Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 47 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 21 05:27:17 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

’Il miele selvatico sa di libertà’ di Anna Achmatova

di Anna Achmatova 

Proposta di Marisa Madonini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/02/2019 11:31:08



[...] Anche Anna voleva diventare poeta. Si era sempre sentita diversa dai coetanei: camminava nel sonno e parlava da sola, timida all’inverosimile quando le coetanee civettavano. Verso i diciassette anni aveva scoperto il cognome tataro della nonna materna e, dopo che il padre l’aveva accusata di infangare la famiglia con i suoi versi, aveva adottato Achmatova come pseudonimo. Senza grandi rimpianti, visto che da sempre detestava il suono del cognome paterno Gorenko.”

Da : 'Là dove s'inventano i sogni. Donne di Russia' di Margherita Beljoioso, Guanda

Il miele selvatico sa di libertà di Anna Achmatova dalla raccolta 'Il Giunco'


Il miele selvatico sa di libertà,
la polvere del raggio di sole,
la bocca verginale di viola,
e l’oro di nulla.
La reseda sa d’acqua,
e l’amore di mela,
ma noi abbiamo appreso per sempre
che il sangue sa solo di sangue...

Invano il procuratore romano,
tra gridi sinistri della plebe,
lavò davanti al popolo le mani,
e invano la regina di Scozia [nota 1]
tergeva da rossi schizzi
le palme affusolate, nell’afosa
oscurità del palazzo reale...

1933

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il Tempo della poesia , di Bijan Jalali (Pubblicato il 13/01/2019 22:18:01 - visite: 96) »

:: Mutazioni poetiche di Martha Asunciòn Alonso , di (Pubblicato il 05/01/2019 19:10:47 - visite: 119) »

:: Da: Dal russo con amore : Joseph Brodsky e la lingua inglese , di Joseph Brodsky (Pubblicato il 05/11/2018 18:32:01 - visite: 198) »

:: Il rifiuto , di Velimir Chlébnikov (Pubblicato il 02/11/2018 23:58:28 - visite: 129) »

:: Il sapore del pane... , di Giacomo Noventa (Pubblicato il 17/10/2018 19:41:24 - visite: 161) »

:: La casa sulla strada , di Vesna Parun (Pubblicato il 10/09/2018 22:38:04 - visite: 234) »

:: Poesia Condivisa 2 numero 36 , di Adrienne Rich (Pubblicato il 02/08/2018 15:44:38 - visite: 245) »

:: Né lieto avo né discendente di Endre Ady , di Endre Ady (Pubblicato il 09/06/2018 12:53:44 - visite: 339) »

:: Preghiera , di Patti Smith (Pubblicato il 01/06/2018 00:32:53 - visite: 291) »

:: Il mondo , di Ewa Lipska (Pubblicato il 17/05/2018 23:37:56 - visite: 265) »