Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 64 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 18 15:43:55 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Se poi palesemente accende

di L’Arbaléte
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 04/12/2018 21:46:34

 

SE POI PALESEMENTE  ACCENDE

 

 

Profondità! Promette spazi,

lontananza limpida, spera

in flottiglie di tenerezze

a risplendere, qui disposte

in un assolato sostegno

di segretezza a meraviglia. 

 

Luce, tangibile orizzonte, 

quant'aria dietro e quanto intorno

al tuo corpo, di paesaggi

che sommano paesi a campi

nella solare diffusione

della dissolvenza d'un corpo. 

 

Un indizio di timidezza

dora la pelle come un frutto

che nelle nostre mani s'animi

come un tiepido piumaggio, 

una sorpresa, l'augurale

nuca dell'alba che ci lascia. 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di piů vai alla pagina personale dell'autore »]

L’Arbaléte, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Felicitŕ in rovina (Pubblicato il 12/12/2018 19:59:20 - visite: 21) »

:: Che strana cosa... A Marie Brizard (Pubblicato il 07/12/2018 22:19:27 - visite: 47) »