Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
"Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Intervista a Sara Galeotti, I classificata sezione B: Racconto breve
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 413 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 30 21:15:35 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nucleo

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2016 03:16:31

Stette l'assalto prigioniero della soglia

incorrotto ma mai più fertile ai prodigi del giorno

come madre artefatta, una casupola per animali all'aperto

coibentata, con una tana di topi sotto, a tregua di cane corso

il mio Ulisse in ritardo dai pascoli d'altoforno.

La breccia che interruppe il lasso di tempo si produsse in vademecum

per visitatori dell'asfalto, stagionati di pioggia montana

fin dove arriva la bruma, a valle sul lago

strapiombo di un coito ghiacciato se la cascata lo ingorda

se lo stantuffa a sbalzo, conato di tutta una vita che si scioglie.

Quintessenza del suo fiordo, una fiaccola per volta, a decimare 

le pigrizie dell' inverno tutte in fila sulla coltre, in culo alle nuvole

latifondi di condensazioni a sublimare qualche passaggio di consegne

che non trovano oltre l'ancoraggio

e si perdono gli occhi che le guardano di sbieco

gli io che passano in rassegna, al setaccio delle greggi che contano

per addormentare le coscienze a una bestemmia di dio che abbia forma

di un dio che si possa pregare restando mortali.

Poi se ne alza uno, uno non proprio qualunque, tra gli astratti

e si concentra in una materia che abbia un' ombra

per accorgersi del Sole e poterlo indicare.

Tu sei! Senza sapere ancora di sè.

Tu sei! Strappa il velo, conta i pezzi, si accorge dell'abisso che li separa

e perde memoria del principio che li unisce.

Ancora più forte, prende il cielo e lo sfascia in favore delle stelle

al suo capezzale perchè possano prenderlo prima che cada l'energia

del suo ultimo respiro e torni in circolo nell'atmosfera che da i brividi.

Prima di capirsi, di impararsi dal sogno in cui si sogna

ha bisogno di altre vite d' attraversare di cui non conserva il ricordo.

Così si perde nel Samsara e i corpi in cui s'incarna a misura 

dei suoi vortici irrisolti, lo distolgono dalla ricerca della sua vera natura.

Perchè l'anima resti la sola a cercare la strada di casa

col principio che la illumina oltre il buio delle cose

lo spirito che trascende la materia vivente, la rotta muta del ritorno

è necessario che muoia alle sue voglie più antiche

col rischio di mai soddisfarle, in caso di oracoli, a scanso di equivoci.

Con l'amore come costante perpetua, per giunta a rigor di logica.

Le manie di grandezza dell' atomo da una parte

dall'altra la speranza suprema del nulla, nello stesso nucleo

ai ferri corti.

Il caso limite, limite il caos e i nostri giorni stuprati.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Deriva (Pubblicato il 26/03/2020 09:51:59 - visite: 49) »

:: Poco altro (Pubblicato il 15/03/2020 02:23:45 - visite: 99) »

:: Merce di scambio (Pubblicato il 08/03/2020 01:19:24 - visite: 60) »

:: Alla destra del padre (Pubblicato il 06/03/2020 02:09:12 - visite: 69) »

:: Pazza idea (Pubblicato il 05/03/2020 00:11:23 - visite: 53) »

:: Stati di grazia (Pubblicato il 02/03/2020 00:53:59 - visite: 62) »

:: Che non torna più (Pubblicato il 01/03/2020 00:47:43 - visite: 54) »

:: Fatti furbo (Pubblicato il 26/02/2020 01:11:38 - visite: 81) »

:: Fuori contesto (Pubblicato il 24/02/2020 00:18:54 - visite: 76) »

:: Rito (Pubblicato il 21/02/2020 00:35:04 - visite: 61) »