chiudi | stampa

Raccolta di poesie di Quin
[ LaRecherche.it ]

I testi sono riportati a partire dall'ultimo pubblicato e mantengono la formatazione proposta dall'autore.

*

Sangue bianco

SANGUE BIANCO

 

Ho un mio male nel sangue, leucemia

che prolifera immagini irreali

ricavando visioni sempre uguali

di una vita che mai è stata mia.

 

E se mi tiene in vita anche fa strame

di molti volti truccati e imploranti

che come il mio stanno protesi avanti

perché hanno fame, solamente fame

 di essere visti, soltanto di sguardi.

 

Io li calpesto, li passo attraverso,

e non li vedo, tutto divorando,

a buon diritto: io sono diverso.

Ma qualcosa è cambiato, adesso è tardi

 

e avverto che il mio male va scemando.

Senza di lui mi sento un po' perso.

È la mia vita che se ne sta andando.

                                                  QuinEloSett19

 

 

 

*

Il delfino

IL DELFINO

 

E' un lampo raro, uno per una vita

quando il tuo guscio, schermo a semisfera

che ti accompagna fino dalla culla,

completa indietro il suo sviluppo e azzera

 

quel punto opaco, unico tuo vanto,

che vede tutto e di cui non sai nulla.

Per una volta cederai di schianto,

dimenticando che sei, ciò che era.

 

Trocoide in viaggio nel mare indistinto

ne sarai parte, sì, sarai, soltanto,

e abbandonandoti a un  avito istinto,

 

fra te e il delfino unico esperanto,

ascolterai, da vincitore vinto,

non sai se un riso o un antico pianto.

                                       QuinPdcAgo19

*

Il sentiero

 

IL SENTIERO

 

E ancora cerchi vagando nel bosco 

il tuo percorso quale sia fra i tanti 

che dal tuo ieri ti porti piu avanti,

a tratti illuminato, a tratti fosco.

 

Ma chi è mai lei, questa donna di specchio

che fa in schegge di luce il tuo passato

rimescolando tutto ciò che è stato 

e tramutando in un giovane un vecchio?

 

Nessun debito è  stato cancellato 

mentre ti graffiano le gambe i rovi

e il sentiero ti sembra dipanato,

 

ma non per questo sai dove ti trovi 

(o se lo sai lo hai già dimenticato)

e la tua vita è solo ciò che provi.

                                   QuinCdaLug19

*

Tempi

TEMPI

 

Gira la mosca intorno al formaggio,

Il tosaerba ronza il suo rumore,

Corrono inesorabili le ore:

Tutto si muove e tutto è di passaggio

 

Dura il groviglio di immagini e scene

Non più del tempo della proiezione,

Sono due in uno il re e il buffone

In una trama che a stento si tiene.

 

Però ci avvincono i molti colori,

il movimento, i caratteri forti,

ci commuoviamo di addii e amori,

 

siamo più vivi o un po’ meno morti.

Ma a un tratto i giorni sono corti,

cade il menisco fra il dentro e il fuori

 

si mostra intero il percorso del viaggio,

saluti il mondo con i suoi odori,

che già ti pare un lontano miraggio.

                                         QuinCastellanoSett18

*

Tempo

TEMPO

 

Nel pomeriggio assonnato  e indolente 

mentre i colori si fissano al sole

e sono rare e fiacche le parole 

uno stormire, venuto dal niente

 

alto di fronde, improvvisamente

non un uccello più che voli o canti

né il sottofondo di insetti ronzanti:

allora sai che nulla è permanente 

 

e tu da solo rimani a pensarti

sempre lo stesso e a te stesso uguale, 

senza nessuno a cui allearti.

 

Lo senti dentro che è ingiusto e non vale,

cercando un luogo in cui ripararti

sotto la pioggia, in pieno temporale. 

                                                    QuinPcLug19

*

Miscellanea

MISCELLANEA

 

Lampi d’estate e antiche ballate,

Ore distratte in tiepide case,

Come oscure pratiche inevase

Ferite aperte ma dimenticate

 

E poi le facce, ovunque, affastellate

Come parole e tu sei la frase.

Questo è un editto, un decreto, un ukase

E mai possibile non lo capiate:

 

Siate chi siete, siate, siate, siate!

Ché non c’è altrove, non c’è un domani,

Né un perché, un chi, un altrimenti

Non è un bel gioco per farci contenti

Solo una cosa stretta fra le mani

Una fra tante, subito passate.

                                     QuinNov15

 

*

Iperico

IPERICO

 

Lampi di giallo caldo che raccoglie

La luce intorno e la restituisce 

E dietro il fondo verde delle foglie 

E intorno il mondo che tace e annuisce

 

Trasformatori di aria in colore

Come esplosioni, non una ma tante,

Pronte ad offrire nettare e stupore 

A qualche insetto o a un raro passante.

 

E stanno insieme il tempo e il fiore,

Via via ideando rinascite e morti

Lasciano indietro gli anni e le ore 

 

Come avanzando partecipi e assorti

Lungo il percorso da sempre ulteriore 

Di navi in mezzo a un mare senza porti. 

                                                       QuinPcLug19

*

Fate e streghe

FATE E STREGHE

 

Fra blu e celeste di un oblungo spazio

Che si rifiuta di essere descritto

Corrono in alto immagini di fate

Sempre appena comparse in lontananza

 

Sola difesa dal continuo strazio

Per un cuore sfiancato anche se invitto

Vengono a te le streghe mai domate

E subirai la loro arroganza

 

Fiele dolciastro a volte incantatrice

Ma se resisti rischi la rovina

Questo è il suono del vento che lo dice

 

Così mentre discendi la tua china

Cercando – illuso – di esser felice

Vedi già farsi sera la mattina.

                                   QuinΦισκGiu19

*

Un po’ di desiderio

UN PO’ DI DESIDERIO

 

Come, lei, senza un nome, evocherà,                

Il disperato che non ha più vita                      

Lei, sconosciuta che darà pietà

No, non pietà, la simpatia gratuìta               

 

Quell’impossibile eventualità                         

Di un po’ di leggerezza confluita                   

Dentro a un vuoto che la assorbirà                 

In un inferno di fame infinita?                    

 

Tu, bisogno incistato e onnipotente               

Che insieme vede e nega l’offerente                         

Con quale nome mai la chiamerai?                

 

Tu che il tuo nome hai perso o più non sai              

E con il nome hai perso l’esistente                  

Tu che senza qualcuno non sei niente           

 

Chi potrà mai offrire al disseccato                         

Te, a cui la sete ha tolto il senno                          

Quei quattro piccoli nei in quadrato,            

O solo quell’ accenno                                           

Di un sorriso adombrato?                                         

 

Involto inerme la pelle ti parla                                 

Dice cose che non puoi sopportare                   

Come un passo che non puoi valicare                       

Ti ingiunge  e insieme vieta di toccarla        

 

E della voce il suono                                       

Morbido puro assenso                            

E l’odore che è un tuono                                           

Senza il lampo del senso                                

 

Involucro animato                                          

Pronto a smembrarti se non è smembrato      

Quel corpo è un ponte senza chiave in volta   

Con due inizi e senza alcuna fine                 

Gettato in giravolta                                       

Sopra un buio invisibile confine                   

Fra risa e pianti                                              

Fra anime vicine                                            

Senza fine  distanti.                                  

 

Non cercare più un nome da dire,

Sarà il suo desiderio a chiamarti.                  

Non fuggire, non spaventarti,                                

Non esiste altro modo di morire.                     

                                           Qgiu15

*

Desiderio

DESIDERIO

 

Nulla è abbastanza

E un’immagine nasce

E filtra il mondo

Mai davvero visto

Così lo vivi ma infine sbiadisce

E si allontana il sistema stellare

Che deformava il tuo tempo e lo spazio

 

La presa scema e si va a allentare

Di quella forza che vincola e lancia

E senza guida ti lascia a vagare

Non più satellite, perso nel nulla

E ciò che esiste è infinita distanza

 

No, non sparisce, di colpo distilla

Solo un esangue e confuso ricordo:

Ero così,  ero io per davvero

Quella figura che non riconosco

Mentre sfuggendo da distante guardo?

 

Erano sue le genziane e le labbra

E le ginestre dai rami di frusta

E la speranza di una vita giusta

O forse ogni e tutta la speranza.

 

Solo rimane la disorbitata

Libera corsa senza alcuna meta

Di un corpo ormai fissato alla sua forma

La vita è altro, mobile e inquieta,

E tu la osservi, lontana, scontento.

                                               QuinGiu19

*

D. dopo l’aquila

D. DOPO L’AQUILA

 

Bella,

per quanto ancora dopo tanti anni                

non so davvero che sia la bellezza,              

bella come una poesia sgangherata                                  

che poi ch’è stata composta a fatica                       

scorre veloce e è come illuminata                                               

da una sua luce di oggi e anzi antica                           

che mette a fuoco da tempi distanti               

l’ora presente nella sua interezza,                          

nel suo essere usata e insieme soglia.

Così sei tu, ilare porta aperta

per cui il passato sorpreso germoglia

mentre il tuo sguardo lo tocca e sconcerta

e il tuo sorriso gli rende la voglia

di andare nuovo in questa strada incerta.

                                  Quin per D. Mar18

 

*

Nevertheless

 

NEVERTHELESS

(Effetti secondari)

 

La incontrerai? Ma sappi                        

Per splendida che sia,                                

Per strana e mai incontrata,                           

Per quanto sembri tutto,                              

Non colmerà quel vuoto                                       

Che porti come un lutto,                              

Come una chiamata                                                                          

Verso la nostalgia                                         

E che, per lenti strappi                                    

 

Lo splendore che pure                             

Tanto ti ha conquistato,                                

Nonostante le cure                               

Dell’amore donato,                                          

Come un trucco di dei                                   

Tradirà te e lei                                      

Prima che il primo gallo                  

Nell’alba di corallo                                     

Due volte abbia cantato.                         

 

Resta triste e contento                                  

Perché pur tuttavia                                     

Quel pieno che non sana                                    

Quel vuoto che lo chiama,                    

Non son che una biella,                                      

Uno snodo, un volano,                             

Come l’acqua di un fiume                 

Che fra tiepide brume                                         

Scivola molto piano                                    

Quasi inseguendo il vento,        

                                           

E andando come sia                                             

Corre verso l’ignoto                                 

Mare che lo cancella                              

Ma indietro per la via                                     

Le pale di un molino                               

Ha mantenuto in moto.                                     

 

Nella farina bianca,                   

Nel pane che ora sforni,            

Trovi un altro splendore            

Di cui non sei più servo            

Ma che invece ti affranca           

E libera i tuoi giorni:                 

 

E’ un pieno più modesto           

Intriso un po’ di vuoto,             

E un nutrimento onesto,           

Fatto dal tuo sudore,                 

In questo nuovo moto              

Riempie le tue ore.    

                    QuinChissàquando

*

Photograph

PHOTOGRAPHfoto

(The days are just packed) *

 

Se pure i sogni a star lì irrealizzati

O peggio a compiersi e rivelare

Che resta sempre un vuoto da colmare

Te li ritrovi infiacchiti e svuotati

 

Quasi che i tuoi  troppi anni passati

Prima sospinto poi solo a sperare

Come uno scafo l’andare per mare

Li avessero pian piano scolorati

 

Allora studia, come dietro a un vetro

Quell’immagine che fissa un momento,

E ricordando – è un sogno all’indietro –

 

Sappi che quella donna e il tuo sgomento

Sono l’unico e solo vero metro

Della tua vita ch’è scheggia, frammento.

                                                           QuinxGioiaGen19

 

(*) "The days are just packed", è il titolo del fumetto di Calvin e Hobbes che la donna nella fotografia sta leggendo. A loro due, singolarmente e insieme, oltre che a Bill Watterson, il loro autore, la mia gratitudine per il prestito.

*

Il vento ci porterà

IL VENTO CI PORTERA'

Quella ha sognato di me e mi vuole,
Pure non riesco a desiderarla
Per quanto care siano le parole
Quando mi parla

Siamo finzioni, ruoli mal vestiti,
Ami calati, tramagli sospesi
E siamo vermi o pesci sbandati:
Predoni presi

E la mia voglia di te ha paura
Occhi di donna e corpo da bambina,
Il tuo parlarmi non mi rassicura
Se mi avvicina

Dal tuo sguardo al tuo sesso e' un lungo viaggio
Senz'altra mappa che quello che accade,
E parto solo, smarrito e in svantaggio
Come chi cade

Dentro a un sogno in cui tutto puo' avvenire
Dopo una lenta vertigine nera:
Che la caduta ti faccia salire
O che sia sera

Mi sento in balia di un destino
Che e' forse solo mio, forse di tanti
Senz'altra scelta che questo cammino
Che ha te davanti

Ma la fatica taglia il cuore in parti
Il sesso e' molle, contratto l'addome
E cerco in qualche modo di toccarti
Ma non so come!

Flusso mai laminare, turbolento
Pure sei cio' di cui io sono privo,
Sei il volto luminoso dell'arrivo:
Si leva il vento.
                QuinxGioiaCdaLug18 (*)

(*) Devo a Paul Verlaine l'ultimo verso - e quello successivo, nè scritto nè pronunciato; ai Noir Desir (cioe' a Denis Barthe, Bertrand Cantat, Jean-Paul Roy, Serge Teyssot-Gay ) il titolo, a un certo Catullo il tono dei primi 4 versi. Grazie a tutti.

 

*

Neso e Cassità »
Questo testo è in formato PDF (160 KByte)

*

Non in silenzio

NON IN SILENZIO

 

Dove siete, fiumincorsa parole

adesso che avrei bisogno di voi?

Voi che sapreste come lavatoi

mondare il taglio che ora mi duole

 

d’acqua salata o di sangue denso

e aprirlo a un altro dandogli il senso

almeno di essere esposto e beante

fica in attesa di ognivoglia amante?

 

O almeno, se nessuno vi ascoltasse

di raccontare, a lei e a lei soltanto

la mia tristezza e questo fluido pianto

 

perché vivere è questo: poco o tanto

e nel silenzio è solo rimpianto

come un coro in cui non si cantasse.

                                    QuinperAlefeb17

*

The island in the middle

THE ISLAND IN THE MIDDLE

 

Un inibitore dei recettori                                                            

Della serotonina                                                                

Poi una donna vestita di bianco                                       

Nella penombra di un  aeroporto                          

Strani piccoli sfolgoranti attori                                       

Di una scena azzurrina                                                             

Per un copione nuovo e mai stanco.                                  

 

Da oggi mai più dirai che la vita                                      

Anche quella che dai per acquisita                                   

Non ti è sempre vicina                                                                               

O che ti ha fatto torto                                                        

 

E in quel gioco duro e controverso                                                       

Che è il passo indietro del pagare il prezzo                                     

Del guadagno che fa l’altro contento                                       

Quando si tratta di fare il giro                                         

Dell’isola di mezzo                                                            

Nel senso del tempo o all’inverso                                       

Sarà solo lo spazio di un respiro                                       

Poi lascerai che a guidarti sia il vento.

                                     QuinZanziGen14

 

*

Attesa al varco

ATTESA AL VARCO

 

Io sarò là quando cedendo agli anni                           

Avrai imparato ad averne paura                                  

Quando troppo abusata e meno dura                                    

La tua bellezza non farà più danni                                  

Non più capace del suo inganno strano                      

Che finge che sia tu la portatrice                                

Non per ciò triste, non di ciò felice                              

Di quel che sempre nella vita invano                                   

Cercando quello che non c’è mai è stato                      

Come una rotta una stella  inseguiamo.

                          

In quel domani avrò sempre abitato                  

E quel giorno se questo è il nostro fato                       

Liberi entrambi di esser quel che siamo                      

Ti accoglierò con un trito: “Ti amo!”

                                           Quin Chissàquando 

 

*

Il porto (o il mare)

IL PORTO (O IL MARE)

 

Il y a deux sortes de gens / il y a les vivants / Et ceux qui sont en mer. Jacques Brel                               

Ci sono tre tipi di uomini: i vivi, i morti e quelli che vanno per mare. Platone?

 

 

La stradine che scendono al porto                  

Solcano il paese come fiumi                           

Torrenti che promettono profumi                   

Di spezie e di donne di altri mari                   

 

D'altronde, se non sei ancora morto               

Anche tu incontrerai quel bivio incerto         

Che porta da una parte verso il porto                        

E dall’altra conduce al mare aperto                

 

Fare vela senza altro conforto                         

Che quel poco di scienza che hai del mare      

O da una casa (solida?) guardare                  

Chi ha avuto il coraggio di partire.

                                       QuinChissàquando      

 

*

Il poeta (2)

IL POETA (2)

 

Vi narrerò l’infinita bellezza

Del gioco una tantum sotto il sole

Delle parole nella loro asprezza

E lascerò che parlino da sole

 

Dirò desiderio senza contezza

Come colui che non sa ciò che vuole

Poi anima come si dice brezza

E pure corpo, anche se un po’ duole

 

Il cielo mi sarà uno spazio aperto

Solcato alto da voli augurali

E il mare, sì, dovrà esserci il mare

 

Così sarà, certo se anche a voi pare

Perché non siamo tutti quanti uguali

In questo nostro, vostro e mio, sconcerto.

                                          Quin BalealMar16

*

Il mare (1)

IL MARE (1)

 

 

Quando ti accorgerai del mio desiderio                 

Che certo schiavo di troppa bellezza                      

Ma di più ancora e con miglior criterio                 

Fratello di ogni tua debolezza                              

Come un cane sull’usta perduto                            

Giù basso il naso che il vento accarezza               

Ti segue ovunque ai tuoi passi incollato               

Ti stupirai o invece capirai                                                                  

Che  lo avevi da sempre saputo?                     

E ora quel sogno che vorrebbe  aiuto

Dimmi, fanciulla, lo deriderai                              

Come un miraggio senile e insensato?                          

 

Non farlo donna, non voler strafare                     

Non prenderti gioco del tempo                              

o di me                                                       

Che’ entrambi nuotiamo                                       

io e te                                                                  

In uno stesso identico mare.

                                      Quinchissàquandoedove

 

*

Specchi e meduse

           

      SPECCHI E MEDUSE

  

       AB =√x2+y2+z2-(ct)2    

 

Non coi miei occhi vedo te, me, questo

lucido specchio di vetro argentato                                

(in cui scopro un volto invecchiato

come quando da un sogno mi ridesto)

 

Dentro ho occhi antichi immersi nel mondo 

e non soltanto per un’ora o un giorno

ma in mezzo al tempo e con il tempo intorno

come meduse nel mare più fondo

 

Così fra i miei e quelli mi frastorno

e non so più se sono o sono stato,

un punto in moto o un eterno ritorno

 

e forse il solo vero rivelato

sta alle spalle di quello specchio tondo

poggiato a caso al centro di un prato.

                                               QuinMag19

 

 

equaz

 

 

*

Il mio amore è un’artista di strada

IL MIO AMORE È UN'ARTISTA DI STRADA

 

Il mio amore è un'artista di strada

Lo vedi da quel lampo nei suoi occhi

Azzurri come angeli barocchi

Tanto chiari che la gente ci bada

 

Però il suo sguardo che ride leggero

(Il suo mestiere in fondo è l'allegria)

Non perde mai un fondo più severo

Una tensione che non va mai via

 

Perché - è il bello dell’acrobazia -

Ogni suo volo è una rischiosa danza

Contro la forza che ti schiaccia a terra.

 

E io, che sono figlio di una guerra

Non saprò mai colmare la distanza

Da lei, o dalla strada, come sia.

 

Però so che, qualsiasi cosa accada,

Non scambierò per un gioco il suo gioco

Come fosse un affare da poco

Raccontandolo per ciò che non è:

 

Il mio amore è un'artista di strada:

Lei la conosce, e mi porta con sé.                 

                            QuinxGioiaCdAAgo15/Roma26Gen19

 

*

Un senso al tempo

UN SENSO AL TEMPO

Che metterai fra te e la tua morte
Per rallentare il tempo o dargli il senso?
Una genziana, un vento, un vino denso
O una compagna nuova, sconosciuta,
Mai immaginata, mai vista o voluta.
Non certo i versi di poesie contorte.
                                        QuinCdaLug17

*

Guardando te

GUARDANDO TE

 

Come altre volte ti stavo guardando

Con gli occhi troppo vicini al tuo viso

Quando di colpo per qualcuno dentro

L'arco dei denti si è fatto sorriso

E dalla curva del collo su al mento

Il quadro dal dettaglio ricreandosi

È apparso un volto che era del passato.

 

Il cerchio che si era completato

Mostrava come il tempo non sia

Il fiume che ci muove e porta via

Ma dentro noi una lunga addizione

Di istanti che in noi cercano un accordo

E che la vita é quella condizione

Di un sogno che insegue un ricordo.

                         QuinconGioiaPcAgo18

 

*

Falsa partenza

FALSA PARTENZA

 

E’ già lontano il brusio della gente

Assiepata sul molo, il bastimento

Che sta partendo, alto e imponente

Grande muraglia sferzata dal vento

 

Sotto una luna che il mare sottende

L’ultima cima ha lasciato la bitta

L’acqua dilaga, si allarga, si estende

Dietro alla poppa,  a babordo, a dritta.

 

Ma ancora questa la credi partenza

Con la tua vita abusata che sbanda

Orfana ormai di quel tempo recente

 

Quando ancora credevi all’esistenza

Di una risposta mentre è la domanda

Che adesso invecchia e non chiede più niente.

                                                Quin Giu18

 

*

Imeneo

IMENEO

 

Ti sposerei domani,

Subito, ora, adesso,

In questo giorno breve in cui rimani                 

Se solamente ci fosse ancora                        

Il tempo per un dopo, se non fosse                             

Riarso il corpo e insieme a lui il coraggio               

 

E però sì, ti sposerò lo stesso                          

Pronto a morire nel tempo di un’ora            

Travolto dal tuo sisma, dalle scosse,            

Ti sposerò perché non sono saggio                            

 

E lo farò perché tu sei la vita                         

Molesta e breve, spesso  indigesta             

Ma vista nel tuo specchio infinita.                       

 

Pure, nel poco tempo che mi resta,                              

Aspetterò che piova sul mio terreno spoglio  

Già, lascerò che piova, anche se non voglio.

                                             QuinperGioiaepoiaSivia&Pino15Sett18

 

*

Il dono della nebbia »
Questo testo è in formato PDF (84 KByte)

*

L’alba prossima

L’ALBA PROSSIMA

 

Quando cala la luce e si fa scialba

e il mondo si riduce

a un nudo bianco e nero,

si accorciano le strade

quando il più è percorso.

 

O sono gli occhi ad essere stanchi?

O le gambe di andare,

il cuore di pompare?

No, l’anima, soltanto,

incomincia a capire:

nulla distingue il tramonto dall’alba.

 

                                                 QuinFeb17

*

Modesto invito (con Addendum)

MODESTO INVITO A DISCETTAR DI MORTE

 

Mi è richiesta, ci siamo proposta                         

Consuelo e io, accoppiata maldestra,                  

Proprio per oggi, in un giorno di festa                           

Una poesia che vi invogli a parlare                     

Della morte, come oggi ci appare                         

Così incombente e prossima e finale                          

Tanto che ogni giorno fa un po’ male                

 

Così ho provato a buttar giù parole                     

Come un delirio in un giorno di sole                 

Ma non n’è uscito il vecchio farci i conti          

O il comunque tenerci sempre pronti,                

L’accettazione, il cercare un accordo,                            

La compiutezza al saperla finita                       

La vita, come ripete  il ricordo                

Di chi ci ha fatto, presenza sparita                     

 

No, le mie rime  se ne sono andate

Per conto loro, come indifferenti

A dire autunno sì, e foglie cadenti

Ma in incredibili voli e planate

 

E anche foglie al ramo abbarbicate

Forti di vecchi rancori e lamenti

E desideri non spenti e potenti

Anche solo di vite immaginate

 

E i rossi e i gialli e gli sprazzi di verde

Che il riflesso di un’acqua disperde

In parole invernali sempre  vive

Poco sagge, arrischiate, corrive

 

Insomma, dentro ai miei versi avventati

Come una sabbia che scorre fra le dita

Per quanto tristi, a volte disperati

Non ho trovato morte, solo vita.

                                          

 

ADDENDUM

 

E allora sia l’invito a riesumare

Ciò che è stato ma è forse da inventare:

 

Te lo ricordi quel bacio rubato

Labbra a contatto per mezzo secondo

E il sorprendente arrestarsi del mondo

Ricordi ancora o l’hai già scordato?

 

Che nei tuoi sogni torni, come un tarlo

Sei tu quella, sei viva, non scordarlo.

                                          QuinNov17

 

*

Gli occhi del poeta #poesiapoeti

GLI OCCHI DEL POETA

 

Li avete mai guardati negli occhi i poeti?

Non dico quelli veri e "laureati"

I raffinati e virtuosi esteti

Che in versi abilmente cesellati

Trascrivono emozioni imperiture

Tradotte in arabeschi delicati,

 

Né dico, è ovvio, le mie rime impure

Per cui non ho che una modesta stima:

Io sono solo uno che "ci prova"

Mischiando narcisismo e umiltà

E per mancanza di capacità,

Svanisce e lascia lì il vuoto di prima

In cui qualcuno a volte si ritrova.

 

Invece lui li ha umidi e svagati

Gli occhi, dico, e non vedono niente

A tratti fissi al vuoto a tratti al cielo

Come smarriti o coperti da un velo

Solo di rado allegri e illuminati

Se d’un tratto la piega discendente

Delle labbra si alza in un sorriso

Contagioso e presto condiviso

Cui sempre resta un fondo un po’ dolente.

 

Gli oscilla il capo dietro alle parole

Che viaggiano nell’aria come in volo

Ci sono solo quelle e per lui solo:

un uomo solo con le sue parole

 

Però quello che dice lascia un segno

Sei lì e ti chiedi se non sia follia

Quel canto altrui che ti porta via

Come fa un’onda col pezzo di legno

 

Ora mi chiedo: è un servo o un padrone

E ciò che canta è suo o è del mondo

E lui subisce solo e non si oppone

O fruga l’universo fino al fondo

 

Dicendo l’io, la vita e anche l’altro,

Che con la morte il cerchio richiude

Con quelle sue poche parole nude

Che sembrano parlare di tutt’altro?

 

Ma poi li chiude gli occhi ed è soltanto

Un cristo appeso alla sua strana croce

E al silenzio appartiene il suo canto

Come al silenzio torna la sua voce.

                       QuinMar18 (a P.S., grato)

 

*

Com se hace el amor

COMO SE HACE EL AMOR

 

Come si fa l’amore?

Si prende dal passato

Un antico dolore

Mai davvero scordato

 

Si finge che sia andato

Come vanno le ore

Di un giorno un po’ sprecato

Senza troppo clamore

 

Si cancella e si mente

Come si nega un lutto

Fingendo che il presente

Sia veramente tutto

 

Che si possa incollare

Ciò che nasce spezzato

Come dai cocci un vaso

Sparpagliati dal caso

 

Ma è un volo molto breve

Di uccelli senza ali

Degni solo di  scherno

 

Resta una traccia lieve

Droga per noi mortali

Che ha un profumo di eterno.

                                   QuinMar18

 

*

Interrogativi

INTERROGATIVI

 

Ma la vita è un diritto o un dovere?

Una dura fatica o un piacere?

E qual è la strada da imparare

Godere, o soltanto non star male?

Verranno giorni di pioggia verticale

Cosa faremo, staremo a guardare?

                                 Quin  ott15

 

*

I am a lighthouse!

I am a lighthouse!

 

Una casa come                   

Sopra uno scoglio                        

Di un faro i riflessi            

Laggiù senza nome           

Su un’isola avvolta            

In tiepida bruma:               

Se una vita avessi              

Così, come voglio                

Per sempre o una volta        

Allora io credo                    

Sì, credo saprei                   

Da fragile aedo                   

Come gli alisei                   

Scordando me stesso                 

Morire di schiuma. 

                     Quin?quando?

 

“And then, and then - this was one of those moments when

an enormous need urged him, without being conscious what it was, to

approach any woman, to force them, he did not care how, his need was so

great, to give him what he wanted: sympathy. ….” V. Wolfe To the lighthouse

 

*

Il poeta#poesiapoeti

IL POETA

 

Cosa cerca il poeta in quel che suole

Senza mai crederci chiamar poesia?

In una forma forse di follia

Di costruirsi un fallo di parole.

 

                               QuinZanziago14

 

*

Hydra

HYDRA

 

back cover of Songs from a room Leonard Cohen

 

Dove finiamo io, Dio, l'esistenza

Se tu seduta in fondo alla stanza

Seminuda nella luce che avanza

Annulli tutto con la tua presenza?

Che cos'hai tu di cui non so star senza 

Tu placida lattaia in gravidanza

E imperatrice degli elfi che danza?

Non può essere solo apparenza,

 

Sei tu, tu SEI, questo lo so vedere

Pur se il mio sguardo resta allibito

In te inizia e finisce l'infinito

Mentre noi siamo ombre passeggere.

                                          QuinZanziago14

(To Marianne Ihlen, then)

  Leonard Cohen on Marianne: “I thought she was a simple milkmaid but i discovered she was the imperial majesty of the black forest or a snow queen – something out of the north, made of crystals and darkness. Aside from all those mystical things, she’s a very good housekeeper.” Judy Collins on L.C.'s song Suzanne: "It was very present and yet it was very mystical at the same time."

 

                               

 

 

*

La via regia

LA VIA REGIA

(Elogio del backstage)

 

Ma sì, ditemi pure ch’è triviale

Che non è bello,  che a volte fa male

Ma in certi casi un bel rapporto anale

È il solo modo anche se amatoriale

 

Per toccare qualcuno

Per cui non sei nessuno

Per aprirlo(ah!)al diverso:

Non c’è proprio altro verso.

 

Così beffando il Dio

Il suo, ma pure il mio,

Che ha fatto questo mondo

Crudele e inverecondo

 

Su un letto o in un cesso

Arrivare al possesso

Intimo e finale

Da uomo ad animale

 

E inseminare un’anima

Frugando a piene mani

Come un verme da pesca

Penetra in una pesca.

 

Qmar15

 

*

La genziana

Sarà oramai marcita la genziana                        

Il cui blu intenso specchiava testardo        

Quell’aria alta che tesa vibrava                      

Ed eri il centro esatto di due mondi                     

Mentre sembrava che quel tuo momento   

Per sempre uguale sarebbe restato.                    

 

Oggi che tutto quello è quasi andato                    

Soprattutto non essere codardo:                

Non rifuggirla, evitando il riscontro          

Fra questo tempo che pare ti sfrondi         

Col movimento lento di una frana             

E l’uomo che mai sei davvero stato.                  

 

Oh, puoi ridurla al suo sapore amaro,        

Puoi dirne il nome, sperando ti ascolti      

Se non un dio, qualcuno a cui sei caro,     

Puoi ricercarla, domandando ai volti           

Quello di santa e questo di puttana           

Che viso avrà il tuo antico sgomento.       

 

Te la ricordi ancora la genziana                 

Che faccia aveva venendoti incontro        

E il suo odore nel mentre ti guardava        

E poi da te ha distolto lo sguardo             

E dolcemente ti ha dimenticato                 

Più attenta a un nuovo alito di vento?         

                             Quin con D. Mar18

 

*

Fra aneto e cinnamomo

Dove mai troverai la pace uomo                          

che di ogni umor di vita prosciugato  

dentro al deserto viaggi verso un posto                   

in cui non c’è nessuno che ti aspetta?    

                                    

Non qui fra l’ombravento che accarezza,

come un’essenza colma di dolcezza                  

la tua pelle riarsa e stanca                                       

di quella vuota terra troppo bianca:                        

questo è solo un sollievo che scompare:

per un istante hai smesso di cercare.            

 

Non fra i glifi inintelligibili                         

tracciati da antichissimi scribi                               

parole altrui, che una cupola getta                          

in cerchio in alto su un tempio composto                

a celebrare una donna al passato   

ricordando in turchese e giallo cromo.                     

       

Quelle parole no, non ti riguardano         

e il decifrarle solo ti ritarda.                               

 

Dove troverai  mai ciò che ti manca?                                                  

Chiedilo a lei, pellegrina perduta                                 

lei come te dentro al mondo caduta,

se per caso nel suo e nel tuo viaggio                        

appare a entrambi lo stesso miraggio.                           

Forse lei ha qualcosa da offrirti                               

se il tuo bisogno non ti copre gli occhi                  

e ancora riesci a vederla e la tocchi.                    

       

Se un giorno mai la incontri fra la gente              

folta al mercato lascia che a colpirti                        

immagine isolata ed evidente                            

come da tutto diversa e più pura                    

nell’intrico di  vesti e viola e gialle                        

sia più della figura l’andatura.                               

   

Insegui l’ondeggiare delle spalle.                             

Ora rincorrila, subito, presto,

Fra gli odori di aneto e cinnamomo            

Fermala, senza alcun pretesto,                            

chiedilo a lei, anche se con lo sguardo

ancora chiuso, accecato dal sole.                                

 

Parlale ormai, da uomo schivo e tardo,  

di a lei le tue balbettanti parole.

Lei forse sa, lei forse può. E’ con lei                    

e nel tuo viaggio verso lei che tace                              

che tu sei diventato quel che sei.                                            

E’ lei che infine può offrirti la pace                         

quale che sia, foss’anche solamente                         

quella di chi non cerca ormai più niente.          

 

Di chi non cerca ma invece riscopre                    

una parola ormai dimenticata                             

ciottolo strano che la spiaggia copre               

scheggia di voce dal mare smussata              

 

E non sapevi di averla perduta                                 

come chi guarda e non riesce a vedere                

o uno che ha sete ma non sa più bere                     

quasi l’acqua gli fosse sconosciuta.                          

 

Chè lunghi e vuoti sono stati i giorni                 

Di cui il deserto ha cancellato il conto

Stando all’addiaccio o sotto yurte o tende            

Forse è arrivato il tempo che ritorni,                        

Quella parola, forse ora sei pronto:

E non più solo: qualcuno ti attende                   

 

Entrando in lei come si viene al mondo            

Dirai: “Così, ecco, è così che era”                          

Tirando  su come da una miniera                      

Quel po’ di  te che era rimasto in fondo          

 

Ma se quaggiù fra cinnamomo e aneto             

Lei non dovesse oggi palesarsi                                 

Cercala ancora con cuore più lieto

Sarà domani, chi lo sa, può darsi.                      

                                      Quin SamarkandeRomaLug17

*

Il poeta e la donna #poesiapoeti

Quando un poeta, di qualsiasi età,

Volto, voce, comunque un poeta

Vede una donna non è un’ora lieta

Perché lui lo sa che non è lei quella

Neppure veramente così bella

Da così tanto e per sempre smarrita

E in verità mai realmente esistita.

 

Ma sa che neanche questa incontrerà.

 

Sa pure che se uno sconvolgimento

Di ogni ordine dell’universo

Permettesse un accadere diverso

E un nuovo inusitato momento

Lì, in quell’istante, in quella via

Lo cogliesse infine impreparato

Sarebbe la morte di ciò che è stato.

O l’inizio di una nuova poesia.

                                             Qnov14