Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Un corpo spezzato

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/10/2016 02:50:13

La minaccia del padrone prevede l'uso della fine dei tempi

come frusta che schiocca

ora d'aria all'insaputa dell'aria

chi lo circonda, chi gli si lancia alle calcagna?

Male che vada la cicogna lo riporta da un'altra partner

poi con la forza di una rabbia fino ad allora repressa

s' incarna

insanguina le pareti del bagno

sopravvalutando le dimensioni della vasca

e la perizia nel taglio, il corpo è spezzato in cinque parti

prima dell' alba.

Lavato, come in quella puntata di Un giorno in pretura.

Gestire il metadone  e le fasi di coma

le case di cura.

La passione per i coltelli da Rambo

l' intercalare e la voce di Cacioppo se chiudi gli occhi

e pensi che sia finzione.

E' l'occasione buona di sfoggiare ognuno i suoi colpi di teatro

così l'imputato spaccia pezzi di bravura

che gli varranno l' ergastolo

quella s' è fatta, senza togliersi il camice

pensa ai bancomat come ultima spiaggia, la difesa personale

meriterebbe un oscar alla carriera.

La fabbrica del degrado vuole la miseria come marchio urbano.

La droga negli stadi che si susseguono.

Sembra di stare in teatro con tutte queste specie di uomini

che mi  assomigliano per un verso o per un altro

il copione lo imparano dalla vita che scorre, mentre li guardo per radio.

Quella si mangia il microfono se non la fermate

la badante, alle lusinghe del mondo dello spettacolo.

Io chi credo di avere ucciso? Presto, farla finita. 

Senza trasmettere l' amore per la modifica del testo

dopo frequenti letture a polmoni aperti.

Così si svincola la madreperla del mio coraggio, fino alle stelle

quale poetessa userai questa volta per mandarmi i tuoi messaggi?

Vedi come immagina la mia mente a capotavola

spadroneggia sugli allori, quando non sfuggo alle occasioni

di rendermi ridicolo.

Ma cominciamo dall' inizio:

ero innamorato di questa ragazza bellissima che si faceva le pere

e quando mi persi ai suoi sensi conobbi l'eroina

nella favola di Adamo ed Eva.

Il nostro paradiso minuscolo fatto di spilli in testa

e yogurt ai frutti di bosco.

I soldi raccolti per strada, la malavita organizzata

un medioevo criminale  di una certa portata

le farmacie chiuse, i parroci ottusi, i dottori in fasce

Come fare ad ottimizzare le spese?

Quello ti piace, ci faresti l'amore con quello.

Ed accampare pretese.

Segnali di vita quando si ascolta la musica insieme

a casa, da soli nel letto

ci piace Battiato, sognare abbracciati.

Ma poi si litiga per le dosi

per come arrivare a fine mese.

Le mie imitazioni di Carmelo Bene non ti fanno più ridere

e a vederti sempre triste perdo la pazienza, mi fai salire una rabbia

che mi convince ad uscire

coi cinque euro che t'ho preso dal portafoglio

mi ci faccio tre birre in lattina dal Cacciatore.

Torno più quieto se non ti trovo.

Tanto lo sapevo già dove andavi.

Da lui a chiedere perdono per essere fatta così male.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Scacchiera con gatto bianco (Pubblicato il 30/11/2017 01:31:28 - visite: 249) »

:: Riflessione sui social network (Pubblicato il 25/07/2017 01:30:01 - visite: 248) »

:: Hello (Pubblicato il 08/06/2017 01:18:28 - visite: 292) »

:: senza titolo (Pubblicato il 06/06/2017 01:36:03 - visite: 283) »

:: sconclusionato (Pubblicato il 04/06/2017 02:31:19 - visite: 302) »

:: capitolo primo (Pubblicato il 31/05/2017 01:10:20 - visite: 354) »

:: Retrotesto (Pubblicato il 30/05/2017 01:20:52 - visite: 370) »

:: La scoperta del vento (Pubblicato il 17/05/2017 01:01:07 - visite: 329) »

:: La forma del respiro regolare (Pubblicato il 15/05/2017 04:42:32 - visite: 347) »

:: In libreria (Pubblicato il 21/10/2016 03:30:28 - visite: 506) »