Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Ultrafisica

Argomento: Filosofia/Scienza

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/11/2017 19:48:00

Le grandi controversie, come quelle che riguardano le immagini o i nomi, continueranno a persistere. Si tratta fondamentalmente della componente metafisica compresa negli oggetti e nel linguaggio. A questo proposito, occorre tenere conto che, a partire da Nietzsche, la «metafisica» è caduta in discredito. Del resto non fu affatto una novità: i suoi precursori si rinvengono sin nell'antichità, come Luciano, e Petronio, di cui questi ebbe gran stima. Certo non bisogna rimanere prigionieri dei concetti; essi servono a dare un orientamento più che uno schema rigido.

Forse l'espressione «ultrafisica» sarebbe da preferire in quanto più attuale: essa indica un'estensione del reale in entrambe le direzioni, un po' come quella dello spettro cromatico al di là dell'ampiezza in cui si rifrange il mondo visibile. Certo, e lo si può ben comprendere, l'inquietudine resta.

 

© Paolo Melandri (13. 11. 2017)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Religione ] La Messa (Pubblicato il 14/02/2018 20:13:27 - visite: 36) »

:: [ Politica ] Libertà un dovere (Pubblicato il 10/02/2018 21:26:18 - visite: 36) »

:: [ Medicina ] Lode del vino (Pubblicato il 28/01/2018 11:58:35 - visite: 37) »

:: [ Filosofia ] Fiacche negazioni (Pubblicato il 22/01/2018 20:29:40 - visite: 39) »

:: [ Filosofia ] Restando vivi (Pubblicato il 14/01/2018 20:40:18 - visite: 55) »

:: [ Letteratura ] Il serpente di ferro (Pubblicato il 07/01/2018 18:49:03 - visite: 55) »

:: [ Mitologia ] Annunciazione (Pubblicato il 06/01/2018 21:20:02 - visite: 58) »

:: [ Religione ] La freccia non ha due punte (Pubblicato il 05/01/2018 22:58:05 - visite: 58) »

:: [ Letteratura ] Le Etiopiche di Eliodoro (Pubblicato il 02/01/2018 19:59:54 - visite: 65) »

:: [ Società ] Elaborazione dei dati (Pubblicato il 30/12/2017 12:52:06 - visite: 64) »