Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 71 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 23 12:54:46 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Lontano

di L’Arbaléte
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/11/2017 17:31:23

 

LONTANO

 

 

            Le braccia della notte che ti perde
in deliri di costante equilibrio
non sono più quei bei momenti d’eco

            sulle palpebre, solo
vizzi sbocci crepuscolari, il fascino

di imperdonabili particelle

e tutti i Pegaso, tutti i Perseo
non sono riusciti a metterle insieme:

            a chi ti dai, adesso,
mentre l'aria si scontra con i sogni?


            Se una parola scritta diventa

educazione al volo, sul terreno
la maggior parte di noi siede curvo

            oppure crea gabbie,
            trova il significato

inscritto, caduto aroma di assenza

            come se ti dicessi

            avevamo bambini.

 

            Sono rimasto sveglio
immaginandone la prosodia,
mai galleggianti in modo più chiaro

le stoppie, la misura indescrivibile,
lo spostamento, la traiettoria

            adorna della forma.

 

            Ma non c'è movimento
una corsa impigliata nella morte

delle possibilità, ogni volta

            si ingrandisce di nuovo,

attraverso pelle metamoderna
il gocciolare d’anni un'infrazione,

            ancora e ancora farlo,

dirlo delizioso senza gustare.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

L’Arbaléte, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sante divine rose e varie (Pubblicato il 11/10/2017 20:51:04 - visite: 73) »

:: Altre piogge... (Pubblicato il 06/10/2017 21:00:55 - visite: 95) »

:: Come carezza erba il vento (Pubblicato il 04/10/2017 20:56:45 - visite: 80) »

:: Solo il fluire delle nostre vite (Pubblicato il 03/10/2017 23:45:55 - visite: 68) »

:: Da nobis hodie (Pubblicato il 02/10/2017 18:07:55 - visite: 78) »

:: Presenza (Pubblicato il 01/10/2017 21:43:40 - visite: 81) »

:: De six heures du matin ŕ six heures du soir (Pubblicato il 22/09/2017 00:35:38 - visite: 59) »

:: Jeunesse 2 (Pubblicato il 14/09/2017 22:57:02 - visite: 53) »

:: Jeunesse (Pubblicato il 14/09/2017 22:22:02 - visite: 51) »

:: Grazie (Pubblicato il 02/08/2017 22:40:46 - visite: 31) »

:: Dedizione - a R. W. P. (Pubblicato il 01/08/2017 00:44:26 - visite: 37) »

:: Grazia ecc. (Pubblicato il 17/07/2017 21:19:50 - visite: 33) »

:: Gli occhi abbassati sulla terra (Pubblicato il 20/06/2017 19:08:58 - visite: 64) »

:: Al mio risveglio eri del sogno il fiato (Pubblicato il 12/06/2017 20:40:10 - visite: 81) »

:: Dream sunset exploded the city (Pubblicato il 08/06/2017 21:14:50 - visite: 66) »