Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST 10/07/2018: CHERCHEZ LA FEMME | festeggia: #cherchezlafemme
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 166 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 20 12:34:09 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Compagne di viaggio

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/11/2017 19:22:01

Era una contrada dolce nel mio sogno
dove mi trovai quasi per magia.
Mille colori d'autunno
tingevano le colline
in stupenda armonia.

Era un paese sull'Appennino
ed accogliente la piazza
si apriva allo sguardo
con la torre civica e la loggia
in simbiosi antica.

Mi ritrovai nel centro
con passo bambino.
Era un sogno sì,
ma tutto sembrava reale e vicino.

Mi vennero incontro quattro donne.
La prima dallo sguardo brillante mi disse sorridendo:
“Finalmente sei tornata...Sono l'ironia”.

Si avvicinò mesta la seconda,
una lacrima negli occhi le brillava:
“ Eccomi a te.... Non mi riconosci? Sono la nostalgia”.

Incedeva con passo pensoso
la terza figura femminile.
Negli occhi una nube d'inquietudine.
Mi si fermò dinnanzi:
“Tu mi conosci a fondo come l'anima gemella.... Sono la solitudine”.

Era soave l'aria, un accenno di primavera.
La piazza dal fervido viavai
si era fatta deserta a sera.
Attesi a lungo
nel gioco d'ombre.
Mi venne vicino l'ultima donna
dallo sguardo profondo nei colori del mare:
“Ti cercavo.... E come immaginavo t'ho trovata....
Vieni con me: sono la malinconia”.

Mi svegliai alle prime luci dell'alba.
Il sogno era dileguato,
ma nella realtà qualcosa m'aveva lasciato.
Lungo il mio esistere quotidiano
incontrai diverse amiche:
l'ironia, la solitudine e la nostalgia.

Ma la compagna ideale
che m'ha seguito come un'ombra
nel viaggio di tutta una vita
è stata soltanto lei: la malinconia.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Sipario (Pubblicato il 12/07/2018 18:08:51 - visite: 32) »

:: Un cuore di vetro (Pubblicato il 10/07/2018 22:31:26 - visite: 31) »

:: Festa d’estate (Pubblicato il 09/07/2018 17:27:37 - visite: 29) »

:: Appennino Toscano (Pubblicato il 07/07/2018 17:09:46 - visite: 39) »

:: Pianto di rugiada (Pubblicato il 06/07/2018 18:22:42 - visite: 37) »

:: Il volo delle rondini a sera (Pubblicato il 05/07/2018 21:23:09 - visite: 35) »

:: L’abbraccio del ritorno (Pubblicato il 04/07/2018 17:31:27 - visite: 35) »

:: La Verna (Pubblicato il 03/07/2018 16:32:09 - visite: 40) »

:: Lontano (Pubblicato il 02/07/2018 16:19:04 - visite: 42) »

:: Appennino (Pubblicato il 01/07/2018 16:18:12 - visite: 42) »