Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 160 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 17 12:24:06 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La solitudine oggi

di Federico Zucchi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/02/2019 15:52:11

La solitudine oggi
(Dieci milioni di italiani dichiarano di non aver nessuno su cui contare – Fonte Istat)

Dentro questo tempo elettrico
cresce una solitudine senza aureola
senza accolte tradizioni,
cresce un entroterra
separato dal fondale
che non sa più scortare
le conchiglie sbriciolate
verso un delta che si apre.

L'ufficio utenti non chiude mai
e possiamo tempestare di chiamate
i centralini notturni o chiedere
all'assistente vocale se l'amore
in fondo esiste, ma nessuno
ci verrà incontro sulla strada
verso casa con un'anfora
riempita a una fonte
sotterranea.

Solo una voce che ci chiama
una presa che ci stringe
una luce cattedrale
possono frapporsi
alla sventura
e renderci più vasti
del dolore che ci lascia
pelle d'oca disarmata.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Zucchi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Immensamente quasi felice (Pubblicato il 19/05/2019 15:50:47 - visite: 40) »

:: La siepe del respiro (Pubblicato il 17/05/2019 14:21:18 - visite: 47) »

:: Per non perdersi nel traffico (Pubblicato il 12/05/2019 08:56:35 - visite: 49) »

:: Che ti aspetti qualcuno (Pubblicato il 26/04/2019 22:21:22 - visite: 81) »

:: Tempo per perdere tempo (Pubblicato il 23/04/2019 16:08:32 - visite: 54) »

:: Notturno a Fossalon (Pubblicato il 22/03/2019 13:59:17 - visite: 138) »

:: L’arte di canticchiare (Pubblicato il 16/03/2019 16:33:48 - visite: 95) »

:: Cosa tiene in piedi il mondo (Pubblicato il 10/02/2019 15:10:21 - visite: 127) »

:: Questo è il punto (Pubblicato il 03/02/2019 20:17:12 - visite: 131) »

:: La danza degli opposti (Pubblicato il 13/01/2019 10:24:12 - visite: 130) »