Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 175 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Oct 13 22:09:32 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La straniera

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/09/2018 17:09:49

È fredda e buia, là, la notte?

È fredda, ma non è buia la notte.

La nube grigia in alto si distende,

la nube vela il cielo, non lo asconde.

La luna è dietro, ed è la luna piena;

eppure sembra piccola ed opaca.

La notte è fredda, l'alta nube è grigia:

siamo ad un mese dal mese d'aprile,

lenta sale la neve in queste valli.

 

Venne furtiva, senza nulla dire,

levava fondi e teneri sospiri,

niente era verde sulla quercia antica

se non il muschio e raro l'agrifoglio:

in ginocchio sotto la grande quercia,

silente ella pregava.

 

La notte è fonda; la foresta è nuda;

il vento si lamenta desolato?

Non tanto vento bianco era nell'aria

da sollevar la ciocca inanellata

d'in sulla gota della bianca dama –

non tanto vento da far via volare

l'unica foglia rossa, della schiera

che balla spesso quanto può ballare,

appesa così lieve, così in alto,

a un ramoscello in cima, in faccia al cielo.

 

Allora vede là dama fulgente,

vestita in bianca tunica di seta,

che riluceva opaca al fioco lume

della recente e fredda e lattea luna:

il collo illividiva il bianco in veste,

il nobile suo collo e le sue braccia

erano nude; il piede suo di neve

dalle vene azzurrine è tutto scalzo,

e vivide e selvagge brillan sparse

le gemme ai capéi d'oro suoi intrecciate.

Credo che fosse pura la visione

d'una dama vestita riccamente

come lei era – candida in quel luogo.

 

E la dama straniera le parlava,

e la sua voce simile all'incanto

e dolce e mite come primavera

e la sua voce era silenzio bianco.

Fuori dal suo canile, l'invecchiata

mastina addormentata nei suoi sogni

giaceva, in mezzo al freddo chiardiluna.

Ma non si desta la vecchia mastina,

ma emette un lungo ringhio lamentoso:

cosa turba la cagna, la mastina?

Non mai ringhiato aveva prima d'ora

di sotto agli occhi della sua signora.

Forse è lo strido della civettina:

che cosa turba la cagna mastina?

 

Riluce opaca all'aperto la luna,

e qui non entra che un raggio di luna.

Ma senza la sua luce può vedere

la stanza sculta sì curiosamente,

scolpita con figure strane e dolci

uscite dalla mente del marmista,

convenienti alla stanza d'una dama:

la lampada con catena d'argento

sospesa al piè d'un angelo è spavento.

 

È fredda e buia la notte di neve?

È fredda, ma non è buia la notte.

La nube grigia in alto si distende,

la nube vela il cielo e non lo prende.

La luna è dietro, ed è la luna piena,

all'angelo è sospesa la catena;

la luna vela, il cielo non asconde,

la luna sembra piccola e confonde.

La notte è fredda, la nube è più grigia:

siamo ad un mese dal mese di aprile,

sale la neve lenta ed è gentile.

 

© Paolo Melandri (1. 9. 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Paolo Melandri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Addensamenti locali di nebbia (Pubblicato il 17/10/2019 13:12:47 - visite: 14) »

:: Quello che c’era prima (Pubblicato il 16/10/2019 22:07:57 - visite: 14) »

:: Manchevolezze (Pubblicato il 16/10/2019 21:31:51 - visite: 14) »

:: Sintomi di astinenza (Pubblicato il 02/10/2019 23:59:08 - visite: 51) »

:: Erba settembrina (Pubblicato il 29/07/2019 11:57:21 - visite: 74) »

:: Il semplice che è difficile da inventare (Pubblicato il 28/07/2019 20:30:50 - visite: 58) »

:: L’iceberg (Pubblicato il 24/07/2019 11:13:33 - visite: 90) »

:: Postludio (Pubblicato il 23/07/2019 19:43:21 - visite: 74) »

:: L’albero e il cielo (Pubblicato il 23/07/2019 10:22:04 - visite: 72) »

:: Comunità di ricerca (Pubblicato il 20/07/2019 21:34:47 - visite: 77) »