Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 337 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 7 20:13:34 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ministro della propaganda

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/12/2016 06:04:30

Si sollazza, in un tempo fuori ombra, della sua stanchezza

coltiva la pigrizia, come un otre per l' acqua

non corrisponde una goccia alla cruna dell' ago.

Pretende la corte dell' alba, se il Sole vuole sorgere ancora.

E l' energia che lo pervade è un amore platonico

per il ventre cavo della Luna.

Attinge dal pozzo il senso del vuoto sedato.  Non corrisposto.

Costringe la forza d' inerzia ad essere reato

e la collera, divinamente assistita dal suo emisfero terrestre,

a scagionarla in pillole, in ghiandole solubili di flussi.

Prostrato dall' invasione che subisce la corteccia 

si spezza il ramo cerebrale sotto il peso della vita.

Cordone ombelicale, pluralia tantum le forbici a recidere.

Mai foglie tanto affilate o fogli su cui scrivere il percorso sotterraneo

delle radici, ebbero segni e sogni di conquista.

Quest' immane arroganza del suo esistere privilegia i toni tenui

i falsi forse della farsa.

La maschera amletica, la morale capovolta di una democrazia recitativa.

Il fantasma del suo passato ha più sostanza della memoria contingente

la natura scaltra in materia di contendere.

Moti di sogni di gloria ad occhi aperti, alcuni chiusi nel cassetto.

La missione di evocare le ginnaste a certe parole enoteca centrale

di balzi e capovolte.

Come unica possibilità di scendere l' asso nella manica

l' uso affilato di un televisore da tavolo

la trance ipnotica di un unico programma a reti unificate

bicchiere di vino di un solo chicco.

Raspa e acina il grappolo infinito fino al riso.

A sostanza del suo emergere dall' abisso, le ossa bianche

del suo costato al buio.

Fin dove si spinge arriva e non arriva, lascia ampi margini d' errore.

La colluttazione che ne deriva la chiama scrivere

a forma d' opera incompiuta, il dittatore o ministro alle semplificazioni propaganda ullteriori deformazioni come progresso in ogni settore.

Plagia, falsifica, innova, determina lui le proporzioni.

Sembra un angelo caduto dal cielo quando è esso stesso cielo e volo.

Solo l' impeto dei suoi arbitrii serve a calcolarne gli argini mobili.

Poi s' avvera finalmente il suo piano fantasma

ma non può svelare a nessuno di averlo sognato dall' inizio

quando era appena un punto all' ordine del giorno

.

Così firma col sangue il suo patto col diavolo,

non mettendo mai una croce.

 

 

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 43) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 46) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 60) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 48) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 57) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 51) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 62) »