Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 79 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 17 18:54:22 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Colmo dell’estate

di Federico Corrado Camporeale
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2018 13:37:34

Nello scatto nervoso del balestruccio,
che rapido rade la pozza d'acqua
per bere in volo,
è il colmo dell'estate;
e nella spiga matura
che si piega sullo stelo,
negli opimi prati
che vanno fondendosi col sole.
Stridono le cicale nel meriggio
senza più riparo:
è qui l'estate;
nelle bestie irrequiete
dentro le stalle,
il bracco esausto
accovacciato nella polvere,
- dorme sonni di frescure immani.
Il tempo vago e spietato
che centellina l'istante agli orologi,
la polpa che gonfia di dolce sugo i frutti
o li marcisce col verme o con la mosca.
Una fanciulla, dalla peluria di pesca
che d'improvviso si scopre donna,
è l'estate.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Corrado Camporeale, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: flashback (Pubblicato il 21/05/2018 13:46:42 - visite: 4) »

:: Città perdute (Pubblicato il 11/05/2018 13:44:56 - visite: 21) »

:: Da un ricordo di mio padre (Pubblicato il 27/04/2018 17:07:25 - visite: 35) »

:: Euclide (Pubblicato il 18/04/2018 13:39:56 - visite: 38) »

:: Terra (Pubblicato il 10/04/2018 13:45:25 - visite: 60) »

:: Senso del progresso (Pubblicato il 03/04/2018 16:48:28 - visite: 42) »

:: Campo in autunno (Pubblicato il 23/03/2018 13:40:54 - visite: 81) »

:: La tortorella (Pubblicato il 16/03/2018 13:15:33 - visite: 68) »

:: Didascalie dell’anno mille (Pubblicato il 09/03/2018 13:40:43 - visite: 88) »

:: Granturco (Pubblicato il 01/03/2018 14:02:23 - visite: 77) »