Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 49 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 18 04:58:33 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Mancanze moderne

di Colorate Evasioni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/12/2017 19:53:22

Il male del nostro tempo, che ci rende sempre più vulnerabili, deboli, rancorosi, invidiosi, aggressivi è la mancanza di sogni e ideali per cui lottare. Oggi esistono solo ambizioni e bisogni da soddisfare, cose date per scontate che si credono sempre dovute e ci rendono sempre più sterili, vuoti, insoddisfatti e immobili di fronte ai veri problemi, incapaci di rialzarci e lottare per realizzare dei veri cambiamenti radicali. 

Non sentiamo più dentro di noi la passione che ci guida alla trasformazione, alla non arresa, a perseverare verso gli obbiettivi più nobili, ma lasciamo che le scintille si spengano di fronte al primo contentino, alla prima falsa illusione che soddisfa i nostri bisogni momentanei.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »