Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1492 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 17 08:13:02 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sfogliando .... Ivano Marinucci

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/09/2013 18:37:14

IVANO MARINUCCI
“Come sémo fatti” - Poesie in dialetto spoletino. Arti Grafiche Panetto & Petrelli – 1983.

"La rinascita del dialetto come strumento letterario capace di esprimere, come lingua, affetti, sentimenti, stati d'animo..." E così và letta.



‘Come sémo fatti’ (1964)

Se ci sta ‘n fregnu natu cittadinu
Che ci ha ‘che itea e vòle fasse avanti,
‘n ci sta ‘n cristianu che je fa ‘n inchinu;
è piàtu cuscì tra sgherzi e canti.

T’arrìa, nemmece, un vellu pumpusinu,
che parla vène e pare che te ‘ncanti,
solo perché non è nostru vicinu,
je s’abbiòccono’ addossu tutti quanti…

-Tu sì de qui e professi de pittore?
Ma famme rite! ‘n sì lu fiu de ‘Rnesto?
Starrai co’ Raschjapippe a tigne a ore!

Lei, ammece, è furastieru e spènne e spanne,
e vorrebbe fa’ ‘testo, ‘testo e ‘testo?..
Eccoje li carzuni e le mutanne!


‘L’apprezzamenti’ (1982)

-Te pij’ un corbu a te e chi t’ha ‘ncallatu,
commo stai vène! Pari ‘n zignurinu!
-E te, che te strozzassi, ‘n sì paìnu
con quillo vistimientu aristocratu?!

-Se crepi de salute, sì cecatu!
Pari ‘n torellu, drittu com’un picchju,
che potessi armanette senza fiatu!

E te pari ‘n cuccù che fa lu verzu,
che te pozza pià lu sardaricchju
e ‘nu sbruscicacerque per traversu!

‘Lu tarlu’ (1983)
Un tarlu s’era missu a fa ‘canale
Magnanno legno e noti a tuttu spianu,
su ‘na pordrona vecchja patronale
de la marchesa Lia de Sammarzanu,
passanno da ‘na zampa a lu schjnale
fino a scappà sussopra lu pianale.

E probbio mentre stìa a seté la vecchja,
ch’avea magnatu troppu e stìa ‘ndisposta.
-Dico la virità, so jitu a ‘recchja,
ma manco se l’avissi fattu apposta:
ho fattu ‘n par de mila gallirie
e perché fa? Sintì le … porcharie?

-Cambiamo zona! .E va su lu tivanu.
-Qui forze non se ne sentono rimori
e, speramo, nisciun prafumu stranu. –
E armise in motu l’orcani rotori
pe’ fasse ‘na scavata co’ li fiocchi,
marcianno, come ar zolitu, a chus’occhj.

A ‘n certu puntu, mentre s’arpusàa
p’arpijà fiatu e arfasse le ganasse,
sintì che lu tivanu tirticàa,
come se quarghidunu lu stronasse.
… Commo fu, che non fu, quillo rimore,
erono dui che stìono a fa’ l’amore!

-Aricambiamo! Jémo sur burò! –
Scava, rusicchja, magna, ticche e tacche,
fin, a che, finalmente, scappa fò,
doppo d’avé ‘ncocciatu in certe placche,
su ‘n funnu de ‘n cassittu, de ‘na parte,
in mezzu a certi appunti e a certe carte.

Ci ni stìa uno che dicìa: Tesoro,
de quanno che t’ho avuta, l’antra sera,
m’è ‘rpiàta ‘na voja che me moro.
L’ardore mia … sta llì che ‘spetta e spera
e ‘n vego l’ora, pozzi armané siccu!
d’armette ‘n antru cornu a sor Viacittu!

-Mejo me sento! – fice lu tarlucciu.
-Pussibbile che icqui non s’ arcapezza
se stò a magnà tra l’aceru e l’arbucciu
opure stò a magnà fra la monnezza!
… E dì che fò anchi schjfu a tanta jente!
Loro, nemmece, ci honno la patente!

Io m’abbuffo d’ornellu, de cerasa;
me sgrullo l’ale de la poverella
de legnu d’urmu e noce; arrempo casa
de prafumu de pinu, sorvastrella.
Farrò quarghe vuchittu, ‘testo è vero,
ma quer che lassu addietro sa de pero …

Dice: ru’no tuttu co’ ‘sti fòri.
‘N è vero gnente! Anzi, déo da di
che co’ li vuchi mia, certi signori,
se so’ ardrizzati e fonno li scì, scì.
Se vennono un comò, ‘na cassa, ‘n pezzu;
più vuchi ci ha e più va su de prezzo.

Quanta jente perdenno a cocincina
s’è armessa ‘n occhju co’ ‘na creénzetta,
‘n par de sitiuni, un cifu, ‘na tuzzina
d’antenati; con quarghe tavoletta …
E doppo io sarrei quillo che fa’ tanni?!
Quilli che fo’? Li sòrdi; che li scanni!


‘L’ome intellicente’ (1957)

L’ome che non è troppu intelligente,
è un animale manzu che se pòle
parragonà a un lione stesu ar zole
o a ‘n vecchju lupu che non port’un dente.

Ma s’è ‘struitu allora è diferente;
è ‘na vorbe che sa quello che vòle,
è un ‘liofante che co’ le recchje sole
te vutta jù ‘na pianta come gnente.

S’affanna pe’ troà ‘na miticina
pe poté avé lo mejo su lo male,
e allora scrope la strettomicina;

pu’, appress’a quella, senza che se stracca,
sempre pe’ ‘na tifesa perzonale …
va a fa le pròe co’ la bomba acca.

Mo’ ‘n ha stutiatu un razzu a reazzione
per ghjì ‘n po’ scugnuranno fra le stelle?!
Ma a scanzu de rimettece la pelle,
per via de la furtissima prissione,

drent’a ‘stu cosu, a’ ppostu de perzone,
ci ha missu du’ scimmiette giovincelle.
Immagghjna ‘n po’ tu, mo’, ‘ste ferelle
Che stracciu de spaventu, che ‘mprissione!

Defatti, quanno so’ ‘rtornate jù,
campàono anco’, ma s’erono sviancate
tutte su la capoccia, pe’ lo più …

stommini, ‘zomma, so’ fenomenali;
jirono, ‘mbrojono e fo’ virnì su
li ciurli vianchi pure all’animali!

Ivano Marinucci, Spoleto - Italia, già direttore di redazione del Giornale del Mattino di Firenze, negli anni è stato collaboratore di numerose testate e quotidiani, Agenzie di Stampa quali: Euroma, ASCA, Italmondo e Libera Stampa, responsabile di periodici e notiziari di una nota emittente radiofonica spoletina. Già fondatore del Cine Club Spoleto di cui è stato anche presidente. Vincitore di numerosi 'premi' per cortometraggi si è poi dedicato alla poesia in vernacolo vincendo numerosi premi. Nel 1982, in occasione del ?Festival dei Due Mondi', ha presentato la Nuova Guida Turistico-artistica della città"Vedere Spoleto" di cui è l'ideatore e il realizzatore.






























« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ’fragilità’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 12) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 27) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 27) »

:: ’flamen / soffio’ (Pubblicato il 01/04/2019 05:57:35 - visite: 66) »

:: ‘evocazioni’ (Pubblicato il 24/03/2019 11:38:36 - visite: 62) »

:: ‘canto corale’ (..a Edvard Munch) (Pubblicato il 16/03/2019 06:39:23 - visite: 68) »

:: ‘congiungimenti’ (Pubblicato il 05/03/2019 07:56:06 - visite: 73) »

:: ‘abbandono’ (Pubblicato il 26/02/2019 17:51:47 - visite: 73) »

:: ‘mare d’inverno’ (Pubblicato il 11/02/2019 16:16:13 - visite: 88) »

:: ’pari intervallo’ (Pubblicato il 08/02/2019 02:05:13 - visite: 94) »