’...nemmanco quello ce sta più.

 

Ma, tra gemelli, com’è risaputo,

succede che ‘r distino è sempre uguale:

e ‘nfatti, sta traggèdia – tale e quale –

t’ha preso puro all’artra in quer minuto.

 

Mo’, resta solo er grido disperato

de quelle mani viste a chiede aiuto:

ma è stato solo l’urtimo saluto

a chi guardava...come trasognato...

 

E chi è ‘nnato a iutà...nun è tornato.

 

Er botto, er fòco, er crollo, ‘i morti e er pianto,

ce resteranno sempre ne la mente,

e a stà a guardà ndo’ adesso ‘n c’è più gnènte

ce lascia ‘na gran pena, ner rimpianto.

 

Manhattan,

 

Sapessi...me fa tanto piagn’er còre

vedétte mutilata a sta magnera.

Sii forte: tutt’er mônno prega e spera

che presto passi quer tu’ gran dolore.     

 

Armando Bettozzi

11 Settembre 2001

*

Argento...d’oro

Un fatto, una poesia

 

Quando l’abuso sessuale è...un abuso...

Un caso diventato internazionale....    (2018)

Però, il...lancia-accuse, s’è alfin rivolto contro chi accuse ha finor lanciato...Che d’accuse ha “ri-vissuto” ultimamente...

 --------------------------------------

 

Scherza...scherza con l’abuso...

poi ci perdi...con l’accuso!

Pur se visibilità

già t’ha dato in quantità.

----------------------------------------- 

 

 "Argento...d’oro"

 

 Ma...cara tu, che...quella cosa lì

ce l ’hai d’argento...

O forse è meglio dire: tutta d’oro,

a dir del rendimento

che ne ricevi...E senza dire i “sì”...

per via dei...giusti che ti fanno il coro!

 

T’ha aperto lei di più ch’altro talento.

Ché quando mai il tuo nome e la tua faccia

per dappertutto han preso il sopravvento

e ancor non trovi alcuno che ti taccia?!

 

Ché...vedi, cara, tu con quella cosa

ti stai tirando su

dal limbo ove di già da tempo stavi

e non speravi più

d’uscirne...Ma...se il cine...non ti sposa

ci pensa lei, con cui – allor – sognavi...

 

E infatti...“quella” fa scenografia

regìa...e tu, interprete

di pregio, al pregio sorgi, anzi...risorgi...

e soltanto un ebete

non sa pensare a megalomania

che a te...dettando va...E denunce sporgi... 

 

E - ancor...“buon pro” ti reca...o forse no -

l’abuso (che lamenti) che a tua volta

hai reso ad un minore...Eh!...Però!...

Ma...il menzognare, alfine ti ha travolta!   

Pur se il fine era...di non star sepolta.

 

Armando Bettozzi

 27 agosto 2018

*

Dipènne ... da l’antenne

 Armando Bettozzi

 

Dipènne ... da l’antenne!

 

Dipènne ... da chi usa matite e penne...

Dipènne si pò!...oppuro nun pò spènne...

Dipènne da ch’intasca le ...prebenne...

Dipènne da chi rubba...da chi svénne...

Dipènne si se deve o nno! arènne,

si deve da salì...o sippuro scénne...

che ce capisca o nno!  ne le vicènne...

Dipènne si è quarcuno che pò offènne

e quale protezzione lo difènne.

Dipènne quanto in basso vòle scénne:  

si trema e poi se smorza...o ce s’accènne!

Dipènne quant’è bbòno ad intraprènne

e quanto ne la merda sa risprènne...

si ‘r velo a ricoprì ‘gn’infamia, stènne...

Dipènne da si quanto se sa vénne

e quanto sa giurà ar modo solenne,

e quanto ‘n se vergogna de fà intènne

pe vero er fàrzo...E lo pò ffà in ... perènne!

Si un popolo ‘n se tira su ... l’antenne.

Si un popolo sa solo dìsse: “Ammènne!”

 

Armando Bettozzi

 19 agosto 2018

 

*

Annuncio di fine estate

Armando Bettozzi 

 

Annuncio di fine estate

 

Tuonano tuoni, sguisciano saette,

per tutto il cielo grigio i due del trio

con l’acquazzon che canta,

e ognun dal suo riparo – anche forzato,

l’esibizione apprezza...O ingrugnato

la chioma d’una pianta

guarda gonfiarsi, e ne ascolta il vocio

frusciar col trio, e in pace il cuor si mette.

 

Così d’Estate avverte la chiusura

e da essa si congeda, la Natura:

 

“Fine Estate...est!...Andatevene in pace

per la via lasciata...e che or si riprende...

O pe’ altra via tutta rinnovata...

Che a rilasciar stupore sia adeguata,

cogliendone sol quel che non offende,

e a ben guidare il passo sia capace”.

 

Stagione va, stagione vien...la vita

tracciando, così, a cadenza infinita...            

                                                                                                                                  Armando Bettozzi

    17 agosto 2018

*

Tradizione - Ferragosto sull’aia

Armando Bettozzi

 

"Tradizione -

Ferragosto sull'aia"

 

Ci sta per l’aia un misto di profumi
di fieno, stalla, arrosti, fiori e…gonne;
c’è sulla tavolata il vino a fiumi
con tutto il ricettario delle nonne.

C’è attorno un’aria bella di magia,
e quella luna accesa tra le foglie
di pioppi e querce antiche, e l’armonia
dei grilli, stanno a stuzzicar le voglie

non solo mangerecce dei paesani.                         
Un altro goccio e via con la mazurca,
nel mentre tutti battono le mani
col rosso in faccia tipo mela annurca.

Dei giovani si sentono ispirati…
si filano, si prendono per mano…
cominciano a sentirsi innamorati;

e co’ una pesca ognuno, piano, piano,                

finiscono infrattati dietro al fieno:

si rubano l’un l’altro un primo bacio

e poi un altro fino a farne il pieno,   

che via si porta il buon sapor del cacio…

Poi tornano per far l’amore assieme

col dolce al cioccolato, crema e panna:

galeotta cena ! In cuor gli ha messo un seme…

È amore…! È amore…! Il cuore non s’inganna ! 

La pupa in carrozzella non ha sonno:
si tira su con quella capoccetta…
e poi sorride a tutti in braccio a nonno,
contenta per la vita che l’aspetta.

Così, pure stavolta, Tradizione,
ha messo assieme tre generazioni
per una cena ch’è una devozione,
con nonni, nipotini…e canti e suoni…
E fra un sorsetto, un mozzico e un accordo,
per ogni mente scivola un ricordo.
  

 

Armando Bettozzi

*

Suoni mesti di campana

Armando Bettozzi

 

Suoni mesti di campana
Ancora va suonando la campana
rintocchi mesti come di dolore
come un addio da parte di chi muore,
e ricordar la condizione umana.

Ritornano di fila alla mia mente
i lutti, e ognuno andato par saluti
con un di quei rintocchi gravi e acuti
e quanto, ogni mancanza allor si sente!

Ma un clacson, un abbaio, ed un motore
ridestano dall' intimo momento
prepotenti, ed affossa il sentimento
il ticchettar tignoso segna ore.

 

Armando Bettozzi

*

L’ombra del noce e il nocino - con aggiustamenti -

Armando Bettozzi 

 

con piccoli aggiustamenti

 

"L’ ombra del noce

e il nocino"

 

L’ombra di chioma fronduta del noce

dà generosa frescura a sole alto

quando soltanto è il frinir di cicale

a segnalare la vita all’intorno.

 

Pure, non c’era momento migliore

per me pe’ abbatter, scrollandoli, i malli,

donde il buon frutto legnoso sortiva

pieno di buone promesse odorose.

 

Ne disegnava i contorni sull’aia,

e improfumavano – l’ombra, e la terra -

il denso aroma che l’aria inebriava

e – già – l’idea del divin suo nocino.

 

E se - seppure leggero - per caso

un soffio d’aria agitava le foglie,

l’ombra prendeva, e gentile ridava

quel po’ in più di fresco, tanto cercato.     

 

Poi, distillava – mio padre, sapiente,

il succo del mallo, in mostra esibito

nella vetrina lì in sala da pranzo,  

dentro il buffet, lucidato, con specchio.

 

Armando Bettozzi

 8 agosto 2018

*

L’ombra del noce e il nocino

 

Armando Bettozzi

 

L’ ombra del noce

(e il nocino)

 

L’ombra di chioma fronduta del noce

dà generosa frescura a sole alto

quando soltanto è il frinir di cicale

a segnalare la vita all’ intorno.

 

Pure, non c’era momento migliore

per me pe’ abbatter, scrollandoli, i malli,

donde il buon frutto legnoso sortiva

pieno di buone promesse odorose.

 

Ne disegnava i contorni sull’aia,

e improfumavano – l’ombra, e la terra -

il denso aroma che l’aria inebriava

e – già – l’idea del divin suo nocino.

 

E se - seppure leggero, per caso

un soffio d’aria agitava le foglie,

l’ombra prendeva, e gentile ridava

quel po’ di fresco in più, tanto atteso.

 

Poi, distillava – mio padre, sapiente,

il buon nocino, che in mostra teneva

nella vetrina lì in sala da pranzo,  

dentro il buffet, lucidato, con specchio.

 

 

Armando Bettozzi

 8 agosto 2018

*

Sogno (a Lisa)

Armando Bettozzi

 

a Lisa

 

"Sogno"

 

Poco ho dormito in questa notte insonne,

dove ho vagato in mezzo ad un alone

di nebbia sparsa, sfilacciata o densa,

tra un bosco scuro, e una radura accesa

da lucciole leggere e silenziose.

 

Pareva mi volessero far luce

vedendomi cercare un qualche cosa...

Cercavo forse quel che il giorno andato

m’aveva fatto avere, e poi ripreso

nel ritirarsi pe’ alloggiar la notte.

 

Pareva come stessi in mezzo a un sogno,

però tutto appariva assai reale,

ne dubitavo, ma ero lì presente

e il cuor batteva...mentre nebbia scura

mi ricopriva tutto come un velo...

 

Come ghiacciare allor mi son sentito,

e ho aperto gli occhi...ma dormivo ancora...

Finché s’è trasformata in una fata

la lucciola più bella e luminosa,

e in sonno ho abbracciato la mia sposa.

 

Armando Bettozzi

   6 agosto 2018

*

La triste storia di Anna Rosa Fontana

Un fatto, una poesia

 

da IlQuotidianodelsud.it 31 marzo 2017

 

dopo una lunga serie di violenze e denunce...E tre telefonate di AnnaRosa il giorno del delitto.

 

....la Polizia non interviene  perché era  territorio  coperto dai carabinieri. Anna Rosa doveva chiamare i carabinieri...

L’avvocato xxxx è chiaro: «Anna Rosa chiama la prima volta alle 17,45 e l’ultima alle 18.10 identificandosi e riferendo che c’è ordinanza restrittiva nei confronti di xxxx».

«Il poliziotto visualizzava l’ordinanza restrittiva, ma diceva che il posto in cui si trovava la donna era di competenza dei carabinieri. Anna Rosa chiamava i carabinieri e qui le dicevano che doveva andare in caserma o che dovevano prenderlo in flagranza.

Nell’ultimo caso alle 18.10 la seconda telefonata ai carabinieri che dicevano seccati: “dille di non chiamare più”».

L’avvocato xxx: «Eppure  i carabinieri  dovevano vigilare  sul rispetto  di un’ordinanza  di restrizione»...

 

Come dire: ... un delitto di stato.

Il 3 agosto 2018 c’è stata la ricostruzione televisiva di “3° indizio” .

 

 

"La triste storia di Anna Rosa Fontana"

 

Questa è la storia tristissima e vera

d’un delitto ch’è <delitto di stato>

come mostrato da un crudo filmato,

dove la colpa ci appar tutta intera.

Solita storia d’amore malato

Solito grido accorato d’aiuto

Solito “Aiuto!” nel nulla caduto

Solito dramma previsto e annunciato.

Dramma d’aggiungere a ogn’altro scordato.

Ma qui, lo stato di colpa ne ha tanta

tra sicurezza e giustizia ch’è infranta

da ideologie, ed un far ... rilassato...

Però, Anna Rosa Fontana credeva!

Dieci e più volte il martirio ha narrato

dopo di aver per amor sopportato...

E alfine, denunce ... più che poteva.

Però, anche quando ogni sasso sapeva

quel che passava Anna Rosa a Matera,

la polizia con tal sicumera

alle sue grida...parole, opponeva!

Finché alle botte s’aggiunge il coltello...

Finché Anna Rosa è sul letto di morte.

Passa anche questa...Ma adesso, la Corte,

apre – di stato – il fatidico ... ombrello...

“Non s’avvicini – quel reo – più di tanto...!”...

Forte di quella sentenza - che offende,

conscio che tutto può far (così, intende):

“O solo mia, o di nessuno!” è il suo vanto.

“Aiuto!...Polizia!...Mi corre appresso!...”

“Quanto scoccia! ... Non starla più a sentire...”

“A quanti metri si trova ... può dire?...”

“È a 30 metri!!... Ha il coltello!... È un ossesso!...”...

“Adesso veniamo ... Lei stia tranquilla...”.

Ma ... dopo le diciotto coltellate

davanti al figlio – allor – da ognun! scordate! -

ora altre otto, e ... Anna Rosa ... più non strilla.          

 

Armando Bettozzi

     5 agosto 2018

*

Stelle filanti - La notte di San Valentino

Armando Bettozzi

 

Stelle filanti

la notte di San Lorenzo

 

S’affettava, il silenzio, da spalmare

su nuvole argentate dalla luna;

distese in ciel, così, come laguna;

un cielo scuro e fondo più del mare.

 

Un gracidare intenso, all’improvviso,

per l’aria andava sparso, senza meta…

Pareva, l’aria, diventarne lieta…

E della luna, dolce fu il sorriso.

 

Più respirava, il cielo, e più brillava…

S’apriva a luminose scie ariose…

veloci…E, forse pe’ essere giocose,

sparivano ad ogni occhio che guardava.

 

Con quell’allegro scivolar di stelle

sembrava il ciel giocarci a rimpiattino.

Ognun voleva leggerci il destino,

e i suoi desii rimetteva a quelle.

 

Mentre lassù roteavano leggere,

le mani si stringevano, e gli abbracci

sembravano legare a mo’di lacci

i sogni coi destini e le chimere…                                         

 

  

Armando Bettozzi

*

’A rivòrta

Armando Bettozzi 

 

‘A rivòrta

 

Er Cento, tutto tronfio reclamava

a tutti l’artri in fila insin’all’Uno

de èsse lui er Capo, e, sarvognùno,

li minacciava…Guai, chi s’azzardava!

 

Ner dì così j’usciva anche la bava

spèce ner dì “Io ve gastigo a ognuno!”

E, a parte li Novanta, poi, nisuno

voleva cercà rogna…e ‘n se ‘mpicciàva.

 

Passava er tempo er ’r Cento se ingrandiva:

saliva a Centodieci…Centoventi…

E er mugugnà…nemmànco lo sentiva.

 

Finché un bèr giorno, lui, ‘r più piccoletto,

se incazzò tanto! e, usanno unghie e denti,

je se sfilò da sotto e annò giù er tetto!

 

E er Cento fece un bòtto…univerzale

che ancora ce se sbatte pe ‘r gran male!

 

Armando Bettozzi

*

Al lume di luna

Armando Bettozzi

 

Al lume di luna

  

Alla luna, quando   tutta tonda splende,

le malinconie

cantan sopra i tetti,   miagolosi, i gatti.

Sognano, i topini   stretti nelle tane

mille e più razzie

d’appetenti caci   da spartir coi mici.

Per ogni rumore,   sta il cane a latrare

pe’ ignote fobie

d’ogni ombra pauroso…  da spiriti invaso…

Or si specchia alla luna  il genere umano:

verità e bugie

s’han da separare… ma occorre capire…

Molti sono insonni...  San che sono inganni…   

false ideologie

quelle che hanno in testa…  Ma ammetterlo…costa!

Passa la nottata  dicendo impaurito

preci e litanie

ogn’animo reo…  Reo con sé e con Dio. 

Smaniano nei letti   <pupe> e giovanotti

per le…fantasie

che, pur se non vere…  ne è dolce il sognare.

Al lume di luna s’appressa un pensiero

qual dorata malia

e tutto m’accendo, ché a lei sto pensando.

 

Armando Bettozzi

*

Da...piccoli

Armando Bettozzi

 

Da…piccoli

(a Lisa)

 

 Quand’eri piccola e pur’io lo ero

e smog e stress non assorbiva ancora

la nostra pelle tesa e levigata

e ogn’idea non era sì inquinata

ed ogni ora ancor durava un’ora,

ed era tutto – almeno un po’ – più vero,

 

ci crescevano giorni oramai rari -

che si empivano d’api e di farfalle,

e il pettinino, portavamo in tasca…

E in giro sapevamo d’ogni frasca

pel giorno e per la sera, e giacca o scialle

dall’umido del prato eran ripari.

 

Ricco d’amor, seppur per altro avaro

era a quel tempo il viver quotidiano,

ma nel suo dar di meno di più dava…

E prender due piccioni co’ una fava

significava allor darci una mano 

tra noi e ognuno che avevamo caro.

 

Intorno a noi sbocciavan come fiori,

le ore…i giorni…gli anni…sempre freschi…

e la fortuna era stare insieme,

sentir che l’un per l’altro è lì che freme…

dividerci tutto…Vividi affreschi,

or più preziosi…qual rari decori.

 

  

Armando Bettozzi

*

Ogni stella...un momento d’amore

Armando Bettozzi

 

Ogni stella…un momento d’amore

 

Le stelle…!

Tante...e tante…!

Quanti gli attimi d’amore

dal primo ignoto, fantasioso affacciarsi

alla meraviglia del meraviglioso esserci

che da qui passa

e che ad accendersi va, puntino

tremolante, nella spaziosa, sognante notte eterna.

 

Ci sono, e ci saranno,

nel mai finito accendersi,

tutte le mie, un giorno,

e doppie saranno: la tua e la mia

sempre insieme accese

che un cielo sol non basterà a tenere.

 

Pur se neanche tutte insieme

mai faranno quella luce

che il sol da solo dà,

pe’ accendere ogni vita

che ogn’altra luce accende,

lui padre, e madre,

d’un mondo, che…non ci sarebbe...

se non di ghiacciato, eterno buio di cristallo.

 

Qual immenso bene, invece!...

- Guarda! - che ogni attimo d’amore ha acceso

nei mai sazi spazi,

per le lattee, luccicanti, ispirate galassie!…

Come lucciole per sempre incastonate!  

Dovrebbero rendercene, un po’…

Chè va a iniziarne, qui, scarseggio pernicioso…

Finché, almeno, possano esser ricopiate,

ricostituite…

e ancor lassù inviate, a dar vividi segni

che amore - qui non è finito, e non andrà a finire.    

 

Armando Bettozzi

*

Effimero

Armando Bettozzi

 

Effimero
Il vento
prepotente ha staccato
ogni foglia
e il ramo è nudo
che strette le teneva
per un tutt'un che a lor sembrava eterno…

Or, solo l'arma attende
che anch'esso stacchi
e il fuoco l'arda,
pe' effondere all'aria richiami olenti
e alle foglie,
e insieme a quelle, poi, pel ciel svanire…
 

Armando Bettozzi

*

Allo scader del tempo

Armando Bettozzi

 

Allo scader del tempo

  

Pian, piano cessa allo scader del tempo

ogni andare gaio…ogni andare mesto…

Cessa di battere le ali, la farfalla

Cessan gli affanni in cerca di riposo

Cenere è al posto di fiammate ardenti

Scie d’argento, sui tranquilli andar…

Su tutto resta il chiaro della luna

a cullar l’aria, pregna di ricordi,

e - tra lo sciabordar delle maree -

di mare e ciel – l’unirsi – all’orizzonte.

 

 Armando Bettozzi

*

Alba e Tramonto

Armando Bettozzi

 

Alba e Tramonto

 

Un’ora c’è, al nascere e al morir del giorno   

che nell’un caso e l’altro ha luce uguale,

di quel celestin-rosato naturale

sia che ci siano o no, nuvole attorno.

 

Unico color si fanno: di lei il rosa,

di lui il celeste - che son quei colori

dei nostri lui e lei che, coi loro amori,

danno albe nuove co’ alma generosa.

 

Come Alba che regala gli oggi e i domani.

E in quell’ora – che ha lo stesso colore -

Tramonto – anch’egli col suo quadro d’autore –

porta i riposi, e…ci unisce le mani.

 

Armando Bettozzi

 

*

Sensazione è che non ci sia azione

Armando Bettozzi

 

Prossime, le elezioni: marzo 2018…e ancora non c'è il divieto di traghettare il voto avuto per una parte, alla parte opposta, perfino! … La pensione scompare…I terremotati dell'agosto 2015 son tuttora … in mezzo al terremoto, e se un s'azzarda a…ricostruirsi…son guai per lui! 

Sensazione è che non ci sia sensata azione…


Sensazione è che non ci sia azione
di tanta parte donde si compone
quell'apparato ch'è chiamato stato
allo stato attuale ricattato
dalla … dea libertà di cui si bea
finché non inciampi in qualche altra idea. 

"Agire…O non agire" è il gran dilemma!
E, nel caso, con energia o con flemma?
Con stratagemma oscuro, o con chiarezza?
S'attrezza a far… però non ne ha fierezza
e pochezza - spesso - soltanto n'esce… 
Ché a stare in equilibrio … non gli riesce.

E come da un kebab giù cola il grasso
passo, passo di … stramberie è ammasso.
-Pe' usar finezza - che altro c'è, altrimenti,
per dir di niente affatto eccelse menti 
del non fare, o strafare, o a solo, o a ola… 
Che … campar… già è tutto grasso che cola!

Al…Voto-Mercato, è tutto un affanno
di tutti che danno … e tutti che fanno…
Come in un gioco a chi spara più in alto,
e - di più alte vette - tutti all'assalto…
"Non-fatto", o "Stra-fatto"…?... Tutto scordato! …
Con la pretesa d'un nuovo mandato.

Da locandine e manifesti in strada
cola putrente un grasso che disgrada
pel "non-credo" che quasi ognuno emana,
perché…vaghezza umana può far vana
la scelta del votante, ché il suo voto
traghettar si può, ancora … Com'è noto.

Si sforza ognuno a chi, più, fa... moina 
e già s'allena a dir: "Tanta rovina
è…roba che c'era…!"… Però, d'altronde,
baraonde varie e decisioni immonde
han portato …l' "eterna giovinezza"!
che…spazza la pension … cui non è avvezza.

E … "Il popolo - lamentan - non ci apprezza!...
perché per nostra colpa si deprezza
la vita sua, con tasca, e tradizione … 
Di malcostume, accusa, e di finzione…
Perché dopo anni - pur con tutto il voto -
stava, e sta ancora … in mezzo al terremoto…"…

 

Armando Bettozzi

*

Allo scader del tempo

Armando Bettozzi

 

Allo scader del tempo

 

Pian, piano cessa allo scader del tempo

ogni andare gaio…ogni andare mesto…

Cessa di battere le ali, la farfalla

Cessan gli affanni in cerca di riposo

Cenere è al posto di fiammate ardenti

Scie d’argento, sui tranquilli andar…

Su tutto resta il chiaro della luna

a cullar l’aria, pregna di ricordi,

e - tra lo sciabordar delle maree -

di mare e ciel – l’unirsi – all’orizzonte.

 

Armando Bettozzi

*

Valle de lagrime

Armando Bettozzi

 

"Valle de lagrime"

 

Quann’è che casca ggiù de ‘sta magnera

tutt’addannàta, fitta, e svorticôsa,

che pàre er mare che sta a rovesciàsse

dopo èsse stato risucchiato in cèlo,

nun ce sta scampo…Si te vò fà mmale

 

ciaivòja a ombrella!  È tutta cattiveria,

è ‘na furia scatenata, e a la cèca

‘n do’ còje-còje, senz’avé pietà.

Ècco er perché succèdeno ‘ste straggi

de cicloni, tzunami, allagamenti…

 

Fa spèce che ‘sti granni cataclismi,

co pure incrusi frane, e teremòti, 

succèdeno deppiù ndo c’è de meno…

Sarà pe compenzà?...’N se sa che ddì…  

Quarcosa…o più, sarà anche côrpa nostra…

 

Però chi pò negà che succedeva

puro a li tempi de Matusalèmme?

E mica c’era er “bucio” de l’ozzòno…

cimignere, er petrojo…li càvoli…!

Eppuro, questo è! Ma perché, allora?

 

Mbeh…Caro mio, er perché va ricercato

inzieme a quer perché senza er perché:

perché se nasce…e se campa…e se mòre?!...

È tutta ròbba che va chiesta ar cèlo:

e tante còse già sò state dette:

 

si ce credi, te pòi riconzolà…

Sinnò…comunque sia…ciaivòja te

a stà a ‘ggiustà teréni, fiumi, mari….

‘Nde ‘na “valle de lagrime”…se piagne…

 Ridemo infinacché se pò…E…pregàmo!    

 

 

Armando Bettozzi

 

*

Le nostre stagioni - a Lisa

Armando Bettozzi

 

a Lisa

  

"Le nostre stagioni"

 

 Tessevamo fili dorati, noi

da far collane dei nostri sogni

come dei giorni nostri

un dopo l’altro

ché non sperdesse il vento.

 

Stagioni seguivamo

o seguivano loro, noi

di rinnovati profumi e colori

di nuove albe bramosi

e giochi sempre nuovi.

 

Specchiavamo in acque di ruscelli

e il giorno il frinire di cicale

e la sera il canto dei grilli

erano i nostri concerti

su prati di margherite.

 

Fra tutti i fiori

un fiore abbiamo scelto

col bulbo e la terra

e messo nel nostro giardino

e giorno per giorno curiamo ancora.

 

Di tanto incanto

resta il dolce rimpianto

suono di piano scordato

che ancora fa ballare

come ballerini d’un carillon.

 

Armando Bettozzi

  7 giugno 2018

*

Mare!

 

Armando Bettozzi

 

Mare!

 

Mare di immense distese e d’attese!

Di pace pasci, o scomposto t’infuri

e d’odio e rancori inondi le terre...

Senza ragione. O se alcuna ne hai

piacerebbe saper, Mare potente!

 

Mare che affoghi, o che salvi la gente,

cosa nascondi tuttor nei fondali

dentro i crepacci, che il sole non vede

che un viver ricopri, tanto lontano...

sì sconosciuto...e che pur fa paura!

 

Quanto mistero dall’onda più pura

fin giù sul fondo ov’è roccia...ov’è sabbia.

Vuoto di mare...com’è – su - oltre l’onde

il vuoto di cielo...Quanto mistero!

A mille e a mille migliaia di miglia...

 

Grandiosità, e vera gran meraviglia,

di placidezza, or, bonaccia, ti vela.

E che sarà domani, e poi ancora

quando la vela mia solcherà l’onda...?

Avrò l’animo tuo sì ben disposto?

 

O muterai l’umor tutt’all’opposto,

come la luna sa cambiar la donna,

in modo repentino, e a nuova rabbia

mi lascerai fuscello ad annaspare

tra l’inconcrete onde, senza presa?

 

Pagherò io per ogni altrui offesa?

Mi sveleresti, allora, i tuoi misteri?   

O lascerai andare la mia vela

pur tra la rabbia e l’infuriar dell’onde

finché non sarà quella alfin distesa?

 

E a galla saliranno le menzogne

gettate a mescolarle con il sale

fino a coprir tragedie e drammi veri

e finalmente farà luce il sole    

e fuori ti trarrà dalle vergogne.

 

Armando Bettozzi

 2 luglio 2018

*

Inno alla schifezza

Fatti, una poesia

Passavo, ieri, per Via del Pellegrino e sue traverse…CHE SCHIFOOOO!!!!! I sanpietrini tappezzati di robaccia varia

E quello è il centro della Capitale del Mondo!  !?!...

Il fatto è che questo contava una volta…Adesso…mbeh…adesso….adesso è adesso…Che altro….

E poi – senza fine – c’è lo stupro perpetrato da…schifosi cervelli…di amministratori…appaltatori…appaltanti…Dopo il famigerato caso di Roma Capitale, adesso ha tirato su le cornaccia sue, il progettando nuovo stadio della Roma…(giugno 2018).

 

Inno a la Schifezza

(Roma, fai schifo!)

 

Me sto a ‘ncazzàmme, Roma, e ‘n te la prènne:

 “FAI SCHIFO!”…!...e te lo dico a muso duro.

Te sàrvi solo quànno se fa scuro

ch’è quànno – però – er pèggio te s’accènne.

 

Pe viali, strade, vicoli…se sciòje

er marcio, che de giorno c’è…anniscosto;

ma manco tanto, perché è senza…costo

fà er fòrilegge, e…soddisfà le vòje.

 

E ortre a li zozzoni che ciavémo,

ce sò li forastieri…e li stragnéri,

che da ndo’ vièngheno sò ca...si seri

pe chiunque zozza…chiunque fa lo scemo.

 

A mano, a mano perdi la bellezza

in nome de…che cosa…? De un…progresso

che preferisce a trasformàtte in cesso

pur de abbozzà … Ch’é ar bando ogni … durezza?!

 

Sei tutta quanta un “Inno a la Monnézza”

per ogni strada, e tutti li ciarvèlli

de senza onore – a cui nun te ribbèlli -

che più te strùpeno, più sei schifezza!

 

Fai schifo! Roma, e me ce piagn’er còre…

Ma…chi amministra e chi je gira attorno

se pòssa scacarciàsse notte e giorno

su la tazza, côr culo llì, a…discôre…                                                          

 

Armando Bettozzi

    6 giugno 2018

*

Pupo! con correzione

Armando Bettozzi

 

"Pupo!"

 

Gioca, gioca, bel pupo mio innocente,

sgambetta a cagnolino...Gioca, gioca...

 

Inventa giochi coi giocattolini

che a lor piace giocar con chi li inventa.

Inventali da te tanti giochetti...

Non ci son bimbi?... Inventali da te.

 

Papà e mamma, però, stan qui con te,

sei fortunato a averli, papà e mamma.

Loro son gli angeli custodi tuoi,

niente paure, finché ci son loro.

 

Sogna, sogna, pupetto mio sognante

che sogni gli angioletti...Sogna, sogna...

 

Fa’ pure, se ti va, i capricci...piangi

con caldi lacrimoni, ma fa’ pure

contenti papà e mamma co’ un bacetto

quando son stanchi, e li vedrai contenti.

 

Dormi, dormi, pupetto, sogna...sogna

Sogna, sogna, pupetto, dormi...dormi...

 

Armando Bettozzi

 23 giugno 2018

*

Pupo!

Armando Bettozzi

 

"Pupo!"

 

Gioca, gioca, bel pupo mio innocente,

sgambetta a cagnolino...Gioca, gioca...

 

Inventa giochi coi giocattolini

che a lor piace giocar con chi li inventa.

Inventali da te tanti giochetti...

Non ci son bimbi?... Inventali da te.

 

Papà e mamma, però, stan qui con te,

sei fortunato a averli, papà e mamma.

Loro son gli angeli custodi tuoi,

niente paure, finché ci son loro.

 

Sogna, sogna, pupetto mio sognante

che sogni gli angioletti...Sogna, sogna...

 

Se ti va, fa’ i capricci, grida, piangi

con caldi lacrimoni, ma fa’ pure

contenti papà e mamma co’ un bacetto

quando son stanchi, e li vedrai contenti.

 

Dormi, dormi, pupetto, sogna...sogna

Sogna, sogna, pupetto, dormi...dormi...

 

Armando Bettozzi

23 giugno 2018

*

Il vuoto

Armando Bettozzi

 

Il vuoto

  

Il vuoto che si svuota del suo vuoto

diventa il campo fertile da arare

e il seme vi attecchisce, e ivi cresce

quel frutto ch’è il buon frutto del sapere,

che riempie il vuoto, e il vuoto è cancellato.

 

Ma dove il vuoto resta, non s’arresta,

ma cresce, perché il nulla, pure, cresce,

e fino a che nel vuoto cresce il nulla,

si gonfia pure il vuoto, a dismisura,

ché ogn’altro vuoto lo rinserra in sé.

 

Di vuoto in vuoto, allora, in tutto il mondo

si spande il nulla in gravi pandemie,

e né princìpi, fede, né ideali,  

son più cercati per riempire il vuoto,

e è sempre nuovo vuoto, sempre più.

 

E sembrano lì prossime a scoppiare,

le menti, pel gran vuoto accumulato,

e ogni azione è volta a riparare

dal danno che altro danno porta in sé,

ché non si riempie il vuoto con il nulla.

 

Qualcuno è stato leader, ha guidato,

voluto, lo svuotarsi…l’annullarsi…

facendolo con gran facilità.

Ed a riempirsi ha condannato il mondo,

col nulla, che ci svuota…che ci annulla…

 

Ma tornerà, il contrasto, a contrastare,

e a riempire non col vuoto, il nulla,

e vuoto e nulla diverranno l’otre

del seme del sapere e della vita

che annullerà ogni nulla e ogni suo vuoto.

 

 

Armando Bettozzi

 

*

Distinto...d’istinto

Armando Bettozzi 

 

"Distinto … d’istinto"

 

In modo distinto mi vo’ comportare

nel porgermi ad ogni incontrar chicchessia

per quel che è da sempre abitudine mia

in una maniera civile di fare.

 

Perciò, io, d’istinto, chi vuol stralunare

il modo distinto co’ innata albagia

mi vien da trattarlo … come un che allergia

diffonde e ti vuol di contagio infettare.

 

Son quei gl’indistinti ripien sol d’istinto

pe’ esser - senza esser… chi conta di più,

a imporre lor voglie, e a tacciar - chi è distinto,

 

di essere “questo”, e “quest’altro” … a piacere …

Però, se d’istinto a lor t’ergi più in su,

al mo’ più indistinto fan … gratta-sedere…

 

  

Armando Bettozzi

18 maggio 2018

*

Il party del partito...partito

Armando Bettozzi

 

Fatti, una poesia

 

Le vicissitudini di un grande partito, da primo a ultimo (com’è successo ad altri…per ora, almeno)...

Un esempio di come gira la ruota in tutte le sfaccettature della vita…

  

"Il party di un partito … partito"

 

Lo spartito può essere anche bello,

ma suonare sempre quello alfine annoia,

essendo troppo musica di parte,

ché l’arte – dicon sempre – si rinnova

(ma sol se il suono è un suono monocorde…).

Che guai! se poi qualcun davver ci prova:

parte la scomunica!...

Il che non si comprende neanche in parte.

E infatti tanta parte non comprende

il dictat dell’unico spartito…

 

Certuni han preso parte a un mogio party

dove c’era un partito, a parte messo…

per quel particolare

che porta a spartire

in parti uguali quello che non c’è, o che non si può

e che dovrebbe portarlo il parto,

che resta – però - solo…eterna gravidanza.

 

Infatti, se non parte quel che tutto fa partire,

cioè il parto, il parto non parte e non porta

quel che andrebbe ripartito.

Da qui: il party mogio del partito

che ha perso la partita,

con tutta la sporta di apporti che aveva.

Dopo il party si son tutti appartati

in cerca di reperti

che non si son potuti reperire,  

forse portati a un porto donde son partiti…

Eufemismo per dir che – proprio - son spariti…

 

Ma, di antico, qualcosa era rimasta:

del “ddt” anni 68’, e gliel’han porto.

Però han liberamente declinato, e sono ripartiti.                                       

 

Armando Bettozzi

 7 giugno 2018

*

Burograzzìe e burògrati der...cacio...

Armando Bettozzi

 

95enne acciaccata, ma col cervello ben funzionante, cacciata dalla sua casa di legno fatta nel suo terreno edificabile in tutta fretta – come rimedio alla casa distrutta dal terremoto - saltando momentaneamente le previste lunghezze burocratiche per il rilascio della concessione edilizia, rimandata a un secondo momento. Ma c’è il vincolo…essendo zona protetta… 

 

 Burograzzìe e burògrati der…cacio…

 

Burograzzìe e burògrati der…cacio,

che séte accosì bravi e accosì forti

e sverti e cattivelli, e poco accorti

co li poràcci, e ‘nvece, adacio, adacio

 

co tutte l’attenzioni e riverenze,

fino proprio a nu’ rompéje ‘i cojoni

trattate fòrilegge e gran marpioni

pe ricoprìvve de…benemerenze…

 

Possibbile che ‘n fate passà un giorno

senza passàcce voi pe “criminali”

sibbè co in mano articoli legali…

(però – sì! se pò ddì…- de leggi…porno?).

 

Potete avécce tutte le raggioni:

“la-legge-è-legge”! Facile da dì…

Ma ‘n ve risùrta che…mo’vale er “chi”

e nno più er “che” pe ddà le…punizzioni?

 

Pe chi delinque proprio! soluzzioni

se tròveno!..Chi casa se l’arùbba,

su l’attenti! ve mette!…e anche a ‘i carubba!

Ma…ggiù! a ‘na vecchia…! e in quele condizzioni!

 

“C’è er vincolo…!”…E perché, la “propietà”

chedè pe tutti voàntri, e pe la legge?!

Che…propio fa vedéllo a “chi”! protègge…

Pell’artri…manco un’oncia de pietà.

 

A stà nfra leggi strane a doppia-faccia,

burograzzie a occhi spalancati,

oppuramente miopi, o cecati,

secônno chi è er “chi”…è ‘na storiaccia

 

ch’è ora de finì!...ch’è da imbrojoni!

E poi ce stanno sempre certi, a chiede:

“Ma come mai la gente nun ce crede…

nun vò più crede a Stato e a Istituzzioni?!”          

 

 Armando Bettozzi - 24 settembre 2017

*

Stupro

Armando Bettozzi

 

"Stupro"   

                                                                    

 

 La casa di Mara

 più non sorride al giorno

 coi vetri chiusi e le persiane verdi

 cucite.

 Come la bocca sua che più non canta.

 Non passa il pettirosso a melodiare

 e neanche la civetta sopra il tetto

 a raccontar la notte.

 Appassisce il geranio

 e cadono le foglie ancora verdi.

 E cade la pioggia

 senza far rumore

 e è solo un lamento quel fischiar del vento

 pel camino spento.

                                                          

 

Armando Bettozzi

*

Ascoltando la Marcia Funebre di Chopin

Armando Bettozzi 

 

"Ascoltando la Marcia Funebre di Chopin" (1)

 

Come fiocchi di neve, fioccano

queste note leggere, che sanno di pace.

Passano davanti agli occhi

e ognuna è un momento della vita mia

che tutta scorre prima di cessare.

Tremule galleggiano nell’aria,

o più decise, sempre, però, dolci, e malinconiche

e accompagnano lo spirito

che piano, senza fare male esce

e s’avvia, accompagnato dal dolce suono.

Come faville d’un focolare

salgono, queste note, verso il cielo.

Portano il mio spirito a respirar la pace.   

Poi, anche il corpo ormai abbandonato,

con passo uguale, cadenzato e mesto,

accompagnano nel luogo del riposo.

 

Almeno una volta al giorno, vorrei morir così.

 

Armando Bettozzi 

 

 

(1) Sonata N. 2 in si bemolle maggiore.

 

 

 

Armando Bettozzi

*

La brezza bussò...

 

 Armando Bettozzi

 

 "La brezza bussò"

 

 

 La  brezza 

 Bussò 

 Lieve

 Alla  finestra…

 Che  restò  chiusa

 E  non  s’  è  aperta  mai .

 E  l’  aurora

          ………………….

 Non  fa  più  capolino .

 

 

 Armando Bettozzi

*

La scatola dei baci

Armando Bettozzi

 

 

"La scatola dei baci"

 

 

 La scatola dei baci

 Stava chiusa

 E stretta la teneva tra le mani

 Preziosa

 Come e più d’un gran tesoro.

 Ma un dì

 Si aprì

 La scatola dei baci

 E fugaci

      ……………….

 Volaron tutti via. 

 

 

 Armando Bettozzi

*

Ariose ombre

Armando Bettozzi

 

"Ariose ombre"

 

 Ariose ombre sul suol disegnate,

che dell’estate al calor v’opponete,

contro la sete da ognun siete ambite.

Ringalluzzite chi il sole percuote.

 

Sotto le fronde da cui generate,

sempre ospitate ‘l mio andare, e m’offrite 

- se ancor non svanite – e più che potete -

rete…al “leon”, che sconfitta, riscuote.

 

Sulla sua luce figure inventate,

poi v’adunate al calare, brunite.

E, indefinite, alla fin vi spandete

pur nelle mete più anguste e remote.

 

Placide e ariose ad ognun vi donate

e rincuorate chi cerca la quiete

quando scendete e ogni cosa vestite

di mite veste, e silenziose note.

 

Armando Bettozzi

*

Fisarmonica galeotta

Armando Bettozzi

 

Fisarmonica galeotta

(l’amor che il cuor  ferisce)

 

In braccio, stretta al petto, aspira, espira e suona…

Mantice di fisa, armonica bellezza.

Mani l’accarezzan, pizzican garbate,

tastano vogliose…

E i suoni melodiosi, gai, o un poco tristi,

leggeri, o capricciosi, muovono capaci.

Da fina e celestiale, la voce poi diventa

forte e un po’ stridente, dolce, o un poco asprigna.

Spinge prepotente a muoversi ritmando

gambe in preda ai suoni sempre di più, quando

la mano alfine prendi a chi ti è lì vicina

e inizia il ballo, audace, sempre un po’ di più. 

Lei non ti conosce, eppure con te vola

sul valzer che risveglia lievi nostalgie,

dolcezze già sognate,

o il tango sensuale, adatto a…strapazzare…

almeno col pensiero,

che – certo - più vorresti, di quanto non azzardi.

Due giri…ancora un altro…

In armonia si fondono gli assoli

di musica…di lui…di lei…

in travolgente battito, nel petto. 

E la novella coppia…

coppia già si sente.

E quando il ritmo cala, e vien lo slow finale,

stretta si ritrova, e neanche c’entra un dito.

Finché, lì sul più bello arriva il signor Tardi

e frena i tasti e il mantice,

illumina la sala,

si spegne il sogno e cala un bacio sulla guancia.

“Ci rivediamo?” “Forse…”

La notte la riunisce,

fino all’indomani.

Chissà se l’ha finito lo sbocciar dell’alba,

o invece è lì, che inizia l’amor che il cuor ferisce?

 

Armando Bettozzi

*

Pei campi, covoni di oaglia

Armando Bettozzi

 

"Pei campi, covoni di paglia"

 

Pei campi, covoni di paglia, e in terra

del grano tagliato, spuntoni, e piante di piedi

a correrci su, come fachiri…

La pula polverosa, al vento

la trebbiatrice ha sparso,

e il vino è sceso per l’assetate gole.

La sera accoglie e abbraccia

i giochi differenti

di piccoli e di grandi, in un delirio

d’ognun secondo i propri sogni d’aria...

All’ombra del gran noce lì sull’aia

han desinato tutti quanti assieme

a festeggiare e riposar le membra, stanche

e umide, ancora.

Ultimi grugniti, l’asino che raglia,

e l’odore della stalla, di erbe e di respiri

d’umide froge di mucche laboriose,

e mansuete,

e il filtrar di luna in mezzo ai pioppi

e lo scendere dolce

dell’incanto sereno

d’una notte stellata.

Senza parole, senza far rumore

al cielo tutta piena di speranza

sale con il fumo del camino

dell’oca arrosto - premio e tradizione -

la semplice preghiera

fatta di terra, pel domani:

che mai venga a mancare lì sull’aia,

e nelle stalle vitali e odorose,

e per i campi, nel caldo e nell’inverno

quando il sole sale, e quando va a riposo

lasciando una promessa sulle pelli

bruciate

di uomini, di donne, di bambini.

 

Armando Bettozzi

 

 

 

 

*

Il fiore

Armando Bettozzi

 

poesia pluripremiata

 

 Il  Fiore

 

 Nel ripulire tutto giù in cantina,

 fra tanta roba vecchia ho ritrovato

 un libro un po’ammuffito e rosicato

 co’una dedica scritta fina, fina.

 

 Ci si leggeva a malapena: “Annina,

 ti sposo come torno dal soldato”.

 L’aveva scritta babbo innamorato

 di mamma, poco più che ragazzina.

 

  Lo prendo e lo apro tutto incuriosito

  e mi commuovo nel trovarci un fiore

  che pure se è così rinseccolito

                                              

  sa ancora di profumo…di freschezza…

  Siccome figlio son di quell’amore

  mi son come ubriacato di dolcezza.

 

Armando Bettozzi

 

*

Mamma!

Armando Bettozzi

 

"Mamma!"

  

‘Sto nome m’arisòna ne la mente

e m’arimbàrza nfra la bocca e er còre;

è dôrce che più dôrce nun c’è gnènte:

è er nome de la vita e de l’amore.

 

La sola che te vede e che te sente

sippuro stai lontano ore e ore

è mamma tua che, amorevormente

te tira su co gioia e co dolore.

 

Davanti all’occhi sui ‘gni fijo è bbèllo

e lei pe lui è pronta a dà la vita

fuss’ anche solamente un trovatello.

 

Finché pòi chiamà “mamma” è sempre festa,

ma puro quanno se ne sarà ìta…

quer nome ce l’avrai pe sempre in testa!

 

Armando Bettozzi

*

Filastrocca...incazzata

Un fatto, una notizia

 

da RomaToDay

03 novembre 2017

 

Due 14enni stuprate sulla Collatina: legate e violentate in un campo. Un incontro su Face book trasformato in un incubo. Due ragazze di 14 anni di Roma sono state stuprate da due ragazzi di 21 e 20 anni, nati nella Capitale da famiglie di origini bosniache e domiciliati presso un campo nomadi. I due, arrestati questa mattina dai Carabinieri della Stazione di Roma Tor Sapienza sono accusati di violenza sessuale di gruppo continuata e sequestro di persona continuato in concorso.

Sebbene i fatti siano avvenuti un giorno del mese di maggio del 2017, le due minori non raccontarono nulle e tantomeno ricorsero a cure mediche. Dopo un mese, venuti a conoscenza dell'episodio, i genitori di una delle due vittime si sono rivolti ai Carabinieri facendo partire le indagini.

Dai riscontri dei militari è emerso…un rapporto sessuale con le vittime 14enni dopo averle minacciate di morte, costringendole a farsi legare in una zona boschiva.

 

Alle solite: l’establishment coi soliti due pesi e due misure condanna chi fa fare ascolto senza esserne coinvolto…Ma per le brutte faccende di cui almeno moralmente devono sentirsi responsabili…(omissis)…sssshhhhh!!!!!!

 

Filastrocca…incazzata!

 

Ma ‘ndo’ sta st’indignazzione

che li fa scattà su in piedi

che je fa addrizzà li peli

a sti farzi ammascherati,

a sti farzi de mestiere,

pe li strupi…quelli scérti

pe ffà ascôrto…fà notizzia

e legàss’er loro nome

a li nomi de li vippe,

pe stà in mostra assieme a lloro…?!...

Ma ndo sta chi, llì, condanna,

li compari sui, e li bbòni…?

Regazzì! Stàtece attente!

Nun cascate ne la rete!

Che poi ortre a soffrì voàrtre,

co papà, mammà e parenti,

a quell’atri j’arimbàrza!...

Voi nun séte quarchiduno…

Nu’ rappresentate gnènte…

Séte er popolo pezzente…. 

Manco fate più notizzia…

Quelli, ar massimo se fanno

quarche giorno…e risò pronti

a ffà quer che je permette

sta…scaduta socetà,

co chi sta llì a governàlla:

regazzì! giocate a palla!

Che nisuno ve protegge:

si pe caso vostro padre

è davéro un òmo òmo,

e s’azzarda a ffàje quelo

che gne fanno quelli llì,

poi nun sò sortanto vostri:

poi sò puro sui…li cazzi!                                                      Armando Bettozzi – 3 novembre 2017

*

Er contrappasso infernale

Er Contrappasso infernale            poesia pluripremiata

 

 

Passànno, un giorno, nfra l’indemognàti

co Berzebbù a infirzàlli côr forcone,

domànno: “Ma com’è…Quali peccati

 

se stà a scontà ‘sto mucchio in perdizzione

che se la va ridènno a crepa-pèlle

che pare alègro, senza ‘na raggione?”

 

Se smucchia, e parla un’anima de quelle:

“La pena nostra è de stà qui in eterno

a sganassàcce tutte le mascèlle

 

nfra li dolori e er fòco de l’inferno,

così che nun magnàmo e nun bevémo,

perché quanno stavamo su ar governo

 

(e già co questo ce lo sai chi sémo)

s’abbuffavàmo, tutti seri, seri,

e mmo’ ‘n magnàmo più, e però…ridémo.

 

Vedi anche li burògrati severi,

che in più de noi, se tìmbreno…co un chiodo

l’u’ ll’artro…Timbri…Come a ‘i ministeri…

 

Perciò, amico caro, annànn’ar sòdo

ridémo, ma…soffrìmo come matti!

Voréssimo tornà,  e ffà a un antro mòdo!

 

Ma ce lo sapevàmo…de ’sti pàtti!

E quer ch’è ffàtto…embeh…oramai è ffàtto!

E qua - le péne – ségueno li fatti.

 

No, come su, che ‘n paghi mai ‘r misfatto!”.

 

 

Armando Bettozzi – 18 Maggio 2014

 

*

Er vero, er farzo...er farzo vero, e er vero farzo...

Armando Bettozzi

 

  …in vino veritas…

O, magari de sti tempi, ner computer! Co un programmino ad hoc…

(mèjo, però, si proprio messo nder ciarvèllo, direttamente).

 

Tra er vero e er farzo che è ch’ è farzo o vero?

Che abbasta a ricoprilli per intero

de vero er farzo, e er farzo, viceverza?

Però côr vero è mèjo che ‘n se scherza…

Ma chi vò er farzo…se lo tenga stretto:

je pò servì p’annàcce ar gabbinetto.

 

A. B.

 

"Er vero, er farzo…er farzo vero, e er vero farzo…"

 

Ma…è vero o nun è vero che ‘r vero, si è vero

pò èsse ‘n vero che scotta, e anzi, propio abbrucia?

E si quer vero è un vero accosì vero,

perché stann’a abraità che invece è farzo?!

Ma a chi è ch’er vero-vero nu’ je piace perché è vero?

Sarà che a certi er vero je piace solo farzo?

Ma, er farzo vero pò piacé davero,

visto ch’er vero è er solo a nu’ èsse farzo,

e visto ch’er farzo, mai pò èsse vero?

Ma, sì! Ce sta! chi vòle che sia farzo, er vero,

e er vero er farzo , e questo è propio vero,

visto che côr vero ‘n ce se trova, e invece

côr farzo ce se trova…veramente!

 

Ma, mo’, però, a dì er vero

‘n so più si quer ch’è vero e quer ch’è farzo…

O quer ch’è farzo e invece…è proprio farzo…

O quer che pare farzo e invece è! farzo…

O è un vero che però nun pare vero,

che infatti è farzo e ‘n cià a che ffà côr farzo…

O a vedé mèjo è un vero ‘n po’ farzato…

O, a l’incontrario…un farzo…veritato…

 

Magari co un programma fatto <on line>

ce se potréssimo raccapezzà ‘n po’ mèjo…

 

Armando Bettozzi

 17 dicembre 2017

*

Quel goccettin di vin che bevo

Armando Bettozzi

 

Quel goccettin di vin che bevo

 

Quel goccettin di vin che bevo

cacciando va il magon pian, piano.

Mi siedo intanto sul divano

e un po’di peso già lo levo.

 

Il micettin che m’aspettava

su quel divan di già sta steso.

Or dalle fusa è tutto preso,

restando steso, come stava.

 

E poi il mio bel micin s’appressa...

Sornion, piedin-piedin s’adagia

-che neanche fosser di bambagia –

sui miei ginocchi…La badessa!

 

Poi, lenta lenta s’addormenta…

E lento m’addormento anch’io.

Subito entro nel sogno mio,

e niente più or ci tormenta.

 

Quel calmo suo fusar ci ninna,

me con lei in altra dimensione.

Dove ammesso è nessun magone,

e sol si beve…il buon liquor di zinna.

 

Armando Bettozzi

 

 

 

 

*

L’ore rubate ai giorni incandescenti

 

Armando Bettozzi

 

a Lisa

 

L’ ore rubate ai giorni incandescenti

 

 L’ ore rubate ai giorni incandescenti

di rivoli sanguigni, e di chimere

di nebbie prive e prive di ricchezze:

solo tesori da tenere stretti

fatti di nuvole, di rose e spine.

Fatti di sogni, sparsi come fiori

su prati erbosi sotto cielo e stelle,

su spiagge senza occhi e senza sole,

tra flutti ricamati e rilucenti,

dal flebil loro sciabordar ninnati.

A far sbocciare e crescere passioni

nel turbolento scorrer delle ore

senza badare all’alternar dei giorni,

profondi sguardi e corpi presto esperti

a divenir da due uno soltanto.

Come aquiloni capricciosi, in alto

sempre a salire, come i palloncini

festosi e colorati delle feste,

fuggir la terra a rifugiarsi in alto:

sola zavorra, il gran pienon d’amore.

 

Armando Bettozzi

 10 marzo2018

 

*

Er comizziante e...er terno ar lotto... (pe chi?)

Armando Bettozzi 

  

Er comizziante

e… er terno a lotto…(pe chi?)

 

Votànno a mme voi fate un terno ar lotto,

ché come starò llì, in quattrequattrotto

io…m’arisòrvo tutto…ma ‘n ve pianto:

che…l’osso ve lo lascio, e anche ‘n po’ più!

È ora de parlàsse a tu-ppe-ttu:

èccome qua! Sò er mèjo e me ne vanto

e io! sò er solo a avéccelo, sto motto:

Der bene der paese…me ne fotto!”

 

Ma nno…Scusat’er lapsus!...sto a sbajà…

Volevo dì: “ Votate, e...nu’ rompete!…”….

 ‘N ce sto a ‘zzeccàcce propio!...Nun ce còjo…

Ma che è che me fa dì quer che nun vòjo?!

Me stann’a ffà ‘r malocchio…Guà che imbròjo!

Ma io sò coccia dura e nu mme sciòjo!

Sò l’artri…Li sentite!...Li vedete!...

Perché sò er mèjo, e stann’a rosicà!

 

Votàteme!...Ma, mbeh?...Ma che ciavéte!

Sò l’artri! che ve fôtteno…Sapete!?

Che dite?...Er “fôtto” ve l’ho detto io?...

Ma è stato solo ‘n fiotto d’onestà…

Lo giuro: ve sto a ddì la verità!

Ma nno! der “fotto”… Dico…- santiddio!

ancora sto a 'mbrojàmme, ma…vedete,

si ‘n vinco io…er terno lo perdete!

 

Armando Bettozzi

  4 maggio 2018

 

*

Ho visto Lara

Armando Bettozzi

 

Ho visto Lara

 

Nel bianco grande spazio dei desii

scivola come treno nella steppa

un sognar che alla meta punta dritto

senza mai intramezzar fermate alterne.   

 

In questo andar  mio senza - in apparenza

scosse – calmo e irrequieto vo viaggiando

nel rimbombo d’incompiuto silenzio

e soltanto ombre scorgo tra le nebbie.

 

Senza sobbalzi sulla via allisciata

scorriam bucando respiri di ghiaccio

finché d’un d’essi ecco un  raggio di sole…

E piano, piano si fa chiaro intorno…  

 

Oltre, son già tutti in fiore, i ciliegi…

Vermiglie rose fanno da tappeto…

Guidano dove un’ombra è messa a fuoco.

Un sussulto…Vedo Lara, che aspetta…

 

Intanto, ho scritto per lei una poesia…

Raccolgo una rosa, e i doni le porgo.

Per me i suoi biondi capelli ha già sciolto…

E la primavera ci fa da alcova…                                       

 

Armando Bettozzi -  15 Aprile 2017

*

Quarcòsa de strano

 Armando Bettozzi

 

"Quarcòsa de strano"

 

C’è pell’aria quarcòsa de strano,

quarcòsa…che ‘n s’arièsce a capì…

Nun sapènno che ffà, resto qui,

ma più sto…più sto qui a ‘spettà invano           

de vedé, o de sentì quarchecosa

ch’ è capace a chiarìmm’ er mistero

(ché…mistero – me pare - davero!)

che cià st’ aria ‘mbranata  e smagnosa!

Pò paré…ma nu’ è!  un giorno normale

come quelli de tutti li giorni

che de solite cose sò adorni,

co ogni giorno ogni cosa ch’è uguale.

Penza..Penza…Ma…che ce pò èsse

‘mmèzz’ a st’aria ch’è tutta ‘n po’ strana

da paré de sentì ‘na campana,

ma campane, qui mai l’hanno messe?

E perché sto a sentìmme anch’io…strano?

Nun c’è ‘n’ anima in giro…Che pace!

Me ‘mpaurisce…e però ‘n po’, me piace…

C’è perfino ‘n violino gitano…

Tanti fòji!…L’inchiostro!…Le penne!…

Mo’ le vedo a ‘mmischiàsse pell’aria…

No violino – perciò - o…campanaria!

Ma Poesia…che a volà…nun s’arènne!

 

Armando Bettozzi

 12 aprile 2018

 

Qualcosa di strano

C’è per l’aria qualcosa di strano, / qualcosa che non si riesce a capire…/ Non sapendo che fare resto qui, / ma più sto…più sto qui ad aspettare invano / di vedere, o di sentire qualcosa / che sappia chiarirmi il mistero / (ché mistero – mi pare – davvero!) / che ha quest’aria sognante e smaniosa! / Può sembrare, ma non è, un giorno normale / come quelli di tutti i giorni / che sono fatti di solite cose, / con ogni cosa ch’è uguale ogni giorno. / Penza…Penza…Ma cosa può esserci / in mezzo a quest’aria che è tutta un po’ strana / da sembrare di sentire una campana, / ma campane, qui, non le hanno mai messe? / E perché sto a sentirmi anch’io un po’ strano? / Non c’è un’anima in giro…Che pace! / M’impaurisce… e però un po’ mi piace…/ C’è perfino un violino gitano…/ Tanti fogli…L’inchiostro…Le penne…/ Ora le vedo mescolarsi su nell’aria…/ Perciò, no violino, o (torre) campanaria! / Ma Poesia…che a volare… non s’ arrende!   

*

La risacca

Armando Bettozzi

 

"La risacca"

  

Intanto che al fine va il giorno

m’attardo a segnare la sabbia

che ancora fan chiasso i gabbiani...

Poi i richiami si van rarefando.

Che è quando la quiete incomincia.

 

E quieto ora ascolto

quell’andirivien di risacca,

di sera tra il sole e la luna

che più lassù penzola e più si colora

fino a spiccare sul blu, tinta unita

finché di puntini lucenti è increspato.

 

Con ritmo uguale e tranquillo

continua il discreto ninnare…

E come appoggiata, una barca

si dondola al suon di risacca.

Com’ anche il cuor mio, estasiato.

 

Ché ancor sto in ascolto…

E ancora a guardar sto l’incanto

dei tanti colori sfumati

sul mare e nel cielo…l’azzurro e il rosato…

Ora che è ora che il sole s’immerga.

Che è l’or che si specchi sul mare la luna.

 

Armando Bettozzi

 22 aprile 2018

*

Alzheimer

Armando Bettozzi

 

a mia suocera nonna Rosa

 

"Alzheimer"     

 

Come tela di ragno,

avvolge lentamente,

e inesorabile preme

meschina, per la resa

dell’indifesa vittima e tutto annulla,

e toglie anche il decoro.

 

E la mente ricopre

di impalpabile nebbia

che addensa pian piano e ne fa muro,

e quello che v’è inciso lo cancella.

 

E avida scava intorno una trincea

per la lunga prigionia

che sfianca e svuota e rende, inconsapevole,

pronto il corpo - ormai dimenticato - 

ad impietosa e solitaria agonia.

...................................................

Nel tuo deserto senza orizzonti,

senza, ormai,  storia,

va alla deriva senza un’emozione

quel tuo bel navigar, senza più approdo. 

 

 Armando Bettozzi

 

 

 

*

L’Equilibrio

 L’ Equilibrio

 

Coltivar solo la mente

può far l’uomo deficiente.

Come pure – altrimenti –

farlo sol coi sentimenti.

 

E i diritti all’esponente

ma i doveri…non fa niente…

vaneggiare fan le menti

a esaltati e a delinquenti.

 

L’Equilibrio! è il deterrente

proprio come il salvagente

che se c’è fa galleggiare

sennò è facile affondare.  

 

Armando Bettozzi

*

Calvario di Resurrezione

Calvario di resurrezione

Poche lacrime dagli occhi pe’ una morte d’innocente.
Ma cocente è quello strazio muto e asciutto d’una madre.
Per volere di suo padre che apparir può duro e ingiusto.

Né una marcia d’accompagno atta a sostentare i passi
tra la polvere ed i sassi, colle spine conficcate,
le frustate e gli sberleffi e i dolori lancinanti.

Le cadute sotto il peso, con la terra nella bocca,
no una brocca, un sorso d’acqua, col sudor che si fa sangue;
ancorato al legno, langue, che lo pigia…che lo schiaccia.

Lance, chiodi, mazze, fiele…Questo è quel che ha meritato
pe’ esser nato qual mortale, per salvare il mondo, perso,
con l’amor suo grande e terso…fino al tragico momento.

Non è affatto disperato, sta morendo, ma è sereno
ché la fede non vien meno, che s’avveri la scrittura
pur se dura e tanto atroce è la sofferenza in croce.

E - inchiodato - è lì che spira Gesù Cristo per far dono
d’una vita - la più santa - pel perdono dei peccati
e ai suoi piedi – costernati – stan Maria con Giovanni.

Piange pure la natura, il ciel si oscura…è il terremoto.
E s’avverte un grande vuoto mentre il corpo vien disteso
nella tomba, da cui illeso se n’è uscito il terzo giorno.

È passato dagli amici per mostrare la sua gloria,
la vittoria sulla morte, e Tommaso ha...messo il dito…
“Sì, son io risuscitato, come avevo già avvertito.”

“Ora andate a dire al mondo tutto quel che avete visto,
dite a tutti: Gesù Cristo figlio vero del Dio vero
per davvero è nato uomo, per davvero è morto…e è vivo!

E da vivo – mi vedete – sto tornando in paradiso.
Ma il mio viso ve lo lascio stampigliato in un sudario.
Il perdono, anche, ho lasciato dalla croce sul Calvario”.

Ma non tutti hanno creduto…Ma non tuti hanno capito.
Però…il dito non più è ammesso…e beato è ognun che crede.
Va cercato, o ritrovato, nel tesoro della Fede!

Armando Bettozzi - Pasqua

*

Quarcosa de strano

 Quarcòsa de strano

 

 C’è pell’aria quarcòsa de strano,

quarcòsa…che ‘n s’arièsce a capì…

Nun sapènno che ffà, resto qui,

ma più sto…più sto qui a ‘spettà invano           

de vedé, o de sentì quarchecosa

ch’ è capace a chiarìmm’ er mistero

(ché…mistero – me pare - davero!)

che cià st’ aria ‘mbranata  e smagnosa!

Pò paré…ma nu’ è!  un giorno normale

come quelli de tutti li giorni

che de solite cose sò adorni,

co ogni giorno ogni cosa ch’è uguale.

Penza..Penza…Ma…che ce pò èsse

‘mmèzz’ a st’aria ch’è tutta ‘n po’ strana

da paré de sentì ‘na campana,

ma campane, qui mai l’hanno messe?

E perché sto a sentìmme anch’io strano?

Nun c’è ‘n’ anima in giro…Che pace!

Me ‘mpaurisce…e però ‘n po’, me piace…

C’è perfino ‘n violino gitano…

Tanti fòji!…L’inchiostro!…Le penne!…

Mo’ le vedo a ‘mmischiàsse pell’aria…

No violino – perciò - o…campanaria!

Ma Poesia…che a volà nun s’arènne!

 

 Armando Bettozzi

 12 aprile 2018

 

*

Senza Fine

Armando Bettozzi 

 

a Lisa

 

Fino alla fine noi del nostro giorno,

e in un final ch'è senza fine.

Pei vaghi cieli andar senza ritorno

liberi alfin e senza più confine.

 

Armando Bettozzi

    8 aprile 2018

 

 

*

La meglio meraviglia

La meglio meraviglia

(a Lisa)

 

L’ho cercata vicino, e lontano…

Nei cieli azzurri e nei verdi mari…

Nell’eterno luccicar degli astri,

negli arcobaleni, nei  tramonti…

Nei colori delle primavere,

la meglio meraviglia

ma senza mai trovarla.

 

L’ho cercata in tutte le parole,

nei suoni, e nei sogni giorno e notte…

Nei momenti di luce, e di pace,

e in quelli più agitati e più oscuri,

nei ricordi, e in tutte le astrazioni,

ma senza mai trovarla,

la meglio meraviglia.

 

Perché cercavo invano:

ché già l’avevo…senza sapere…

da che ci siamo presi per mano,

secondo un misterioso volere.

 

Armando Bettozzi

 6 febbraio 2017

*

La Sorpresa dell’Uovo di Pasqua

Armando Bettozzi

 

Pasqua….

Filosofia di pace

 

"La sorpresa dell’uovo di pasqua"

                                              

In ciascun uovo di Pasqua a sorpresa

giocoforza è trovarci una sopresa.                                                          Figurarsi perciò la mia sorpresa

nel trovar la sorpresa sorprendente

di non trovarci nessuna sorpresa.

Per un po’- devo dir - me la son presa,

ma riflettendo ho detto:“Più sorpresa

del non trovarci dentro la sorpresa

non c’è…! – e ho detto: “Oh, ma che sorpresa !”                        

                                                 

Armando Bettozzi

                                                                                              

*

Calvario di Resurrezione

Armando Bettozzi  

 

Calvario di resurrezione

 

Poche lacrime dagli occhi pe’ una morte d’innocente.

Ma cocente è quello strazio muto e asciutto d’una madre.

Per volere di suo padre che apparir può duro e ingiusto.

 

Né una marcia d’accompagno atta a sostentare i passi

tra la polvere ed i sassi, colle spine conficcate,

le frustate e gli sberleffi e i dolori lancinanti.

 

Le cadute sotto il peso, con la terra nella bocca,

no una brocca, un sorso d’acqua, col sudor che si fa sangue;

ancorato al legno, langue, che lo pigia…che lo schiaccia.

 

Lance, chiodi, mazze, fiele…Questo è quel che ha meritato

pe’ esser nato qual mortale, per salvare il mondo, perso,

con l’amor suo grande e terso…fino al tragico momento.

 

Non è affatto disperato, sta morendo, ma è sereno

ché la fede non vien meno, che s’avveri la scrittura

pur se dura e tanto atroce è la sofferenza in croce.

 

E - inchiodato - è lì che spira Gesù Cristo per far dono

d’una vita - la più santa - pel perdono dei peccati

e ai suoi piedi – costernati – stan Maria con Giovanni.

 

Piange pure la natura, il ciel si oscura…è il terremoto.

E s’avverte un grande vuoto mentre il corpo vien disteso

nella tomba, da cui illeso se n’è uscito il terzo giorno.

 

È passato dagli amici per mostrare la sua gloria,

la vittoria sulla morte, e Tommaso ha...messo il dito…

“Sì, son io risuscitato, come avevo già avvertito.”

 

“Ora andate a dire al mondo tutto quel che avete visto,

dite a tutti: Gesù Cristo figlio vero del Dio vero

per davvero è nato uomo, per davvero è morto…e è vivo!

 

E da vivo – mi vedete – sto tornando in paradiso.

Ma il mio viso ve lo lascio stampigliato in un sudario.

Il perdono, anche, ho lasciato dalla croce sul Calvario”.

 

Ma non tutti hanno creduto…Ma non tuti hanno capito.

Però…il dito non più è ammesso…e beato è ognun che crede.

Va cercato, o ritrovato, nel tesoro della Fede!

 

Armando Bettozzi -  Pasqua

*

Calvario di Resurrezione

Microsoft JScript runtime error '800a003e'

Input past end of file

/testi_raccolta.asp, line 88