Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 156 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 8 09:26:40 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Senza pretese

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/03/2017 01:56:24

e si comincia da una conscia stretta di mano

allorquando il sodalizio della contumacia viene meno

alla fine del viaggio

randagi quanto vogliamo, quanto vorranno i nostri custodi

per tutto l' oro dei loro piccoli mondi;

è come se non conoscessero mai la neve

il mistero dei fiocchi che maturano al vento

e conservassero quello speciale sensore del bianco

per le sole pupille

scordassero la voce del padre al mattino

dopo una notte di rimproveri.

Ci hanno portato sulla cima del monte

metà del viaggio, in quanto il traguardo lo si taglia tornati a casa.

Ma non è cosi che te l'immagini, è con le braccia tese

sollevate in aria. Sei passi al minuto.

L' ossigeno da contare.

Quanto vale l' immagine di un orizzonte che curva

con le sensazioni che include.

Si può parlare di sport e anch' io voglio vantarmi

dei tempi che furono scaglie di pesce.

Dove mi porta questo odoroso fiume?

Un mare di merda, una stella cometa, un tempo che non si ferma

nonostante l' abbia aspettato.

Dove ho creduto di esserti vicino

ma la distanza dalla Luna non cambia per questo.

E poi trattenere il respiro prima dell' onda.

Per avere quell' effetto che a dirsi non conta.

Ogni promessa che infrangi, una pacca sulla spalla

del tuo miglior benzinaio.

Poi un' altra estate a gonfiarti le vene

con la testa leggera di noi che non esistono affatto

se non in un mondo di carta.

La facilità con cui tutto si compie mi svuota 

la sabbia della spiaggia fatta per le orme se si bagna in tempo.

Lo sproloquio, la vergogna di mostrarsi che c' è subito

pronta una maschera da indossare.

Tutto questo unico, inossidabile passare, trascorrere 

alla portata di tutti. Che nessuno lo sa.

Ammaestrare sarebbe docile, abbassate le guardie.

Ma la scorza del tempo è un' altra corazza

una spada di Damocle.

Anche se saremo in due per non farmi scappare

ci vorrà tutto il tuo coraggio.

Una roccia friabile che non consenta imprevisti

ancora non rotola a valle.

Per risultare ridicolo affronto le scale

le scalinate nuziali.

Mi pento di essere grato di essere venuto al Mondo

un sacco di volte in un battito di secondo.

Parlando facile al cospetto di dio

o da solo come un matto.

La voce alta che s' arrampica.

Dal controllo nasce ogni forma di resistenza

la luce annuisce nella stanza.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cuori distratti da amori fantasma (Pubblicato il 05/10/2017 01:51:03 - visite: 51) »

:: Per mari in tempesta (Pubblicato il 30/09/2017 03:50:17 - visite: 91) »

:: Menti variabili (Pubblicato il 29/09/2017 03:37:01 - visite: 56) »

:: O schegge di memoria fra i denti (Pubblicato il 27/09/2017 00:45:55 - visite: 63) »

:: Folgoranti quintessenze (Pubblicato il 19/09/2017 23:53:31 - visite: 81) »

:: Pur di avere (Pubblicato il 19/09/2017 02:00:34 - visite: 71) »

:: Che cambi per noi il colore delle cose intorno (Pubblicato il 09/09/2017 11:37:13 - visite: 82) »

:: Filtro azzurro (Pubblicato il 07/09/2017 21:28:38 - visite: 113) »

:: Sit venia verbo (Pubblicato il 24/08/2017 16:22:10 - visite: 132) »

:: Dove andare (Pubblicato il 01/08/2017 21:52:36 - visite: 104) »

:: Versi di colpa (Pubblicato il 01/08/2017 01:26:26 - visite: 116) »

:: Poeta professionista (Pubblicato il 31/07/2017 05:13:18 - visite: 165) »

:: Con un pugno di mosche (Pubblicato il 28/07/2017 02:31:50 - visite: 65) »

:: Quando arrivammo (Pubblicato il 27/07/2017 00:49:32 - visite: 69) »

:: Con due soli (Pubblicato il 26/07/2017 02:20:47 - visite: 88) »