Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 105 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 9 23:32:31 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Serenata notturna

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/06/2018 19:53:04

Io mi desto d'averti sognata

nel primo dolce sonno della notte.

Quando i venti spirano più lievi

e scintillano le stelle ininterrotte:

io mi desto d'averti sognata,

e uno spirito i miei piedi,

chissà come, mi ha guidato,

alla finestra della tua stanza, o cara!

 

I venti vaganti svaniscono

sulla buia, tacita corrente –

gli odori di champaka si dileguano

come dolci pensieri nel sogno della mente;

il pianto dell'usignolo

muore sopra il suo cuore;

e così devo io sul tuo,

io che ti sono fratello d'amore!

 

Oh, su dall'erba levami!

Io muoio, io svengo, io manco!

Che il tuo amore su me si dispieghi

baciando le labbra, le palpebre stanche.

La guancia ho fredda e bianca, ahimè!

Il mio cuore batte forte e veloce; –

oh, premilo ancora stretto a te,

dove poi si fermerà la sua voce.

 

© Paolo Melandri (22. 6. 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Alba di fiori (Pubblicato il 18/03/2019 21:26:24 - visite: 43) »

:: Il cerchio sacro (Pubblicato il 04/03/2019 21:39:18 - visite: 65) »

:: Inno olimpico (Pubblicato il 01/03/2019 21:48:33 - visite: 76) »

:: Nelle sale di Pergamo (Pubblicato il 01/03/2019 20:51:54 - visite: 40) »

:: Le statue (Pubblicato il 27/02/2019 23:10:35 - visite: 73) »

:: Testa di bronzo (Pubblicato il 27/02/2019 14:39:06 - visite: 56) »

:: Così quieta (Pubblicato il 26/02/2019 21:19:12 - visite: 72) »

:: Oracolo di Delfi (Pubblicato il 24/02/2019 02:51:55 - visite: 79) »

:: Il Centauro Nero (Pubblicato il 22/02/2019 20:37:14 - visite: 55) »

:: Giorni primari (Pubblicato il 20/02/2019 20:59:09 - visite: 68) »