Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 121 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Feb 25 10:23:50 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La convalescenza del gelo

di Robert Wasp Pirsig
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 12:47:56

 

 

Ho visto più di cento stagioni in processione.

Sono il rosario della terra per un girone.

Un corteo comune, ricco di devoti migratori.

Grani, uve, aranceti, mandorli come tedofori

si passano l’istante di fiamma

o la somma dei drammi.

 

Lascia che io le conti ancora, almeno ricordando

come seguiamo e dove posano le spoglie quando

l’eclisse degli occhi diventa totale

e l’astro dal fuoco scompare.

 

Ho visto più luce di quanta ne contiene il cuore

benché all’inizio del percorso vennero fuori

i container cinesi e le ginestre coinvolte nella resa

alle bitte del porto, ai troppi ormeggi sorti.

 

Su tutto, la statua del tempo apre la corsa.

E che potremmo fare se non correre, forse,

dietro al pensiero di fine stagioni? L’unica

certezza è che l’anagrafe cronica

è la filigrana di quella banconota

che solo il gelo al cambio quota.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Robert Wasp Pirsig, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Che ti dice questo (Pubblicato il 20/02/2018 15:29:06 - visite: 232) »

:: Il compianto notturno cittadino (Pubblicato il 17/02/2018 12:58:23 - visite: 62) »

:: In nome, e per contro (Pubblicato il 13/02/2018 13:29:27 - visite: 106) »

:: Evoè (Pubblicato il 11/02/2018 14:56:45 - visite: 136) »

:: Le trame sospese (Pubblicato il 06/02/2018 23:23:03 - visite: 196) »

:: A vostro nome (Pubblicato il 03/02/2018 14:35:31 - visite: 129) »

:: Se solo mi sollevassi (Pubblicato il 01/02/2018 14:03:50 - visite: 215) »

:: Venuto a bordo di un corpo (Pubblicato il 29/01/2018 18:04:05 - visite: 118) »

:: Top onomastico (Pubblicato il 27/01/2018 14:05:03 - visite: 121) »

:: Manco per la testa (Pubblicato il 14/01/2018 18:34:18 - visite: 90) »