Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 53 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 21 13:32:58 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Seduzioni poetiche

di Kamilla ’Na Margalys
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/07/2017 07:10:23

Siamo state tutte giovani, intendo dire sui vent'anni e poco più... allora la se-duzione era una questione elementare, sguardi ed energie piuttosto selvatiche e assai impulsive...e di questo non lo nascondo ho talvolta nostalgia. Poi il mondo senza che ne anche ce ne accorgessimo si è capovolto...avevo studiato, sapevo. Ma un conto è studiare...prevedere, un conto è trovarsi in mezzo al guado.

Se prima tutto iniziava dai corpi ora per primi si danno degli avatar con la penna in mano...e il supporto non essenziale di qualche selfie.

Per i poeti e le poetesse che della penna hanno signoria, tutto si complica ancora di più..., i versi sono veri e propri agguati. Si, si subiscono e si fanno agguati con nel cuore l'etena illusione di incontrare colui o colei che da sempre ci è destinata.

Vittime più o meno innocenti, giacciono sparse ovunque...

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »