Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 211 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jun 7 21:18:03 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Abbaglio da Sceicco

di Franca Colozzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/10/2018 15:57:03

  Abbaglio da Sceicco  

 

Per il sonetto ho solo inclinazione,

 non c’è studio alla base né ragione,

chiedo venia per la  mia irruzione. 

 

La cosa che assai mi dispiace

 è in causa chiamare una madre:

  la mia figliola lasciatela pur stare. 

 E’ tutt’invidia, siete in alto mare.

 

Amo la figlia mia più di me stessa,

giammai l'avrei  lasciata andare,

se non ci fosse in questo Bel Paese

grande latrina d’ignobili pretese.

 

 Meritocrazia è parola assai vana

  per chi si sa infilar dentro la tana.

 

 Volar voleva su cieli immuni

rondine libera da italiani fumi,

degli Arabi ama l’arido paese,

  per scienza di popoli e costumi. 

 

 Così giovane lasciò la terra avita,

ricchezze, ville e comoda vita,

non era dal bisogno resa schiava

come chi s’appella or alla clava.

 

 Non son madre che sacrifica la prole,

tant'ho lottato io per ogni dove,

  per dare ad essa il meglio della vita:

  Inghilterra, Turchia con gran fatica.

 

Lo sceicco certo non m’abbaglia,

 temo ricchezze accumulate invano,

 ho dato alle mie figlie una mano

  per viver sempre come lor aggrada.

 

Solo gli stolti non intendon questo,

giudicare è assai facile allorquando

d’amor lasso si ha il cuore guasto.

accettando così qualsiasi guado.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Colozzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mute Poetry on Jerusalem - Poesia muta su Gerusalemme (Pubblicato il 30/05/2019 20:03:51 - visite: 331) »

:: Il Manifesto di Ventotene (Pubblicato il 24/05/2019 20:14:56 - visite: 234) »

:: In ricordo di mia madre - In memory of my mother (Pubblicato il 11/05/2019 23:38:28 - visite: 255) »

:: I volti della Violenza - The faces of Violence (Pubblicato il 02/05/2019 23:57:53 - visite: 438) »

:: Notre-Dame degli innocenti (Pubblicato il 22/04/2019 22:13:33 - visite: 388) »

:: Perdersi per ritrovarsi (Pubblicato il 07/04/2019 22:50:09 - visite: 359) »

:: Bagliori di vita (Pubblicato il 30/03/2019 22:33:38 - visite: 299) »

:: Onde primaverili#poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2019 20:31:54 - visite: 315) »

:: Gratitudine (Pubblicato il 15/03/2019 22:30:02 - visite: 139) »

:: Proserpina (Pubblicato il 14/03/2019 23:04:48 - visite: 249) »