Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 487 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 20 04:17:25 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nuda

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/08/2016 05:20:43

Scandalosa l'Odessa della schiena, nutre un suo debole per le fosse

le acque oscure delle ossa mobili

i triglifi vettoriali dai cardini elettrici e questi tendini

che scoprono le nocche

in ghirlande di ghiandole in fiore, ai tuoi seni che susseguono

a frequenze variabili il respiro segreto delle scapole

le ciocche sussurrano alle spalle il grigio nuvola nuova delle tempie.

Radice mia è la carne, essendo segno e simbolo di terra

la materia del mio inguine annaffia le piante

che non trovano posto nell'orto delle merci

dove si fanno i veri affari e nessuno se ne pente.

Altrove, sulle vele maestre dei pensieri, a più venti si affida il moto

per tentare la stanchezza di restare immobili a nuove pretese

magari cambiando idea su di te, sul resto del Mondo

o andando in cenere.

La notte che s'avventa come lupo solitario su una Luna purosangue

la leggenda del viandante che non riconobbe sua sorella per strada

quella volta che tornò a casa in tempo per le nozze

ma tutto si dissolve, anche le promesse davanti a testimoni

sette veli in una volta

per l'orrore degli dei che non amano sintesi al momento del giudizio

che saremmo noi senza le frizioni inibitrici

dello spirito contro la materia

energia e scorie prodotte per riempire i vuoti dello spazio

che la memoria include nei ricordi condannandoli per plagio.

Fosse anche che ti sbaglio, saresti uguale

spiegami perchè una volta certi quadri non li guardavamo

per paura dei rapimenti in pubblico, mistici e sensuali, e adesso invece

ci pervadono con immagini sfuse tutte uguali?

Le teorie che si avverano sono le meno diffuse, in pratica

Dio, per esempio, chi lo conosce?

Ma quanto è ladro l'occhio, ruba anche quello che non vede

così s'inventa una fede dal lato più oscuro delle cose.

All' ombra, il buio personale di ogni cosa

matura la distanza tra i colori

immaginare conquista spazi d'infinito

dimenticandosi che non si tocca

dove la distanza è troppa dalla materia del contendere

e i sensi non bastano per chiamarla per nome

questo mare aperto senza ventre.

Ma la forma che ci compie ha le sue sponde.

Non per questo smetteremo di farci le domande

con le stelle a portata di mano, appese al collo.

Ecco che torna la tua pelle

come dal lembo delle unghie

dal retro delle pupille

per sovvertire il senso delle frasi messe in fila

per ricevere l'estrema unzione ad una ad una

prima di dedicarsi alla deriva di un altro corpo.

Una vita dimenticata, una ancora da essere vissuta

che puoi pensare come involucro.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 45) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 46) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 61) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 48) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 57) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 51) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 63) »