Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 237 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 10:41:15 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sordo inverno

di Franca Colozzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/02/2019 20:49:11

 

SORDO INVERNO

 

 L'immagine può contenere: nuvola, cielo, neve, spazio all'aperto e natura

                               
 
E' passato sordo l'inverno,
al fievole calore del sole,
al pianto disperato su un barcone.
 
Ho attraversato la moria
che m'ha consunta dentro,
freddo, ghiaccio e neve,
tra contorte membra,
covano frutti a breve.
 
Triste, oltre il confine
dei sogni m'ha guardato,
duro e tagliente com'ascia,
ansie non ha sedato
in lunata di sorgente.
 
Accende vampa ardente,
nuova vita in mano,
or ch'a primavera s'arrende.
 
                *
 

DULL  WINTER

 

Winter is deaf 
to the faint heat of the sun,
to the refugees' crying.

 

I went through mortality
that has consumed me inside,
cold, ice and snow,
among contorted limbs,
will produce fruits soon.

 

Sad, over the border
of my dreams, it looked at me,
hard and sharp as it is,
it didn't sedate my anxieties 
in the breast of my source.

 

It ignites a burning flame,
new life in hand,
when springtime arrives.

 

Franca Colozzo

 

 L'immagine può contenere: cielo, albero, pianta, natura e spazio all'aperto


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franca Colozzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mute Poetry on Jerusalem - Poesia muta su Gerusalemme (Pubblicato il 30/05/2019 20:03:51 - visite: 324) »

:: Il Manifesto di Ventotene (Pubblicato il 24/05/2019 20:14:56 - visite: 232) »

:: In ricordo di mia madre - In memory of my mother (Pubblicato il 11/05/2019 23:38:28 - visite: 253) »

:: I volti della Violenza - The faces of Violence (Pubblicato il 02/05/2019 23:57:53 - visite: 436) »

:: Notre-Dame degli innocenti (Pubblicato il 22/04/2019 22:13:33 - visite: 386) »

:: Perdersi per ritrovarsi (Pubblicato il 07/04/2019 22:50:09 - visite: 357) »

:: Bagliori di vita (Pubblicato il 30/03/2019 22:33:38 - visite: 294) »

:: Onde primaverili#poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2019 20:31:54 - visite: 313) »

:: Gratitudine (Pubblicato il 15/03/2019 22:30:02 - visite: 138) »

:: Proserpina (Pubblicato il 14/03/2019 23:04:48 - visite: 249) »