Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 596 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 17 13:40:41 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La fine del Mondo

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2016 01:40:53

La controversa natura della tua anima

ha radici forti, folte chiome arricciate su prati d'erba a mantici

soffiati dal vento in direzione dei miei polmoni.

Non ti volessi respirare dovrei voltare la faccia

verso l' ombra del burrone

dove ristagna il gemito partorito da sua eco

senza il plauso paterno dei fianchi del monte

o in filigrana, l'apice sedotto del suo vertice confitto in pieno cielo.

Andando a valle, giù lungo i costoni del pensiero quando vortica

potrei immaginarti mia ospite a Civitella in una grigliata mesopotamica

semi di cocomero al fresco serafino.

Mi parleresti dei tuoi viaggi ponendo accenti

sulle immagini cui mi avvicino per temuto credito o mietuto auspicio.

E parleresti quelle lingue che non conosco

per darmi in pasto la tua e la mia.

E' così facile farmi una ragione del perchè ciò non accada

che trovo comunque il tempo di scrivere bugie.

Però dimmi, non sarebbe bello, così d'amicizia un sollievo

sollevato il cuore dai suoi assilli di guardiano?

Tenendo anche l'amore a freno, tenendolo al guinsaglio

abbastanza corto perchè non scappi lontano

lo spazio necessario a farsi un giro

senza per forza doversi guardare intorno con aria implorante

aperta l' aria, parentesi di contorno ad un suffragio universale, shhh!

conosciuto.

Gli occhi, Madonna mia, sono la fine del Mondo.

Perchè il Mondo finisce nei nostri occhi ma un po' si specchia

prima di caderci dentro.

Ti credo turbata come me, toccata dal fuoco o dall'aria

se semina tempeste dove volano gli aquiloni.

Il telaio a misura della mia imperfetta balistica.

Ecco perchè ti riservo la massima cura, distanziali di fabbrica.

Per l'odioso ingrato compito di perseverare in una condotta 

che darà i suoi frutti tra centinaia di anni

quando ci saremo scordati i nostri nomi

pur di conservare il profumo di certi fiori di campagna

che nascono tra le spighe di grano

a mezzogiorno senza estate, inoltrata a mano la via maestra

per stagioni di plastica, una pronta consegna del già tutto e subito

fu distratta conseguenza di un amore mai vissuto

se non nei recessi dell'anima

a perdersi nel buio di qualche giorno grigio, fuori condotta

a portata di bocca, in carestia.

Dammi tutto quello che hai, potremmo fare cose simpatiche

guadagnarci lo spazio da vivere nella routine quotidiana del Cosmo

dove appendere i nostri abiti al chiodo e fissare le nuvole

pur di andare via, oltre i confini delle ossa.

Perdendo il lume della ragione

come fosse una fiaccola da incendiarci tutto.

Abbracciami, stringiti a me

fammi sentire i seni nel cappotto, il cuore sotto, l'anima intorno.

Dimmi che non mi lascerai mai, che farai di me quello che voglio

che ci terremo per mano, attraversando il Bardo.

Che il passaggio di stato ci veda complici in un efferato delitto

ai danni dell'Inferno almeno sabato o sabba il prossimo finesettimana.

Al massimo il capo chino, cosparso di cenere o versato sul vassoio

dei nostri debiti quotidiani.

Verificando di soppiatto se un bacio sia atto di fede.

Fermo restando l'inclito battito del colpo a ferire.

Sgusceremo altri sogni sul litorale basso del nostro tramonto.

Sorridendo all'avvenire come si promette qualcosa

a chi sai di non tornare.

Non nasce niente e ogni tanto vive qualcosa

ma se parli alla rosa delle sue spine

ti pungerà d'essere bella prima che tu al primo sguardo la colga.

Giusto il tempo all'uomo di morire o di farsene una ragione

o la malinconica vaghezza di un lontano senso di colpa.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 8) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 24) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 50) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 65) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 63) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 59) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 55) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 54) »