Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Avviso importante riguardo ai commenti
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 72 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Aug 21 20:36:18 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Doppelgänger

di Angela Albano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/08/2017 09:59:21

Era dinanzi a me. Il viso pallido e scavato. Con mani scheletriche si toccava i capelli che al centro e ai lati della testa erano sfibrati e radi. Le clavicole sporgenti facevano ombra al collo sottile, quasi rugoso.
    Mi guardò con paura, dolore, e soprattutto pietà.
   Quando urlai corse verso di me, urtandomi la spalla, e poco dopo scomparve nel buio della stanza adiacente. Il suo tatto mi confermò che non si trattava di un'allucinazione; era reale.
   Riconobbi me stessa in quella cosa, anche se dimostrava venti chili in meno ed era chiaramente in punto di morte... il mio presagio di morte.

 

Tremavo come una foglia. Non riuscivo a pensare né a credere a ciò che avevo visto.
   Avevo letto di questo strano fenomeno, quindi sapevo con certezza a cosa andavo incontro: stavo per morire, anche se non avevo la più pallida idea di come e quando la mia ora sarebbe giunta.
   Corsi a casa di mia sorella Valentina, la quale abita a pochi isolati da me. Appena la vidi l'abbracciai scoppiando in un pianto convulso.
   Dopo essermi calmata le raccontai l'accaduto nei minimi dettagli, liberandomi parzialmente l'anima. Sapevo che credeva a queste cose, ma stranamente, mentre parlavo, cominciò a guardarmi con scetticismo. Dopodiché mi disse che forse la stanchezza mi aveva annebbiato la vista, ché magari, essendo io un'appassionata del paranormale, mi ero fatta suggestionare da qualche storia letta di recente. La cosa non mi piacque, e mi travolse un senso di solitudine.
   Valentina continuò a parlare a lungo, ma ormai vagavo altrove con la mente, quindi avevo smesso di ascoltarla. La priorità era quella di capire cosa dovevo fare per salvarmi la vita.
   Bevemmo una tazza di cioccolata e feci il possibile per farle credere che mi ero calmata, ché forse aveva ragione lei. La salutai tranquillizzandola sul fatto che non avrei più pensato a quella brutta storia, e che appena ritornata a casa mi sarei rilassata facendo un bagno caldo.

 

Stavo scendendo le scale quasi di corsa, quando d'improvviso mi bloccai con un terribile presentimento: se fosse questa la mia fine? Un capitombolo giù per le scale, spiaccicata al suolo in una pozza di sangue? No... meglio scendere lentamente, calpestando un gradino alla volta, come un bambino.
   Feci ritorno a casa e, colma di ansia, rientrai nella stanza dove avevo visto quella cosa... non c'era nessuno, neanche una traccia. Dopo il bagno rilassante mi sdraiai sul divano cercando di dormire; l'indomani mi aspettava una lunghissima giornata.
   Nulla da fare. La notte la passai completamente in bianco, pensando sempre a ciò che avevo vissuto e a come dovevo affrontarlo. Decisi quindi di sottopormi ad un completo check up; dovevo assicurarmi del mio stato di salute.

 

Alle sette in punto uscii di casa più tranquilla: la luce del giorno era rincuorante. Mentre andavo al laboratorio, però, uno strano senso di oppressione pervase il mio cuore; mi accingevo ad attraversare un vicolo che rappresentava la strada più corta. Era un luogo sinistro, poco rassicurante... e proprio non me la sentii di imboccarlo. E se un malintenzionato mi stesse aspettando dietro l'angolo? Se mi avesse sparato o fatto di peggio? No... meglio prendere il percorso lungo, ma più sicuro e affollato.
   Arrivai ad un punto in cui ero costretta ad attraversare la strada... e mi travolse un'angoscia profonda. Se tutta la mia vita avesse aspettato proprio quel momento per terminare? Un pirata della strada, magari? A quell'ora di solito non c'è traffico, quindi i guidatori possono sentirsi liberi di spingere un po' di più sull'acceleratore. Lecito quindi pensare al peggio.
   Iniziai ad affannare in preda al panico; dovevo assolutamente tornare indietro, correre a casa; l'unico posto sicuro nella mia mente.

 

Mi riversai di botto sul letto, cadendo in un sonno profondo.

 

Il giorno successivo mi risvegliai affamata, così preparai un'abbondante colazione a base di latte, fette biscottate e marmellata. Tuttavia, mentre gustavo i biscotti, il cuore iniziò a palpitare velocemente, facendomi sudare. Avvertivo qualcosa nell'aria... avevo paura. Sputai il boccone, e mi limitai a bere il latte. L’istinto mi disse che non dovevo mangiare solidi, ché avrei potuto strozzarmi. Fortunatamente lo avevo capito in tempo. Comunque, il problema non era solo il cibo.
   Mi guardai bene intorno, analizzando tutta la casa. Alcuni oggetti non potevo assolutamente utilizzarli: asciugacapelli, forno, cucina, vasca da bagno, doccia. Inoltre, presi la decisione di non uscire per un certo periodo di tempo... almeno fino a quando il problema non si fosse risolto.
   Telefonai a mia sorella per dirle che sarei partita per una lunga vacanza con delle amiche di scuola. Fatto questo, ordinai la spesa dal salumiere... roba solo a base di sostanze liquide.

 

Trascorsi così un mese, in completa solitudine. Il fenomeno non si era più presentato, ed io ero molto più tranquilla... quando per poco non mi strozzavo con un succo di frutta. Non riuscivo a respirare, mi era andato di traverso, ed era successo nell'attimo in cui avevo pensato che andasse tutto bene. Era chiaro che quella cosa ascoltava i miei pensieri... voleva che facessi a meno anche dei cibi liquidi. Non potevo permetterlo, non doveva vincere lei. Ero esausta, mi tremavano le gambe dalla debolezza, ma dovevo resistere.
   Mi sedetti sul divano, servendomi di una cannuccia per finire il succo di frutta, a piccoli sorsi. D'improvviso qualcuno bussò alla porta. Dall'occhio magico vidi che era il portiere. Aveva uno sguardo minaccioso, con un sorrisetto ironico stampato in faccia. Tra le mani aveva delle buste... furbo! Sicuramente aveva cattive intenzioni. Non aprii. lui insistette per un po', ma alla fine andò via. L'avevo scampata ancora.

 

Ormai è passato molto tempo… non so quanto, di preciso. Non ho le idee chiare.
   Oggi mi sento più stanca che mai; a stento sono riuscita ad alzarmi dal letto. Non sento più neanche la fame, e puzzo: non mi faccio un bagno o una doccia da settimane, per paura di scivolare e rompermi l'osso del collo. Vado avanti nutrendomi di cibi liquidi e freddi, perché temo di avvicinarmi alla cucina per riscaldarli.
   Ora mi guardo allo specchio nuda... e non mi riconosco. Vedo una persona completamente diversa, con il viso pallido e scavato, corpo scheletrico (riesco a contarmi le costole, e a vedere attraverso di esse), i capelli ormai sfibrati e radi.
   Mi guardo con paura, dolore, e soprattutto pietà.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Angela Albano, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Gli emulatori (Pubblicato il 03/08/2017 09:04:43 - visite: 82) »