Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 546 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 14 23:55:51 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Splash

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 24/02/2016 01:53:03

Chissà se ti ricorderai che non bevo il caffè

quando mi inviterai al bar la prossima volta che esisto

SPLASH.

Ma si e in quale città dei residuati bellici come noi

se non la nostra

dai tavoli in piazza possiamo contare le verdi primavere

degli scalini del duomo

senza dover riprodurre la messinscena della carrozzina Potemkin

ho ancora le vertebre diffuse lungo il corpo.

Quanto ci godi che non ce la faccio? Sorniona dei non luoghi comuni.

Che non ce la faccio a scrivere meno di te, in questa forma di vita

che colma le tue assenze a spada tratta.

Devi avere una resistenza tarata su calici infrangibili

per tutte le volte che ti ho rotto i coglioni e leggere

senza contraddire per non calarsi mai nel verbo rigoroso.

A me sta bene la parte del matto ma se t'amo ancora non saprei dirlo

forse solo tu hai le briglie di questa corsa che non s'arresta.

Se ti avessi dimostrato qualcosa? Al concerto dei Verdena, Roberta

ha parlato male dei Baustelle per farti torto a ragione

(lei è dalla mia parte) così è passata dalla parte del torto

che poi era l'unico percorso possibile per una bassista

che sappia andare a cavallo del ritmo.

Gomma, con la tua doccia prodigiosa, me ne sono accorto subito e ho 

taciuto per sempre, il re di bastoni leccando il dorso di certe rane.

Lo sai quale parte del corpo conta di più? E' una domanda facile.

Il viso, perchè è la sede di tutti i sensi. Tu chiamale se vuoi, emozioni.

Tu chiamami se mi vuoi poi arrivo, claudicante, al piccolo trotto

da levriero irlandese, col bastone da passeggio con dentro il guscio

una lama per gli sgusci. Stavo andando bene poi una ricaduta da tre chili.

Per il compleanno mi regalo un concerto dei Ministri ma stavolta

indosserò scarpe comode da ballo.

Qualche riga ancora poi non scrivo più per un po' chè mi costa fatica.

Credi di sapere tutto di me e che un patto scellerato

stipulato con chicchessia ti tenga al riparo da giudizi angusti

come fosse solo questione di spazi. Questa mossa non arriva,

questa messe non matura, questa casa non è un albergo a ore.

Eppure non mi consumo senza fede, continuo il ciclo

delle reincarnazioni in vita, l'impianto di una clessidra circolare.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mentre il fiume (Pubblicato il 22/01/2020 01:40:30 - visite: 14) »

:: Cosa vuoi che ti dica? (Pubblicato il 20/01/2020 00:45:57 - visite: 34) »

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 32) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 41) »

:: Fuori schema (Pubblicato il 09/01/2020 03:07:41 - visite: 53) »

:: Cara la pelle (Pubblicato il 04/01/2020 03:10:47 - visite: 54) »

:: Dalla materia sbagliata (Pubblicato il 03/01/2020 02:16:06 - visite: 46) »

:: L’oblio ne ha facoltà (Pubblicato il 02/01/2020 03:01:05 - visite: 48) »

:: Oltre la soglia (Pubblicato il 23/12/2019 02:12:30 - visite: 58) »

:: Ho fattezze (Pubblicato il 19/12/2019 01:51:10 - visite: 88) »