Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST 10/07/2018: CHERCHEZ LA FEMME | festeggia: #cherchezlafemme
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 66 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 17 23:14:41 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cristo deposto

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/04/2018 12:12:24

Cristo deposto è un eroe stanco: il dolore è rimasto imprigionato in lui, e ha il medesimo peso delle ossa. Le braccia riposano lungo i fianchi di scarso nerbo come quelle che non solevano reggere né arnese né arme né fardello. Le mani son quelle che intinsero il pane nel piatto dell'ultima cena, per rendere la vita e per accettare la morte. Le dita in entrambe son riunite e composte; e in entrambe i pollici son nascosti, ripiegati entro la palma. Sembra che manchi a ciascuna il dito della forza, del lavoro, del prendimento; e ne viene a ciascuna una rassegnata stanchezza. Le costole sono rilevate quasi a simmetrico ornamento del torace. La gentilezza del sangue davidico sembra affinare le membra; senonché la rotella del ginocchio è prominente, grossa la nocella del polso, greve anche il malleolo. Si parte diritto il naso dalla radice ma con lieve declinazione presso la punta si avvalla: le nari certo in vita si dilatarono e palpitarono. I capelli sono come un pietoso origliere. Le labbra sottili della ferita nel costato son parallele alla linea profonda della bocca. V'è ancora qua e là qualche indizio di mollezza, non definibile. Così bellissimo mi apparve in mille immagini; insieme le conflài; sparve ombra labile riverso indietro nel morbido crepuscolo dei miti.

 

© Paolo Melandri (15. 4. 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La conquista della città (Pubblicato il 15/07/2018 13:23:33 - visite: 18) »

:: Fenomeni analitici (Pubblicato il 15/07/2018 00:10:42 - visite: 18) »

:: Sotto la stella del tramonto (Pubblicato il 14/07/2018 20:03:11 - visite: 19) »

:: Irradiazione (Pubblicato il 13/07/2018 13:02:32 - visite: 23) »

:: Primo sguardo su terra e mare (Pubblicato il 13/07/2018 00:04:58 - visite: 22) »

:: La parificazione dei sessi (Pubblicato il 12/07/2018 20:00:03 - visite: 15) »

:: Elisabetta (Pubblicato il 12/07/2018 00:25:39 - visite: 16) »

:: Olga (Pubblicato il 10/07/2018 22:29:15 - visite: 16) »

:: Il sigaro di don Benito (Pubblicato il 10/07/2018 13:56:28 - visite: 15) »

:: La valigia vuota (Pubblicato il 09/07/2018 21:56:55 - visite: 17) »