Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
Intervista a Giuseppe Lamarca, III classificato sezione Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Lettera a un giornalista

Argomento: Scrittura

di Gaetano Lo Castro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/04/2017 18:11:24

Caro giornalista,

ti leggo da diverso tempo, e ora ti scrivo un commento. Per una volta invertiamo i ruoli, in un gioco delle parti magari utile a entrambi.

Cominciasti questo tuo lavoro di professionista delle parole con l'entusiasmo della giovinezza e la freschezza degli ideali. Si vedeva che avevi la vocazione. Ma con lo scorrere degli anni la tua visione delle cose è cambiata gradualmente, senza rendertene conto probabilmente. In principio i tuoi articoli erano fondati sulla verità data dai fatti, poi sei passato alla verità fatta di opinioni, per finire alla verità stabilita dalle parole. Ma non dovrebbero essere le parole al servizio della verità?

La questione è tutta qua: la verità. C'è chi la cerca e chi la cela, chi la difende e chi la combatte, chi la modifica e chi la mummifica, chi la sfugge e chi si fa trovare da essa. C'è chi crede che il volto della verità sia uno, chi nessuno, chi centomila. Io credo che la verità sia essenzialmente libertà, e che con essa prima o poi, volenti o nolenti, bisogna fare i conti.

"Che cos'è la verità?" disse Ponzio Pilato all'accusato prima di consegnarlo in mano ai carnefici, pur non riconoscendogli colpa alcuna, arrendendosi così alle parole d'odio e di menzogna degli accusatori. Era l'ora della tenebra. E quest'oscurità ritorna ogni volta che le parole serve della falsità uccidono la verità, per interesse o superbia o viltà. Ma anche se essa viene rifiutata e perseguitata, crocifissa e sepolta, prima o poi risorge e rifulge.

Questa mia non è l'accusa di un nemico, ma il commento d'un amico, con l'intento di farti riflettere!

 

Un tuo lettore

che ama la verità

e che spera nella verità,

poiché ha fede nella Verità.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Gaetano Lo Castro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] Halloween vs Ognissanti (Pubblicato il 31/10/2016 16:47:50 - visite: 161) »