Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 297 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Aug 20 05:22:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Alla faccia del Karma

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/10/2017 05:23:22

 

Infiniti altari.

Contenitori di gemme di grano, sopiti sensori del buio

con quale coraggio negate dei fummo alle nostre storie di campagne?

Quando insieme puntammo tutto sul seme sbagliato

in quella partita memorabile col Caos e nacquero solo vele spiegate.

Dove andammo fu il primo vento di passaggio a deciderlo

e così anche il monte più alto non ci sembrò troppo distante.

Chè le distanze sono facili al vento se particolarmente illuminate.

Così una particolare luna di miele venne a farci coraggio

nell' anno in cui ci sposammo con ciò che ci faceva stare bene

e tutto il resto, in un secondo piano sfocato ma ancora pieno di fuoco

da ardere certi fiati gelati col freddo spietato che fa, nell' istante del poi

non smette più di resistere

nonostante gli estremi tentativi di rimuoverlo, da parte del vuoto.

In questo modo le piccole cose contano, diventando determinanti.

Le foglie, la merce di scambio per eccellenza, per esempio.

A riguardo, ha ragione il rosario del poeta:

per sgranare la canzone degli alberi è necessario che abbiano le foglie

o le abbiano avute, cadenti o cadute, starlette di prima concezione

non come certe sgualdrine contemporanee, di seconda grandezza

(come vorrebbe la mia natura fonda di razzista radicale)

che si vendono per poco, tutta la vita circostante.

Radicale il passatempo di contarle ancora in volo 

per quanto immediatamente perda il conto in considerazioni secondarie:

non ci sarà mai tempo di fare quello che ci pare.

Sono pessimo per pigrizia,

una posizione che ricopro non senza una certa fatica.

I rami, in effetti, non li concepisco che nudi e spogli se sono triste

e divento maleducato se reciso. Pessimista e grasso, in una miscela

che mi rende poco credibile, continuo a parlare di me 

fino a diventare antipatico perchè non so più posare gli occhi sugli altri.

Con le dovute attenzioni anatomiche.

Vogliate scusarmi se mi faccio esplodere ogni tanto

in vani propositi di conquista del mondo.

Datemi pure alle fiamme se trovate ci sia carne da mettere al fuoco.

Perchè io non distinguo più chi sono quando galleggio tra i piani.

Per stasera mi assolvo e domani? 

Proveremo, con un plurale in cui confondermi senza alcuna maestà

a diventare di ruolo nell' assistenza scolastica alla distruzione di massa.

Come certi saggi di massima che stanno zitti e non fanno rumore

cercheremo di capire cosa ci ha fatto inventare le poesie d' amore

tra una costatazione amichevole e l' altra,non ancora matura per l'anima.

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Vele d’altura (Pubblicato il 14/09/2019 01:51:47 - visite: 33) »

:: Un passaggio di stato (Pubblicato il 14/09/2019 01:34:25 - visite: 27) »

:: La fine di ogni principio (Pubblicato il 14/09/2019 01:20:54 - visite: 24) »

:: Chirù (Pubblicato il 13/09/2019 01:20:05 - visite: 34) »

:: Vita di coppia (Pubblicato il 04/09/2019 16:08:39 - visite: 56) »

:: Silenzi (Pubblicato il 27/08/2019 15:51:05 - visite: 39) »

:: Patria potestà (Pubblicato il 23/08/2019 04:14:04 - visite: 52) »

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 47) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 75) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 60) »