Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 228 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 20 06:17:57 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Finirà

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/06/2017 01:21:28

La notte minorenne gli tese un agguato

con parole-California da riempirci un sogno intero

ma vessato dalla mente temporale

scappò dal balcone

con i glicini in fiore pronti a testimoniare

che gli fu concessa fuga da sua eccellenza

il fuoco dei lombi in persona.

Non ardere da tempo immemore è una condizione

cui ci si abitua sempre meno.

La circostanza del mio credere mi confonde le idee.

Ma dubiterei anche se fosse vero?

Si, fammi credere, ricordami di me, delle mie vite precedenti.

Concedimi una tregua, meglio, trattiamo la pace.

Se credi di sapere, insegnami, potrei fidarmi di te.

Un' emozione che migliora il mio transito terrestre

nonostante la mia incompetenza, l' intolleranza a voler essere

a vivere per bene. Per una molecola di quiete da fare a metà

varcare i confini, per sentirsi vicini in una spiaggia affollata.

Musica, per coprire le voci, stare solo con te.

Provare "l' estrema solitudine di amarti solo io".

Il pensiero che sfugge, cerca di sottrarsi a qualunque responsabilità.

Poter desiderare con calma di vivere.

Inseguendo fino alla fine i sogni proibiti.

Cambiare presenza all' interno dello stato sociale.

Cercare di essere educati. Imparare le lingue, scordarsi il passato.

E poi sorridere nelle foto da postare su facebook

per dare un' immagine di sè 

come di una persona con cui possa far piacere passare del tempo.

Un sole di giugno, un altare qualsiasi.

Il vento che s' alza forte ti fa pensare che dio

sia in collera con noi. Quando si è agnostici distratti.

Sto aspettando la resurrezione dei corpi da sveglio.

E cosa devono vedere ancora gli occhi e le mani

che devono toccare? Per cedere al destino la propria corona?

Poi tutto s' avvera secondo uno schema e ciascuno

fa parte del flusso.

Se ti elevi conservi memoria, se no, ricominci da capo

senza fine nè principio e ti allontani dalla luce.

Che raggiungerai comunque

e da quella nuova dimensione partiremo tutti insieme

verso pianeti conosciuti almeno un po'.

Dove provare ad essere degni del progetto straordinario

che è stato studiato su misura per noi.

Da chi, se non dai noi stessi delle ere precedenti

che non abbiamo ancora scoperto?

Sarebbe un bel traguardo, per certe galee 

o galere d' arrembaggio.

La risposta suprema perchè tutto duri per sempre

non può essere mai scoperta

ciò non toglie che si possa scoprire quanto più possibile 

sul destino delle trasformazioni dell' Io.

Il mio caro maestro Battiato e Karma Nur May

la mente divisa e quello che non sai, raddoppia, l' energia.

C' è ampio margine d' errore se pensi che tutto possa essere usato

per poter essere migliori.

E la stanchezza finirà. E come vecchi amanti ci perdoneremo

di essere stati Dei perfetti e sconosciuti.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 16) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 25) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 47) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 51) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 66) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 64) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 49) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 60) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 55) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 54) »