Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Aforismi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 561 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Feb 16 17:03:20 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Aforismi afoni e cafoni(parte quinta)

di Davide Morelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli aforismi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/11/2016 13:28:37


- Quando si sta realmente imparando a vivere ecco che ci tocca morire.
- Le vittorie aumentano il senso di appartenenza alla squadra per cui si tifa.
- Pochi sanno apprezzare la gioventù quando sono giovani.
- Non è detto che la scuola formi. Alcune volte invece può deformare le menti.
- Le persone sposate vivono più dei single, ma si annoiano anche di più.
- Mi piace scrivere che non ho niente da scrivere invece di non scrivere.
- Da giovani si è così stupidi che una delusione sentimentale viene considerata un dramma.
- La morte ci lascia sempre sbigottiti. Eppure l'aldilà è più popolato del mondo terreno.
- La vita è una ruota che gira e la morte non sbaglia mai la mira.
- La morte è solo l'ultima porta della vita. Bisogna però vedere se è anche la prima porta di un'altra vita.
- Da giovani non ci si immagina minimamente quanto si rimpiangerà la gioventù da vecchi.
- Quando si scrive un aforisma si ha sempre il dubbio che sia un pensiero già pensato da un autore celebre.
- Il cimitero è il luogo più triste perché ci fa pensare che di una persona cara e di tutti gli istanti della sua vita non resta che una foto.
- Anche tutta quella autodistruzione giovanile in fondo era vitalismo.
- Per aumentare il profitto le organizzazioni perseguono una maggiore performatività. Per una maggiore efficienza tutti devono rispettare le norme, rispettare i ruoli e funzioni, svolgere i compiti e le operazioni assegnate. Per essere capaci di tutto ciò la stragrande maggioranza dei lavoratori non possono lavorare divertendosi né autorealizzarsi sul luogo di lavoro. Perché questo pantagruelico ingranaggio non si inceppi è necessario anche che non riflettano troppo nel tempo libero.  Il potere non può correggere questo sistema, perché se lo facesse molto probabilmente il sistema imploderebbe. Allora è costretto a snaturare l’uomo e a creare nuove tipologie umane e nuovi modi di essere in funzione delle esigenze lavorative. Ma l’uomo non è solo lavoratore. Non è solo produttore. È anche consumatore. Quindi il mercato per non esaurirsi crea continuamente nuovi bisogni e con questi nuovi uomini. L’uomo moderno è quindi doppiamente snaturato, doppiamente alienato.
- Qualsiasi logica di mercato ha bisogno di un potere, che cerchi di  tenere il più possibile separati la sfera razionale e l’inconscio dei cittadini. La sfera razionale è necessaria per il lavoro. L’inconscio per raccogliere gli stimoli subliminali, che diventeranno consumi indotti.
- Nessuno può essere iconoclasta. È pura vanità. Dopo il culto della personalità ecco il culto delle immagini. La civiltà delle immagini fagocita, ingloba, metabolizza tutto.
- La maturità ha qualcosa in più e qualcosa in meno della giovinezza. Ma coloro che sono maturi pensano raramente a quel qualcosa in più ed invidiano sempre quel qualcosa, che ha la giovinezza e non ha la maturità.
- Cari intellettuali, non siate troppo snob. Quella che oggi ritenete alta cultura un tempo sarebbe stata considerata con certezza kitsch.
- I pensieri sorgono casuali. Questa casualità dà molto fastidio al sistema. Per il potere pensare è inopportuno.
- Abbiamo mille escatologie e mille metafisiche, ma nessuna certezza assoluta: cerca per quel che puoi di goderti la vita.
- Abbiamo molti sogni, ma siamo tutti immensamente contenti quando siamo seduti sul coperchio del water e sappiamo di avere un intero rotolo di carta igienica a nostra disposizione.
- I nostri posteri saranno anime che si intrecceranno nel vuoto multimediale.
- Non predico come un alto prelato. Ho solo poche parole di commiato.
- Guardarsi. Incontrarsi. Conoscersi. Amarsi. Ignorarsi. Dimenticarsi.
- Vuoi cercare la felicità ? Metti al bando ogni serietà !
- Non facciamo altro che dibatterci tra il quotidiano e la storia.
- Quelli che sanno capire la vita non sono mai riusciti a viverla. Coloro che sanno viverla non sono mai riusciti a capirla.
- La vita ? Sempre le solite cose e i più che si affannano per evitare solitudine e morte.
- I rapporti di produzione coinvolgono e pervadono anche l'intimità sessuale.
- La realtà umana è un continuo intreccio tra infrastruttura(psichica), struttura(economica) e sovrastruttura(ideologica e etica).
- Nessuno sa con esattezza i limiti e le possibilità dell'essere umano.
- La vita di ognuno è determinata da caso, libertà, storia.
- Il potere vuole penetrare in modo subdolo nel sostrato più profondo della nostra psiche.
- Il rivoluzionario vero è il rivoluzionario paziente.
- La tecnocrazia non tiene conto della biosfera.
- Gli stati d'animo cambiano i pensieri. Ma anche i pensieri cambiano gli stati d'animo. La coscienza è questa continua retroazione.
- L'essere più solo è un bambino, che ascolta il coito dei genitori nella stanza accanto.
- Il dramma è questo: il tempo perso non verrà mai risarcito in alcun modo.
- Per essere dei buoni lavoratori e dei bravi consumatori, in pratica dei cittadini modello, bisogna livellarsi verso il basso e quindi regredire.
- L’utilitarismo ha bisogno di razionalizzazione. La razionalizzazione comporta in ogni uomo stress e disagio esistenziale, la cui unica via di fuga è l’edonismo.
- Ogni forma di civiltà deve mettere in funzione dei meccanismi intrapsichici come l’inibizione, la rimozione, la repressione e la sublimazione.
- L’uomo non è più misura di tutte le cose come pensava Protagora. L’uomo oggi è una cosa, che misura tutte le altre cose.
- Il potere vuole destabilizzare il microcosmo per stabilizzare il macrocosmo.
- Non si può essere nostalgici del tempo che fu. Il progresso ha portato molte comodità e la longevità per molti.
- Questo sistema è perverso perché trasforma continuamente i mezzi in fini e viceversa.
- Dopo il deicidio potrebbe avvenire il terricidio.
- La critica alla razionalità tecnologica deve andare di pari passo con la critica all'umanesimo occidentale.
- Ognuno è analfabeta di ritorno in qualche ramo dello scibile.
- Quando ci si scorda di qualcuno o qualcosa bisogna sempre vedere se è stata una nostra grave dimenticanza o se ciò che si è scordato non era affatto memorabile.
- Nessun re nella storia ha mai conquistato tutto il mondo perché nessun re ha mai pensato di conquistare l'universo.
- Si dovrebbe cercare una via di mezzo tra il non credere a niente e l'essere creduloni.

- In Italia spesso la società giudica più gravemente i peccati sessuali dei reati penali.
- Le amicizie vere si contano con i diti di una mano.
- Per essere rispettati in Italia bisogna avere i soldi oppure bisogna andare in tv a fare i coglioni.
- La passione è morta. L'erotismo è morto. È rimasta la pornografia, che produce comportamenti stereotipati.
- L'intuizione intellettuale esiste ma non si può fondare la scuola sulla creatività.
- In Italia tutti scrivono e pochi leggono. Ma se leggessero di più allora sarebbero di meno a scrivere.
- Ci può essere amicizia tra un uomo e una donna solo se non c'è e non c'è mai stata attrazione fisica da entrambe le parti.
- Nelle amicizie femminili ci sono più falsità, invidie e ipocrisie di quante ce ne siano nelle amicizie maschili. Ma in queste ultime c'è molta più aggressività e violenza fisica.
- Tutti quanti abbiamo i nostri also sprach ma nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di ovvietà.
- Un tempo credevo ciecamente nell'amore a prima svista.
- L'io è in frantumi. La collettività è inesistente.
- Non bisogna essere troppo lontani e nemmeno troppo vicini. È sempre così difficile trovare la giusta distanza.
- Perché un'amicizia duri a lungo ci vogliono lealtà e tolleranza.
- Un tempo mi consideravo sfigato perchè non avevo una ragazza. Oggi mi ritengo fortunato perchè considero quello che sarebbe successo dopo: le spese per il matrimonio, il divorzio, il mantenimento di lei e dei figli.
- È difficile, quasi impraticabile , la fedeltà coniugale al mondo di oggi: le donne dicono di volersi sfogare psicologicamente con un counselor oppure fisicamente con un personal trainer e invece cercano solo un trombamico. I mariti vanno a caccia di belle ventenni nei night e negli annunci dei giornali dove si trovano escort e massaggiatrici. Per non parlare poi delle chat e dei social. La monogamia è sempre più un'utopia.

- Contraddizione: si sentiva cosmopolita e odiava la sua famiglia.
- La castità e la solitudine, se non sono delle libere scelte, possono a lungo termine rovinare il carattere delle persone.
- Chi è un uomo veramente libero è libero anche di fallire.
- Psichiatri ed esorcisti ne discutono animosamente. Comunque la xenoglossia rimane per tutti un mistero.
- In Italia anche i circoli virtuosi, prima o poi, diventano viziosi.
- Benvenuti nel melting pot dello sfruttamento !!!
- I più grandi venditori di armi sono tutti occidentali e costituiscono una lobby potente, che fa da sempre pressione sui politici. Quanti omicidi e quante guerre per tutelare gli interessi di pochi !!! Sarebbe più importante salvare milioni di vite che migliaia di posti di lavoro !!!
- Quando le notti sono insonni i giorni sono sonnambuli.
- Cittadino del mondo ? È già così difficile essere cittadini della propria città !!
- I direttori dei giornali contano più di molti onorevoli o senatori, ma dipendono anche loro dai partiti.
- Troppa libertà può far paura. Poca libertà ci fa sentire intrappolati.
- Troppo realismo può annichilire.
- Dire che i buddisti sono nichilisti non ha senso. Sono molti di più i cattolici ad essere nichilisti.
- Ma dove sono andati a finire le anime belle sempre in rivolta ? Dove sono finiti i beat ? Oggi sono tutti precisini, perfettini e non escono se hanno un capello fuori posto !
- Non vengano a farci la morale gli ex sessantottini che commisero molti parricidi.
- Alcuni membri della classe dirigente invitano i giovani ad andarsene dall'Italia. Vorrei sapere: in Italia chi dovrebbe restare ?
- Viene considerato oggettivo non solo tutto ciò che è veramente oggettivo, ma anche ciò che viene imposto dall'alto.
- Andarsene spesso significa anche fuggire.
- La difesa a oltranza del libero mercato di certi capitalisti selvaggi non dovrebbe calpestare i diritti umani e i principi etici.
- Non tutto ciò che è apparentemente ovvio è veramente ovvio.
- Anche l'effimero può rivelarsi noioso. L'eterno spesso non si rivela affatto.
- A che serve essere impeccabili se poi bisogna morire ?
- Coloro che hanno uno stile sono inconfondibili e creano delle mode, che la maggioranza seguirà.
- L'Italia non è un Paese per vecchi. Non è nemmeno un Paese per giovani e neanche per quelli di mezza età. Forse l'Italia non è un Paese.
- I migliori nichilisti sono i nichilisti attivi, che vogliono distruggere per poi ricreare.
- Purtroppo il buon senso non coincide quasi mai con il senso comune. Il senso comune è il giudizio affrettato di molti. Il buon senso è la saggezza di pochi.
- Essere ritardatari è un lusso, che solo quelli che comandano si possono permettere.
- Chi fa gossip di mestiere deve imporsi di rimanere leggero e di non scadere nella diffamazione aggravata.
- Tutti possono diventare vittime del circo mediatico-giudiziario: nessuno escluso. Se accade la propria vita privata e quella dei propri famigliari diventano di pubblico dominio. Viviamo in uno stato di diritto, ma basta poco per perdere totalmente la propria privacy.
- Tra un innocente in carcere e un colpevole in libertà preferisco un giudice che paga per i suoi sbagli e viene richiamato alla propria responsabilità.
- Un poco alla volta si perdono i sogni come i capelli sul cuscino.
- Io cerco di pensare con la mia testa e mi accorgo sempre più che è inopportuno.
- Il senso critico viene sempre rigettato a priori.
- La migliore corazza è l'autodenigrazione,
- Nulla può competere con il potere dei mass media: sia il rivoluzionario che il reazionario sono telecomandati.
- Basta poco per essere felici. Basta ricordarsi che, nonostante tutto, siamo ancora vivi.
- Siamo nani sulle spalle dei giganti. Ma spesso siamo nani miopi e non sappiamo vedere molto lontano.
- C'è sempre un senso che ci sfugge quando contempliamo l'orizzonte.
- È l’ora di finirla con i piagnistei e ringraziamo Dio di essere nati nel primo mondo.
- Il fatto è che non sappiamo neanche con chi riprendercela(se non con noi stessi e con la generazione precedente che ci ha lasciato un debito pubblico incredibile). - Il fatto è che non siamo nemmeno perdenti, perché nessuno ci ha mai fatto partecipare.
- È molto difficile essere amici senza stimarsi reciprocamente.
- Per voler bene agli altri bisogna prima voler bene a noi stessi. Quindi l'altruista è una persona che sa nascondere in modo magistrale il proprio egoismo.
- Chi dice che contano i fatti è troppo generico. Ai fatti si possono sempre dare diverse interpretazioni. Diciamo che contano solo quei fatti incontestabili e incontrovertibili a cui si può dare solo una interpretazione univoca secondo la logica e la cultura dell'epoca.
- Di qualcuno bisogna pur fidarsi, ma la fiducia non può essere data subito. Piuttosto deve essere data gradualmente, dopo una serie di esami e prove.
- Con qualcuno bisogna pur confidarsi, ma bisogna farlo senza diventare ricattabili. Bisogna confidarsi totalmente solo a noi stessi.
- Quanti economisti vanno a fare la spesa ?
- L'appassionato giudica in base ai suoi gusti. L'esperto invece dovrebbe giudicare soprattutto in base a dei canoni.
- Tutte le ragazze sembrano brave ragazze: anche quelle che diventeranno serial killer.
- Non siamo mai soli. Anche quando siamo apparentemente soli ci sono i nostri fantasmi psichici a farci compagnia.
- Ci vuole molta maturità per non reagire alle provocazioni: maturità che la stragrande maggioranza delle persone non ha.
- "La bellezza salverà il mondo" ? Può darsi. La bellezza, quella femminile, può anche causare disastri. Si pensi al naso di Cleopatra.
- Il mondo è pieno di belle donne. Però la maggioranza di queste scelgono gli uomini in base agli stessi criteri.
- La vita ha un solo senso: quello che le dai.
- Nella vita tutti sbagliano, ma solo gli sciocchi commettono sempre gli stessi errori.
- Non so se noi uomini siamo più fortunati rispetto ad un tempo. Sicuramente le donne di oggi sono molto più emancipate rispetto a un tempo, ma sono anche molto più esigenti.
- I ragazzi possono solo offendere senza ferire le ragazze. Queste ultime invece possono ferire senza bisogno di offendere: a loro basta non ricambiare uno sguardo.
- Le donne molto belle sono sempre avvantaggiate e danno talmente tutto per scontato che non si rendono neanche conto dei favori che sono stati fatti a loro.
- Per sapere come sono realmente andate le cose nel secolo scorso in Italia bisogna chiederlo agli americani.
- Parlare male dell'Italia e degli italiani è una cura omeopatica.
- Molti italiani sono camaleonti ed hanno una lingua retrattile per leccare i potenti.
- L'intento ufficiale dovrebbe essere quello di ritrovare vecchi amici. Molti utilizzano Facebook per cuccare. Tutti comunque finiscono per cazzeggiare on line.
- Teledipendenti di tutto il mondo unitevi !!!
- Chi dice che non c'è la microcriminalità dove c'è la criminalità organizzata è come chi guarda la pagliuzza invece della trave.
- La percezione della sicurezza nelle città è anche soggettiva, ma non solo e i politici dovrebbero ascoltare di più i cittadini.
- In questa società chi non fa sesso è considerato un fallito. Stimoli erotici ti colpiscono in ogni modo e in ogni luogo. L'estroversione sessuale è un imperativo.
- In questa società le imperfezioni fisiche non sono più ammesse.
- In una società civile dovrebbe essere tollerato qualsiasi progetto di esistenza non pericoloso socialmente. Ma nessuna società non è così civile da tollerare dei folli innocui.
- È così difficile oltrepassare il proprio ego e diventare noi.
- Il bene e il male, il vero e il falso oggi sono stabiliti dalla tecnica.
- Un tempo la letteratura era mitopoietica: un tempo. Non certo ora.
- La verità spesso è troppo amara. Va edulcorata con qualche bugia.
- La logica umana ha bisogno del verosimile. La psiche ha bisogno invece del plausibile.
- Qualsiasi droga è dipendenza, piacere, assenza.
- Per esistere totalmente dovremmo vivere e osservarci vivere. Ma ci riusciamo raramente.
- Capisco la vostra fede nell'infinito. Ma qualche dubbio ogni tanto ?
- Si può dire tutto della religione cattolica, ma non che non sia tollerante nei confronti di chi non crede.
- Ogni storia umana è degna di essere raccontata, ma le storie che interessano di più ai lettori sono quelle avvincenti.
- Il rapporto tra essere e pensiero non ti causa alcun problema se hai dei problemi maggiori come quello di non saper come mangiare.
- In Italia i diritti acquisiti diventano sempre privilegi inalienabili; le situazioni fallimentari sono sempre state ereditate e poi ci sono sempre i soliti eterni rimpalli e i i soliti eterni scaricabarili.

- Ognuno della propria vita può farne ciò che vuole. Anche non viverla e limitarsi ad essere uno spettatore delle vite altrui.
- Innamorarsi due volte della stessa donna è da pazzi, anche se è vostra moglie.
- Ti prende in giro e soffri. Non ci sta e soffri. Ti tradisce e soffri. Ti lascia e soffri. Chi ha l'ardire di chiamarlo ancora amore ?
- Quel che chiamano amore è in gran parte rinuncia e sacrificio in età matura.
- Se ne andava svolazzando di fiore in fiore ed io non ero un fiore. E voi lo chiamate amore ?
- Ricordatevi che Pessoa era un alcolizzato quando vedete un alcolizzato.
- Alcuni sostengono che la vita è lunga. Invece non è mai abbastanza lunga per fare tutte le cose che vorremmo fare.
- L'amore non esiste ma non fatene un dramma. I drammi nella vita sono ben altri.
- Perché offendere ? Perché sprecare così tanto fiato ?
- Chi è troppo beffardo finisce per essere beffato.
- Datemi un punto di appoggio e vi solleverò una birra...anzi no..una biro.
- Non voglio scrivere un romanzo sulla mia vita. Voglio vivere il romanzo senza trama della mia vita.
- La vita è come un rettilineo in cui, se vai a velocità moderata, tutti cercano di sorpassarti.
- Ho come l'impressione che le preghiere di un miscredente valgano di più.
- Io non sono un amorale, un immorale o un moralista. Io sono un post-moralista.
- La donna che hai idealizzato tanto per altri è stata un semplice oggetto sessuale ?Non fartene un cruccio. C'è di peggio nella vita. Pensa a cosa poteva accadere se te la sposavi e poi chiedeva il divorzio e gli alimenti.
- Uno inizia ad essere santo quando rispetta la gente che non lo rispetta.
- Il vero ignorante è colui che non sa di non sapere.
- Quando dicono che quello è un falso problema spesso significa che stanno sottovalutando un problema.
- Si finisce per diventare idioti a forza di usare troppe espressioni idiomatiche.
- Si pensa di avere tutta la vita davanti e in un amen l'abbiamo già tutta dietro.
- Gli innamorati sono sempre stupidi fino a quando sono innamorati ma innamorarsi non è da stupidi.
- C'è chi dice che nella vita si paga tutto. Ma non è vero. Alcuni la passano liscia. Almeno in questa vita. Dopo non lo so.
- Un tempo era importante la virilità. Oggi con internet è importante la viralità.
- Una persona davvero matura per stare bene non ha alcun bisogno di soddisfare il suo narcisismo.
- Per nessuno a questo mondo c'è una via di fuga.
- Sono passati degli anni. Non frequentiamo più i locali. Ci siamo persi di vista, abbiamo un poco perso la vista e quasi non ci si riconosce più.
- Le spose aspettano sempre qualcuno: un figlio o un amante.
- Le donne soffrono anche loro ma fanno presto a trovare un nuovo partner.
- Ma quali "affinita' elettive" ?!! Solo materialismo e/o mercificazione: ecco come gli uomini scelgono le donne e viceversa.
- Nella vita cerchiamo sempre di dare un senso a ciò che probabilmente un senso non ha.
- Se ti piace una donna e lei non ti vuole o non ne vuole più sapere è inutile portarle rancore. È inutile tutto. È molto meglio la rassegnazione: lasciar perdere e perdere. Ci saranno altre occasioni con altre.
- Ce lo ha insegnato Buzzati: anche l'ultimo amore è pur sempre un amore.
- Ci sono storie che durano una vita o quasi ma sono così abitudinarie e poi mancano i termini di paragone.
- I nemici peggiori dell'amore corrisposto sono la noia e la morte.
- Siamo tutti cattivi giudici di noi stessi.
- Molte donne si preoccupano troppo del tempo che passa e non del tempo che resta.
- Se vi dicono che non avete una donna perché puntate troppo in alto ricordategli il mare di belle ragazze disponibili che c'è nei nightclub.
- È meglio provare con una ragazza, essere rifiutati e fallire piuttosto che non fallire mai e finire per rimpiangere tutta la vita perfino lo stesso rifiuto.
- Non siamo più noi stessi. Spesso finiamo per essere altro da noi.
- Tutti gli uomini, anche i migliori, prima o poi imparano a morire.
- La vita è come una donna. Va amata così come è...senza belletto.
- Non ammirate troppo una persona per la vastità della sua cultura. Nella vita bisogna anche disimparare molte nozioni. Bisogna anche selezionare.
- Ragazze non prendetevela mai con chi vi dice che siete troppo superficiali e che non sapete amare. Sono solo uomini risentiti che volevano amarvi e che voi non avete voluto.
- Ci sono cose più grandi di noi: ad esempio il nulla, l'infinito, la morte, quel che chiamano amore.
- I più fortunati alla fine sono coloro che hanno un bilancio in pareggio tra l'amare e l'essere amati. Non hanno avuto troppo poco né troppo. Sono in definitiva le persone più equilibrate.
- Molti uomini, indipendentemente dall'età, solidificano la propria amicizia raccontandosi aneddoti, avventure sessuali e barzellette volgari.
- Le ragazze si caratterizzano per le civetterie e i ragazzi per le spacconate. Ognuno ha il narcisismo che si merita.
- Una persona di esperienza dovrebbe essere soprattutto ponderata. Almeno in teoria.
- È meglio sbagliare facendo di testa propria. Si impara di più dai propri errori.
- Si inizia prendendo in giro gli altri e si finisce per essere presi in giro dagli altri.
- Le pene d'amore non sono vera sofferenza. La vera sofferenza deriva dalla malattia o dalla morte di una persona cara.
- L'orgoglio può sembrare indice di dignità ma con la dignità non ha niente a che vedere.
- Ognuno ha le proprie crisi. L'importante è superarle, indipendentemente dal fatto che si superino da soli o con l'aiuto di qualcuno.
- Meglio morire di vergogna che morire !!!
- Il mio rapporto con le donne è inesistente. Io non vado nei locali a cercarle. Loro non vengono davanti casa a suonarmi il campanello. Non sono misogino. Diciamo che evito tante complicazioni inutili.
- Cambio le mie abitudini di vita solo se c'è rischio di morire.
- Anno dopo anno si fa sempre più resistente la nostra corazza interiore.
- La nascita è un caso fortuito e la morte non è altro che un incidente di percorso.
- Se uno sa davvero vivere può tranquillamente lasciare la ragione agli altri.
- La cosa migliore è vivere con noncuranza.
- Sono le costrizioni a renderci maturi.
- Scrivendo talvolta ci si contraddice ma non c'è nulla di male. Fa parte della natura umana contraddirsi.
- Mettiamoci una pietra sopra. Già che ci siamo mettiamoci pure una lapide.
- Non demoralizzatevi: tutti abbiamo detrattori ma anche estimatori a questo mondo.
- Avere mille flirt non conta niente se non si è corrisposti dalla persona di cui si è innamorati.
- Tutti hanno sofferto per ciò che chiamano amore ma la poesia più autentica consiste nell'evitare di essere lacrimevoli e sdolcinati.
- La bellezza, la ricchezza, il potere ti fanno sentire meno soli ma alla fine sono solo illusioni. Ognuno è solo dinanzi alla malattia, la vecchiaia e la morte.
- Non cercate nella persona amata voi stessi. Sarebbe troppo controproducente.
- La vita è fatta da anni di prosa e istanti di poesia.
- Le persone realiste ed oneste intellettualmente dovrebbero dissacrare sempre eroi e miti.
- Non cercate mai frasi ad effetto e ricordatevi di chi non ha un tetto.
- Quando una relazione è caratterizzata da sottomissione, depressione o ossessione è in realtà una malattia.
- Ho l'obbligo morale di ridere dei moralisti.
- Il soffio del vento, il tepore del sole, il chiarore delle stelle: ecco perché sono panteista.
- Sono un razionalista che soffre di deliri. Sono un delirante che ha troppe razionalizzazioni.
- I grandi amanti sono tutti incoscienti come i grandi giocatori.
- C'è chi scrive per mettere ordine nel proprio animo e chi per fare disordine nel mondo. Io invece scrivo tanto per scrivere.
- Ogni poetessa è tale perché troppo sensibile alle offese del mondo.
- Per fortuna sono brutto ma non piaccio.
- Non è mai superficiale chi descrive totalmente la superficie delle cose.
- È più libero chi conquista la libertà rispetto a chi la considera un diritto acquisito.
- Cari letterati, basta col birignao.
- Per capire come sono andate realmente le cose nel secolo scorso in Italia bisogna chiederlo agli americani.
- Non vi fate ingannare: il partito di maggioranza non è di sinistra, di centro o di destra ma quello trasversale degli uomini di legge(giudici e avvocati).
- L'italiano medio è un'astrazione di chi, a torto o a ragione, pensa di essere superiore alla media.
- Le due scuole filosofiche che hanno influenzato di più l'uomo contemporaneo sono a conti fatti il pragmatismo e l'utilitarismo.
- Non fate troppo i moralisti. Non vedete che tutti i rapporti sessuali sono determinati dallo stress di una industrializzazione alienante ?
- Hegel è un grande impostore. Marx invece è hegelismo rovesciato.
- Tutto può andare bene fino a quando è categoria dello spirito.
- Le incomprensioni della coppia spesso nascono da una incomunicabilità che è eterna.
- Quando meno te lo aspetti la vita, anche quella più noiosa, si può rivelare imprevedibile.
- Si inizia a detestare i fast food quando abbiamo il colesterolo e i trigliceridi troppo alti.
- "La città delle donne" ? Fellini aveva capito i rapporti attuali tra uomo e donna in grande anticipo.
- Cercare di scomporre il mondo come faceva Picasso può essere causa di follia per chi non è Picasso.
- Anche la morte, prima o poi, ci svelerà il suo segreto.

- Le letture private vengono memorizzate meglio delle letture scolastiche.
- C'è sempre il rischio di scrivere qualcosa che è già stato scritto prima. Ma in fondo è motivo di orgoglio avere avuto lo stesso pensiero di un grande autore.
- Al mondo c'è chi nasce, chi cresce, chi invecchia e chi muore.
- Ci sono tre categorie di persone: chi sa vivere, chi pensa di saper vivere e chi pensa soltanto.
- È sempre meglio guardare e mangiare nel proprio piatto.
- Molti uomini pensano di risolvere i propri problemi con il gentil sesso sposandosi. Nonostante questo però i problemi con il gentil sesso restano. Talvolta aumentano.
- Nonostante il mio insuccesso non ho mai dimenticato le mie umili origini.
- Ho deciso che sarò per sempre un eterno indeciso.
- Chi va piano va sano e va lontano. Chi va veloce avrà una morte atroce.
- Probabilmente sono un caso clinico. Sicuramente sono un caso specifico.
- Le intuizioni intellettuali sono rarissime. Sono moltissime infatti le tautologie che sembrano intuizioni.
- Bisogna rispettare i morti perché sono il passato e i bambini perché sono il futuro. I bambini però non devono essere troppo rompipalle.
- Per chi non lo avesse ancora capito essere troppo severi con gli altri e poco con se stessi è un difetto dei critici.
- Dio forse esiste. Nonostante i cataclismi, la fame nel mondo, le guerre, i preti e le bigotte.
- Alle volte gli opposti si attraggono. Molto più spesso si detestano.
- Anche il comunismo è una fede: la fede più diffusa tra gli intellettuali.
- Non sono un nativo digitale. Preferisco essere massaggiato che essere messaggiato.
- Se lei non c'è stata o ti ha lasciato ricordati che è un problema esclusivamente tuo come fare a dimenticarla.
- Siamo sempre masochisti perché le delusioni sentimentali le ricordiamo più delle conquiste. Comunque quali conquiste ? Io non mi ricordo granché !!!
- Oggi pochi credono alle metanarrazioni. Si fa fatica a credere anche alle narrazioni.
- Nonostante certe mie idiosincrasie sono un essere abbastanza pensante.
- Eravamo giovani. Quando passava una bella ragazza le facevamo una radiografia con dei semplici sguardi.
- Se vuoi distruggere la reputazione di un uomo devi dire che è un sentimentale.
- Un tempo c'erano dei dogmi. Oggi ci sono i droni. Sono cose molto diverse tra loro ma c'è una certa assonanza.
- Se qualcuno parla male di te permettigli di parlare male di te. Anche la cattiva pubblicità è pur sempre pubblicità gratuita.
- La libertà individuale è direttamente proporzionale al numero di abitanti di una città.
- Con la poesia non si pranza né si cena. Neanche si fa merenda a meno che non si mendichi per strada o non si scrocchi da qualcuno.
- Dove regna il malaffare non farsi gli affari propri è un merito.
- Prima guardano se c'è attrazione fisica. Quindi guardano se c'è intesa sessuale. Poi se tutto va bene lo chiamano amore.
- Non si augura la morte a nessuno. Però la sfiga si può augurare.
- Stimo di più il miglior nemico del peggior amico.
- Se ti chiedono se è farina del tuo sacco significa che non ti stimano e che loro non saprebbero fare di meglio.
- Falliremo. Però resisteremo fino all'ultimo.
- Non crederti mai troppo padrone di te. La situazione ti può sfuggire di mano quando meno te lo aspetti.
- Non si può avere tutto. Accontentati oggi di questa strada inondata di sole.
- Non invidiare troppo quelli che pensi si godano questa vita. Tutto è labile.
- I soldi alla fine non sono di chi se li gode e neanche di chi li fa. I soldi sono di chi ce l'ha.
- Non contemplare troppo il cielo. Probabilmente le stelle non sono lì per noi.
- Chi riflette sbaglia di meno ma anche i pensieri possono condurci in errore.
- Io non ho più cattive intenzioni. Diciamo che non ho più neanche intenzioni.
- Questo è un mondo folle dove tutti si credono normali.
- Per fortuna mia e purtroppo per loro il tempo passa anche per le belle ragazze.
- La caffeina fa sempre venire nuove idee. Talvolta malsane.
- Si crea grazie alla speranza oppure per disperazione.
- Non ti dare troppe arie da protagonista. La stragrande maggioranza di noi sono semplici comparse.
- Nella vita si riesce a sapere sempre troppo tardi come vanno le cose.
- Ma siamo così sicuri che Dio ci ama ? Forse ci trova soltanto divertenti.
- La vera fortuna è essere amati dalla donna che si ama.
- È troppo facile essere felici perché si è amati. Bisognerebbe essere felici perché si ama.
- Anche Beatrice Portinari era la Gemma Donati di un altro.
- Una delle ossessioni dell'uomo moderno è guardare il proprio volto allo specchio.
- Il mio stato di eterno disordine è il mio ordine.
- La fine per noi realisti è sempre terrificante.
- Talvolta mi sarebbe piaciuto essere alcune delle cose che non sono. Ma non si può fare tutto ed essere tutto.
- Oggi tutto ormai è prosa poetica.
- Molti con le droghe cercano l'oblio. Ottengono invece l'autodistruzione.
- L'indifferenza è un prerequisito necessario per essere uomini di questo mondo.
- Era vera follia o era folle la loro ideologia ?
- Siamo un miscuglio di infinito e finitezza.
- L'ultimo viaggio lo fanno sempre in Mercedes. Forse i familiari vogliono che il caro estinto finisca in bellezza !!!
- Per osservare il mondo ci vuole sia incanto che disincanto.
- Dopo l'epoca in cui tutto era politico venne l'epoca in cui tutto era psicosomatico.
- L'acqua del fiume scorre e il passato chissà dove è andato ?
- La memoria a breve termine è limitata ma quella a lungo termine è un pozzo senza fondo.
- Senza curiosità non c'è conoscenza.
- Spesso c'è troppa imprecisione nel linguaggio umano e così nascono equivoci e incomprensioni. La comunicazione non verbale è meno conosciuta ma più vera.
- Non bisognerebbe mai smascherare le debolezze altrui né le proprie. Bisogna sempre mostrare un minimo di sensibilità nei confronti della vulnerabilità umana.
- Le donne nonostante le loro fragilità si rivelano sempre più forti degli uomini. La loro fibra è più resistente. Infatti restano tutte vedove.
- Un tempo erano le donne ad aspettare gli uomini. Oggi è l'esatto contrario.
- Se siete innamorati e lei non ci sta iniziate ad immaginarla mentre defeca. A lungo termine vi disinnamorerete. Funziona sempre.
- A volte non bisogna pensare a ciò che si credeva un tempo. Bisogna sapersi anche dissociare dai propri ideali.
- Se son rose fioriranno. Se son poetesse ai posteri resteranno.
- È più difficile cogliere la realtà di controbalzo piuttosto che al volo.
- Stare da soli non significa necessariamente essere soli. Essere soli non significa necessariamente sentirsi soli.
- Essere umanisti non implica necessariamente essere umani. In fondo anche Hitler era un artista fallito e un saggista delirante.
- Vivere significa anche aspettare il momento giusto ma solo per un periodo di tempo ragionevole.
- Si muore per lasciare spazio ad altri, che si spera siano migliori di noi.
- Ci sono uomini talmente perversi che sono sposati da cinquanta anni con la stessa moglie.
- I geni sono persone che fanno sembrare semplici anche le cose più complesse.
- La gioventù non è questione di coscienza ma di incoscienza.
- Le scuole di pensiero che hanno più influenzato l'America sono il pragmatismo, l'utilitarismo e il darwinismo. Noi italiani non facciamo altro che imitare gli americani e ci stiamo adeguando.
- Quando dicono di avere un occhio di riguardo per una persona significa che dobbiamo chiudere tutti gli occhi per non vedere i suoi difetti ed i suoi errori.
- Alcune idee sono dovute ad un eccesso di zuccheri nel sangue.
- Non ho vissuto una vita straordinaria ma neanche una vita ordinaria. Diciamo che mi accontento.
- A volte nella vita bisogna liberare l'es, diminuire l'ego e sfoltire il superego.
- Al supemarket del sesso non vendono affetto. Noi passiamo con la macchina e andiamo verso casa.
- Niente in questa vita è verità. Al massimo può essere realtà.
- Scrivere significa mettersi a nudo.
- Si trova in migliaia di poesie e canzoni. Il gabbiano è un simbolo troppo scontato. Oserei dire abusato.
- Ci sono psicoterapeuti senza lavoro e counselor filosofici che guadagnano un sacco di soldi a sciorinare frasi motivazionali nelle aziende. Della serie: cosa significa sapersi vendere !!!
- C'è chi prostituisce il corpo. Chi la mente. Chi l'animo.
- A parte tutto io vivo appartato.
- In quel che chiamano amore è un falso mito il retaggio dell'esclusività.
- Certi anziani cantanti hanno la faccia avvizzita ma nonostante ciò sembrano sempre eterni adolescenti.

 


# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Davide Morelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Davide Morelli, nella sezione Aforismi, ha pubblicato anche:

:: Aforismi afoni e cafoni (parte quarta) (Pubblicato il 10/11/2016 17:25:48 - visite: 441) »

:: Aforismi afoni e cafoni(parte terza) (Pubblicato il 09/11/2016 18:50:53 - visite: 385) »

:: Aforismi afoni e cafoni(parte seconda) (Pubblicato il 06/11/2016 02:34:59 - visite: 375) »

:: Aforismi afoni e cafoni (Pubblicato il 01/11/2016 06:26:48 - visite: 781) »