Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 23 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 18 12:46:02 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Essenza

di Federico Corrado Camporeale
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/12/2018 13:56:26

Nell'odore dolciastro dell'essenza
che brucia lentamente sul posatoio
è compreso perfettamente un continente,
fiumi deserti spiagge oceani.
Già la chiostra bianchissima dei denti
s'apre in un largo e buffo sorriso
tra la confusione del suk o bazar
- sventolano i caffettani e i burnus.
Tutte le sfumature dell'ebano
passano in quella pelle vellutata
carezzata dal vento
e dalle mani impazienti
dei mercanti di schiavi.
Dal deserto del Sahara al Kalaari
corrono le pitture rupestri,
indigeni che cacciano le antilopi
-la savana conserva ancora
quegli odori e simili tramonti.
Del ceppo bantu o zulu?
La zagaglia lo scudo di pelle di vacca
un prestigioso trofeo la criniera di leone!
Un villaggio di stente capanne sull'altopiano
o risalire con lenta vela il Nilo,
fellain che si aggira per le vie del Cairo
strettissime fenditure senza tempo.
Ecco è l'essenza che bruciano le almee
sulle ampie terrazze
durante le loro danze sfrenate.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Corrado Camporeale, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: da un quadro del Caravaggio (Pubblicato il 14/11/2018 13:17:56 - visite: 37) »

:: Brina (Pubblicato il 18/09/2018 13:38:28 - visite: 86) »

:: Caraibica (Pubblicato il 04/09/2018 14:31:35 - visite: 74) »

:: Canicola (vecchi versi) (Pubblicato il 21/08/2018 13:46:27 - visite: 64) »

:: Enigma (Pubblicato il 02/08/2018 13:35:50 - visite: 75) »

:: Le fronde di quercia (Pubblicato il 26/07/2018 13:22:00 - visite: 95) »

:: La ragazza dal viso tondo (Pubblicato il 19/07/2018 13:25:01 - visite: 96) »

:: Sguardi (Pubblicato il 11/07/2018 13:46:49 - visite: 81) »

:: Flaneur (Pubblicato il 29/06/2018 13:55:53 - visite: 164) »

:: Come lo scricciolo (Pubblicato il 20/06/2018 13:48:21 - visite: 87) »