Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018) | risultati
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 131 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jun 15 21:48:40 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ti sei perso

di Annalisa Scialpi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/09/2017 13:00:00

 

Ti sei perso.

 

Dovevi uccidere il mostro.

 

Ammarrare le correnti d’aria.

 

Togliere la polvere dalle cose.

 

Ti sei perso in un filo d’acqua;

pensavi fosse una sorgente,

invece era solo un filo dove le tristezze

tessevano origami di rinunce

nella soffitta abitata

da grossi topi azzittiti

                                 a rodere le sere.

 

Ti sei perso.

 

Dovevi cercare la chiave.

Bussare alle porte.

 

Invece hai venduto a Creonte la tua testa;

il tuo cuore.

- e solo per pochi spiccioli -

 

Hai comprato illusioni dal mercato dell’usato

e te ne sei avvolto come in un logoro mantello.

 

- Non ti sei accorto che era sbiadito

e che c'erano le tarme? -

 

Ora è tardi.

 

Il tempo ha forato gli istanti.

Di vita.

 

Quella che tu,

non hai vissuto mai.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Annalisa Scialpi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Lete (Pubblicato il 22/06/2018 18:38:48 - visite: 39) »

:: Nuovo antico enigma (Pubblicato il 22/06/2018 18:35:48 - visite: 27) »

:: Tra Essere e non Essere (Pubblicato il 20/06/2018 11:45:34 - visite: 57) »

:: Invocazione (Pubblicato il 23/05/2018 08:29:27 - visite: 63) »

:: A te, madre delle madri (Pubblicato il 04/05/2018 09:11:43 - visite: 68) »

:: Ma il raggio agognato esplode (Pubblicato il 27/04/2018 09:04:16 - visite: 80) »

:: Fu il tuo dolore a salvarmi (Pubblicato il 26/04/2018 10:10:59 - visite: 79) »

:: Signora Pernice (Pubblicato il 09/04/2018 12:51:53 - visite: 113) »

:: La stessa strada (Pubblicato il 03/04/2018 19:30:30 - visite: 98) »

:: Ancora amore (Pubblicato il 03/04/2018 19:11:45 - visite: 89) »