chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Franca Colozzo
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

October 15th

 L'immagine può contenere: oceano, nuvola, cielo, pianta, spazio all'aperto, natura e acqua

 
 

15 ottobre 2019

 

Ho raccolto briciole

di sole sull’arsa pelle

e da rocce cave

sale in perle.

 

Ottobre riluce

di bagni di mare

e sospiri di vento.

Sull’angusta roccia  

la voce delle onde

s’ode tra cavità sommerse

e mormorii di fronde.

 

Mi sono lasciata andare,

come foglia caduca,

fino al solitario scoglio

nomade da terra.

 

Laggiù sostano

gabbiani chiassosi:

s’alzano all’improvviso,

petali bianchi,

in voli incrociati

per contrastare il cielo

d’immenso azzurro.

 

 

October 15th

 

I picked up crumbs

of sun on parched skin

and salt in pearls

from hollow rocks.

 

October donates light,

sea baths and sighs of wind. 

On the narrow rock

I listen to the voice of waves

between submerged cavities

and whispers of fronds.

 

I let myself go,

as a dead leaf,

up to the rock

nomad from the ground,

where noisy seagulls stand.

 

White petals

rise quickly

in crossed flights

to contrast the sky

of a deep blue light. 

By Franca Colozzo

 

 

My comments in English for my foreign friends, in response to those received:

 

I always lose myself where I find myself dreaming and there I start flying again with seagull wings towards the sky or swooping like a sea swallow. I believe that from the observation of nature we always have to learn a lot. This is why in small sips I taste the sour taste of salt with the smell of wind in my nostrils.

The sea represents for me the primordial depths of our consciousness through its changing aspects and its liquid beauty. In it I lose myself to find myself in sad or happy moments, in it I reset the mind and its contortions.
But the real sea for me blends in the autumn or spring images, in the submerged fascination of the grazing light of mid-seasons when the sun goes through an oblique ecliptic. I then abandon myself to dreams and in them I renew my whole inner world.

So here I am at the limit of my dreams to tell what I taste every day. The seagulls that I go, when I can, to find on that isolated rock in the middle of the sea represent a truly unique spectacle, above all when they rise in crossed flights on the sea.

*

Eremita - Hermit

  

 

 L'immagine può contenere: pianta, fiore, cielo, albero, spazio all'aperto e natura

 

Eremita mi sento sulla riva

dei sogni persi ad osservare

sguardi naufragati alla deriva.

 

Eppure ero ieri lì a rimirare

il fiume dei pensieri miei,

solinga barca in altomare.

 

Mare che torna alla memoria,

flusso costante d'emozioni

tra foglie consunte da moria.

 

L'autunno gioca sempre coi colori, 

sulla riviera dove nacqui io 

s'accende luce dentro e fuori.

 

Accesa è l'anima da scintille,

in lotta per sfuggire al tedio
d'un tempo di mera illusione.

  

°°°§§§---

   

          Hermit

 

I feel hermit on the shore
of dreams lost to observe
looks gone adrift.

 

Yet I was there yesterday to gaze
the river of my thoughts,
lonely boat on the high seas.

 

Sea that comes back to memory,
constant flow of sensations
among already die-off leaves.

 

Autumn always plays with colors,
on the riviera where I was born
on inside and out light comes.

 

The soul by sparks is lit,
struggling to escape boredom
of a time that is mere illusion.

 

 

 

*

September 23, 2019

                                           September 23, 2019

 

L'immagine può contenere: oceano, cielo, albero, spazio all'aperto, natura e acqua

  

Autumn turns to the sky wings of wind
among ferns on rocks in suspension.
Drooping vanished leaves
on the sea lit by a thousand sparks. 

 

The sun burns after the great flood,
a seagull rises from the distant shore.
The thought caught in amazement is silent
dragged away by intense heat.

 

Early autumn improvised,
yesterday rain and lightning in succession.
The sea swells and drags
shrubs, algae and flood debris.

 

   

        23 Settembre 2019

 

Volge al cielo l’autunno ali di vento

tra felci su rocce in sospensione.

Caduche foglie van alla deriva

sul mare acceso da mille scintille.

 

Arde il sole dopo il gran diluvio,

s’alza un gabbiano dal lontano lido.

Tace il pensiero colto da stupore

trascinato via da intenso ardore.

 

Primizia d’autunno improvvisato,

ieri pioggia e lampi in successione.

Si gonfia il mare e rovescia adirato  

arbusti, alghe e detriti  d’alluvione.

 

*

Destino ingrato - Sad Destiny

 L'immagine può contenere: 1 persona

 

DESTINO INGRATO

 

Nella stagnante quiete

fugge il pensiero

verso terre straniere.

Cinereo è il mare come cielo

sospeso sulla calma

piatta di sopore.

 

Tace il gabbiano

sull'impervio scoglio,

sentinella di solitarie ore.

Grava aria mesta

sopra un mare 

foriero di tempesta.

 

Langue il mio cuore

per il destino ingrato

d’un popolo negletto

dalla storia. In Kashmir

la guerra paventata

or incombe su cotanto dolore.

 

 

§§§

 

 

SAD DESTINY

In stagnant stillness
my thought runs away
to foreign lands.
The sea is like a sky
suspended on calm
of a flat slumber.

 

A seagull is silent
on the impervious rock,
sentinel of solitary hours.
Pretty heavy air
above the sea 
harbinger of a storm.

 

My heart suffers
for the thankless fate
of a neglected people
from history. In Kashmir
the feared war advances
upon unheeded pains.

By Franca Colozzo

*

Del Kashmir sogno... - I dream of Kashmir ...

A distant land, but close to our hearts: war-torn Kashmir
Una terra lontana, ma vicina ai nostri cuori: il Kashmir dilaniato dalla guerra.
 
 
        Del Kashmir sogno...
 
Del Kashmir sogno... Verdi vallate,
fiumi e gorgoglianti rivi
in fuga giù dai monti.
 
Oggi tristi pensieri vagano
tra il pianto di chi soffre
una guerra senza quartiere.
 
Gemono boschi e rivi,
vecchi, bambini e donne,
cui han massacrato i figli.
 
Lento scorre or il tempo
su pietraie prosciugate,
sterpi e rovi lasciati
all’infamia di guerra.
 
Tace l’ultimo canto,
mentre risuona l’eco
di colpi di mortaio.
 
Tra trincee, baionette
e coprifuoco da giorni
s’alza un canto di guerra
che non ha orecchi in Terra.
 
§§§
 
         I dream of Kashmir ...
 
I dream of Kashmir ... Green valleys
rivers and gurgling streams
running away from the mountains.
 
Today sad thoughts wander
among the crying of those who suffer
a war without quarter.
 
Woods and streams moan,
old people, children and women,
to whom have slain their kids.
 
Time slow flows on dry rocks,
weeds and brambles left
to the infamy of war.
 
The last song is silent,
while mortar rounds echo
amid trenches and bayonets.
 
Curfew for days
a war song rises
on Earth without no ears.
 By Franca Colozzo
 
 
 
 

*

In fuga dai pensieri - Fleeing from thoughts

                                                              Rock "La Nave di Serapo" - Gaeta (Lazio), Italia
 
 

 Spumeggia il mare in vortici di sale,

indietreggia e assale la scogliera.

S’alza dell’onda cresta vorace  

tra gabbiani affamati, 

in bilico su rocce.  

 

Lapideo merletto raro,

lo scoglio solitario

in balia d’alghe e sale,

al vorticoso rotear dell’onda

soggiace tra cavità nascoste,

riemerse dai fondali.

 

M'inebrio di boati d’acqua,

sciacquii, musicali assonanze, 

dov'ogni grumo d’ansia

si dissolve in speranze 

in fuga dai pensieri.

 

  

***

   

Fleeing from thoughts   

 

Foams the sea in salt swirls,
backs off and attacks the cliffs.
Rise ravenous waves
among hungry seagulls
roaming over rocks.

 

Rare lace stone, the rock
at the mercy of seaweed and salt,
to the whirling spinning
lies between hidden cavities,
emerged from the bottom. 

 

I dive in splashes of water
in musical assonances,
where every lump of anxiety
dissolves in hopes
fleeing from thoughts. 

 

*

Amanti della notte

    Amanti della notte  

 

L'immagine può contenere: una o più persone

 Gli amanti in blu, Marc Chagall - 1915

 

 

Tace il rumore dell’anima

mia quando s’affaccia

sul sospiro del mare:

incerto confine della notte.

 

Fuse son acqua ed aria,

solo lo sciacquio dell’onda

risuona nella conchiglia

d’un tempo senza tempo.

 

T’abbraccio e sento

premere il tuo respiro

alle soglie del mio cuore.

 

Al limitar degli anni,

uniti in un’onda sensuale,

persi nella passione,

ci lasciamo andare

com'alta marea

al flusso d'emozioni.

 

           §§§

 

Lovers of the night 

 

The noise of my soul is silent
when it appears
on the sigh of the sea:
vague border of the night.

 

Fuse are water and air,
just the rinsing of the wave
resounds in the shell
of a timeless time.

 

I embrace you and feel
press your breath
at the threshold of my heart.


Over the years,
united in a sensual wave,
lost in passion,
we let ourselves go
as high tide
to the flow of emotions. 

By Franca Colozzo

 

*

Suon di Sileno

  L'immagine può contenere: 1 persona

  Mascherone etrusco rappresentante SILENO (da un mio vecchio disegno) - Tecnica matite colorate.
  "SILENUS, Etruscan mask" from an old drawing of mine  - Colored pencils technique.
 
 
Suon di SILENO
 

Gronda dall’alto il silenzio,

tagliente come vetro,

scivola sulle pareti.

S’arrende ogni rumore

all’aria: tra canne al vento

vibra suon di Sileno.

 

Sento l’eco dei passi

nella mente mia

e di grida festose

or ch’ogni parola

sospesa nel limbo

è del pensiero.

 

La notte tutto trascolora   

e voce sorda  

fluido suono d’onde

tra conchiglie disperde,

mentre s’alza marea

fresca di brezza.

 

 

          *

 

 

Sound of SILENUS

 

High the silence,
sharp as glass,
slips on the walls.
Every noise in the air stops
and amid canes in the wind
vibrates sound of Silenus.
 
I hear the echo of the steps
in my mind
and happy cries
now that every word
is suspended in limbo
of my solitary thought.

 

The night all fades
and deaf voice,
fluid sound wave
scatters among shells,
while tide rises
and fresh breeze brings.

By Franca Colozzo

 

*

Mute Poetry on Jerusalem - Poesia muta su Gerusalemme

 L'immagine può contenere: 1 persona, cielo, nuvola e spazio all'aperto

  

       Mute Poetry on

"Gerusalemme Liberata    
    by Torquato Tasso

            (1771)

 

Silent poetry is a provocation,
words it does not find.
Silent because the voice has lost
in this increasingly depressed world.
Where is the "Liberated Jerusalem" ?

Back to "Tasso" the memory is returned:

 

"I sing the merciful arms, and the captain
That the great sepulcher freed of Christ.
Much he worked with his mind and his hand;
Much suffered in the glorious purchase:
And the hell is in vain against him; and in vain
the mixed populace of Asia and Libya was armed:
Because the heaven gave him favor, and under the saints
Signs reduced his errant companions ... ". 


So far our indignation has come,
to the present day the execution.
But as a wandering leader,
before so much destruction
doesn't he nurture reproach?

Of Syria suffering langue,
and the ongoing massacre
demon addict,
pandemonium is so far away!
Far away where the waters lie,
streamers culture now of death,
Mediterranean, that history forward
Overseas where barbarity looms,
beyond the story that has seen us united,
proud, or impoverished peoples
from the heavy weight of arms and scourges.

Jerusalem always coveted,
now she shakes its head tired of quarrels.
Holy City wants to stay,
of three religions the ritual to celebrate,
not of the massacre memory,
nor of friendly fire,
but of the coveted peace,
which under its ashes bruised hatches.
By Franca Colozzo

                              *

Poesia muta su "Gerusalemme liberata" 

Poesia muta è una provocazione

che parole non trova.

Muta perché la voce ha perso

in questo mondo sempre più depresso. 

Dov’è Gerusalemme liberata?

Di Tasso la memoria è ritornata:

 

Canto l’arme pietose, e ‘l capitano

Che ‘l gran sepolcro liberò di Cristo.

Molto egli oprò co ‘l senno e con la mano;

Molto soffrì nel glorioso acquisto:

E invan l’Inferno a lui s’oppose; e invano

s’armò d’Asia e di Libia il popol misto:

Chè il ciel gli diè favore, e sotto ai santi

Segni ridusse i suoi compagni erranti…”. 

 

Fin qui è giunta la nostra indignazione,

fin ai nostri giorni esecrazione.

Ma quale condottiero errante,

dinanzi a tanto scempio

non nutre riprovazione?

 

Di Siria sofferenza langue,

e il massacro in atto

demonio a demonio aggiunge,

tanto lontano è il pandemonio!

 

Lontano dove giacciono le acque,

ruscellanti cultura ora di morte,

Mediterraneo, che la storia inoltri

Oltreoceano dove barbarie incombe,

oltre la storia che ci ha visti uniti,

popoli fieri, or impoveriti

dal gravoso peso d’armi e flagelli.

 

Gerusalemme da sempre ambita,

 ora scuote la testa, stanca di liti.

Città santa vuol restare,

di tre religioni il rito celebrare,

non del massacro memoria,

né del fuoco amico,

ma dell’agognata pace,

che sotto le ceneri langue illividita.

 

 

*

Il Manifesto di Ventotene

*Avendo eliminato il testo per errore, chiedo venia a tutti i miei commentatori. Cercherò di ripristinare tutti i commenti faticosamente scritti da me e dagli altri.  

 

 

IL MANIFESTO DI VENTOTENE

L'immagine può contenere: cielo, oceano, pianta, nuvola, albero, spazio all'aperto, natura e acqua

 

Isola all'orizzonte

all'alba appare,
sola e negletta, com'il pensier
mio che veleggia 
sul glauco mare alla deriva.

 

Ventotene s'intravede appena,
sfocata nave 
nella mia memoria:
là i Padri Fondatori
han fatto scuola.

 

Manifesto ideale,
culla di sogni
sulle macerie d'una guerra infame,
s'affanna S. Stefano a mostrare
le celle della sua prigione.

 

Muri sbrecciati dove la preghiera
s'è fusa al grido di martiri ed eroi,
là segregati per le loro idee, 
dal Fascimo condannati poi.

 

Proprio là, dove l'acre odore
salmastro il vento porta 
nel cortile del carcere
chiuso alla marina,
l'idea d'Europa sale.

 

Oggi, ahimé, "Carta" straccia!
In mano a sovranisti senza fede,
stupida e lassa
la memoria passa 
quando di storia s'è perduta traccia.

 

By Franca Colozzo

 

Il Manifesto di Ventotène, avente titolo originale Per un'Europa libera e unita. Progetto d'un manifesto, è un documento per la promozione dell'unità europea scritto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi nel 1941 durante il periodo di confino presso l'isola di Ventotene, nel mar Tirreno, per poi essere pubblicato da Eugenio Colorni, che ne scrisse personalmente la prefazione.
È oggi considerato uno dei testi fondanti dell'Unione europea.
(Wikipedia)

 

*

 

The Ventotène Manifesto, with its original title "For a free and united Europe". Project of a manifesto, is a document for the promotion of European unity written by Altiero Spinelli and Ernesto Rossi in 1941 during the period of confinement at the island of Ventotene, in the Tyrrhenian Sea, to then be published by Eugenio Colorni, who he personally wrote the preface.
It is now considered one of the founding texts of the European Union.

https://www.linkedin.com/…/my-personal-speech-peace-world-…/

 

 

 

"VENTOTENE" MANIFESTO

 

Island on the horizon
at dawn Ventotene appears,
neglected, like my thought
that lonely sails
on the glaucous drifting sea.

 

Ventotene is barely visible,
blurry ship
in my memories:
there were Founding Fathers
Europe idea built.

 

Ideal "Manifesto",
cradle of dreams
on the ruins of the 2nd World War, 
S. Stefano struggles to show
the cells of its prison.

 

Cracked walls where prayer
has merged with the cry
of martyrs and heroes,
there segregated for their ideas,
from the Fascim condemned.

 

Right there, where the acrid smell
of salt the wind carries,
inside the prison yard
closed to the marina,
the idea of Europe is born.

 

Today, alas, that "Manifesto" rags!
In the hands of sovereigns without faith,
smeared and faded
through the blurred lens
of forgotten history memories.

By Franca Colozzo

 

 

 

 

*

In ricordo di mia madre - In memory of my mother

Ripropongo una mia vecchia poesia, anche nella versione inglese, in occasione della festa della mamma del 12/05/2019

Nessuna descrizione alternativa per questa immagine

A photo of my mother, Virginia Magliozzi in Colozzo, a teacher educator.

In ricordo di mia madre 

Nel piccolo cimitero di paese

ho raccolto vasi

dal vento rovesciati

per pietà di chi giace

nell’urna e dorme in pace.

 

Ho deposto lacrime,

insieme alle orchidee,

sulla marmorea lapide

dove mia madre,

or son cinque anni,

riposa con mio padre.

 

Orfana della sua risata

e del giudizio severo,

mi sento un po’ smarrita. 

Nei ricordi la ritrovo

o vagabondando

in vecchi album di foto.

 

M’appare in sogno

di notte all’improvviso,

aleggia nel pensiero

come foglia morta

sospesa su un fuscello

con apparenza di vita.

 

 

                 *

 

 

IN MEMORY OF MY MOTHER

 

In the small cemetery

I collected vases

from the wind overturned

for pity of those who in the grave

lie and sleep in peace.

 

I put tears

along with orchids

on the marble tombstone

where my mother,

it is five years,

rests with my father.

 

Orphan of her laugh

and of her stern gaze,

I feel a little bit lost.

In my memories I find her again

or wandering

on old photo albums.

 

She appears to me in dreams

suddenly at nights,

in my thoughts she wafts

as a dead leaf

suspended on a twig

with appearance of life.

 

By Franca Colozzo 

https://lnkd.in/dTdZZUK

 

 

 

 

*

I volti della Violenza - The faces of Violence

  •  Sulle donne 

 

Marciapiedi lerci e gente senza volto,

prede e predatori vanno

immuni e non sanno

del lezzo a loro intorno

fingono o l’ignorano.

Strisciano ombre nella notte,

la città mai dorme,

si nutre di sangue com'un mostro.

 

Donne riverse là dov’imbruna

l’ultimo lume prima del colle,

scivolano ombre e non c’è perdono

Donne lasciate là senza memoria:

piange un bambino

rifiutato dal grembo,

del padre ignora il volto.

 

Fiori domani sulla pozza

vermiglia porterà qualcuno

in dono, forse ci sarà

un altro coro a levarsi

in cielo, ma per chi muore

poi non c’è perdono.

 

 

  • Sui Bambini 

Ho scelto un foglio bianco

per segnare ogni minuto.

Quanto crudo è stato

per chi ha il sorriso

negato ed ogni gioco

disumano inganno

tra bombe piovute

dal cielo con affanno!

 

Traspare tra nebbie

di gas e polvere

un girone infernale

con un tempo contratto;

il sole persino

sa di pesto silenzio,

dove solo un boato

accede il cielo.

 

Siria e Yemen  

hanno morti infanti,

bambini nati

senza istruzione,

lasciati all’inferno

d’un mondo perso

nella disperazione.

 

 

Image may contain: sky, twilight and outdoor

Kiz Kulesi - Istanbul (Turchia)

 

  •  Su un giornalista

Sei tu che giaci sepolto

da menzogne?

Il vento del deserto

fin qui ti ha portato,

esule da terre aride,

non solo di cuori,

ma d’arse dune.

 

Kiz Kulesi  t’ha accolto

tra le sue acque brune,

gocce scarlatte

nella notte sul Bosforo.

Corpo sfatto

da mani cruente

e senza nome...

 

Paga ora la forca

chi forse ha colpa

d’essere stato mandato.

Tace il canto sul Bosforo,

lento scorrer d’acque

salmastre sotto i ponti,

com’il pianto della sposa tua

ch’al mondo grida vendetta.

Ma il mondo tace

e volge indietro la fronte

di Janus Bi-front .

Ti chiamavi Khashoggi? 

 

*

 

 

THE FACES OF VIOLENCE

 

  • About women

Durty sidewalks and faceless people,
prey and predators go
immune and they do not know
of the stink around them,
they pretend or ignore.

 

Crawl shadows in the night,
the city never sleeps,
it feeds on blood as a monster.

Women poured out there where it was
the last light before the hill,
shadows slip and there is no forgiveness.


Women left there without memory:
a child cries
rejected from the womb,
of the father ignores the face.

 

White flowers tomorrow on the puddle
will bring someone
as a gift, maybe there will be
another choir to stand up
in heaven, but for those who die
there is no forgiveness.

 

 

  • About Children

I chose a blank sheet
to mark every minute.
How raw it was
for those with a smile
denied and every game
inhuman deception
among rained bombs
from the sky!

 

Shines through mists
of gas and dust
a hellish circle
with a contracted time;
the sun even
smells of black silence,
where only a roar
accesses the sky.

 

Syria and Yemen
have infants dead,
children born
without education,
left to hell
of a lost world
in desperation.

 

  • About a journalist

Are you there buried
from lies?
The desert wind
so far brought you
banned from arid lands
not just of hearts,
but of dunes.

 

Kiz Kulesi welcomed you
in its brown waters,
scarlet drops
in the night on the Bosphorus.


Dissolved body
from bloody hands
and without a name ...

Pays the gallows now
who perhaps is at fault
of having been sent.


The song on the Bosphorus is silent,
slow flow of water
brackish under bridges,
as the cry of your bride
the world cries out for vengeance.
But the world is silent
and turns his forehead back
of Janus Bi-front.
Was your name Khashoggi?

 

*

Notre-Dame degli innocenti

     Notre-Dame degli innocenti

 Image may contain: sky, cloud and outdoor

 

Non ho offerto rose 

né messaggi pasquali, 

nient'è da festeggiare... 

Polvere tra macerie ho raccolto. 

 

Getto la penna allo sconforto 

tra vecchie mura in fumo 

e gente ieri saltata in aria, 

persone senza volto.

  

Anche il silenzio tace, 

ora sepolto tra tizzoni ardenti, 

tra roghi e bombe dementi, 

tracce d'inutile storia. 

 

Tutto s'avvita senza pace, 

anche l'antica memoria, 

quando l'uomo getta via 

ogni  traccia di gloria.

 

                 * 

 

Notre-Dame of the innocents 

 

I didn't offer roses
nor Easter messages,
nothing to celebrate...
Dust among rubble I collected. 

 

I throw the pen to discouragement
between old burning walls 

and people blew up yesterday,
faceless people. 

 

 

Even the silence is more silent,
now buried among burning embers,
among flames and insane bombs,
traces of useless history. 


Without peace everything lies
also ancient memories
when men throw away
every vestige of glory.  

 

By Franca Colozzo

 

   Easter massacre, new explosion in Sri Lanka: "Local jihadists behind the attacks"

Image may contain: sky and outdoor

 

*

Perdersi per ritrovarsi

Perdersi per ritrovarsi

 

Grumi di sole, luce, calore…

Briciole di momenti sospesi

a rimirare l’orizzonte

in curvatura di pensieri… 

 

Perdersi nelle onde

metafisiche della mente

e ritrovarsi in un battito d’ali. 

 

Perdersi nel tempo

di pensieri assorti o assenti

in voragini dementi.

 

Perdersi in un’alba o in un tramonto

nei giochi di nubi sfrangiate,

nel sospiro d’un fiore appena sbocciato.

 

Perdersi nel silenzio d’una sera,

colta sul farsi d’un istante,

nelle ombre o nella luce

che avanza tra nomadi scintille.

 

Perdersi per ritrovarsi ancora

nella serenità dell’ora

che con le dita la sera sfiora. 

 

                    *

 

Get lost to find yourself

 

 

Lumps of sun, light, heat ...
Crumbs of suspended moments
to look at the horizon
in curvature of thoughts... 

 

Get lost in the waves
metaphysics of the mind
and find yourself in a heartbeat. 

 

Get lost in time
of absorbed or absent thoughts
in demented chasms. 

 

Get lost in a sunrise or sunset
in the games of frayed clouds,
in the sigh of a blossoming flower. 

 

Get lost in the silence of an evening,
caught on the making of an instant,
in the shadows or in the light
advancing among nomad sparks. 

 

Get lost to find yourself again
in the serenity of the hour
that with the fingers touches the evening.

 

 By Franca Colozzo

 

       

L'immagine può contenere: cielo, oceano, nuvola, crepuscolo, spazio all'aperto, natura e acqua

*

Bagliori di vita

 

L'immagine può contenere: pianta, cielo, albero, fiore, nuvola, spazio all'aperto e natura

A painting by Armando Orellana

 

BAGLIORI DI VITA 

 

Primavera,

incanto di vita.

Libero volo in picchiata

di garrule rondini marine

sul mare che si risveglia

dall'incredulità sopita.

 

Tutto preme e si rallegra

nel grembo della terra,

e dentro il fermento delle acque:

gestazione e tempo di sorprese

di memorie arcaiche.

 

Il risveglio accende di bagliori nuovi

le dure zolle brulle

e sulle spiagge abbandonate al sole

ardono fiammelle antiche.

 

   

                                                        * 

Flashes of life

Spring,

spell of life.
Free dive dive
of sea swallows
  on the sea that wakes up
 from the dormant disbelief.

 

Everything presses and rejoices
in the womb of the earth
or inside the ferment of waters:
gestation and time for surprises
of archaic memories.

 

The awakening lights up with flashes
the new hard clods
and on the beaches,

abandoned in the sun,
ancient flames burn.

 

By Franca Colozzo 

 

 

 

*

Onde primaverili#poesiapoeti

                       Onde primaverili#poesiapoeti

 

 L'immagine può contenere: oceano, cielo, spiaggia, spazio all'aperto, natura e acqua

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                    Ras Al Khaimah (Emirati Arabi Uniti)

 

 

Oscilla il suono com'in conchiglia,

echeggia d'onde.

 

Parla greve il silenzio con voce d'ombre, 

da lontane sponde.

 

Raschia le tenebre sommesso fragore,

oltre cosmica luce.

 

Galoppano idee, selvaggi marosi,

ancora in nuce.

 

S’incamminano pensieri numerosi,

erranti in ogni dove.

 

Arido profumo porta con sé il vento,

aspro di sale.

 

Si frange il mare in un glauco lamento

di tenue schiuma.

 

Sento nell'aria un tono in crescendo

di primaverile fioritura.

 

 

              *

 

 

    SPRING WAVES

 

Rocks the sound as in a shell,
echoes of waves.

 

Silence speaks heavy with a voice of shadows,
from distant shores.

 

Scrapes the darkness subdued roar,
beyond cosmic light.

 

Gallop ideas, wild waves,
still in embryo.

 

My thoughts are moving,
wandering everywhere.

 

Arid scent brings with it the wind,
sour with salt.

 

The sea is fringed in glaucous tear
of soft foam.

 

I feel a growing up in the air
of spring flowering.

 

Free translation by Franca Colozzo

*

Gratitudine

 

La gratitudine è un'attitudine dello spirito che è innata e va accresciuta nel tempo.

 

  *

 

Gratitude is an attitude of the spirit that is innate and must be increased over time.

 

*

Proserpina

                         PROSERPINA
 

  L'immagine può contenere: fiore, pianta, natura e spazio all'aperto

 

 

Rosee corolle schiuse

spuntano a sorrisi nuovi,

tremuli farfalle al sole,

essenze fresche di stagione,

timido assaggio dell’ora

che a mezzodì volge.

Molle si leva un sospiro

tra zolle indurite dal gelo,

fremito udibile appena.

 

Si scioglie la morsa

e il pensiero si frange

su sponde odorose,

spuma tenue nel silenzio

che sospira nell’ombra

e s’affaccia stupito

alla luce che avanza.

Proserpina incede lieve

a passi di danza.

 

 

*

 


Opened rosy corollas
appear with new smiles,
flickering butterflies in the sun,
fresh seasonal essences,
shy taste of the hour
that at noon turns.
A soft sigh rises
among clods hardened by frost,
hardly audible thrill.

 

The grip melts
and the thought breaks
on fragrant banks,
soft foam in the silence
sighing in the shade
and it looks astonished
in the light that advances.
Proserpina slightly moves
through dancing steps.

 

By Franca Colozzo

*

L’istruzione femminile-Female education and its cultural...

L'istruzione femminile ed i suoi limiti culturali.


Per quanto concerne i generi e le differenze culturali ad esempio in merito alle donne indiane, ritengo che sia difficile sdradicare alcune attitudini anche istruendo le donne in quanto dovrebbero essere i governi nazionali a prospettare un serio piano educativo, spingendo le donne verso culture di parità di genere. Dove alligna l'ignoranza diffusa tra la popolazione, là alligna il maschilismo e la tendenza a relegare la donna in ruoli subalterni. Studiando per un esame di architettura anche l'antropologia culturale (le radici culturali dell'urbanizzazione), mi sono resa conto che pochissime società tribali sono matriarcali (come dovrebbe essere impostata tutta la società, attribuendo il cognome materno alla prole, dato che, come recita il proverbio, "Mater semper certa est, pater numquam", ovvero la madre è certa dal momento che lei genera, il padre no).

Se non vado errata, in Israele viene attribuita alla prole il cognome materno. Se non ci liberiamo dai fantasmi del maschilismo, istituiti dalle varie religioni (l'induismo non ne è esente, attribuendo valore a delle statuette votive, del tipo Madre Terra e non alla donna reale) e mai realmente debellati, ci saranno sempre sacche di ignoranza e disuguaglianze di genere. Questo è il mio pensiero alla luce della mia personale esperienza di vita ed agli studi di antropologia culturale, psicologia e filosofia che hanno fatto da corollario alla mia preparazione globale.

 

 

L'immagine può contenere: fiore, cielo, pianta, nuvola, natura e spazio all'aperto

 

 

 

Female education and its cultural limits.

 


  Regarding the genders and cultural differences for example about Indian women, I think it is difficult to undermine certain attitudes also by educating women as it should be the national governments to propose a serious educational plan, pushing women to cultures of equal gender. Where the widespread ignorance of the population is located, masculinism and the tendency to relegate women to subordinate roles are there. Studying for an architectural examination also cultural anthropology (the cultural roots of urbanization), I realized that very few tribal societies are matriarchal (as should be the whole society, attributing the maternal surname to the offspring, since, as reads the proverb, "Mater semper certain est, pater numquam", or the mother is certain from the moment she generates, the father is not.) If I do not go wrong, in Israel the mother's surname is attributed to the offspring. from the ghosts of machismo, established by the various religions (Hinduism is not exempt, attributing value to votive statuettes, of the Mother Earth type and not to the real woman) and never really eradicated, there will always be pockets of ignorance and gender inequality This is my thinking in the light of my personal life experience and the studies of cultural anthropology, psychology and philosophy that have acted as a corollary to my overall preparation.

 

 

 

*

Giornata delle Donne - Women’s Day

                                  GIORNATA DELLE DONNE

 

Auguro a tutte le donne una giornata luminosa all'insegna della consapevolezza del ruolo che esse svolgono all'interno della società, auspicando che cessi la violenza nei loro confronti.

 

https://www.linkedin.com/in/franca-colozzo-55022459/detail/recent-activity/shares/

https://www.youtube.com/watch?v=91Is9LpARI4

 

 

L'immagine può contenere: fiore, pianta, cielo, nuvola, natura e spazio all'aperto
 

 

WOMEN'S DAY

 

I dislike parties, so odd I am indeed,

women's day on my list takes the lead,

because every day talking you feel

about murdered women in this hell.

 

Why do women want to celebrate

if in the world there are so many abuses?

Killed, raped women and child brides,

men do not care much about hate...

 

Every day news they say

to make me feel really ill.

I cannot defend my

 daughters so far away.

 

 

So it seems to me blasphemous

to pretend gender parity there is

I've found some life solutions:

I vainly fought a lot of battles,

I see no way out of this ford

that's why I ask a big reset

for every bad man to forget.

 

 

*

 

 

 

    FESTA DELLE DONNE 

 

 

 

 

 

Sono una donna che non ama le feste: 

 

la festa della donna della lista è in testa, 

 

perché ogni giorno si sente parlare 

 

di disgraziate, ammazzate o abusate. 

 

 

 

Perciò mi sembra strano festeggiare 

 

quando nel mondo ci son tanti soprusi: 

 

di spose bambine, uccise o stuprate, 

 

par che importi poco a lor signori…  

 

 

 

Ogni giorno di notizie un tamburellare 

 

da farmi stare veramente male, 

 

se penso che anch’io ho due figlie, 

 

proteggerle non so da mille miglia. 

 

 

 

Perciò mi par inutile e blasfemo 

 

finger d’esser sullo stesso treno. 

 

Per me che mi son fatta una ragione 

 

e ormai ho combattuto ogni tenzone, 

 

non vedo via d’uscita da ‘sto guado 

 

se non fare un reset vostro malgrado.

 

 

 

https://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Poesia&Id=47768 

https://www.linkedin.com/in/franca-colozzo-55022459/detail/recent-activity/shares/

 

 

Purtroppo le donne hanno paura, specialmente in presenza di figli, di denunciare le violenze domestiche, anche perché economicamente rappresentano l'anello più debole all'interno del nucleo familiare. Dedico a tutte le donne questa mia poesia scritta in occasione dell'8 marzo, giorno in cui si celebra la loro festa. 

  

TODAY IN ITALY WE REMEMBER VIOLENCE AGAINST WOMEN. SO I WANTED TO FOCUS ON THE PRESSING ISSUE THAT DOES NOT ONLY OCCUR IN ITALY, BUT IT IS A GLOBAL EMERGENCY THAT NEEDS A COLLECTIVE RESPONSE AGAINST GENDER INEQUALITIES.

 

*

Gocce di Primavera - Drops of Spring

  GOCCE DI PRIMAVERA  -  DROPS OF SPRING  

 

foto di Franca Colozzo.

 

 

Il biancospino canta
all'alba e risuona
per gli uccelli di rovo,
di bianchi fiori adorno 

ancora in boccio:
sol uno è nato a prima sera 

mentre fischiava la cinciallegra.

 

La primavera avanza nello spazio: 

Marzo è coda d'inverno,
e tutt'intorno brillano in un lampo

fioriture a sprazzo.  

 

La memoria è sbiadita a gennaio,
breve inverno ghiacciato.
Morde il freno della stagione
questa primavera che m'allevia
con il cinguettio,
all'alba e a sera,
di uccelli intorno ai nidi
sugli alberi, vicini fidi.

 

                                                          *

 

 

 DROPS OF SPRING   

 

The hawthorn sings
at dawn and plays
with the bramble birds
adorned of white flowers,
still in bud:
only one has flourished
at the first evening
when the great tit was trilling. 

 

March is the tail of winter,
spring advances in space
and all around flowers
sparkle in a flash. 

 

The memory is faded in January,
a short iced winter.
 It bites the brake of the season,
 Spring that relieves me
with the chirping,
at dawn and in the evening,
of birds around the nests,
 of my house trusted trees. 

 

By Franca Colozzo

*

The shell of Time - La valva del Tempo

La valva del Tempo  

L'immagine può contenere: oceano, cielo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua 

 

Oscilla il suono nella valva,

risuona di vibrazioni d’onde.

Il silenzio con voce muta parla

sopra un deserto d’ombre.

 

Raschia con rumore greve,

lento si posa il suo respiro lieve,

spire di pensieri al galoppo,

 selvaggi marosi come schioppo.

 

La loro corsa arrestar vorrei,  

ma vengo risucchiata sulla riva.

Tesse la notte coralli di sogni,

sospesi a filamenti di menzogne.

 

Sull’ampia conca di mare,

s’apre il giorno a nuove spire,

contratto è lo spazio al limitare

   d’un tempo tra brume a veleggiare.

 

 

*

  

    The shell of Time   

 The sound in the shell oscillates,
sounds of waves vibrations.
 Silence in a silent voice speaks
above a desert of shadows.

 

 

It scrapes with heavy noise,
Slow takes his light breath,
  tired coils of thoughts at a gallop,
wild waves like whiplash. 

 

 

I would like to arrest them,
but I get sucked on the shore.
 Weaves the night corals of dreams,
suspended in filaments of lies.
 
On the wide sea basin,
the day opens up to new turns,
contract is the space to limit
of a time between mists to sail.

 

By Franca Colozzo

 

 

 

*

Ruhun Rengi

                          https://www.larecherche.it/utente_pubblica_testo_modifica_form.asp?Id=50972&Tabella=Poesia    

         L'immagine può contenere: nuvola, cielo e spazio all'aperto

                          *Poesia da me riveduta e tradotta in turco e in inglese. Il titolo in turco significa: Il colore dell'anima

 

   Il colore dell’anima 

 È blu il colore dell’anima?

Del cielo sentieri accarezzo:

tracce chimiche perverse.

Cerco sui fondali

incontaminata pace,

ma plastica mi ritrovo

   in filamenti tra le dita…

Poveri pesci ansimanti!

  Oltre non vanno,

     oltre non sanno…

 

Uomo mendace!

Soggiace alla noia

 un flusso d’alghe.

Strappo al buio

un lembo d’azzurro,

blu specchio di cielo

nell’anima riverso.

È là che ogni cosa giace,

riflesso della mente,

dove pensieri vagano fallaci.

 

Là mi rifugio

quando tutt’attorno

brulica di sterchi,

umane escrescenze.

  A natura  impura

   l’uomo ormai soggiace.

 

*

Turkish version:

  Ruhun Rengi  

 

 Ruhun rengi mavi mi?

 Okuduğum gökyüzü izlerin:
sapık kimyasal izler.
Deniz tabanını arıyorum
bozulmamış barış,
  ama parmaklarımda arasındaki 
      plastik buluyorum filamentlerde...

 

Zavallı, nefes nefese balık!
gitmiyor, 
ayrıca bilmezler ki ...
Mendacious adam!
Sıkılıyor
bir alg akışı.

Karanlıkta gözyaşı
mavi bir şerit,
mavi gökyüzü ayna
döktü ruhunda.
Her şeyin yattığı yer orası.
aklın yansıması,
Düşüncelerin yanlış gittiği yer.

 

Oraya sığınıyorum
ne zaman etrafta
dışkı ile kaynıyor 
insan çılgınlık .
Doğayı saflaştırmak gerekir. 
Adam şimdi yalan söylüyor...

 

*

English version: 

 

 

                                   THE COLOR OF THE SOUL  
  

Is the color of the soul blue? 

Of the sky trails I caress: 

perverse chemical traces. 

I'm looking for the seabed 

pristine peace, 

but plastic I find myself 

     in filaments between the fingers ... 

 

Poor, panting fish! 

Besides they do not go, 

   besides they do not know ... 

Mendacious man! 

He is bored 

a flow of algae.  

Tear in the dark 

a strip of blue, 

blue sky mirror 

in the poured soul.

 

That's where everything lies, 

reflection of the mind, 

where thoughts roam fallacious. 

I take refuge there 

when all around 

it swarms with staves, 

human excrescences.  

To impure nature 

 the man now lies...

 

by Franca Colozzo

*

Sordo inverno

 

SORDO INVERNO

 

 L'immagine può contenere: nuvola, cielo, neve, spazio all'aperto e natura

                               
 
E' passato sordo l'inverno,
al fievole calore del sole,
al pianto disperato su un barcone.
 
Ho attraversato la moria
che m'ha consunta dentro,
freddo, ghiaccio e neve,
tra contorte membra,
covano frutti a breve.
 
Triste, oltre il confine
dei sogni m'ha guardato,
duro e tagliente com'ascia,
ansie non ha sedato
in lunata di sorgente.
 
Accende vampa ardente,
nuova vita in mano,
or ch'a primavera s'arrende.
 
                *
 

DULL  WINTER

 

Winter is deaf 
to the faint heat of the sun,
to the refugees' crying.

 

I went through mortality
that has consumed me inside,
cold, ice and snow,
among contorted limbs,
will produce fruits soon.

 

Sad, over the border
of my dreams, it looked at me,
hard and sharp as it is,
it didn't sedate my anxieties 
in the breast of my source.

 

It ignites a burning flame,
new life in hand,
when springtime arrives.

 

Franca Colozzo

 

 L'immagine può contenere: cielo, albero, pianta, natura e spazio all'aperto

*

Tsunami

Tsunami

 

L'immagine può contenere: oceano, acqua e natura 

 

Nel gorgo dei miei sogni

  mi consolo, paga di poco.

Con invisibili ali 

 monti e mari sorvolo,

dove dolore affogo.

 

Trasformo in onde l’amore

e lascio sulla riva

d’alghe moria,

stracci d’amarezze,

prede di gabbiani

appollaiati lontano

su un sasso solitario.

   Fluttuando sul mare, 

  insieme ad altre gocce 

divento uno tsunami.

 

 

*

 

 

Tsunami 

 

In the swirl of my dreams

I console myself in a bit!

With invisible wings,

overfly mountains and seas 

where I drown my sorrows.

 

 I change Love into waves 

and leave on the shore

 of algae a bit,

rags of bitterness,

preys of seagulls

perched far away

on a lonely rock.

  Floating on the sea,

 with other drops 

I turn into tsunami.

 

by Franca Colozzo

 

 

 

*

#Foibe_Marinella

In ricordo degli eccidi delle Foibe affinché la memoria

non passi come un’ombra sul tetto della nostra casa.

 

 

 #Foibe_Marinella  

 

Dal freddo e dal terrore,
 ignari della sorte,
a passi spediti,
 in fuga dalla morte
verso terre straniere,
lasciammo stracci  
di ricordi e case avite.
Prendemmo il sentiero
dalla vita tracciato
coi bimbi in braccio,
 in fuga dall’addiaccio,
dall’abbraccio mortale
 dei carnefici slavi.
 
Per l’ultima volta,
Marinella, d’un anno,
sgranò i suoi occhi,
spirò senza gloria
e senza rintocchi
 nel campo di Padriciano.
Tra stenti ed affanni,
ci accolse l’Italia,
che però non pianse
 sull’esodo infame,
oltreoceano ci spinse,
 verso terre lontane.
Delle Foibe di Fiume,
 di Gorizia e d’Istria
per tanta vergogna
s’era persa memoria,
riesumata da poco
 dai libri di Storia.
 
 
La Storia si ripresenta sotto varie spoglie, ma la crudeltà umana è un'invariante che si manifesta sempre con le stesse modalità: indifferenza e oblio, salvo che poi ci sia una riscossa della coscienza umana che faccia prevalere un senso di giustizia.

 

*

TerraMare

                            TerraMare
 

 L'immagine può contenere: oceano, acqua, cielo, nuvola, spazio all'aperto e natura

 

 Il solco nella terra

pare un'onda

   che la scogliera serra. 

S’inabissa la cresta,

schiuma, esonda,

  iride traccia in aria. 

Ritorta radice 

   avvolge di serpente

   salda sembianza. 

 Glebe e onde

 covano fioriture

   in seminate sponde.

 

 

*

 

 

  Land &Sea

 

   A furrow in the earth
  looks like a wave
   that the cliff grabs.

The crest sinks,
  fizzles and irises
 track in the air.

Twisted root,
wraps of snake
solid appearance.

Plates and waves
hatch blooms
 in seeded banks.

By Franca Colozzo

 

 

*

Spose bambine - Child brides

https://lnkd.in/d6zJzsM
 

L'immagine può contenere: fiore, pianta, spazio all'aperto e natura

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6497570349599715328/

 https://www.facebook.com/franca.colozzo

 

 

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, spazio all'aperto e natura L'immagine può contenere: una o più persone e persone seduteL'immagine può contenere: 6 persone, persone in piedi e matrimonio

 

Spose bambine,

   brividi di luce gelsomini,

tra rovi ed ortiche di un’infanzia

spenta di gioie,

ad aridi uomini pervertiti

gingilli dati in dono.

 

Spose bambine

dall’infanzia rubata

alle favole e ai sogni,

per voi la stagione

dei ciliegi in fiore,

ancor prima di nascere,

 è già sfiorita.

  

 *  

 

Child brides,

chills of light jasmines,  

amid brambles and nettles

of a childhood off of joy,

to arid pervert men,

like toys, as a gift given.

 

Child Brides,

from stolen childhood

to fairy tales and dreams,

for you the season

of cherry trees in bloom,

before being born,

it is already gone.  

 

By Franca Colozzo

Il matrimonio infantile è un problema mondiale. Ogni 7 secondi una bambina è obbligata a sposarsi.

Il matrimonio infantile è una pratica tradizionale effettuata in numerosi paesi e presuppone una grave violazione dei diritti dei bambini e delle bambine. Impedisce la libertà fisica della persona, cosi come la capacità di decidere per il proprio futuro.

Sempre più in aumento il numero di casi di spose bambine.

•Ogni sette secondi una bambina viene data in sposa forzatamente;

•Il 14% delle bambine, in paesi sottosviluppati, vengono date in sposa prima di compiere 15 anni;

•Una su tre, è obbligata a sposarsi prima di compiere 18 anni;

Se questa situazione rimane tale, nel 2020 il problema coinvolgerà più di 140 milioni di bambine, che saranno obbligate a contrarre matrimonio forzato in età prematura.

 

                                                                  *

 

 

Child marriage is a global problem. Every 7seconds a child is forced to marry.


Child marriage is a traditional practice carried out in many countries and presupposes a serious violation of the rights of children and girls. It prevents the physical freedom of the person, as well as the ability to decide for their future.

 

The number of cases of child brides is increasing.
• Every seven seconds a girl is forced to marry;
• 14% of girls in underdeveloped countries are married before they are 15 years old;
• One in three, is obliged to get married before turning 18;
If this situation remains so, in 2020 the problem will involve more than 140 million girls, who will be forced to contract forced marriage at an early age.

 

 

 

*

A mio padre #GiornoMemoria

*Poesia rivisitata e rivista con l’apporto di modifiche da parte dell’autrice, Franca Colozzo. 

 

 A mio padre #GiornoMemoria 

 

L'immagine può contenere: spazio all'aperto e acqua 

 

Padre, sarà la sera o la malinconia

per la pioggia che scende leggera,

dei tuoi racconti sulla prigionia

 tedesca or mi sovviene…

 

Aspri e concisi come la memoria

 rovente d’angoscia e d’amarezza.

Ora capisco… E il tempo

ch’è passato dalla tua morte,

son già quasi trent’anni,

mi copre d’un velo di tristezza.

  

Dolore è inciso nella mia memoria,

di sevizie flebile un lamento

  giunge a me da lontano assai: 

  muto un canto stringe

parvenze d’uomini invano.

 

Ora che un pugno d’ossa

sei nell’urna,

 piango sulle tue ceneri,

penso alla croce

 che ti posi addosso,

 quando la tua salma 

fu calata nel fosso.

 

Infelice m’appare ora la vita

or che le tue parole più non odo

e delle preci solo voce mesta

 nella mia mente desolata resta.

 

 

 

*

Olocausto - Holocaust #GiornoMemoria

Poesia “Olocausto - Holocaust” #GiornoMemoria, rivisitata e corretta. 

 

L'immagine può contenere: spazio all'aperto 

 

 

OLOCAUSTO

 

 

Olocausto non è una parola vuota,

non solo d’infamia memoria,

non solo di compianto cerimonia…

 

Olocausto è la persecuzione,

del popolo ebraico genocidio,

sciagura senza soluzione,

diaspora e devastazione.

 

Non c’è Pace nella Terra Promessa.

Né destino per un popolo obliato!

Palestina or piange i morti suoi,

 Israele invade nuovi territori.

 

Odio genera odio:

s’avvita la spirale di violenza

e l’Intifada al vento si dilata

per l’umana usual demenza.

 

Così di Siria la guerra cruenta,

che dissemina morte e distruzione,

affonda nella Terra Promessa

le radici d’una mala spartizione.

 

 

 *

   

HOLOCAUST

 

Holocaust is not an empty word,

not a painless memory,

not only a mourning ceremony.

 

Holocaust is persecution,

genocide of Hebrews,

distress without conclusion,

diaspora and consumption.

 

No Peace in the Promised Land!

No fate to forgotten people!

Palestine its dead complains,

Israel new territories raids.

 

Hatred breeds hatred:

twisting the spiral of violence

the Intifada inflates itself

of human endless madness.

 

The bloody Syrian war

spreads death and devastation

and sinks in the Promised Land 

the roots of a bad division.

 

By Franca Colozzo

 L'immagine può contenere: 2 persone, folla e spazio all'aperto

 

 

 

 

*

Penso a te, padre #GiornoMemoria

 

Mio padre Giovanni Colozzo, ufficiale della Marina Italiana, fu catturato dai nazisti, dopo l'Armistizio dell'8 settembre 1943, perché non voleva arruolarsi nella repubblica di Salò. Dopo più di un anno in diversi campi di concentramento in Polonia e in Germania, fu liberato dai russi. Morì in Italia all'età di 67 anni nel 1990  a causa di enfisema polmonare, in seguito alle sofferenze subite nei campi, al gelo, etc.

Solo un anno fa ha avuto la medaglia alla memoria che sono riuscita, grazie all'aiuto di un caro amico ed alle sue ricerche in archivi tedeschi per ricostruire l'iter della  sua prigionia, a fargli ottenere dal Presidente della Repubblica Italiana.

Ecco la mia poesia, che rappresenta il mio tributo a lui e a tutte le vittime della follia umana!

 

 

 

    PENSO A TE,  PADRE… 

Giorno della Memoria

 

 

   Penso a te, padre, e più non vedo luce…

Oltre la siepe che conduce al campo,

s’alza sommessa voce come pianto

e s’incamminan ombre nel mattino.

 

Desolato fu quel giorno sì lontano!

Tu patisti per la prigionia

colpe non tue, ma rifiuto al soldato

di celebrare ancora un rito ingrato.

 

 Non guerra, ma sorrisi dalla vita

chiedevi in quell’età che arride

al tempo gaio della primavera,

copiosa di messi e fioriture.

 

  Uomini, donne, vecchi e infanti…

 Numeri in coda di poveri fantocci,

     dall’ignominia umana messi al bando,

                                  sfilano in processione come morti.                                                                                                                                          

 Esser nazisti oggi suona strano…

Eppur ritorna ancora integra l’onta

  quando si nega anche un tozzo di pane

al migrante respinto all’altra sponda.

 

 

  

*

  

  * Free translation 

 

 Thinking of my father...

DAY OF MEMORY

 

  

  I think of you, father, I no longer see light ...

Beyond the hedge leading to the field,

it rises a low voice like a cry

in the down sad shadows, I see.

 

Desolate was that day so far away!

You suffered due to confinement

for faults not yours, but repulsion

 for an unjust and cruel war.

 

Not war, but smiles from life

you wished at that age

dreaming of Springtime,

copious of crops and blooms.

 

Men, women, old and infants ...

Only numbers of poor puppets,

 banned by human ignominy,

in procession as passed away.

 

To be Nazi sounds strange today  ...

And yet the shame again returns

when even a piece of bread is denied

to migrants rejected on the other side.

      

By Franca Colozzo

 

 

My father Giovanni Colozzo, officer of the Italian Navy, was captured by the Nazis, after the Armistice of September 8, 1943 because he did not want to continue to fight for the republic of Salò.

After many months in different Nazi camps, he was freed from the Russians, but died prematurely in Italy due to lung emphysema, following the suffering suffered in concentration camps, in the frost, etc.
Only a year ago he had the medal in memory that I managed, thanks to the help of a dear friend, to let him got from the President of the Italian Republic. This poem of mine represents my tribute to him and to all the victims of human folly!

 

 

*

Mercanti di Morte

                              Mercanti di Morte  
 

L'immagine può contenere: oceano, fiore, spazio all'aperto, acqua e natura 

 

Assopito al sole, l’albero antico

 braccio stecchito leva

a mo’ di preghiera.

Ai monti volge lo sguardo

in attesa di gemme nuove.

Gennaio geme sopito,

scricchiola nel nodoso ramo

e si rabbuia.

 

Navigano in cielo nuvole,

si srotolano leggere

al freddo vento di tramontana.

Corre  sul mare un brivido,

increspa onde e s’allontana

mentre la vita,

al destino dei barconi

lascia amara partita.

 

Ancora fiori fluttuano

sul Mare Nostrum,

ora d’infanti, donne

  e d’uomini giaciglio,

a morte condannati

dalla disperazione.

 

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6493189766836678656/?commentUrn=urn%3Ali%3Acomment%3A(activity%3A6493189766836678656%2C6493254327254294528)

 

 

foto di Franca Colozzo.

 

Death merchants 

 

Asleep in the sun, the old tree
raises as a prayer
the dead arm.
The gaze it turns to mounts
waiting for new gems.
January dormant moans
creak in the gnarled branch
and the air gets dark.

 

The clouds in the sky
lightly unroll themselves
in the cold north wind.
A thrill runs on the sea,
ripples waves and goes away,
while migrants' life,
to the fate of the boats,
leaves a bitter match.

 

Still flowers float
on the Mare Nostrum,
now crib for infants,
women and men
condemned to death
from desperateness.

 

By Franca Colozzo

 

*

Giovinezza amante

 

GIOVINEZZA AMANTE 

 

 

L’Altino s’è disvelato al sole,

nella luce che scivola

indolente lungo i declivi,

coi cristalli di ghiaccio

a luccicare, tremuli sulle cime

di faggeti e querce,

simili a sprazzi sul mare.

Un fremito percorre la marina,

di fresco vento in rotta

sul Golfo di Gaeta cinto

dai monti, baluardo antico

ai geli che da settentrione

scendono fin giù a meridione.

Dell’alba il respiro ancora lieve

m’entra in petto e, capinera,

vola il pensiero verso lontane

rotte, desertiche e assolate.

L’inverno cova sogni come semi,

ma del freddo pungente

non vesto più le chiome

mie, lunghe e tardive,

come la memoria

di giovinezza amante,

ancor bruciante e viva.

 

 

*

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6491353979639996416/

  YOUTH  LOVER

 

Altino Mount appeared

to me in the sunrise,
in the light that slides
indolent along the slopes,
with ice crystals
gleaming, flickering on the tops
of beeches and oaks,
similar to flashes on the sea.


A thrill runs through the marina,
of fresh wind in route
on the Gaeta Gulf surrounded

from the mountains, ancient barrier
to the frost that from the north
goes down to the south.

 

Dawn breath still light
enters my chest and, blackcap,
my thought fly far away
towards sunny routes.

 

Winter hatches dreams as seeds,

but of the bitter cold
I wear its long hair,
belated like memory
of youthful lover
in me still burning and alive.

 

By Franca Colozzo

 

 

 

*

Ossessione d’amore - Love Obsession

              
  
Ossessione d’amore
 

Ci teniamo per mano,

esuli dalla vita,

sui sentieri del tempo.

Ossessione da baci,

 carezze impresse sulla pelle,

mai stanche e rapaci,

dalle maree portate

sulle rive d’oggi in morìa.

 

Seppelliamo l’ansia dei giorni

in anfratti a noi cari,

ai margini dei pensieri,

tristi messaggeri

oltre il guado,

oltre l’ansa del fiume

che al mare ci porta,

inesorabile onda.

 

Àtropo intanto la tela

tesse, del filo

 ignoriamo il taglio

con lucide cesoie.

Attesa seppelliamo

in un guizzo di luce

 che dal mare s’irradia

 tra voli di rondini,

  ebbre di sole,

   giù in picchiata.

 

 

*

 

 


Love Obsession 

 

We hold hands,
exiles from life,
on the paths of time.
Love obsession,
caresses impressed on the skin,
never tired and rapacious,
from the tides brought
on the shores of today in blight. 

Let us bury the anxiety of the days
in shelters to us dear ones,
on the edge of thoughts,
sad messengers
beyond the ford,
beyond the bend of the river
that brings us to the sea,
inexorable wave. 

Àtropo the canvas
weaves, of the thread
we ignore the cut
with shiny shears.
Waiting, we bury
in a flash of light
that radiates from the sea
between flights of swallows,
sunburnt, down in a swoon.

 

By Franca Colozzo

 

 

  

AUGURI  -  Burj Al Khalifa, DUBAI

 

 

*

AUGURI alla Redazione e a tutti gli Autori.

  • Possano questo Natale e l'Anno Nuovo dispensare a voi tutti ogni bene e felicità.

    May this Christmas and the New Year give you all good and happiness.⭐️🎄🥂
     
     
    L'immagine può contenere: testo
     
     
    Auguro a tutti voi una domenica luminosa. Recupera l'amore dentro di te per tutte le persone e per chi ti è vicino.

    Gli occhi del cuore guardano attraverso la mente e questo è ciò che influenza ogni nostra azione nel bene e nel male. 
    Il mio pensiero per il 2019 è nel segno della pace e dell'amore per i bambini, per le donne vittime della violenza (molte nel mondo!) e per l'intera umanità sofferente.
    Il nuovo anno è dalle UN dedicato a tutti i bambini del nostro pianeta. Possa Dio aiutare le menti umane e indirizzarle verso la via della Pace e dell'Amore.
                                                                                        FELICE 2019 a tutti voi e alle vostre famiglie.

     

      

    My dear friends,
    Wishing you and your families a bright Sunday, recover the love inside of you for all the people and for those close to you.
    The eyes of the heart look through the mind and this is what influences our every action in good and bad.
    My thought for 2019 is in the sign of peace and love for children, for women victims of violence (a lot in the world) and for all suffering humanity.
    The new year is from UN dedicated to all children on our planet. May God help human minds and direct them towards the path of Peace and Love.

                                                                                            HAPPY 2019 to you and your families.

     
  •  

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6481213799331303424/?commentUrn=urn%3Ali%3Acomment%3A(activity%3A6481213799331303424%2C6481227312024031232)

 

*

Non amo del Natale…

Poesia del 2017, riveduta e corretta, con inserimento della versione in lingua inglese, liberamente tradotta dalla sottoscritta.

 

  L'immagine può contenere: fuochi_d'artificio, notte e spazio all'aperto

 https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6481213799331303424/

 

 

NON AMO DEL NATALE … 

Non amo del Natale… quel falso buonismo,

quella smania sfrenata di consumismo

come fuoriusciti da guerra o fame,

quelle luci sospese ad estasiare

  adulti-bambini cresciuti male

omologati in conformismo,

  inutili regali reclamizzati

   da media e televisori.

 

Inclini al consumismo,

schiavi d’invisibili padroni,

crediamo d’essere migliori…

Ipocriti, demoni o devoti,

spinti ad oltrepassare soglie

sacre, nell’anno mai varcate,

bramiamo una benedizione

che ci scrolli di dosso

ogni cattiva azione.

 

Così l’ignavo passa la sua vita

  di Natale in Natale.

Vedessi che fatica piluccare

il panettone, recitar un’orazione,

dare un obolo per assuefazione,

fregandosene di poveri emarginati

di massacri d’infanti in Yemen e Siria

e di continue ecatombi di migranti! 

 

* 

 

   OF CHRISTMAS I DO NOT LOVE...

 

     I do not love of Christmas... that false goodness, 

that craving unbridled by consumerism 

like escaped from war or hunger, 

those lights suspended to entrap 

adult-children badly grown up  

with useless gifts advertised 

from media and televisions.  

 

Incline to consumerism, 

slaves of invisible masters, 

we believe we are better... 

Hypocrites, demons or devotees, 

pushed to go beyond holy thresholds 

never crossed in the year, 

we crave a blessing able  

to take us off any bad action. 

 

Thus the foolish spends his life 

from Christmas to Christmas. 

How is hard to eat 

the "panettone", reciting a prayer, 

to give a donation for addiction, 

not caring about poor marginalized people. 

massacres of infants in Yemen and Syria 

and ecatombe in the sea of migrants!

 

By Franca Colozzo

 

 

*

In memory of my mother

 
 L'immagine può contenere: una o più persone, selfie e primo piano

IN RICORDO DI MIA MADRE  -  29/11/2018

 

 

 

 

Nel piccolo cimitero di paese

 

ho raccolto vasi

 

dal vento rovesciati

 

per pietà di chi giace

 

 nell’urna e dorme in pace.

 

Ho deposto lacrime,

 

insieme alle orchidee,

 

sulla marmorea lapide

 

dove mia madre,

 

or son cinque anni,

 

riposa con mio padre.

 

 

 

Orfana della sua risata

 

e del  giudizio severo,

 

mi sento un po’ smarrita.

 

Nei ricordi la ritrovo  

 

o vagabondando

 

  in vecchi album di foto.

 

M’appare in sogno

 

di notte  all’improvviso,

 

alloggia nel pensiero

 

come foglia morta

 

sospesa su un fuscello  

 

con apparenza di vita.

 

 

 

*

IN MEMORY OF MY MOTHER29/11/2018

 

In the small cemetery
I collected vases
from the wind overturned
for pity of those who in the grave 
lie and sleep in peace.
I put tears 
along with orchids 
on the marble tombstone
where my mother,
it is five years, 
rests with my father.

 

Orphan of her laugh
and of her stern gaze,
I feel a little bit lost.
In my memories I find her again
or wandering
on old photo albums.
She appears to me in dreams
suddenly at nights,
in my thoughts she lodges 
as a dead leaf
suspended on a twig
with appearance of life.

 

By Franca Colozzo
 

*

Women’s Day

 

L'immagine può contenere: fiore e pianta

 

 

      GIORNATA MONDIALE SULLA VIOLENZA SULLE DONNE 

Purtroppo le donne hanno paura, specialmente in presenza di figli, di denunciare le violenze domestiche, anche perché economicamente rappresentano l'anello più debole all'interno del nucleo familiare. Dedico a tutte le donne questa mia poesia scritta in occasione dell'8 marzo, giorno in cui si celebra la loro festa. 

 

 

TODAY IN ITALY WE REMEMBER VIOLENCE AGAINST WOMEN. SO I WANTED TO FOCUS ON THE PRESSING ISSUE THAT DOES NOT ONLY OCCUR IN ITALY, BUT IT IS A GLOBAL EMERGENCY THAT NEEDS A COLLECTIVE RESPONSE AGAINST GENDER INEQUALITIES.

 

                                                          WOMEN'S DAY

 

I dislike parties, so odd I am indeed,

women's day on my list takes the lead,

because every day talking you feel

about murdered women in this hell.

 

It's strange women want to celebrate

if in the world there are so many abuses:

killed, raped women and child brides,

to the men it doesn't interest hate.

 

Every day they announce news

to make me feel really ill.

I too have female daughters

I cannot defend them, so far away.

 

Thanks to our corrupt country

more and more Italian women pay

the diaspora for an infamous Italy

which favors those who in the belly

are of power and oligarchy,

not those who fight along the way

that to work hard leads straight.

 

So it seems to me blasphemous

to pretend to be on the same train.

For me, I've made of it a reason,

I vainly fought a lot of fights,

I see no way out of this dark ford

that's why I wish a big reset,

to force every fraudulent strain.

 

By Franca Colozzo

 

 

 

La festa della donna

 

 

 

Sono una donna che non ama le feste:

 

la festa della donna della lista è in testa,

 

perché ogni giorno si sente parlare

 

di disgraziate, ammazzate o abusate.

 

 

 

Perciò mi sembra strano festeggiare

 

quando nel mondo ci son tanti soprusi:

 

di spose bambine, uccise o stuprate,

 

par che importi poco a lor signori…

 

 

 

Ogni giorno di notizie un tamburellare

 

da farmi stare veramente male,

 

se penso che anch’io ho due figlie,

 

proteggerle non so da mille miglia.

 

 

 

Perché grazie al nostro Bel Paese,

 

le italiane fanno di più le spese

 

del malgoverno d’un’Italia infame,

 

che privilegia chi è nello strame

 

del potere e dell’oligarchia,

 

  non chi s’arrovella per la via,

 

la via che porta dritto alle fatiche,

 

non agli sponsor d’amici e d’amiche.

 

 

 

Perciò mi par inutile e blasfemo

 

finger d’esser sullo stesso treno.

 

Per me che mi son fatta una ragione

 

e ormai ho combattuto ogni tenzone,

 

non vedo via d’uscita da ‘sto guado

 

se non fare un reset vostro malgrado.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*

Cavità-mente

Cavità-mente

  

In cavità della mente

    ho sepolto pensieri,

    escrescenze d’alghe

   spinte dai flutti,

   tormenta che sale

     dalle anse d’ieri. 

Oggi che ombre l’alba

       dirada finché il sole

     fioca luce irradia,

    dubbi raccolgo

       nel giorno in nuce.

Scioglie nodi il tempo 

   or che l’autunno stende

   tonalità d’oro su foglie,

   bevo alla fonte  

  dov’amor illude.

 Ogni stagione 

    canta voci diverse,

    corali essenze

    d’alberi e fiori,

    sonorità che anima,

   lieta di laudi e tepori,

     in seno sente.

 

 

*

    Cavity-mind

 

    In the cavity of the mind

     I buried thoughts,

     algal excrescences

      pushed by the waves,

  storm rising

      from yesterday's loops.


    Today that shadows the dawn

    clears up until the sun

    dim light radiates,

   doubts I collect

    in the day in nuce.


      Dissolves knots the time

    autumn spreads

     golden shades on leaves,

   I drink at the source

    where love deludes.


  Every season

sings different voices,

choral essences

of trees and flowers,

sound that the soul,

   pleased with laudi and warmth,

 in the chest hears.

 

 

L'immagine può contenere: oceano, acqua, cielo, spazio all'aperto e natura

*

Appesa al filo dell’estate

 
APPESA AL FILO DELL’ESTATE

 

 

L'immagine può contenere: natura e spazio all'aperto

 

 

Il vento dell’autunno ha portato

foglie a giocare a rimpiattino,

colori accartocciati

su creste ribollenti

alla deriva.

 

Parla d’onde

il mare che dilava ora la riva

tra cavità sommerse,

spinte da risacca ad apparire.

 

 Estate scolora nella mente,

naufraga tra tempeste,

immune non è il giorno

genuflesso,

stanco di pioggia,

vento e gelo.

 

Appesa al filo dell’estate

formica mi rintano

in un rifugio,

sogno deserti e chimere

quando la nostalgia  

m’assale nelle lunghe sere.

 

* 

 

Frre translation in English by Franca Colozzo

*


I am hanging to the wire of summer


The Autumn wind brought

some leaves

playing hide and seek

with crumpled colors

on bubbling crests

adrift.

 

Talks about waves

the sea that the shore floods

among submerged cavities,

 revealed by undertow.

 

Summer blows in my mind,

shipwrecked in storms,

immune is not the day,

kneeling,

tired of rain,

wind and frost.


Hanging to the wire of the summer,

like an ant in a shelter,

I dream deserts and chimeras 

 when nostalgia assaults 

me along the sad days.

 

 

 

 

*

Nella selva oscura

L'immagine può contenere: 1 persona

Questo mio componimento, seria riflessione sulla nostra società e sul riflesso che essa ha sulla poesia, nasce in un momento di crisi poetica sulla strada giusta da intraprendere.

Il richiamo ai versi iniziali della "Divina Commedia" coglie -  nella crisi che il sommo Dante si poneva in un momento non facile per lui e nemmeno per la sua città natale Firenze -  un motivo di ulteriori spunti. Ho voluto prendere in giro me stessa in questo mio forse effimero vagabondaggio poetico, fatto di diverse misture e sensazioni, in una società lassa in cui vana è ogni ragionevole azione, dirottata spesso dai social (dissociati dal mondo reale). 

 

 

 

 Nella selva oscura

 

    Sul capo cenere ho asperso...

 Vago nella selva  oscura 

   della coscienza lassa,

 

 ove il pensiero imbruna

 

   e del sole s'asconde

 

     la bellezza pura. 

 

 

Così, solinga,

 

avvolta di paura,

 

priva del mio Poeta 

 

prediletto, dell'aspra 

 

selva ho colto la bruttura

 

tra il pianto

 

dell’anima negletta.

 

  

 Cielo squassato or è da saette

 

 

 

Ulula il vento,

 

annuncio di tempeste. 

Volgo accorata prece

 

 a colui che tra i poeti

 

 eccelle per bravura.

 

 

 

*** 

 

 

 

Libera traduzione in inglese di Franca Colozzo

 

 

 

 In the dark forest 

 

    

On head I spread ashes...   

I was in the dark forest  

of the lax consciousness:  

  the thoughts unclear,  

of the sun hidden  

the pure wonder.

 

So, alone,  

   shrouded in fear, 

   deprived of my Poet, 

  of that nasty forest 

I took the ugliness 

between the tears 

of my neglected soul.

 

 

Heavenly sky now is lightning.

  Howls the wind, 

storm is coming. 

I want to listen heartily 

him who among 

  poets excels for skills.

 

 

 

 

*

Uragano annunciato

Uragano annunciato

 L'immagine può contenere: nuvola, cielo, oceano, spazio all'aperto, natura e acqua

Foto di Andrea De Meo 

 

 

Levitano onde di vapori,

esondano dal mare,

imbruna l’orizzonte.

 

Compare il sole

tra praterie di nubi,

schivo girovago

in un campo di grano.

 

  Saccende luce

inattesa

in uno squarcio

d’azzurro.

 

Lascio trepidante resa

al sapore di sale

che nella mia bocca

fa ancora presa.

 

 

***

 

ANNOUNCED HURRICANE


The waves of vapor levitate,

spreading from the sea,

the horizon is dark.

 

The sun appears

among grasslands of clouds,

shady wanderer

in a field of wheat.

 

Light comes on

suddenly in a gash

of blue.

 

I leave any anxiety

with the taste of salt

that in my mouth

still takes hold.

 

Translated by Franca Colozzo

 

*

Abbaglio da Sceicco

  Abbaglio da Sceicco  

 

Per il sonetto ho solo inclinazione,

 non c’è studio alla base né ragione,

chiedo venia per la  mia irruzione. 

 

La cosa che assai mi dispiace

 è in causa chiamare una madre:

  la mia figliola lasciatela pur stare. 

 E’ tutt’invidia, siete in alto mare.

 

Amo la figlia mia più di me stessa,

giammai l'avrei  lasciata andare,

se non ci fosse in questo Bel Paese

grande latrina d’ignobili pretese.

 

 Meritocrazia è parola assai vana

  per chi si sa infilar dentro la tana.

 

 Volar voleva su cieli immuni

rondine libera da italiani fumi,

degli Arabi ama l’arido paese,

  per scienza di popoli e costumi. 

 

 Così giovane lasciò la terra avita,

ricchezze, ville e comoda vita,

non era dal bisogno resa schiava

come chi s’appella or alla clava.

 

 Non son madre che sacrifica la prole,

tant'ho lottato io per ogni dove,

  per dare ad essa il meglio della vita:

  Inghilterra, Turchia con gran fatica.

 

Lo sceicco certo non m’abbaglia,

 temo ricchezze accumulate invano,

 ho dato alle mie figlie una mano

  per viver sempre come lor aggrada.

 

Solo gli stolti non intendon questo,

giudicare è assai facile allorquando

d’amor lasso si ha il cuore guasto.

accettando così qualsiasi guado.

 

 

*

Enigmistica...

ENIGMISTICA…

 

 

  La critica pura a me piace assai,   

guai però gli altri a bacchettare! 

S'offendon, ahimé, più che mai 

 non sono avvezzi a gareggiare. 

 

 

Al gioco d’or in poi non ci starò, 

le cordate pure quelle scorderò.

Se una persona è schietta e genuina 

non vien creduta, passa per cretina. 

 

 

  L’enigma vero della questione è

 che ognuno pensa solo a sé:

  se la tua poesia ti piace, ohibò,

  buttala giù, ma non ci sia però!

  

 

Nel gioco degli scacchi mi ritrovo

 ad essere pedina se sorvolo

un cavallo altero improvvisato

 che crede d'esser un gran soldato.

 

  

Siccome a volte me ne infischio,

   lo zampino mio non s’è incrinato,

   pure se in mezzo a meschino gaudio  

  resto di stucco innanzi ad un ingrato.

 

 

 

*

Ruhun rengi

 

              Il colore dell’anima 

È blu il colore dell’anima?

Del cielo sentieri accarezzo:

tracce chimiche perverse.

Cerco sui fondali

incontaminata pace,

ma plastica mi ritrovo

   in filamenti tra le dita…

Poveri pesci ansimanti!

  Oltre non vanno,

     oltre non sanno…

 

Uomo mendace!

Soggiace alla noia

 un flusso d’alghe.

Strappo al buio

un lembo d’azzurro,

blu specchio di cielo

nell’anima riverso.

È là che ogni cosa giace,

riflesso della mente,

dove pensieri vagano fallaci.

Là mi rifugio

quando tutt’attorno

brulica di sterchi,

umane escrescenze.

A natura  impura

   l’uomo ormai soggiace.

 

 

 

*

Insonnia

Insonnia

 L'immagine può contenere: cielo, montagna, natura e spazio all'aperto

 

 

Sfioro il dolore con dita cieche,

tasto la notte che mi passa accanto,

tace ogni voce:

in me è tutto un pianto...

 

Dietro l’uscio l’alba 

sfuma ogni affanno:

 luce accende colori.

 

Dopo la veglia, dal pruno 

s’alza il canto,

  l’allodola sbatacchia le sue piume.

Il primo sole seda ogni ansia,

 inizia del giorno l'usura.

 

 

*

Lacrymarum sĭtŭla

  Lacrymarum sĭtŭla  

 L'immagine può contenere: cielo, oceano, natura, spazio all'aperto e acqua

 

Ho rimestato il pianto di chi soffre

in un grande mastello;

 ho raccolto sorrisi appena nati

sulle sponde di ieri.

 

Dottobre i giorni tristi

ho cancellato.

 

Oltre la siepe

apro la via al sole.

 

 

 

(* )  Modificata,  tagliando i versi finali,  su suggerimento di Klara Rubino.

Versi tagliati:

 

 

 

S’arrende il giorno 

all’ora mutevole, 

assaggio di fredda stagione.

  

Ho piegato  il capo al sonno 

in attesa d’un istante 

d’improvviso calore.

 

 

 

 

    ENGLISH TRANSLATION

 

     Lacrymarum sĭtŭla   

  (Bucket of tears)

 

I collected suffering people's tears

in a large bucket;

I collected newborn smiles

on yesterday's shores.

 

Of October the sad days

I deleted.

Beyond the hedge

I open the path to the sun

that from the sea arises.

 

by Franca Colozzo 

*

Ante Omnia

L'immagine può contenere: cielo, nuvola, oceano, spazio all'aperto, natura e acqua

 

 

Alba muove i suoi passi

tra oblii di stanca marea

mentre ottobre incalza

e, verso sera,

guarda oltre l’uscio

dei giorni arsi dal sole.

 

 Ne afferra

i timidi  bagliori

e il mare accende,

mai sazia di stupori. 

 

 Tempo di rimpianti,

 estate dal fiato corto

per uccelli di rovo

intenti a rimestare luce. 

 

 Erriamo verso mete

in cerca di conferme

o di illusioni.

Nel silenzio la voce

non ha peso, corre

in un’altra dimensione.

 

*

Memorie settembrine

 

 L'immagine può contenere: cielo, oceano, nuvola, spazio all'aperto, acqua e natura

 

Brulica di scintille

l’alba all’orizzonte.

Mucchi di foglie sparse

come pensieri in fuga

van verso il mare,

turbinando a riva.

 

Spazzo via ricordi

d’una estate ansimante

per calca e calura.

Ora dorme il silenzio,

a me in braccio, mentre

l’ora in cielo traccia

scie di luce radente.

 

Solitarie vele

scivolano lente,

tra onde mordenti,

in cerca di riparo

laggiù dove il monte

s’oppone ai venti.

 

 

 

 

 

SEPTEMBER MEMORIES

 


It is teeming with sparks

 

dawn on the horizon.

 

Piles of scattered leaves

 

like fleeing thoughts

 

go towards the sea,

 

swirling to the shore.

 

 

 

I sweep away memories

 

of a panting summer

 

for crowds and heat.

 

Silence sleeps now

 

to me in my arms, while

 

the hour paints in the sky

 

trails of grazing light.

 

 

 

Solitary sails

 

they slip slowly,

 

between biting waves,

 

looking for shelter

 

down there where the mountain

 

is opposed to the winds.

 

 

 

 

*

Bolla d’aria

 Bolla d'aria

 

L'immagine può contenere: oceano, cielo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua 

 

L’orizzonte s’è incartato 

in un tramonto d’onde, 

nubi sospese in alto 

sopra il mare.

  

Taglia il cielo l’ala 

tra frangersi di sogni

rosso cobalto e verde-rame.

 

Guardo dal finestrino

il respiro dell’aria

e traccio con le dita

segni irreali

per ricordare l’immagine

che scorre e che non vorrei

  più dimenticare.

 

*

Riapparizione a sorpresa

   

Voglio farvi partecipi di una notizia che mi riguarda. Sono stata nominata il giorno 11 settembre "Direttrice GGA – ITALIA" da parte del fondatore Richard DiPilla (Virginia - USA) della famiglia dei Global Goodwill Ambassadors. Sono onorata di ciò e spero di essere all'altezza del compito.

 

***

 

I want to share with you some news that concerns me. September 11th I was appointed "Director of the GGA – Italia"by Richard Di Pilla, founder of the Global Goodwill Ambassadors. I am honored and I hope to be up to the task.

 

 

 

 

*

Fiumata, dedicata a Giuseppe Terracciano

L'immagine può contenere: albero, pianta, spazio all'aperto, natura e acqua

 

Fiumata

 Un profumo di erbe  

tra i ruscelli 

sparsi sui monti. 

Sgorga come sorgente

il mio pensiero

su balze di cascate

miste a fronde. 

Tra le pietraie canta la frescura

d'un agosto tra i declivi.

 

 Mi perdo tra le nuvole

errabonde

e traccio forme 

 che la mente riproduce.

Amo dei monti il sopore

che... l'anima ad alture conduce. 

  

 

*(Versione ritoccata grazie all'apporto 

dell'amico Giuseppe Terracciano che sentitamente ringrazio).

 

*

#genova #ponte #amaraterramia

 Risultati immagini per ponte di genova foto

 

Il giorno che i ferri

anticipa d'agosto

s'è fermato nel boato

d'un momento:

Morte annunciata  

un volo  come 

di rondini in picchiata 

senza ritorno.

 

L'ora s'è distesa

a fato umano, 

non c'è appello 

all'Eterno, 

solo destino ingrato. 

 

S'alza del vento 

l'accorata voce, 

non più l'arcata snella,

ma mano aperta 

ad implorar memoria 

per l'uomo orbo di Storia.

 

 

*

Moria notturna

 L'immagine può contenere: oceano, cielo, notte, crepuscolo, spazio all'aperto, acqua e natura

 

 

 

MORIA NOTTURNA

 

 

Il silenzio di questa notte cupa

ha il sapore d’un giorno senza orpelli.

Del suo sudario mi spoglio,

il velo stendo

che le bruttezze

d’ogni città copre.

 

Tace la notte

e il battito del vento sulle dune

porta con sé

asperità di mare.

Nero lenzuolo

nuovo di luna,

d’eclisse monca,

or che soggiace

a pioggia di stelle.

 

Il tempo alle onde

s’abbandona,

in lenta moria là sulla battigia.

Vorrei così estinguermi

laggiù dov’inizia la riva.

 

 

 

Traduzione in inglese

 

       NIGHTTIME DYING

 

 

The silence of this gloomy night

has the flavor of a day without frills.

I take off its shroud,

the veil I stretch

on the ugliness

that each city covers.

 

The night is silent

and the beating of the wind

on the dunes brings with it

roughness of the sea.

Black sheet

new moon,

of eclipse deprived,

under a rain of stars.

 

To the waves the time

gives way,

slow death on the shoreline.

I would like to die

over there where the shore begins.

 

 

*

Ritorno ai lidi ameni#CherchezLaFemme


 
 
Ritorno ai lidi ameni,
a quelle anse salmastre di pensieri,
ai sogni giovanili
che ritrovo tra i ricordi di ieri.
 
Luccica il tempo,
racchiuso in cavità marine
e cerco sui fondali
vecchie memorie.
 
Una favilla con la mano colgo,
goccia di prezioso sale.
Del silenzio m’imbevo
tra voli di gabbiani.
 
Mi vesto d’alghe
e m’immergo
nelle acque incerte
del domani.
 
Dinosauri di roccia irti sul mare
delle correnti ostacolano la rotta.
Da tempeste scolpiti,
s’aprono ai venti furiosi del maestrale,
sfidano marosi verso poppa.
 
Lo scoglio s’erge solitario,
dei sauri la forma mi rammenta,
or che ritorno a navigare
sola in mezzo a questo mare.

 

 

*

Amore acceca#Cherchez LaFemme

Amore acceca#Cherchez LaFemme

 L'immagine può contenere: oceano, acqua, cielo, spazio all'aperto e natura

 

 

Rumoreggia e schiuma il mare

sugli scogli della Nave,

 sentinella degli abissi,

 sauro di pietra pare.

                     Accende il sole scintille,                        

cristalli di sale in rocce cave.

  

Mi piace la sua forma antica,

 dal ritmo delle onde

mi lascio trascinare,

sospesa al filo della vita,

alga che luce acceca,

fluttuo nel mare.

 

Alle acque salmastre   

dei miei fidi lidi

ogni assillo affido.

 Ribolle

l’anima mai paga.

Ardori  giovanili d’amore

Colgo

pur se in tarda stagione.

 

 Mi tuffo

 nel gorgo della passione

e dei turbamenti di ieri

bramo il sopore.

 

*

Torcello#CherchezLafemme

TORCELLO
 

 

 

Ecco Torcello coi sogni ripiegati 
come quei fiori sui capitelli,
dove l’amore ho cercato;
ho succhiato il nettare
da quei fiori com’ape,
sospesa sulla distesa
verde lagunare.


Ho amato il vento
che piegava l’erba
ed il sospiro delle foglie 
nel portico dove
ebbri ci stringevamo.

Torcello, un sogno sospeso
al vecchio campanile
che risuona dei giorni
d’arsura appagati,
scivolosi come il fango,
come i nostri corpi
sudati e abbarbicati
com’edera attorno
alle colonne della vita,
in estatica gioia dei sensi.


Torcello rintocca
ore senza tempo
e giorni andati
tra sospiri di amanti
all’ombra del tempio,
all’ombra delle radici
d’un tempo andato
di esodi e ripopolamenti,
terre strappate al mare
da profughi viandanti.

Torcello strizza al sole
gli occhi abbacinati
dallo specchio di acque
salmastre di palude,
riflesso capovolto
di cielo ora che
l’onda di marea
avverte del rintocco
della solitudine
nei canali stretti,
che l’erba chiude
al silenzio dell’ora.

 

 
Poesia pubblicata sull'Antologia:
"CHERCHEZ LA FEMME" 
-  Sez. Lussuria - 

 

 

*

Alba ghermita #CHERCHEZLAFEMME

 
 
Alba ghermita dalla mia finestra
scivola in lenta incandescenza
di lastricati giochi di luce,
s’accendono fiammelle
dovunque ci sia un appiglio,
nube, terra, acqua, cielo.
 
Sornione il sole spunta
con barbaglii sulla punta
del carrubo, tra fresche fronde,
nate appena ieri, monde…
 
E poi il tonfo, a est, vedo
ingoiato dal mare nel vermiglio,
soggiace all’onda e la colora.
 
Tace il respiro del tempo
e l’ora s’adagia leggera
come vela che scivola via,
verso ponente.
 
Alba di rosee meraviglie
mi trascina verso lidi lontani.
Amaro sapore del giorno
mi riserva il dolce
rifluire dell’aurora.
 
 
L'immagine può contenere: cielo, oceano, spazio all'aperto, natura e acqua
 

*

Nel nome della Rosa#CherchezlaFemme

L'immagine può contenere: fiore, pianta e natura
 
 
Osservo la rosa rinchiusa
nella sua bellezza
nella signatura del centro,
stupore dentro
la natura delle cose. 
 
Mi fermo a Paracelso,
ai giardini del tempo,
immobile presenza.  
 Osservo l’avvento
dell'Aurora,
prossima ad apparire. 
vorrei essere ora una rosa,
- non umana prigione -
ma pura contemplazione
di minuti, non di ore,
- per fermare il momento - 
Cogliere il profumo della rosa 
e non dei petali caduchi.
 
 

 Traduzione in inglese:

 

IN THE NAME OF THE ROSE

 

I look at the enclosed rose

 

         in its beauty

 

in the signature of the center,

 

amazement inside

 

the nature of things.

 

I stop in Paracelso,

 

in the gardens of the time,

 

motionless presence.

 

I observe the advent

 

        Dawn,

 

next to appear.

 

I would like to be a rose now,

 

non-human prison,

 

but pure contemplation

 

of minutes, not hours

 

- to stop the moment -

 

To catch the scent of the rose

 

and not of the fallen petals

 

the raw appearance.

 

By Franca Colozzo

 

 

 

POESIA RIVISITATA 11/07/2018, su suggerimento di un amico:

 

 

Osservo la rosa

 

rinchiusa nella sua bellezza

 

Nella segnatura del centro;

 

stupore

 

dentro la natura delle cose.

 

Mi fermo a Paracelso,

 

ai giardini del tempo

 

dell'immobile presenza. 

 

 

Osservo l'avvento

 

dell'aurora

 

prossima ad apparire . 

 

 

Vorrei essere ora una rosa

 

- non umana prigione -

 

ma pura contemplazione 

 

di minuti, non di ore

 

- per fermare il momento - 

 

 

 Cogliere il profumo della rosa

nella sua totale essenza e non dei suoi 

effimeri petali.

 

 

 

 

 

*

Emozioni *Sunset*

 
 

 

Scintille tra pieghe
di nuvole errabonde
in cielo s’incendiano, 
mentre un cipresso 
la chioma volge a sera.

 

Il mare si distende:
tace il rumore dell’onda
sulla riva e, solitario,
plana un gabbiano
sullo scoglio a punta.

 

Va verso lidi di rivoli 
dormienti dove il tramonto
l’ anima inquieta
accoglie e accompagna 
all’agognata meta.

 

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

*

Simbiosi in blu

 L'immagine può contenere: cielo, nuvola, uccello e natura

 

Ora che di messi parlano onde
come grano arcuato,
perché pensi sempre ai giardini d’Averno?
Percorsi seguo tra solchi di correnti,
mentre a poppa spirano i venti.
Raccolgo voci da conchiglie 
e ricci di mare tra anemoni
e posidonie sparse sui fondali.
 
Tu cerchi tra le ombre della sera
schivi segnali di vita
quando la luna s’avvita
in spirali di luci
ed il tempo pare arrestarsi
in cerchi di silenzio.
 
Io passo i giorni a
planare sull’onda
come rondine marina,
allegra sembianza
in picchiata,
celere messaggera
di una dea leggiadra.
 
Tu inverti il sogno
e lo muti in bellezza glaciale,
irte scogliere di roccia artica.
Verso di esse avanziamo
entrambi, mano nella mano,
alla ricerca di ore passate,

nella clessidra sospesa in apnea.

 

 

 L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

 

*

Aquarius - Nuvole migranti

Aquarius - Nuvole migranti

 

 

L'immagine può contenere: nuvola, oceano, cielo, spazio all'aperto e acqua

 

Mutevoli aeriformi aspetti,

sospinti  come frangenti,   

correnti d’acqua o d’aria

di pensieri cupi e solitari:

ulula solo il vento

tra sagome di dei ed eroi. 

 

S’apre al turbamento dell’ora

il giorno che scolora:

dall’alto tutto appare lento,

anche l’angoscia

di donne e di bambini.

 

Avverto uno scoramento

per la sorte di popoli sì ria

e per l’amaro destino

di naufraghi e respingimenti

che porta poveri migranti

su rotte senza sentimenti.

 

 

 

VERSIONE INGLESE su Linkedin

 

https://www.linkedin.com/feed/update/urn:li:activity:6414244745526206464/ 

 
      AQUARIUS - MIGRANT CLOUDS

 

 

Changing aeriform aspects,

driven as waves,

currents of water or air

of gloomy and solitary thoughts:

only the wind howls

between silhouettes 

of gods and heroes. 

 

It opens up to the shadows

of the hour the day that fades:

from above everything

appears to be slow,

also the anguish

of women and children.

 

I feel a discouragement

for the fate of peoples

and for the bitter destiny

of shipwrecked or refoulements

that bring poor migrants

on routes without feelings. 

 

 

Author: Franca Colozzo

Published the 06/16/2018 23:34:37

 

*

Farsene una ragione

*

Ghost

Ghost

 Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

Preme alle porte di amori sospesi

e pare ieri che la sua voce

sommessa pulsava nella mia testa:

 immagine di goccia

che scava la roccia

  nelle notti mi tormenta. 

 

 

Amo un fantasma

uscito dai miei sogni,

dipanato da un gomitolo di 

  rete, nell’etere sospeso,

nelle profonde cavità del cielo

o nel limbo della mia mente.

Sfiora lunghezze d’onda

e riproduce suoni

l’eco da distanze abissali.

 

Sono strumento dei pensieri suoi,

dell’uomo Ghost

e dei suoi ripensamenti.

 

 

 

  §

 

 

 

 

He presses at the doors of suspended loves

 

and it seems like yesterday that his voice

 

softly pulsed in my head:

 

drop picture,

 

digging the rock,

 

in the nights torments me.

 

 

 

I love a ghost

 

come out of my dreams,

 

unrolled by a ball of

 

network, in the suspended ether,

 

in the deep cavities of the sky

 

or in the limbo of my mind.

 

Sweep lengths

 

and plays sounds

 

the echo from abysmal distances.

 

 

 

I am an instrument of his thoughts,

 

of the Ghost man

 

and his afterthoughts.

 

 

 

*

Angry bird

 
L'immagine può contenere: oceano, acqua, cielo, spazio all'aperto e natura 

 

S’apre rapace il mare
contro scogliere
bianche di sale.


Spazia lo sguardo: 
solo distese d’acqua 
fino a toccare il cielo.

 

In una sfumatura di foschie
sospese tra voli di gabbiani,
ammutolisce l’ansia. 


Assaggio il sapore d’alga,
salmastra essenza
che fluttua come chioma.

 

 

*

Cosa ne sai?

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua
 

 

Cosa ne sai

dei raggi della luna 
 a tutto tondo?
Nelle notti incantate
s’alza dal mare e langue
tra sospiri di amanti.

 

Cosa ne sai

del giorno che scolora
nel porpora del sole, 
rosso tramonto?

 

Nella morsa stagnante 
delle onde
solo il respiro di marea
sale dal fondo.

 

Cogli il silenzio della notte 
intorno e tra le stelle
luccicanti vaga,
vagabondo,
in attesa del giorno.

 

 L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

*

Diffamazione

 

La diffamazione è l'unica arma in mano a coloro che sono mossi da un'invidia morbosa. 

*

Epopea di Israele

 L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

 

 

 

S’alza il canto di guerra

     d’un soldato…

Sulla spianata delle moschee

sibilano le pietre lanciate.

Non s’arresta nell’aria

 l’Intifada,

toglie il fiato la calca

tra i neri דשק dashek,

    ali di corvo,

tra gemiti e sangue. 

 

  Piange Israele,

è sola nel suo pianto:

  sfilano draghi,

si è perso in volo l’unicorno.

Di mestizia è impastato

ogni volto… Come un’unica

maschera silente avanza

  l’Inferno.

Ma dentro l’anima non suoni,

solo canti desolati si levano,

 urla e strepiti

sulla spianata dei figli d’Israele,

sulla spianata che lega i popoli

dal destino forgiati:

ebrei, musulmani, cristiani,

spogli delle radici secolari,

stanchi di sangue.

 

Voleva questo, Dio?

Questo macello d’ossa umane,

di rituali, di carnefici spietati?

Voleva questo quel Dio

che la faccia nascose nel cielo

e scomparve per sempre

dalla Terra?

In nome di Dio

quante efferatezze!

Quanti mali!

Ma chi ha inventato

questo Dio crudele?

Chi ha sacrificato agnelli

per un tal demone?

Che viltà! L’uomo,

in nome di un Dio mai visto,

uccide un altro uomo,

che tocca con mano

e si suicida nel fango da cui

è stato generato,

piccolo uomo d’argilla!

  

Il canto si fa più forte,

stringe un nodo alla gola,

grida un’upupa,

la notte è vicina.

   Svegliati, o uomo!

Svegliati e marcia,

non t’arrestare.

In nome di chi, di cosa

hai ucciso?

Beffardo il fato

che a dominatore t’elesse,

esperimento d’un dio

invasato che ti forgiò.

Impastò di fango le tue membra,

ma della tua natura animale

non perdonò la memoria,

non corresse la morsa

velenosa del serpente.

 

   Svegliati, o uomo!

Percorri il sentiero dell’anima

che hai perso nei meandri

del tempo, dell’anima vinta dal fuoco

dell’inferno, tu che dagli inferi

ogni giorno risali

a portar zizzania sulla terra.

Bevi il calice amaro,

ora che hai la conoscenza,

riemergi dal pozzo fondo

e purifica le tue membra,

ora che sai!

 

 

 

*

Baciato orizzonte

L'immagine può contenere: cielo, oceano, natura e spazio all'aperto

 

 

Osservo da lontano il mare

che abbraccia l’orizzonte 

 spento tra morie d’onde 

 senz’alito di vento.

 

S’apre al sole,

nella quiete dell’ora,

stancamente, un dì

di spazzata primavera.

 

La siepe, aperta ai monti,

accenna a pallidi fiori. 

 

Solo del silenzio arriva

  voce alacre mattutina,

tra  fiori di rovo

e bianchi gelsomini.

 

Nel cielo, fatto mare,

s’intrecciano garruli voli

e rondini marine tessono 

a pelo d’acqua, a sfioro,

ardite acrobazie.

 

Tra cielo e mare non corre

più confine

*

Fugace Primavera

 

 

 

Il giorno è passato greve,
come la nuvolaglia
sospesa in cielo,
cappa che il vento 
fuga all’orizzonte.


Spazza i pensieri
immersi nelle onde,
come campi di grano 
flessi al sospiro
dell’alito che, sopito,
da mezzogiorno spira.

 

Corre lieve

l'anima errabonda

alzandosi in volo

per respirare,

un attimo solo 

questa sospirata,

fugace primavera.

 

 

 

*

Assolata mente

 L'immagine può contenere: oceano, cielo, crepuscolo, nuvola, spazio all'aperto, natura e acqua

 

  

 
 Ora che il dì volge a sera,
 
 commentare non voglio,
 
  mi sembra vano...
 
La faccia porgo al sole,
 
meno ingannevole
 
dell'amore fugace.
 
Donare versi
 
alla luce dorata
 
 l'anima mia colma.
 
 Sembrare non voglio,
 
ma essere:
 
  non m'importa
 
se piaccia o no
 
questo sottile gioco
 
della mia mente.
 
Strati di pensieri 
 
sono protuberanze
 
sull'albero ch'è nato
 
un secolo fa ormai,
 
per me un fanciullo.
 
 L'abbraccio e bacio
 
 come un amante,
 
  regole m'ha dato
 
e m'ha plasmata.
 
Sono qui a scrivere,
 
mio malgrado:
 
un demone ribelle
 
mi passa i versi
 
e le elecubrazioni
 
d'assolata mente.
 
Il sole è ormai
 
calato ad occidente.

 

 

 

 

*

Tango della Giovinezza

 

 

TANGO DELLA GIOVINEZZA

  Dal mio vecchio album fotografico 

 L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, cielo e spazio all'aperto

 

Cerco i fiori della giovinezza
tra evanescenti pensieri
e ricordi degli anni andati,
fermati in vecchie foto,
immagini della mia mente
che blocco e mi sovviene
quell’aspra luce
del giorno, iridescente,
com’il sorriso
dell’età passata.
M’arridono gli anni
com'alito di vento,
sopito tra pieghe
di memorie.
Ora s’adombra
e fermar vorrei 
il tempo tiranno,
almeno per un’ora.

 

La sabbia nella clessidra
scorre indifferente
al mio dolore.
Raccolgo nel mare
sassi e conchiglie
di lontana stagione.
Fermo l’istante
almeno per un poco.
Solchi di sabbia
in rivoli salmastri,
il bagnasciuga annega 
nel mio mare,
quando ponente spira
e, assonnata, langue l’ora.


Il tango della giovinezza

tra marosi impertinenti
danzo e m’abbandono. 
Ora al tempo crudele 
canto la Primavera 
e l’estate assolata
in quest’ultimo tango. 

 In Grecia sciolsi le chiome

o le strinsi nel nodo di Penelope,
di Corfù mi sovvengono sassi 
e rosate aurore,
allorché dal Partenone,
simile a dea, a mare scesi,
e lì intinsi 
le mie lunghe chiome.

 

Degli anni colgo i ricordi più belli
nella schiuma che, tra mitili,
spumeggia di memorie.
Sfoglio senza pudore
le mie foto
e m’abbandono,
alghe tra i capelli,
ch’ardon ancora

del sol che mi ristora.

 

Ballo il mio tango selvaggio
ancora prima che
la stagione ingrata
terga le vecchie mura 
della mia prigione.

 

*

 Corfù (Grecia) 
L'immagine può contenere: Franca Colozzo, in piedi, oceano, spazio all'aperto, acqua e natura 
 

 

*

Vecchio borgo

 L'immagine può contenere: cielo, spazio all'aperto e acqua

 

  VECCHIO BORGO 

  L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, acqua e natura

  

Dormono i lontani lidi

tra fronde amiche,

che al passar del vento,

chinan le chiome 

tra canti di pennuti

in nidi ameni,

sospesi ai rami

di nodosi tronchi

a contrastar

la forza del maestrale. 

 Cantano i monti,

 da cui sgorga

  acqua fin al mare

      e fan da scudo

        al Golfo di Gaeta,

              tra armonie di colori,

                    laggiù dove la linea

                            si confonde e s'annulla 

nell'abbraccio universale.  

 

L'immagine può contenere: cielo, montagna, spazio all'aperto, natura e acqua

      Lo sciacquio dell'onda
     sulla scogliera,
      che il vecchio borgo
     protegge dai marosi,
    il rullio delle paranze
     segue e consola.

        Scesa è ormai sera.  

L'immagine può contenere: oceano, cielo, nuvola, natura, spazio all'aperto e acqua

 

 

 
 

 

 

 

 

*

FILASTROCCA della FOLLIA

 Filastrocca della follia

 

 Sospesi in una bolla

nell'etere viaggiamo,
increduli dell'onda
che arriva da lontano.

 

Temiamo i buchi neri,
orrendi inghiottitoi,
viandanti meteoriti,
proiettili per noi.

 

Giriamo in lungo e in largo,
pargoli sempre in mostra,
erriamo sopra un cargo,
in siderale giostra.

 

Siamo di supernove
attenti osservatori,
ma degli anni luce
non ci facciam ragione.

 

L’interazione debole,
forza gravitazionale,
ci tira verso il sole,
non è intenzionale.

 

Siam dei maledetti,
al fato abbandonati,
lasciati in preda a frotte
di pericoli scansati.

 

Eppure in tutto questo
la mente non ci assiste,
ad infligger il male
giammai non si desiste.

 

C'è la tecnologia,
usata come arma,
e la cartomanzia
per inviar malanni.

 

Ci sono guerre, eccidi
in Terra in ogni dove,
nemmeno degli infanti
curiam la protezione.

 

Nulla d'etico in noi,
siam peggio delle bestie,
impastati di lumi,
però infami e perversi.

 

Crudeli esecutori
di tirannia e potere,
di guerre ideatori,
vili assai di mestiere.

 

 

 

 

*

Meridie stanco

 Meridie stanco

Assorta è l’ora ferma all’orizzonte,

nello splendore chiaro del mattino.
Ascolto l’onda andar alla deriva,
a schiuma s’abbandona
sulla riva.
Giunge flebile una voce
da lontano,
ha in seno il pianto
di donne e di bambini.

Una vela nella bruma
naviga lenta,
punta a dritta la prua.
Tergo perle di brina
dai capelli tra moria 
d’alghe sulla riva.

Un pianto giunge da Siria,
Kurdistan e Gaza,
per una guerra crudele
e senza fine.
Qua tanta pace sfiora i miei pensieri. 
Là guerra e morte non dan tregua ai vivi. 
Vinti sono i popoli guerrieri,
da fame e stenti 
e infami condottieri.
Va stancamente una vela bianca,
dai venti traghettata verso riva.

 

L'immagine può contenere: cielo, oceano, spazio all'aperto, natura e acqua

*

Lost Path - Sentiero smarrito

Sentiero smarrito

 

L'immagine può contenere: albero, pianta, cielo, spazio all'aperto e natura

 

 

Il sentiero della vita ho percorso
tra sassi, rovi e spine,
pietraie sconnesse.
Non rifarei più la stessa via
né tornerei indietro sui miei passi.
Sceglierei delle umili mammole,
timide violaciocche di pensieri,
berrei con le mani a coppa
da sorgenti pure e vere.
Coglierei fiori
dai ricordi seminati,
boccioli sulle sponde di ieri.
Spedito va il mio passo 
sul cammino,
su strapiombi m’affaccio
a guardare l’ombra mia
miseramente andare,
ora mi siedo qui a riposare.
La notte è appena arrivata.

 

 

 

Libera traduzione in inglese:

 

LOST PATH 

 

I traveled on the path of life
amid brambles, thorns
and uneven stones.
I would not do the same way again
nor I would go back on my steps.
I would choose humble buds,
shy violets of thoughts,
I would drink cupped hands
from pure and true sources.
I would pick flowers
of the sown memories
from yesterday on shores.
Shipped goes my step
on the way,
over abyss suspended
I look down
and observe my shadow
that miserably goes,
I am so tired,
a life wayfarer,
now I sit here to rest.
The night has just arrived.

 
 

 

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spazio all'aperto, natura e acqua

*

Ronce antique

   Ronce antique   

 

L'immagine può contenere: cielo, albero, pianta, spazio all'aperto e natura 
 
Profuma il rovo, 
fresco ancor di neve,
dai bianchi fiori 
sbocciati appena ieri,
erbosa la peluria 
d’aspra essenza,
forma selvaggia, 
tra cristalli assorti
a mirare il turchese 
del cielo al limitare,
or che l’inverno scioglie
i nodi stretti 
e s’apre a sinfonie 
di colori.
Siepe aperta ai venti
di maestrale,
volge al vecchio tratturo
il volto antico.
Intorno un tripudio
di richiami, 
pigolii d'allegria
di bimbi gai,
che lasciano, 
il loro nido 
per giocare. 
Urla e schiamazzi: 
non più mestizia
or che la dea rinata
incalza lieve. 
Qual è il dono migliore
di stagione?
Un quadro di natura.
Questa è per me
Arte vera: Botticelli 
ne "La Primavera".
 
 
 

 Botticelli  -  La Primavera  

L'immagine può contenere: una o più persone

 

 

*

Pasqua di pace

Chiedo venia se pubblico qui un mio pensiero per meglio diffonderlo (poi lo cancellerò), per poter più concretamente formulare a tutti gli auguri che in "Pensieri" sono già scomparsi tra tante altre pubblicazioni successive.

 

                                           Pasqua di Pace

  

Ci provo ogni anno a cimentarmi in questo messaggio augurale, ma quest’anno avverto come una stretta al cuore per troppi dolori che si sono accumulati. La guerra in Siria, che dura ormai da sette anni,  è come una ferita aperta nel cuore di tutti  noi e risulta proprio difficile  festeggiare in allegria, mentre bambini e donne muoiono sotto le bombe o armi di qualsiasi genere,  anche con la complicità di noi occidentali.

 

Proprio non me la sento,  ma ci provo! Al di là di tutto e del male che serpeggia nel mondo, si deve guardare al futuro sempre con ottimismo e fiducia, sperando che si spalanchino le porte della Pace, parola abusata e di difficile attuazione pratica.

In questo mio breve pensiero racchiudo tutte le speranze e le attese che,  nell’incipiente e fredda primavera, sono in nuce nella mia mente come fioriture potenziali,  sempreché i potenti abbiano veramente a cuore la Pace!

Il mio augurio di rinascita spirituale è rivolto alla Redazione, che benevolmente ci ospita e  alla quale  va la mia gratitudine, e a tutti gli autori che ho avuto la fortuna di conoscere, anche se solo virtualmente. La primavera coincide molto da vicino con la Pasqua e ne rappresenta le radici culturali fin dall’antichità con il mito di Persefone o Proserpina, che esce dall’Ade e risveglia la natura. Cogliamo la gioia da quest’ultima nel suo risveglio e nella sua incredibile metamorfosi, che covava già pigramente sotto la neve. Auguro a tutti voi una

 

                                     FELICE PASQUA

 

 

  

                                  EASTER of PEACE

 

I try to write this message every year, but this year I feel like a heart-wrench because of too many pains that have accumulated. The war in Syria, which has lasted for seven long years, is like an open wound in the heart of all of us and it is difficult to celebrate this anniversary in joy, while children and women die under the bombs or weapons of any kind, even with the complicity of us Westerners. I really do not feel like it, but I try!

Beyond everything and the evil that winds around the world, we must always look to the future with optimism and confidence, hoping that the doors of Peace open, the word abused and difficult to put into practice.

In this brief thought I enclose all the hopes and expectations that, in the beginning of this cold Spring, are in my mind like potential blooms in my mind, hoping that the powerful truly care about Peace!

My wish for spiritual rebirth is addressed to all, friends and not, of Facebook, which I was fortunate to know personally or only virtually. Spring coincides very closely with Easter and represents its cultural roots since ancient times with the myth of Persephone or Proserpina, which emerges from Hades and awakens nature. We take joy from the latter in its awakening and its incredible metamorphosis, which was already lazily lurking under the snow.

I invite everyone not to eat lambs, poor helpless animals snatched from their mother. We introduce, next to the rituals, also the respect for the defenseless animals in front of the man. 

                                             I wish all of you  a

 

   HAPPY EASTER

 

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

*

...Ed è già sera

…Ed è già sera

 

L’albero accoglie il sole

nell’alveo della corteccia,

appagato stupore

di gocce di rugiada

che l’alba beve.

Lattea luce

scorre lenta,

come attraverso

una lente,

per ripiegare

tra la chioma

e l’ombra,

al limitar dell’ora.

Tace anche

la solerte fatica

dell’ape operaia.

Lieve la foglia

s’inarca al sole

per quel breve

calore del passaggio

che la terra accompagna

lungo il raggio

dell’orbita,

 stupore dell'ora.

…Ed è già sera.

 

L'immagine può contenere: fiore, pianta, cielo, natura e spazio all'aperto

 

*

Pini al vento.

Poesia scritta in segno di  protesta nei confronti dell'Amministrazione Comunale di Gaeta e allo scopo di sensibilizzare i concittadini sulla decisione di abbattere alcuni pini marittimi centenari, che si ergono nei pressi dei bastioni risalenti  alla dominazione borbonica, nel centro storico S. Erasmo. Già in passato le antiche fortificazioni, che avrebbero reso Gaeta un "unicum" nel panorama delle città storiche italiane, sono state fatte oggetto di abbattimenti massicci e insensati, all'insegna di un sogno di modernità ormai miseramente fallito.
 
 PINI AL VENTO
 
L'immagine può contenere: albero, cielo, spazio all'aperto e natura
 

 

Pini, nemici ormai,
le chiome folte
avvezze alle tempeste,
neppur la tramontana
li ha piegati.
Forse la ruspa
   avrà facile presa... 
Piangono resina
dall’alta lor bellezza
esposta all’alito
del Golfo di Gaeta,
come carezza
ora sulle cime
soffia la brezza.

 Annunciata morte, 
tra radici contorte,
avvolte in spire,
qual è la loro sorte?
Sulle antiche vestigia
il pianto posa
cascami di fogliame
per coprire ogni piaga
a loro inferta,
ogni baluardo 
è divelto ormai:
della storia non resta
più memoria.
Baluardi, sventrati
già in passato
per un sogno 
di modernità fallito,
s’apre in ferite
ché non c’è sentire
per ieri né domani.

Piangono i pini 
stille di rugiada,
piegan la chioma 
al loro ingrato fato,
han protetto dal sole 
interi nidi, 
pigolanti e famiglie,
ma l’uomo è ingrato. 
Anche gli uccelli
tacciono nel nido,
per la natura
non c’è spazio alcuno, 
dove va l’uomo 
reca sol sventura.

Parla l’albero:
Qual è la colpa mia

D’esser vecchio!
Eppure ai volatili 
ho dato sempre un tetto.
Ho visto sorgere 
albe dal mare 
e pescatori andare
in barca a pescare. 
Qual è la colpa mia ?

Volger al vento
la folta chioma
e tintinnare di pigne,
rauco e greve,
come voce che la sua fine 
annuncia a breve.”

Già dei bastioni 
lontana è la memoria,
mano pesante
infligge sempre l’uomo…
Ma del destino suo
chi si commuove?

 

 Franca Colozzo

 

*

Le Printemps

Ringrazio Klara Rubino per il suo suggerimento. Chiamerò questa lirica modificata: “Le Printemps”, al posto di quella mia pubblicata il 21/03/2018 su questo sito, dal titolo: “Primavera tardiva”, affinché si possano apprezzare le differenze.  

  

    

      Le Printemps

 

        Labbra dischiuse sulle mie,

      s’aprono ai sospiri,

    parlano gli occhi tuoi

        tra gemme antiche e stupori,

        scorrono fiumi e ruscellanti rivi

       van verso i mari.

        Spumeggianti albori e aspri lidi

        s’adagiano in braccio alle costiere

          e va raminga l’anima mia

           su riviere risplendenti al sole,

           or che l’astro illumina ogni dove,

          si distende il mio pensiero aprico

          sulla terrazza a rimirare aurore.

          Le Printemps est là encore!

 

 

 

*

Primavera tardiva »
Questo testo è in formato PDF (77 KByte)

*

L’aubépine

L'aubépine

Prunalbo in fiore,

fiocchi di neve,

gelo ormai lieve

tra i timidi raggi

di sole.

S’apre il cielo

al verdazzurro

 del mare.

Guardo i monti lontani,

cime incappucciate,

in disfatto stupore,

tra nubi sfilacciate

sospese sopra

l’abbraccio del Golfo,

nell’attesa della nuova

 stagione.

Timide foglie,

pallide di verde

sulla brunita chioma,

s’aprono  alla luce

fioca del sole.

Piega il rovo la voce

al canto dei volatili

nel fremente nido,

celato tra le spine.

Brulica la vita

sotto le foglie morte,

dove le formiche tessono

la quotidiana fatica

e la cicala dormiente

stride di noia,

  antenne in  riposo

 ed ali chiuse.

Al freddo sfugge

l’astuta cicala,

in diapausa giace,

dormiente, mentre

la formica  solerte

lavora.

 

 

*

8 MARZO: Ama le Donne

8 Marzo

Ama le donne

 

Scritta con il sangue

di martiri donne,

scritta per protesta... 

Non esalto la donna

per esaltare,

ma la sposa bambina

e la bambina uccisa,

nel proprio nido

a bruciapelo ferita,

la donna oltraggiata

o semplice schiava

nei campi di Libia,

nei barconi violata,

la donna tradita

e quella umiliata.

E il semplice gesto 

d'una mimosa donata,

non basta nel giorno

consacrato alle donne,

ma un gesto forte:

"Via morte,

via guerra da Siria,

via strage di donne,

 d'infanti!".

La  pace acclamata,

così a viva voce,

alle donne piace

più di una rosa,

portando nel grembo 

un segno d' Amore.

 

 

 

 

*

DE ANDRÉ: ostaggio della borghesia e dei suoi comandamenti »
Questo testo è in formato PDF (100 KByte)

*

Poesia riveduta e corretta su consiglio di Salvatore Santoro »
Questo testo è in formato PDF (401 KByte)

*

Chiuso è Altino »
Questo testo è in formato PDF (320 KByte)

*

Immagini di pensieri

                                                                        Parole rotolano,

                                                                   immagini sparse

                                                             si rincorrono

                                                        sulle scale del Tempo,

                                                    ruzzolano,

                                                fradicie di pioggia.

                                          Gocce di memoria

                                       girano leggere,

                                  s'arrovellano,

                              si spengono come stelle,

                          supernove o fari di luce.

                       Universi di parole,

                   rutilanti,

               in spirali galattiche

           tra gli abissi dei mondi.                                  

       Parole sdrucciolevoli,                                                                       

     spinose o mendaci,                                      

  che blandiscono                                                                           

 o distruggono,

come marosi si frangono

sulle scogliere della mente.

Parlano mute                                                                          

tra sguardi d'amore                                                               

o palpebre chiuse.                                                                           

 Galleggiano nell'etere                                                       

     in immagini di pensieri,

         nei silenzi sordi

              o nel trambusto.

                  Giocano a rimpiattino

                      e, tra sinapsi e neuroni,

                           si perdono nei meandri

                                 della ragione.

                                       Ripescate a volte,

                                            vive o morte,

                                                 si danno in pasto

                                                       a gente indifferente

                                                             che attraversa il tempo,

                                                                          passa e non vede niente.

*

Goccia a goccia

 

Scroscia goccia a goccia 

satura la corteccia 

si perde pioggia

nella bolgia

 mia. 

 

D'aromatici pensieri 

d'erbe raccolte ieri

tra folti alberi 

di misteri 

 dei.

 

Viandante sul sentiero 

impervio del vero 

qual straniero

 nel mondo

 ero.

  

 

 

*

Amour d’enfance_ rivisitata »
Questo testo è in formato PDF (336 KByte)

*

Amour de enfance »
Questo testo è in formato PDF (312 KByte)

*

Alice e il carrubo »
Questo testo è in formato PDF (581 KByte)

*

La maschera scarlatta »
Questo testo è in formato PDF (279 KByte)

*

Marinella della memoria_In ricordo delle Foibe »
Questo testo è in formato PDF (308 KByte)

*

Ballata scanzonata della Gatta ‘Mmaculata »
Questo testo è in formato PDF (232 KByte)

*

Di Marmara sogno il Mare… »
Questo testo è in formato PDF (239 KByte)

*

Il ritorno del Tempo (cancellato per sbaglio) »
Questo testo è in formato PDF (83 KByte)

*

Olocausto_Holocaust per il giorno della Memoria »
Questo testo è in formato PDF (396 KByte)

*

A mio padre »
Questo testo è in formato PDF (95 KByte)

*

Uomo o alieno? »
Questo testo è in formato PDF (261 KByte)

*

Poesia stridente »
Questo testo è in formato PDF (184 KByte)

*

Farfalla


La nostra vita, forse non ce ne accorgiamo, ha lo stesso tempo d'un battito di ali di farfalla.

*

Revisited Year »
Questo testo è in formato PDF (273 KByte)

*

Anno rivisitato »
Questo testo è in formato PDF (198 KByte)

*

On the plane wings »
Questo testo è in formato PDF (269 KByte)

*

Non amo del Natale... »
Questo testo è in formato RTF (35 KByte)

*

Poesia muta su Gerusalemme liberata »
Questo testo è in formato PDF (375 KByte)

*

Ulisse moderno »
Questo testo è in formato PDF (326 KByte)

*

Al Ain »
Questo testo è in formato PDF (151 KByte)

*

Voce del mare »
Questo testo è in formato PDF (231 KByte)

*

Rovine e arbusti »
Questo testo è in formato PDF (222 KByte)

*

Nubi e foglie »
Questo testo è in formato PDF (207 KByte)

*

Oblio »
Questo testo è in formato PDF (127 KByte)

*

Memorie ottobrine »
Questo testo è in formato PDF (265 KByte)

*

La nave di Teseo »
Questo testo è in formato PDF (180 KByte)

*

Ottobre »
Questo testo è in formato PDF (287 KByte)

*

La Littorina »
Questo testo è in formato PDF (196 KByte)

*

La Nave di Serapo »
Questo testo è in formato PDF (236 KByte)

*

Silver Sea »
Questo testo è in formato PDF (302 KByte)

*

Settembre »
Questo testo è in formato PDF (236 KByte)

*

Poeta musicista »
Questo testo è in formato PDF (247 KByte)

*

Oui, je te aime »
Questo testo è in formato PDF (221 KByte)

*

T’amo, sì t’amo »
Questo testo è in formato PDF (198 KByte)

*

Figli delle stelle »
Questo testo è in formato PDF (239 KByte)

*

Lacrime di cielo »
Questo testo è in formato PDF (114 KByte)

*

Seguo la scia »
Questo testo è in formato PDF (72 KByte)

*

Boats with refugees »
Questo testo è in formato PDF (171 KByte)

*

Akdeniz, Mare Nostrum - Barconi »
Questo testo è in formato PDF (297 KByte)

*

You, my Adonis »
Questo testo è in formato PDF (70 KByte)

*

Justice for Giulio Regeni »
Questo testo è in formato PDF (274 KByte)

*

Tu, mio Adone »
Questo testo è in formato PDF (70 KByte)

*

At the top of Nemrut »
Questo testo è in formato PDF (251 KByte)

*

In cima al Nemrut »
Questo testo è in formato PDF (311 KByte)

*

E se fossi partita per sempre? »
Questo testo è in formato PDF (108 KByte)

*

La fosse du Diable »
Questo testo è in formato PDF (261 KByte)

*

يونيو Giugno »
Questo testo è in formato PDF (215 KByte)

*

Le papesse della poesia »
Questo testo è in formato PDF (330 KByte)

*

Amantes amentes »
Questo testo è in formato PDF (192 KByte)

*

Pro beneficio maleficium accipere »
Questo testo è in formato PDF (336 KByte)

*

Fiat Lux »
Questo testo è in formato PDF (115 KByte)

*

Eterna Giovinezza »
Questo testo è in formato PDF (192 KByte)

*

Il corvaccio nero »
Questo testo è in formato PDF (78 KByte)

*

Lago Patria »
Questo testo è in formato PDF (147 KByte)

*

Salto dei mondi »
Questo testo è in formato PDF (222 KByte)

*

A mio padre »
Questo testo è in formato PDF (94 KByte)

*

Papaveri rossi »
Questo testo è in formato PDF (101 KByte)

*

Odore di pioggia »
Questo testo è in formato PDF (167 KByte)

*

Chez le Coiffeur »
Questo testo è in formato PDF (121 KByte)

*

Torrette d’aria »
Questo testo è in formato PDF (127 KByte)

*

Orme di mitili »
Questo testo è in formato PDF (143 KByte)

*

The blue girl »
Questo testo è in formato PDF (167 KByte)

*

#Siria. La bambina azzurra »
Questo testo è in formato PDF (126 KByte)

*

#S.Pietroburgo - Eppur è Primavera! »
Questo testo è in formato PDF (290 KByte)

*

Del tempo ritrovato »
Questo testo è in formato PDF (421 KByte)

*

Stille di Primavera »
Questo testo è in formato PDF (139 KByte)

*

Primo vere #poesiapoeti »
Questo testo è in formato PDF (112 KByte)

*

Ondivaghe memorie »
Questo testo è in formato PDF (159 KByte)

*

Ak Deniz - barconi »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

Primo Vere »
Questo testo è in formato RTF (40 KByte)

*

Acerba Ara »
Questo testo è in formato PDF (179 KByte)

*

La clochard »
Questo testo è in formato RTF (36 KByte)

*

A Paola, del Caporalato »
Questo testo è in formato RTF (39 KByte)

*

Profilo di Ischia (19 Şubat - 19 febbraio) »
Questo testo è in formato RTF (38 KByte)

*

Noli me tangere »
Questo testo è in formato RTF (37 KByte)

*

Amore ai tempi del web »
Questo testo è in formato RTF (43 KByte)

*

Gira la giostra »
Questo testo è in formato PDF (192 KByte)

*

Zaman…Zamanında Il tempo…Nel tempo

Zaman…Zamanında
Il tempo… Nel tempo


Zaman nel mio pensiero
rinvia a un velo
di ricordi assopiti
che ancor vividi oggi
ritrovo come fosse ieri.
Giovane ritornar vorrei
al tempo che le messi indora
e le acque gorgogliano sui sassi,
gioiose d’ilare natura.

Zaman è lo splendore
che m’avvolge e che dona
al volto l’intensa luce
d’ampie distese;
è il gorgheggio d’onde
che canta il mare
senza soluzione.
Rivesto il mio corpo
e il viso mio
di bruscoli di sale
appena colto,
metto all’anima le ali
verso perdute lande
senza volto.

Zaman è la veste leggera
di vestale al nascer della sera,
custode della fiamma eterna
a emulare il fuoco degli dei.

Zamanında, al tempo dei silenzi,
d’un’età che volge indietro il capo,
il pensiero si ritrova mesto
a seguir sentieri già calcati.
Sogni passati coltivo ancora
per ingabbiare la mia nostalgia.
Dal presente, che sfioro appena,
ambrosia suggo dalla poesia
e la forza per ravvivar la passione
che l’anima mia rinfranca ognora.



*

Buz kavrama La morsa di ghiaccio »
Questo testo è in formato PDF (87 KByte)

*

Il cigno bianco



Sulle ferite d’una terra amena
un cigno bianco s’è posato,
le ali giunte in atto di preghiera.
lo sguardo fisso,
altero il portamento,
il capo rivolto all’occaso.

La morte non ha l’aspetto
d’un rapace che sulla preda
s’avventa e la dilania.

Planò lieve il cigno sulla neve,
con fare vago e strano.
Le ali sbatté forte in aria,
alzò il becco al cielo
e dal monte scese un bianco velo.

Or più non s’ode voce umana
e il silenzio è calato repentino:
dei tratti in salvo mesta è la gioia.
Il compianto d’un lutto preannunciato,
è rimasto, ahimè, inascoltato.
Il cigno bianco è svanito all’improvviso,
è volato su in alto verso il paradiso.

*

Morte in bianco »
Questo testo è in formato PDF (205 KByte)

*

Neve irredenta sul Redentore »
Questo testo è in formato PDF (259 KByte)

*

La trappola di ghiaccio »
Questo testo è in formato PDF (175 KByte)

*

Alla mia nipotina »
Questo testo è in formato PDF (222 KByte)

*

Gocce di memoria »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

ISTANBUL, 1 Ocak 2017 »
Questo testo è in formato RTF (37 KByte)

*

Berlino, 19 dicembre 2016 »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

Anno accartocciato »
Questo testo è in formato PDF (75 KByte)

*

Non amo del Natale... »
Questo testo è in formato RTF (35 KByte)

*

In ricordo di mia madre »
Questo testo è in formato RTF (39 KByte)

*

Canto del mare »
Questo testo è in formato PDF (162 KByte)

*

Sul viale del tramonto »
Questo testo è in formato RTF (39 KByte)

*

NOVatura »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

Amanti irriducibili »
Questo testo è in formato RTF (32 KByte)

*

Estate di S.Martino »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

L’albatro




L’albatro riverso sulla rena,
dov’il mar si posa ad altalena,
mi ricorda gli allegri richiami
dei gabbiani dagli scogli lontani.

Or giace con becco e ali
in croce, vecchio fagotto
al suo fato abbandonato,
tra foglie brunite e rosse
in pozze accartocciate.

In questa mattinata assolata
mi nutro dei silenzi dell’autunno.
Sol mi rattrista l’albatro
con l’ala piegata nell’aria
dalla pioggia rinfrescata.

Pare assorto a scrutare
lontano qualche pesce
che guizza fuor dall’acqua
o celato in fondo al mare.

*

Türk Cumhuriyet Bayramı

29 Ekim - Türk Cumhuriyet Bayramı

29 Ottobre – Festa della Repubblica turca

 

Bayram, giorno di festa in Turchia.

Mi ricordo l’aria festante

di tanta gente raggiante

e bandierine sventolanti per le vie.

Mi tuffo nelle memorie del passato

tra i sorrisi incantati d’Istanbul,

giovane vecchia signora senza tempo,

unica al mondo su due continenti,

con ameni luoghi e antiche rovine.

Oggi, in questo mare amico

di cilestrino opale, trasparente di luce,

mi tuffo per ritrovar me stessa

tra fondali arenosi, sassi e conchiglie

sparsi nella mia memoria.

Bayram, alla città a me cara

di serbar auguro democrazia,

libertà, laicità e fedeltà

ai dettami d’Atatürk,

della patria padre,

contro iniquità e tirannia.

 

 

 

P.S.: Versione turca della mia poesia, con tutti gli inevitabili errori del caso. Chiedo venia per chi conosce bene il turco. Ho voluto tradurre la mia poesia in quell’idioma che ho studiato un po’ durante il mio soggiorno a Istanbul per motivi di lavoro.

 

 

29 Ekim - Türk Cumhuriyet Bayramı

 

Bayram, Türkiye'de bayram günü.

Ben sevinçli havayı hatırlıyorum

gülen pek çok kişi

ve sokaklarda bayraklar sallayarak.

Ben geçmişin anıları dalıştım

büyüleyici gülümsüyor arasında,

İstanbul, genç yaşlın, bayan zamansızın,

iki kıta üzerinde dünyasında benzersiz,

ile keyifli yerlerden ve antik kalıntıları.

Bugün, ben Italyan denize dalış

açık mavi opal, Kendimi bulabilirsim dalış

mavi dipleri taş ve kabukları

arasında benim bellek dağınık.

Bayram, banaya sevgili kasaba

Demokrasin umuttum,

özgürlük, laiklik ve sadakat

Atatürk'ün emirlerini,vatanın babası,

zafer kazanacaktır zulüm ve zorbalığa karşı.

 

 

*

Pazar günü »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

Sonbahar »
Questo testo è in formato RTF (35 KByte)

*

Il calice del tempo »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

In fuga dalla notte »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

Monte Orlando »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

Piove sul bagnato »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

17 Eylül »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

Lettera a Giulio Regeni »
Questo testo è in formato RTF (32 KByte)

*

Burkini o bikini?

 L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, cielo, albero, oceano, spazio all'aperto e naturaL'immagine può contenere: persone sedute, albero, spazio all'aperto e natura

 

Burkini o bikini?

 

Sarà il vero problema

in questo scorcio d’estate piena?

Trema la terra e infuria la guerra:

in Siria scuote le nostre coscienze,

ma sui civili piovono bombe. 

 

L’ISIS è un pretesto per la Turchia

per annientare gli odiati Curdi,

cui mai fu dato

d’avere uno Stato,

perseguitati da sempre in passato.

 

Burkini o bikini?

È questo il dilemma

che il popolino chiama a raccolta?

Depistaggio di gente incolta?

Continuano intanto a morire

in mare frotte di migranti

in cerca d’un porto,

ma l’Europa imbelle

serra loro le porte… 

 

Burkini o bikini?

È questo il dilemma,

mentre in Siria e Libia

imperversa la guerra?

 

 English  translation

       &&&

 

 Burkini or bikini?

 

Will be this the real problem
towards the end of summer?
Earth shudders and war rages:
in Syria shakes our consciences,
but bombs rain on civilians.

 

ISIS is a pretext for Turkey
to annihilate the hated Kurds,
which was never given
to have a state,
always persecuted in the past.

 

Burkini or bikini?
Is this the dilemma
that brings people together?

Meanwhile they continue to die 
in the sea crowds of migrants
looking for a port,
but the faint-hearted 
Europe  locks its doors ...

 

Burkini or bikini?

Is this the dilemma,
while in Syria and Libya
war is raging? 

 

 

*

Aleppo, Aleppo »
Questo testo è in formato RTF (32 KByte)

*

Mi vesto di Estate »
Questo testo è in formato RTF (36 KByte)

*

La strage degli innocenti »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

Il treno della morte »
Questo testo è in formato RTF (38 KByte)

*

Da Dacca a Medina »
Questo testo è in formato RTF (34 KByte)

*

A Carmela




La brezza leggera
ti portò via
in una notte di maggio,
mentre, al tuo passaggio,
si chinavano le rose
appena in boccio.

Senza rumore passasti,
diafana creatura,
in un abbraccio di stelle.
In sogno t'ho rivista,
a me in braccio,
a nuova vita rinata.

*

Acquazzone




Il ciel s’adombra,
come disturbato,
dall’abbagliante luce
del sole.

Scolora il mare
in un grigio-verde
accecante all’insorgere
di un inatteso acquazzone.

*

Onda »
Questo testo è in formato RTF (36 KByte)

*

Sadalmelik »
Questo testo è in formato RTF (51 KByte)

*

Linea d’orizzonte



La ferma plaga
grigio-cilestrina
abbraccia il cielo:
d’orizzonte la curva
si disperde.
Aerea la foschia,
leggera si posa,
velo di sposa,
incanti a disvelare

Scogli affioranti
su cui sciaborda
lieve
la marea bassa
odorano d’alghe.
S’apre la rena
in un sorriso
bianco di sale.

Una barca lontana
par sospesa
sulla curva del mare;
solitario un gabbiano
riposa
prima di pescare.



*

Sciù Scià »
Questo testo è in formato RTF (41 KByte)

*

Terme di Suio »
Questo testo è in formato RTF (51 KByte)

*

Occhio di Ciclone


 Occhio di ciclone

Nubi ad anello,
com’occhio di ciclone,
aprono squarci
d’infinito turchese,
che il mare,
minaccioso,
vuol copiare.

Nubi serrate
laggiù all’orizzonte,
frange d’ovatta,
cangevoli figure
che l’occhio si diletta
a interpretare.

Forme mutevoli
tra giochi a rimpiattino,
mentre s’appresta
la pioggia a rinfrescare
l’aria bagnata
già di primo mattino.

*

Mayıs

Mayıs
Fontania, 16 /05/2016



Vapori fumiganti,
d’acqua e d’aria
osmosi,
contro scogliere
di schiuma ribollenti
spingono frangenti
fragorosi.


La voce selvaggia,
a volte cupa,
del mare
tra cavità sommerse
e rocce cave,
amo ascoltare.

Il suo rumoreggiare
i miei pensieri
sulla battigia scaglia,
come relitti
dopo naufragio.


Un improvvisato rio,
tra rocce e sassi,
lento gorgoglia
e specchia la verzura
che s’appresta
alla stagione arsa.



*

Nisan »
Questo testo è in formato RTF (65 KByte)

*

Ave Maria »
Questo testo è in formato RTF (46 KByte)

*

Abu Dhabi Island »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

Lulu Island

Nel deserto reclino sul mare

ho raccolto sassi e conchiglie,

il mio volto arso  dal sole

ho porto ai pesci colorati

            a nuotare

tra alghe e corallini fondali.

 

Ho lasciato lì il mio amore,

selvaggio come questo dolore

che raschio in fondo

all’anima fino alla fine,

amarezza e fiele

           a centellinare:

capelli al vento di marina,

arido di deserto,

che spira tra le dune

e ribolle d’onde

sotto la sferza del motore.

Lulu Island è un sospiro

di palme tra colline arenose,

dove il tempo si frange

in silente contemplazione.

 

Dall’aereo scorre il paesaggio

sotto i miei occhi

assonnati ancora:

l’isola di Abu Dhabi

par donna velata.

Scorrono perle di rugiada

a salutar la riva

e penso con nostalgia

alla tua lontananza,

          figlia mia.

 

 

*

A Dio perdono chiedo



A Dio che non ascolta
il dolore umano
perdono chiedo
nelle notti trascorse
a fissare fantasmi muti
lungo i muri strisciare.

Perdono imploro
per tutti i morti
in fuga da guerra e fame
or nell’urna del nostro mare,
un tempo di popoli culla,
sepolcro senza nome,
tomba ignorata
senza consolazione.

C’è chi piange,
urla e geme
e chi una preghiera
eleva al cielo,
fasciato da talare
bianca di pace.
C’è chi tace
chiuso nel bozzolo
d’un egoismo rapace.

A Dio perdono imploro
per tutte le anime pure,
povere creature
in balia del fato:
per tanta empietà
non c’è soluzione,
non c’è ragione.

Dio tace e ignora
le sue creature,
l’un contro l’altra armata,
cannibali di poche ore di vita.
Dio non ascolta e tace
e il male non dipana,
pur se una prece
mi conforta ognora.


*

Bahar



Lastra lucente
di merletti d’onde
rispecchia un cielo
di nuvole errabonde.
Dune sbocciate
si gettano nel mare
in arenose cascate
da flutti e vento
appena levigate.

L’edulis carpobrotus,
tra agavi e cactus,
i farinosi pendii
di stupori rosei inonda
tra verdi foglie grasse
abbarbicate.
Farfalle in volo
impazzite,
ebbre di colori,
sfiorano l’acqua e la rena
per trarre nutrimento
da quei fiori.

Sfioro appena loro
le ali e trascoloro
al tocco serico
che sa di primavera
e dell’ebbrezza
di sole e luce piena.

Su una duna lontana,
un uomo chino,
solitario, smanetta
sul suo telefonino:
di tanto prodigio,
a lui vicino,
par non s’avveda.

*

Un muro ci divide

 

UN MURO CI DIVIDE

 

 

Nell’ellenica Lesbo,

stipati e umiliati,

da giorni lottiamo

contro i rientri forzati.

 

Depredati della speranza

in un futuro migliore

per la nostra progenie,

siamo com’in prigione.

 

Continua dalla Siria l’esodo 

del nostro popolo fiero,

in fuga da guerra civile

e dal Califfato nero.

 

Il percorso della Storia

dall’Iraq punta il dito

contro America, Europa

e della guerra moria.

 

Europa spietata,

per noi in fuga da morte,

alti muri elevi ancora

e serri a noi le tue porte.

 

Vile, tradisti l’intento

d’esser di Libertà eroina

e per il mondo intero

di Democrazia paladina.

 

 

 

*

Un muro ci divide »
Questo testo è in formato RTF (1 KByte)

*

Falce di Luna




Dondola in ciel luna
ammiccante,
in punta di moschea
fa’ capolino.

Dondola, falce d’argento,
sospesa nel blu cupo
che cala sul sipario
della vita.

*

Lettera a Giulio Regeni »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

I gabbiani di Istanbul

Intrecciano voli i gabbiani,

frecce bianche e luminose

nella sera che cala su Istanbul.

 

Sonnecchiano minareti e moschee

nell’atmosfera brunita,

velo teso da mano invisibile.

 

Un fremito leggero pulsa,

una preghiera, una voce,

alta e vibrante

che invita alla moschea.

 

 

E’ l’ora del silenzio,

dell’uomo, di Dio...

Solo il canto s’ode,

solo questo resta...

 

 

I gabbiani fluttuano nell’aria

come barche cullate da onde,

dondolano lievi finché tace

ogni litania, ogni voce.

*

Monte Altino »
Questo testo è in formato RTF (39 KByte)

*

Se tutto tace... »
Questo testo è in formato RTF (33 KByte)

*

La Festa della Donna »
Questo testo è in formato RTF (35 KByte)

*

Women’s Day »
Questo testo è in formato RTF (1 KByte)

*

Forzati in fuga - Forced to run away »
Questo testo è in formato RTF (38 KByte)

*

In marcia »
Questo testo è in formato RTF (36 KByte)

*

Foglie secche »
Questo testo è in formato PDF (140 KByte)

*

Ad una figlia lontana »
Questo testo è in formato PDF (160 KByte)

*

Giustizia per Giulio Regeni



In ricordo del giovane ricercatore,
dei tempi moderni martire inerme,
degli uomini liberi si leva la voce,
si leva il silenzio di chi sa e tace,
di chi governa con fare mendace.
I Governi tiranni non aman le idee,
non aman le sfide delle persone,
dei diritti civili non fanno menzione,
fan terra bruciata d’ogni ragione.

Contro chi, per governare,
usa sevizie e prigioni
per soggiogare popolazioni,
con intrighi e ingannevoli azioni,
contro regimi che muovon folle,
masse dominate dal terrore,
da omertà e miseria morale,
la Primavera Araba ha invano lottato,
poi come prima tutto è tornato
ancor più degenerato
nel rimpianto del despota deposto,
pur se non sempre amato.

Giulio, bravo ragazzo, dal viso pulito,
dallo sguardo acuto e profondo,
con fiducia rivolto al mondo,
fosti di barbari carnefici ostaggio,
mossi soltanto dall’oltraggio
verso chi da Democrazia e Libertà
ha imparato la lezione di lottare
contro ogni Tirannia e Crudeltà.




Justice for Giulio Regeni


In memorial of the young researcher,
helpless martyr of modern times,
of free men rises the voice,
rises the silence of those
who know and keep silent,
of those who harshly govern,
the autocrat Governments dislike ideas,
dislike the challenges of peoples,
they make no mention of civil rights
and violently censor opposite reasons.

Against men who to govern
use torture and prisons
to subjugate peoples
by intrigues and cruel actions,
against regimes that keep crowds,
masses by terror dominated,
by silence and moral unhappiness,
in vain the ARAB SPRING has struggled,
then everything as before
more degenerate is back
regretting the removed despots,
even if not always loved.


Giulio, good guy, with your clean face,
with your sharp and deep look
so confidently facing the world,
hostage you were of barbarians executioners,
only moved by the brutality towards
those who through Freedom and Democracy
have learned the fair lessons
against every Cruelty and Tyranny.

*

Marinella della Memoria




Dal freddo e dal terrore,
ignari della sorte,
a passi spediti
scappammo dalla morte
verso terre straniere,
lasciando alle spalle
d’esistenza fardelli,
case avite e ricordi.

Il sentiero prendemmo
dalla vita tracciato
coi bimbi in braccio,
in fuga dall’addiaccio,
dall’abbraccio mortale
dei carnefici slavi.

Per l’ultima volta
Marinella, d’un anno,
sgranò i suoi occhi,
spirò senza gloria
e senza rintocchi
nel campo triestino
di Padriciano.

Tra stenti e fatiche,
ci accolse l’Italia,
che però non comprese
il nostro esodo infame,
oltreoceano molti spinse,
verso terre più amiche.

Delle Foibe di Fiume,
di Gorizia e d’Istria
per tanta vergogna
s’era persa memoria,
di recente riesumata
dai nuovi libri di Storia.


*

Teutonica Beltà



Teutonica beltà,
tra selve e fronde,
picchi di rocce
e armonie d'acqua
che scroscia
dalle viscere profonde
dei monti e il passo cede
alla fertile terra.

O terra straniera,
che svetti in alto
con antiche foreste
per ciel sfiorare,
approdo d'un esilio,
si ferma il passeggero
stanco di vagare.

Terra di foreste nere,
tra valli e fiumi,
gole selvagge
di tacitiana memoria,
bacio il tuo suolo,
con tanta nostalgia
dell'amata mia terra,
dell’Italia mia.



*

Family Day

  

Guardava il bambino

salir in alto il palloncino

nello spiazzo gremito

di gente festante,

in preda ad un delirio

d’ipocrisia benpensante. 

 

Cercava il piccino

sicurezza e affetto

offrendo la mano

all’uomo a lui vicino.

 

Padre o madre che fosse

poco gli importava,

chiedeva amore sincero,

ma amore, quello vero... 

 

Di liti furibonde

piena era la memoria

quando, a sera tardiva,

affranto si assopiva.

 

Donne violate e predatori:

famiglie ormai allo sfascio.

Cerca il bimbo infelice

solo un tenero abbraccio. 

 

Dell’utero in affitto

non piace il messaggio,

chiedono tanti minori

adozione e salvataggio. 

 

 

*

Istanbul

ISTANBUL  (English version)

 

 

Istanbul... magic that slowly arises,

like an enchanting woman,

among golden sunsets languidly rests,

the muezzin's seductive song rises.

 

... A charming dream

poised between West and East,

the dreamily gaze wanders

amid Nurosmaniye and the asleep Beyazit.

 

 

Istanbul... outline of tall minarets

to reach up the dark sky

sprinkled with the crescent moon

and the stars’ shaky lights.

 

... A melody that spreads outslight

 in a slow exciting song:

clothe themselves mosques in lights

for the usual prayer of  night.

 

Istanbul... love at a first glance,

after years of sadness and delusions,

at your sign I fell asleep

to dip my soul in illusory seas.

 

*

Holocaust

             HOLOCAUST

 

Holocaust is not an empty word,

not a painless memory,

not only a mourning ceremony. 

 

Holocaust is persecution,

genocide of Hebrews,

distress without conclusion,

diaspora and destruction.

 

No Peace in the Promised Land!

No Fato to forgot people!

Palestine complains its deads,

new territories Israel invades.

 

Hatred breeds hatred:

twisting the spiral of violence

the Intifada inflates itself

of human endless madness.

 

So the bloody Syrian war 

spreads death and devastation 

and sinks in the Promised Land  

the roots of the first repartition.

 

 By  Franca Colozzo

 

*

Olocausto





Olocausto non è una parola vuota,
non è sol d’infamia la memoria,
non solo di compianto cerimonia.

Olocausto è la persecuzione,
del popolo ebraico genocidio,
sciagura senza soluzione,
diaspora e folle distruzione.

Non c’è Pace nella Terra Promessa.
Qual il destino d’un popolo obliato?
Palestina or piange i morti suoi,
pur Israele e invade nuovi territori.

Odio genera odio ancora e ancora:
s’avvita la spirale di violenza
e l’Intifada al vento si dilata
per l’umana usual demenza.

Così di Sira la guerra cruenta,
che dissemina morte e devastazione,
affonda nella Terra Promessa
le radici d’una mala spartizione.




*

#SaveAshrafFayadh - Ashraf Fayadh is my name




Ashraf Fayadh is my name.
I appeal to God's judgment
not to you, unfaithful servants,
who for a barrel of oil
your soul have sold to the devil.

In front of the judgment of God
all of you will appear naked,
unarmed and without jewels,
without your mortal remains,
you arrogant masters.

Ashraf Fayadh is my name.
Goes back my memory
to Magna and Felix Arabia
to their caravan routes
among sand dunes fragrant of spices,
now scattered of black gold in wells.

In the name of religion,
I was condemned without reason
only to be a poet
whose voice rose strong
against new slavery and death.

Ashraf Fayadh is my name.
By my song, Freedom
flies on invisible wings
to shake the blind minds
of the world's most powerful men
slaves of the cruelty of rich ones.

In front of the judgment of God,
cheered by the choral embrace
of free men moved with compassion,
my soul will fly over the evil darkness
without material limitations
Ashraf Fayadh is my name.



*

#SaveAshrafFayadh - Ashraf Fayadh è il mio nome


Ashraf Fayadh è il mio nome


Ashraf Fayadh è il mio nome.
Mi rivolgo al tribunale di Dio,
non a voi infedeli servitori,
che per un barile di petrolio
vendeste l’anima al demonio.

Al tribunale di Dio
vi presenterete nudi,
senz’armi e orpelli
senza le spoglie mortali
di protervi padroni.

Ashraf Fayadh è il mio nome.
Percorre la memoria mia
di Felix e Magna Arabia
le vie carovaniere tra sabbiose
dune odorose di spezie,
or sparse d’oro nero in pozze.

In nome della religione,
condannato fui senza ragione
soltanto per essere un vate,
la cui voce s’alzò forte
contro nuova schiavitù e morte.

Ashraf Fayadh è il mio nome.
Del mio canto la Libertà
vola su invisibili ali
per scuotere le menti
dei potenti orbi e schiavi
d’arricchiti truci e ignavi.

Al tribunale di Dio l’anima mia,
rincuorata dal corale abbraccio
d’uomini liberi mossi a pietà,
sugli abissi si libra in alto
senza materico intralcio.
Ashraf Fayadh è il mio nome.

*

Mara



Scoglio solitario,
proteso in mare,
tace parole
che amavi ascoltare
distesa al sole
in punta di marina.

Il tuo nome, Mara,
sa d’alghe e sale,
tra cave rocce
e pozze arse dal sole,
risuona come il mare,
tra rovine antiche e fronde,
anse ed anfratti cavi
e sciabordii d’onde.

O creatura amata,
dalle lunghe chiome
e dai grandi occhi scuri
puntinati del verde
degli abissi profondi,
mi manca la tua risata.

La tua suadente voce
è come il canto,
foriero di tempesta,
dei marosi di fin estate,
è il gorgogliar dell’onda
tra scogli e cavità nascoste.

Figlia adorata,
dal tuo destino errabondo
in desertiche lande confinata
a inseguir di profetici sogni
gli oscuri arcani segni.

Affido la mia voce al vento
a carezzar il tuo bel volto
e ti rivedo a me in braccio,
col bel sorriso ora a me tolto.

*

Sento così forte



Sento così forte,
amo così forte
questo disincantato amore,
che trema e scuote, urla e geme,
nelle notti e nei giorni,
calpestando leggero
folli illusioni.

E si veste di sempre,
giocando, bambino,
tra ironie e beffe
e si nutre di niente.

Sento così forte,
amo così forte
questo disincantato amore,
che si spoglia di menzogne,
levandosi nel vento
a misurare cieli,
in un lampo di luce.



*

Cristalli di ghiaccio



Se questi cristalli di ghiaccio
potessi sciogliere al sole
in rivoli di lacrime pure.

Se potessi cantare la gioia
degli anni andati,
che non seppi fermare
e raccogliere frutti mai nati
sulle sponde d'ieri
e cambiare il volto alle cose,
che marciscono intorno,
imputridendo la vita.

Se potessi inventare sogni
e tessere illusioni,
non languirei come ora.


*

Nembi



Nembi sfrangiati,
lontani all’ orizzonte,
bianchi guerrieri
in lotta con il mare,
improvvisano forme.

Li osservo dallo scoglio,
tra il frangersi dell’onda,
bianca spuma
che accarezza pensieri.

Guerrieri silenti,
da lontano giunti,
simili a dei
con corazze ed elmi,
narrano storie di miti ed eroi.

Si cristallizza il tempo
nell’ ansimar dell’onda
e nel ritmo profondo
che suona
tra le cavità del mare.

Tra errabonde nuvole,
che intrecciano
danze sempre nuove,
mi perdo e chiedo
al mutevole giorno
un anticipo gioioso del domani.

*

Massacre of innocents



Innocent victims makes the barges sinking
while cynical indifferent men are observing
of a sad Christmas among consumerist rituals
that do not give us joy of love or happiness.

Before the celebration days, the Christian
of being merciful and human believes,
the Jubilee has sanctified him:
ready for God's pardon doubtless.

Then if a helpless Muslim drowns,
the hypocritical cries a bit then thinks:
for being an infidel God punished him
so he could perish in the sea.

This is the refrain of every hour:
not heartened, weeping migrants
for having left their ancestral land
and with no way out being on the run.

And while the hypocritical man
to the media with pride says
to be the supporter of migrants,
more and more in the sea they die.

Disloyal Europe, here is the carousel
that without finding reply rolls in vain
of a wicked world here is the hell
if the massacre of infants continues.

*

Strage d’innocenti



Dei barconi la strage fa vittime innocenti,
mentre noi guardiamo cinici e indifferenti,
tra i riti consumistici d’un misero Natale,
che non dona felicità né gioia d’amare.

Nei giorni precedenti le feste il cristiano
crede d’esser misericordioso e umano,
che il Giubileo l’ha reso ancor più buono
e che certo l’attenderà di Dio il perdono.

Poi se un musulmano indifeso affoga,
l’ipocrita piange un po’, poi si consola
ché in fondo Dio l’ha voluto castigare
d’essere infedele e può perire in mare.

Questo è il ritornello d’ogni ora:
c’è chi piange e non si rincuora
d’aver lasciato la sua terra avita
d’essere in fuga senza via d’uscita.

E mentre il falso ipocrita tien banco
sui mass media tuona e si fa vanto
d’essere il paladino dei migranti,
altri ancor in mar muoiono affranti.

Della mendace Europa ecco la giostra
che gira invan senza trovar risposta,
ecco l’inferno di sventurati in rotta
e l’ecatombe d’infanti senza sosta.



*

In morte di Diana

Dedicato alla mia compagnia d’infanzia, Diana, deceduta il 7 dicembre 2015

In morte di DIANA

In un giorno radioso
passasti all’ improvviso,
al male tenebroso
lasciasti il bel sorriso.

Quel giorno luminoso
affidasti al mare
insieme al tuo sposo,
mai stanca tu d’amare.

La gioia ormai passata
riaffiora alla memoria
tra l’onda immacolata,
rupi e d’alghe moria.

Insenature e anse,
rapite ad osservare
l’aria tua spensierata
al tuo amato accanto.

Mentre ignara bevevi
dal calice del tempo,
il filo della vita
Atropo recideva.

Serena allegria,
o creatura solare,
davanti a te spandevi
per armonia afferrare.

Nel ghiaccio or della morte
di cui schivi l’abbraccio,
canti l’inno alla vita
più forte a lui in braccio.


*

Inquietudine



Amore non tace
neppure la pioggia,
che scroscia, inquieta.

Non tace il tuono.
Lontano, rombando,
negli immensi cieli,
lacera la notte.

Non tace la mente
e, come folgore,
illumina a giorno,
con sprazzi improvvisi di luce.

Cos’è quest’amore mai quieto?
Si gonfia dentro,
nube di vento,
in cerca di bufera.

Cos’è questa notte?
L’immagino lunga, consueta:
lontano una lampada accesa.

*

Nuvole

NUVOLE

Fiocchi sfrangiati
in fuga verso il mare,
farfalle ebbre d’azzurro,
fanno a gara a tuffarsi
là dove l’orizzonte curva.

Forme bizzarre
danzano leggiadre
sfiorando l’onda
che, sinuosa,
si lascia accarezzare.

*

Innocent eyes



As bonfire in the dark,
shine your eyes,
like embers
unaware of Fear
and Evil
that among us
high walls rise.

Innocent eyes
lost in worlds
where the light reigns
and the harmony of colors
dreamy dreams
of blossoms paints.

Your eyes, Isabelle,
search the purity
of the lost innocence,
in the deep springs
of a vanished time
of elation and joy.


*

Occhi innocenti - Alla mia nipotina Isabelle di 2 anni

Occhi innocenti

Come falò nel buio,
brillano gli occhi tuoi,
tizzoni ardenti
della paura ignari
e del Male che mura
alte erge tra di noi.

Occhi innocenti
persi nei mondi,
dove regna la luce
e l’armonia dei colori
trasognati sogni
di boccioli tinge.

Gli occhi tuoi, Isabelle,
pescano la purezza
dell’innocenza persa,
nelle pozze profonde
d’un tempo andato
d’allegria ed ebbrezza.

Odo batacchi
suonar rintocchi
in fondo a questo mare
dal sapor acre del sale,
mentre ti levi,
lieve, nella brezza.

*

Conchiglie

      Conchiglie 

 

Conchiglie al sol sopite

raccolgo sull’arena,

tra i cocci d’un’estate

ormai sbiadita.

 

A riva abbandonate

tra piume di gabbiani,

giacciono unite

o sparse sulla rena. 

 

Acceca e indora il sol

l’ansa dal mar bagnata

laddove presto l’orma

si dissolve in spuma.

 

Della presenza umana

rimane solo

una negletta piuma.

 

 

 

*

Occhi innocenti - Alla mia nipotina Isabelle di 2 anni

OCCHI INNOCENTI

 

Occhi innocenti

Fuochi in buia notte,

come tizzoni ardenti,

ardono gli occhi tuoi,

della paura ignari

che l’oscuro male

alte mura innalzi

sul nostro cono d’ombre.

 

Parlano innocenti

occhi d’infiniti mondi,

dove regna la luce

e l’armonia dei colori

trasognati sogni

tinge di boccioli.

 

 

Gli occhi tuoi, Isabelle,

pescano la purezza

dell’innocenza persa,

nelle pozze profonde

d’un tempo finito

d’allegria ed ebbrezza.

 

Odo campane suonare

a festa  rintocchi

in fondo a questo mare

dal sapor aspro del sale,

mentre ti levi nella brezza.

 

*

 

 

INNOCENT EYES

 

Innocent eyes,

fires in the dark night,
like burning embers,
your eyes burn,
of the ignorant fear,
the dark evil
raises high walls
on our shadow cone.

 

They speak innocent eyes
of infinite worlds,
where light reigns
and the harmony of colors
dreamy dreams
shaded with buds.

 

Your eyes, Isabelle,
seek purity
of the lost innocence,
in the deep pools
of a finite time
of joy and excitement.


I hear bells
ringing of joy
at the bottom of this sea
from the sour taste of salt,
while you flies,
light, in the breeze.

 

By Franca Colozzo

*

Il Rumore delle Stelle

Il Rumore delle Stelle

Ascolta del silenzio il rumore,
anima mia, che cerchi in ogni dove
del silenzio incantatore
la rassicurante voce.

Eppure il silenzio non ha suono,
se non il rumor delle stelle
che dal cosmo proviene,
mentre ascolto del mondo
l’assordante tuono.

E m’arrovello e dico:
“Perché questa voce
io sola a volte sento
e nessun altro?”

Ultima tra le creature
dell’universo,
assorta, afferro
la tua suadente voce
che su sentieri senza tempo
mi conduce.

Amo il tuo richiamo,
o silenzio, che l’anima mia
in un’eco riproduce,
quando di questa Terra
smorzo l’irata voce,
senza pace e in guerra.

*

L’Eroe

L’ EROE

Mi ricorda un eroe
lo sguardo stanco,
esule dal mondo,
d’un padre senza lavoro:
occhi spenti,
persi lontano,
in attesa del nulla.

Mi ricorda un eroe
il volto attonito,
fisso sul baratro,
che cerca invano
una maschera serena
davanti ai figli,
che gli girano attorno.

Mi ricorda un eroe
la madre affranta
che, a notte fonda,
spazzola cocci e affanni
e si consola soltanto
nei volti sereni dei figli,
immersi nel sonno.

*

Società demente

SOCIETA’ DEMENTE

Non è il politico l’eroe che prediligo
in questa vana società demente,
ma l’ombra sempre onnipresente
del pover’uom che ognor s’affatica.

Non è il potente né l’aulico magistrato,
cui la vita a piene mani ha dato,
ma il solerte, umile ed ignoto,
che passa la sua vita in mezzo al guado.

In questo mondo ottuso e inconsistente
Mi vien voglia d’urlare a perdifiato
e di lasciare al caso impertinente
di mescolar le carte da esaltato.

Ma più forte di tutto è la passione,
che tien vivo lo spirito guerriero,
che m’attanaglia il cor e mio malgrado
mi spinge ad affrontar ogni tenzone.

Così passo la vita in permanenza
a raccogliere cocci e delusioni,
senza capire, per mio sommo scontento,
l’effimera durata d’ogni azione.

*

Vendredi, 13 Novembre

Vendredi, 13 Novembre

En ce vendredi noir, Paris,
tu as été enveloppé par un sombre ciel,
que Liberté, Egalité et Fraternité
ont couvert par un triste voile.

Enflamme la lumière de la Raison
pour ceux qui craignent la Démocratie,
tandis que les victimes innocentes
prient pour nous sans démagogie.

Le sang et la douleur qu'ont taché
jeunes hommes et femmes,
dont la vie sans pitié
a été cassé comme une fleur.

La peur de l'oppressive Terreur
envoie des mots de fraternité
vers tous les Français
pour le massacre cruel.

Dans la lutte contre la Tyrannie,
France, tu que as subi l'indignité,
même après Sharm et Beyrouth,
par le Terreur as été prise en otage.

Par la confusion de l'Ouest
et le cri qui vient de l'Est,
le bouclier se lève contre le Mal,
déguisé par la Religion, du Califat.

Défenseurs improvisés de la foi,
vendent armes de dévastation,
protègent opposées factions
avides du puissance et fausse dévotion.

Prophètes hypocrites et perfides,
porteurs d’haine et destruction,
on élèvent le rituel conformiste
à chevalier d'humaine indignation.

*

Friday, November 13

Friday, November 13


That dark Friday, Paris,
you were wrapped in a ghostly sky,
that Liberty, Equality and Fraternity
have covered by a black veil.

Turn on the light of Reason
for those who hate Democracy,
while the innocent victims
pray for us without demagogy.

Blood and pain have stained
young women and men,
whose life without pity
was broken like a flower.

The fear of the Terror
sends fraternity words
to all French people
for that cruel massacre.

In the struggle against tyranny,
France, that suffered the indignity
after the blood of Sharm and Beirut,
hostage by the terror have been taken.

By Western confusion
and the cry coming from East,
the shield stands up against evil
hidden by the Caliphate's Religion.

Of faith improvised guardians
sell arms of devastation
to opposite factions
greedy of power and false devotion.

Hypocritical and unfaithful prophets,
holders of hate and destruction,
in the conformist ritual you appear
as knights of human indignation.

*

La Poesia

La Poesia


Scritta di getto è la mia poesia,
composta di parole,
arse dal sole
che ho in riva al mare
colto in briciole di luce,
in fiammelle di gioia in sospensione,
libere da mercificazione.
Neglette, povere scorie di pensieri,
a volte in nuce
a volte in forme vere,
immagini dal tempo stemperate
e mai obliterate
da consumistico velo,
sussultano in fondo
ai pensieri che vado
formulando sul mondo
quando inorridisco e tremo
nel mio viaggio errabondo
senza ritorno,
dove vera è la luce.
Dove d'un verso il turbamento
sento chiara la voce
e non il tintinnio d'un soldo
né l’essenza fallace
di venditori di fumo
che fan, della mielata lusinga
al fatuo uomo, un’occasione.

*

Normalità


Normalita’

Cerco Normalità,
non chiedo troppo…
eppur par voce strana,
su questa Terra
che abbraccia la follia
e che vagheggia
morte e schizofrenia.

Sulla Luna perché mai
la Ragion volata è via?
Così fu per Orlando,
paladino di Francia
che, per furor d’amore,
perse lassù il senno.

Ma quale alato carro
potrà mai trovar in fondo
a quei mari senz’acqua
la Ragione che in un’ampolla
si dimena e annaspa per ritornar
indietro al nostro mondo?

*

La nebbia

La nebbia

S’addensa rugiadosa
la nebbia che sale
dal suolo leggera,
come del deserto
la sabbia ogni cosa
ricopre d’un velo.

Scorre veloce
il paesaggio all’ombra
d’un raggio di sole.
Galleggia sospesa
nel vuoto, la sfera
d’opalino splendore.

Dal monte vicino
s’alza gracchiante
d’un corvo il rumore.
Solitaria, una foglia caduca
rinvia della vita
all’inutile fuga.

*

A Valeria Solesin

A VALERIA SOLESIN


Infausta e ingrata sorte toccò
a te, Valeria, quella notte.
Tu che ti chiami come la figlia mia,
destinata fosti a ingiusta morte.
Tu che dell'Italia sei l'orgoglio e il vanto,
ricevi dalla nazione l'accorato compianto.
Portasti il tuo conforto ed il tuo cuore
dove han seminato odio e rancore.
Tra gli angeli riposa, dolce creatura,
e di lassù scongiura a noi il male
e del demonio la presenza infame.

*

Venerdì 13 Novembre

Poesia dedicata alla giovane Valeria Solesin, vittima dell’umana follia.

 

Venerdì 13 Novembre

 

In questo venerdì nero, Parigi,

ti ammantasti di tenebroso cielo,

che Libertà, Eguaglianza e Fratellanza

coprirono d’un pietoso velo. 

 

Il lume accendi della Ragione

per chi teme la Democrazia,

mentre innocenti vittime

pregano senza Demagogia.

 

Del sangue ti tingesti e del dolore

di giovani uomini e donne,

la cui vita senza pietà

fu spezzata come un fiore.

 

Contro il disumano Terrore

si levano parole di vicinanza

a tutto il popolo francese

per la feroce inutile mattanza. 

 

In lotta contro la Tirannia,  

o Francia, hai patito l’oltraggio,

ancor dopo Sharm e Beirut,

d’essere del Terrore ostaggio.

  

Dallo sconcerto dell’Occidente

e dal grido che vien da Oriente,

si leva lo scudo degli Stati contro

il Califfato di Religione camuffato.

 

Improvvisati paladini di fede,

che vendon armi di devastazione,

fomentano contrapposte fazioni

di potere avide e falsa devozione. 

 

Degli ipocriti infidi profeti,

portatori d’odio e distruzione,

il conformistico rituale assurge

a paladin d’umana indignazione.

*

Ottobre in grigio



Ottobre in grigio
mi rimane strano:
delle ottobrate calde
indietro la memoria
percorre strade
tiepide di luce.

Bagni di mare
e stagnante pace
tra scogli ebbri di sole,
cerco ancor ora
che di grigio
si veste la natura,
preludio d’un inverno
triste e bigio.

*

Foglie d’autunno



Rompe il silenzio
delle foglie d’autunno
il crepitio
sotto anonimi
passi frettolosi.

Precoce, nel parco
cala il buio
d’ombre assiepato.

Usciti da opifici,
fantasmi opachi,
ai tram appesi,
van verso casa
muti.

Ondeggiano sospesi
tra la folla,
sfiorandosi appena,
d’un altro giorno
vano nell’attesa.











*

Il Suono della Libertà



Il suono delle lacrime
è chiuso nelle perle
sul fondo del mare.

La voce delle foglie
è in una tazza di tè
o sulla sommità di un albero.

Il suono della paura
è in un volto di donna
nel mezzo di una guerra.

La voce dei miei sogni
è nei sorrisi incantevoli
dei popoli della libertà.


*


The sound of Freedom

The sound of the tears
is closed in the pearls
at the bottom of the sea.

The voice of the leaves
is in a cup of tea
or on the top of a tree.

The sound of the fear
is in a woman's face
in the middle of a war.

The voice of my dreams
is in the charming smiles
of peoples of Freedom.




LE SON DE LA LIBERTÉ

Le bruit des larmes
est fermé dans les perles
sur le fond marin.

La voix des feuilles
est une tasse de thé
ou sur le dessus d'un arbre.

Le bruit de la peur
est un visage de femme
au milieu d'une guerre

La voix de mes rêves
est dans les sourires enchanteurs
des peuples livres.


EL SONIDO DE LA LIBERTAD

El sonido de las lágrimas
es cerrado en las perlas
en el fondo del mar.

La voz de las hojas
está en una taza de té
o en la parte superior de un árbol.

El sonido del miedo
es en la cara de una mujer
en el medio de una guerra.

La voz de mis sueños
está en las sonrisas encantadoras
de los pueblos de la Libertad.


ÖZGÜRLÜK SES

Gözyaşı ses
inci kapalı
Denizin dibinde.

Yaprakların sesi
Bir fincan çay içinde
ya da bir ağacın tepesinde.

Korku ses
Bir kadının karşısında olduğunu
bir savaşın ortasında.

Hayallerimin sesi
sevimli gülümsüyor olduğunu
Özgürlük halklarının.

*

La forza della Poesia


Sol del poeta il canto eleva l’uom dalla sua sorte ria, perché trova in sé del mondo l'intima armonia.

*

Arab Spring


Belated Spring flies away
from Mashreq to Maghreb to Libya,
jasmine garlands carries on its breast
the fiery desert breath.

Arab Spring denied
to the freedom suppressed,
to the women have it cherished,
to the democracy repressed.

Spring aloud declaimed
by fake improvised prophets,
by the belly of terror generated
to overthrow former dictators.

The desert arid wind
covers with sand the Libyan dead
and breathes on bloody flags,
injured by opposite tribes.

The inexpert helmsman navigates,
on a rippled cobalt sea,
uncertain the prow sails,
hardly riding on the waves.

Lampedusa, my beloved island,
life anchor in the storms,
lighthouse in the darkness,
safe harbor you give to exiles.

Deserted ignored Spring
by blind cruelty distressed,
of the proud Syria her blood,
for revenge, God calls aloud.

*

Primavera araba


Primavera tardiva vola via
dal Mashreq al Maghreb alla Libia,
di gelsomini reca in seno un serto
l'alito infuocato del deserto.

Primavera Araba negata
all'idea di libertà repressa,
alla donna che l'aveva cullata,
alla democrazia soppressa.

Primavera a voce declamata
da falsi libertari improvvisati,
dal ventre del terrore vomitati
a rovesciar tiranni meno ingrati.

L'arido vento caldo del deserto
copre di sabbia i morti di Libia
e alita su bandiere insanguinate
da opposte fazioni bersagliate.

Naviga il nocchier inesperto,
su lastre increspate di cobalto,
procede sobbalzando la prua incerta,
cavalcando a fatica l'onda erta.

Lampedusa, isola amica,
nelle tempeste àncora di vita,
faro di luce dopo stenti e fame,
doni al naufrago conforto e pane.

Primavera esule e negletta
da cieca tirannia ch'ora langue,
della fiera Siria il suo sangue
grida a te libertà e vendetta.

*

Passeggiata marina - The Well of Devil

 

L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura 

 

PASSEGGIATA MARINA

 

Tra ciuffi sbatacchiati dalle onde

in sospensione tra alchimie d’alghe

e accecanti bagliori,

passeggiata marina,

sedi ogni ansia

e, a cavallo di un’onda,

mi lascio mollemente dondolare.

Traccio figure in tondo, in fondo,

dove si fermano i ricci di mare,

e orizzonti tremolanti sfioro.

 

S’apre sullo smeraldo

tra rocce d’ ocra,

bianche e brune,

un pozzo profondo,

dei demoni leggendaria dimora.

A luglio, a mezzodì,

il sole le pareti di fiammelle

accende tra voli di rondini

in picchiata a lambir l’acqua

e sfrecciar veloci.

 

Quando, a prima mattina,

il mare è un lago di pace

e tutto nel silenzio giace,

m’immergo nello specchio

e lì affogo il labirinto delle mie paure.

 

 

    Versione inglese:

 

 

THE WELL OF THE DEVIL

 


Among tufts shaken by the waves
in suspension between alchemy of algae
and blinding flashes,
sea promenade, relieves all anxiety
and riding a wave
leaves me rocking softly.

I trace figures in round,

at the bottom,
where the sea urchins stop,
and I touch shaky horizons.


It opens on the emerald between rocks
ocher, white and brown,
a deep well,
of demons legendary abode.

In July, at noon, of flames
the sun walls lights
between flights of swallows
to touch the water and dart fast.

When, in the early morning,
the sea is a lake of peace
and all lies in silence,
I immerse myself inside the mirror
and there the labyrinth

of my fears I drown.

 

By Franca Colozzo 

 

 

 

*

Istanbul

ISTANBUL


Istanbul... magia che ascende lentamente,
nei tramonti dorati si distende
come donna ammaliante;
s’alza il canto del muezzin suadente.

... Sogno incantato
in bilico tra Occidente e Oriente,
si perde lo sguardo trasognato
da Nurosmaniye a Beyazit dormiente.

Istanbul... profilo d’erti minareti,
protesi verso il cielo che s’accende
delle tremuli luci delle stelle
e della falce di luna nascente.

Melodia che si srotola leggera
in un canto monotono e inebriante,
si vestono di lumi le moschee
per la consueta prece della sera.

Istanbul... amore a prima vista,
dopo anni di amarezze e delusioni,
ad un tuo cenno mi sono addormentata,
per tuffarmi in un mare di illusioni.