Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 849 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 20 15:19:12 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Considerazioni sulla poesia romantica

Argomento: Letteratura

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/07/2015 13:01:11

 

Considerazioni sulla poesia romantica

 

         Se alla difesa delle opinioni dei nostri padri e dei nostri avi e di tutti i secoli combattute oggi intorno all’arte dello scrivere e segnatamente alla poetica si fossero levati uomini famosi e grandi, e se agli ingegni forti e vasti si fosse fatta incontro la vastità e la forza degli ingegni, e ai pensieri sublimi e profondi, la profondità e sublimità dei pensieri, né ci sarebbe ormai bisogno d’altre discussioni, né quando bene ci fosse stato, avrei però ardito io di farmi avanti. Ora s’è risposto fin qui alle cose con le parole, e agli argomenti con le facezie, e alla ragione con l’autorità, e la guerra è stata fra la moltitudine e gli atleti, e fra i giornalisti e i filosofi, di maniera che non è meraviglia se questi imbaldanziscono e paiono tenere il campo, e noi tra paurosi e vergognosi e superbi, tenendoci al sicuro come dietro a recinti di mura e di torri, li insultiamo tuttavia con gli stessi motteggi, quasi che essere ultimo a replicare fosse vincere; né però questo stesso ci è concesso. Ma se la nostra causa è giusta e buona, e se noi siamo forti e valorosi, e se confidiamo nel favore della ragione e della verità, perché non usciamo e combattiamo? E perché mostriamo di non intendere quello che intendiamo ottimamente ma che non ci quadra, o come ci persuadiamo senza nessuna considerazione che sia falso quello che non intendiamo? Forse ci basta mantenere in quiete la nostra coscienza, e purché essa non ci molesti con dubbi importuni, e ci lasci seguitare sicuramente e lietamente i nostri studi e i nostri scritti senza quella formidabile svogliatezza che proviene dal timore di gettare il tempo e le fatiche, non ci curiamo d’altro, e per questo fuggiamo dal venire alle prese e giochiamo largo, non temendo tanto il nemico che è fuori quanto quello che è dentro noi medesimi? No, per Dio, non sia così; ma non cerchiamo altro che il vero: e se tutto quello che abbiamo imparato è vano, e se quello che pareva certo è falso, e quello che credevamo di vedere non si vedeva, e quello che credevamo di toccare non si toccava, e se tanti altissimi ingegni, e tanti dotti e tanti secoli tutti né più né meno si sono ingannati, sia con Dio. Non guardiamo che bisognerà far conto di non avere fino ad ora studiato né sudato, anziché vivere, e studiato e sudato da pazzi e per niente, dire addio ai libri quasi nostri amici e compagni, bruciare i nostri scritti, e insomma farci da capo, e giovani e vecchi che siamo, cominciare una vita nuova: rallegriamoci piuttosto che ci sia toccato quello che ai nostri avi non toccò, di conoscere finalmente il vero, e, di questo vero gioviamoci noi e facciamo che altri si giovi parimenti. Ma se nebbie e sogni e fantasmi sono piuttosto le opinioni moderne, e se i nostri antenati hanno visto chiaro, e se la verità non ha penato tanti secoli a uscire al giorno, perché lasciamo che la gente sia confusa e ingannata, e che la nostra gioventù stia in forse di quale delle due dottrine si abbia a fidare? Confesso che un silenzio magnanimo pareva a me pure il meglio, anzi la sola cosa che convenisse ai veri saggi in questa disputa: e l’esempio dei veri saggi che non ci aprono bocca, non mi confermava nella mia opinione nella quale ero fermissimo, ma mi consolava il vedere che il loro giudizio concordava in questo particolare con il mio. Nondimeno sì molte altre cose, come l’aver letto e considerato le Osservazioni del Cavaliere Ludovico di Breme intorno alla poesia moderna, secondoché egli la chiama, mi hanno indotto a pensare che se forse il commuoversi di un uomo illustre e il rompere quel silenzio disdegnoso potrebbe nuocere, il comparire di un uomo oscuro il quale dica non motti ma ragioni, non possa nuocere e possa giovare, perché né la sconfitta di un fiacchissimo combattente potrà pregiudicare la fama dell’esercito, e caso che egli paresse aver fatto qualche cosa, si potrà stimare quante e quanto più grandi ne farebbero i forti. Senz’altro le Osservazioni del di Breme a me paiono pericolose; e dico pericolose, perché sono per la più parte acute e ingegnose e profonde, e questo, se a noi non par vero quel che pare al Breme, dobbiamo giudicare che sia pericoloso, potendo persuadere molti di quello che secondo noi è falso, e che certamente è di tanto rilievo quanto le lettere e la poesia. Però così debole come sono, ho deliberato di vedere se l’affetto che porto focosissimo alla mia patria e molto più al vero, mi darà forza dicendo e per la patria e per quello che io credo vero. Userò, come ho detto, le ragioni, e niente altro che le ragioni: non so se saranno metafisiche, ma saranno ragioni; e se non tutte o non molte nuove, da questo stesso si potrà inferire che le opinioni di coloro che si chiamano romantici e modernisti, posto che non siano antiche, certo hanno radici antichissime, e con strumenti di antichissimo uso si possono abbattere e sradicare.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Storia ] Il nodo di Gordio 6 (Pubblicato il 14/09/2019 21:15:49 - visite: 10) »

:: [ Biologia ] Funghi (Pubblicato il 19/07/2019 09:59:46 - visite: 82) »

:: [ Psicologia ] Il perdente (Pubblicato il 18/07/2019 20:23:53 - visite: 58) »

:: [ Politica ] Miracoli (Pubblicato il 17/07/2019 10:40:57 - visite: 60) »

:: [ Politica ] La pozzanghera (Pubblicato il 14/06/2019 22:55:24 - visite: 77) »

:: [ Filosofia ] La pasta sfoglia del tempo (Pubblicato il 12/06/2019 22:36:01 - visite: 82) »

:: [ Filosofia ] Eccezione e regola atroci (Pubblicato il 09/06/2019 20:34:37 - visite: 52) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Sei miliardi di esperti (Pubblicato il 04/06/2019 22:27:29 - visite: 80) »

:: [ Psicologia ] Il perdente radicale 2 (Pubblicato il 01/06/2019 23:02:00 - visite: 71) »

:: [ Scienza e fede ] La forbice 11 (Pubblicato il 27/05/2019 20:12:55 - visite: 73) »