Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 298 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Sep 17 14:17:28 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Che cambi per noi il colore delle cose intorno

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/09/2017 11:37:13

 

Resoconto di una scrittura privata

 

Una colpa che non vorrebbe pena

a trovarne una che possa essere più sincera!

Tutte se ne stanno in effetti nell' acquario, le stelle del mattino

cui si orientano a legnose distanze, le serrande del vicino

quando cala la palpebra al giorno in un reflusso cerebrale

di un istinto mai sopito, di poca luce e molte ombre

profonde quanto il mare più vicino e la costa, che diventano puntini.

Il solo destino può vantarsi di essere questione di spazio:

trovarsi nel posto giusto, la seconda parte del contratto

arriva fuori tempo massimo, del concerto, inaudita.

Al massimo posso fare le scale

fino al terzo piano, poi vi aspetto là, inclinato sul pianerottolo.

Non valico la linea gotica, resto dalla parte che recito a memoria.

Ma a volte prendo il controllo come mai prima

e vedo come stanno le cose

prendendole dal lato del vuoto che le forma.

Per la sostanza chiedo indietro il resto delle mie parole

che ti scivola ancora dalla bocca, nella tua versione del ripetere.

Dire fare pensare, come prova che sia lecito il testamento

che ti spedisco sulle labbra con un bacio nella lettera

che si manifesti quando lo sfili dalla busta (con eccesso di zelo).

E' un fallimento la confezione regalo di cui sono disposto a scrivere

solo a fiori appassiti.

 

Il verde seme del vento porta suoni di Andromaca, di ambra sedata

che fioriranno in musica non appena li avremo svelati

dalla loro ovatta imbevuta di alcol.

Una puntura dietro l' orecchio. Uno zig-zagare di zagare e zanzare

e la lettura delle mani dai pensieri delle zingare, che passano in requiem

l' atto interrotto della loro prima fede.

Salutando certi ricordi con un breve cenno del capo

alla stazione da cui partiamo.

La cortesia di angeli distratti fa gridare al miracolo?

Tu distinguiti bestemmiando come comuni immortali 

col vizio di ascesi tra i fronzoli.

La specialità di sapersi sconfitti ha un nuovo marchio di fabbrica

logos sul nostro pane quotidiano.

Ma è quando il dolore si fa più intenso che si passa la soglia

e vederti morire diventa un gesto consolatorio

per un maestro di cerimonie.

Gli occhi ne hanno piene le mani di dita cigliate e prensili

da poter usare per gestire le immagini

una ad una fino al compendio di un ultimo desiderio.

Il respiro? Una fine dei tempi.

Per resistere alla caduta dei sogni nella vita reale

desistere dal pensare troppo lontani dalla spina dorsale.

Ma sono solo condizioni dovute alla mancanza di un dio

che sicolga per noi neve e nodi di una fredda stagione.

E quello che è falso e quello ch' è vero sono gli inneschi della formula

da imparare a memoria per far tornare il sereno.

Torneremo anche noi ad orizzonti di gloria

ma solo dopo aver percorso fino in fondo il viale del tramonto.

Allora saremo scintille di luce dal cielo, particelle di anime a vento.

Una ronda psicomotoria che non ha bisogno di un verso nè di un corpo

straniera alla gogna.  Un' onda magnetica di caos incompiuto

la prova provata dell' esistenza dell' uomo e la donna

nei secoli dei secoli, dica lo giuro: lo giuro.

Il gesto inconsulto di un vecchio sultano -mi ricorda-

la cui fortuna risieda in saggi consigli scovati dal fondo

di tazzine di caffè, sarebbe quello di non berne più, nonostante ormai

sia incurabile la sua cirrosi empatica.

Per lo stesso motivo certi bar vengono frequentati, dopo un' ora esatta

solo da studenti fuoricorso, è una questione di pratica

di animarsi nei discorsi cui non diamo adito.

Omologati e sedotti da una condotta

indotta da un mercato a guerre puniche

che fa sconti solo per le corde per il collo.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vele d’altura (Pubblicato il 14/09/2019 01:51:47 - visite: 33) »

:: Un passaggio di stato (Pubblicato il 14/09/2019 01:34:25 - visite: 27) »

:: La fine di ogni principio (Pubblicato il 14/09/2019 01:20:54 - visite: 24) »

:: Chirù (Pubblicato il 13/09/2019 01:20:05 - visite: 34) »

:: Vita di coppia (Pubblicato il 04/09/2019 16:08:39 - visite: 56) »

:: Silenzi (Pubblicato il 27/08/2019 15:51:05 - visite: 39) »

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 52) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 47) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 75) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 60) »