Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 111 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 18 08:36:03 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Quello che avanza capire

di Ferdinando Giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/01/2019 13:55:31

 

 

Per quanto possibile ho provato a scalare

le donne, vette apparentemente scagliate

da quanto ci è costato (così pensavo).

Allo stesso modo mi pare che se una chiglia

non rispetta un abbraccio di mare, quel mare

la trasforma in fondale.

Ma io, io piantato in qualsiasi parte del loro circondario

avevo di fronte cime più alte del mio pensiero più alto;

una verticalità insuperabile.

E’ stato uguale immergermi nel mare di casa,

questo golfo spaventato da taluni uragani.

E abissi il cui mistero inaccessibile va oltre

la profondità di qualsiasi altra vista: figurati

quale miopia mi assoggettava.

Non nego di aver barcollato per le vertigini

che mi davano

e mi calavo trattenendo il fiato:

era di gran lunga inferiore alla rarità

della loro aria. Pure, i polmoni se la disputavano.

E solo oggi capisco che come montagne,

e simili al mare di casa,

capire dove iniziano è uguale a calpestarle.

E’ tardivo, lo so, ma siate ciò che vi va

perdonandomi per esservi stato.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Ferdinando Giordano, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: L’albero polisemico (Pubblicato il 16/01/2018 11:23:51 - visite: 255) »