Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 359 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 3 06:12:41 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Beati nel niente

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 31/01/2017 22:40:15

E' come restare senza restare mai,

certo le circostanze non sono favorevoli 

e l' uno e il due, la stessa sostanza del siero vergine

che genera materia di Karma inconsulti.

Ho bisogno di sferruzzare vermiglio,

il baco da seta che ho ammaestrato

vuota il sacco del mio alfabeto da quando è nato

per anici stellati, la ragnatela dei cordiali vaffanculo

che mi calo per l' alito.

Ah, quella favola che mi leggeva mio padre prima di sognare:

<Vogliamo fare un gioco?  Domandò il ragno e mosse un passo,

a chi è più veloce a calarsi nel vuoto?

Il picchio beccò tre volte in un secondo

(per insegnarmi il suono dei numeri sul legno)

il corvo chiuse gli occhi (la paura del buio)

l'orso scosse la testa spostando l'aria di due palmi

il lupo ululò quella vecchia canzone mandata a memoria

da quando la cantava alla Luna in trentatrè giri su se stesso

ma la volpe, quella vecchia faina, non fece un balzo fino all' uva>.

Versi barracuda chi si morde la coda?

"Questo amore che c'è e non c' è come ogni Dio che si rispetti".

Perchè dovrei accettare questo corpo se non ho la forza di cambiarlo?

Veri barracuda, nei miei sdoppiamenti paranormali

non ci sarà posto per Giuda.

Anche se il dolore non passa continua la farsa

lo so perchè immagino.

"Nessuno mai è solo se stesso, nessuno è mai, nessuno è mai

nemmeno il saggio" e fuori fa freddo.

Di seconda natura, quindi di prima grandezza

ogni destino che si compie, non solo da se stesso.

Quant' è vero il moto degli astri su nel cielo

dove ti senti forte, là consolati degli oltraggi.

Questo esperimento d' ingegneria sociale

farebbe rivoltare Tiziano Terzani?

Nelle coscienze e sugli altari?

Mi leggono letteralmente nel pensiero

lo spogliano di qualunque mistero

e non vogliono prendersi le loro responsabilità

questi figli della simultaneità, fratelli della bruma

e io che voglio?  

Nella mia stanza c'è Satana che invoca la legittima difesa,

da quanto dura questa leggenda?

La materia all' insaputa dell' uomo che la inventa.

Sono al sicuro almeno qui tra i poeti?

Tra le parole che conoscono il titanio che torna alla sua forma?

Nella dimora del vento dei nostri cuori ardenti fatti a pezzi?

Ho fiducia di essere buono, nel senso che lo spero.

Per voi come sono?

Io chi, poi, cosa?  La reliquia fantasma di un essere umano?

La luce del giorno mi renda il respiro

il tempo che porti pazienza, mi perdonino gli amici perchè vivo

e chiunque possa farlo.

Il potere in più che avete per giudicarmi

chi ve l' ha dato? Come avete intenzione di usarlo?

Nel ventre di un desiderio, il rimpianto di occasioni perdute,

beate del niente.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 8) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 24) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 50) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 65) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 63) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 59) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 55) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 54) »