Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 79 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 25 15:53:24 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Orogenesi

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/03/2019 02:21:22

 

Mi tratteranno come io stesso ho trattato Ligabue o Elvis

(con le dovute proporzioni)

o il lapis che si smagenta sull'altare del mio tavolo

dove ogni volta m'immolo nel volo dei cardini

che ti concedo di far cigolare nell'atto di sfogliarmi,

con la sufficienza tattica di chi crede di aver capito tutto

mentre stava solo mettendo al mondo un po' d'amore

convinta che ne avrebbe ricevuto in cambio un altro poco.

Ma se così non è, non è colpa dell'amore

ma tu questo non lo sai ed io non lo dirò.

Perchè che l'amore conti non vuol dire

che si possa sempre contare sull'amore

come alle gallerie ho sempre preferito i ponti

ai porti di mare certe candide montagne

che al contrario sanno ancora mantenere i segreti

stretti tra le loro fauci di crisalide:

ci vorranno ancora migliaia di anni

perchè diventino farfalle e ci insegnino a volare.

Intanto noi alleniamoci a spiccare salti

e con le poesie a far saltare in aria le parole

per le vette e lasciamo pure che restino in sospeso

perhè è negli attimi di sospensione che dio ci guarda senza fretta.

(E si orienta: alla fine verremo giudicati per l'amore

come in Ladri di biciclette con un lieto fine o dalle spinte alle altalene).

Al netto delle messi e loro eco di sirene.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Di te (Pubblicato il 25/05/2019 02:37:29 - visite: 20) »

:: Una giornata di mare (Pubblicato il 18/05/2019 18:05:33 - visite: 36) »

:: Confidenze (Pubblicato il 14/05/2019 01:17:27 - visite: 32) »

:: Cieli d’ordinanza (Pubblicato il 12/05/2019 22:17:06 - visite: 33) »

:: Prototipo Permanente Naif (Pubblicato il 12/05/2019 03:25:23 - visite: 25) »

:: In pegno (Pubblicato il 10/05/2019 00:51:42 - visite: 28) »

:: La triangolazione del quadrato (Pubblicato il 07/05/2019 00:31:54 - visite: 46) »

:: Sotto la gonna (Pubblicato il 06/05/2019 00:30:51 - visite: 51) »

:: Tarantelle (Pubblicato il 05/05/2019 02:24:35 - visite: 29) »

:: Macchinazione (Pubblicato il 02/05/2019 01:53:30 - visite: 34) »