Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 156 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 18 21:56:48 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Idealismo

di Luca Gamberini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/03/2019 19:04:42

Le stagioni tingono il cielo

quanto la memoria tinge la mente, detto questo;

quel cielo non siamo noi, forse, come lui, immobili

a disastro compiuto. Incerti, come un avvenire,

sopportiamo il peso di un amore

senza averlo mai conosciuto. La sera

porta in dono ad ognuno un senso di già finito

come un ridere del prossimo senza averci provato

e nemmeno più mi chiedo dove alberghi

la forza di un tentativo. Si spiano lacrime

si adottano discorsi da non ascoltare

per meglio predisporsi all'iniqua giustizia.

Di te serbo il buon proposito

di avermi voluto difendere dai nemici

-inconsciamente- da te

prima di vederti rincasare nell'esemplare nulla

devota alla debolezza della tenacia

fedele alla pesantezza della letizia.

Spiccava -in te- quel senso di incompiuto

che viene dopo il tutto. Dormire era l'ignoto

per poi scoprire -ad ogni risveglio-

che non era come ci dicevano da bambini

che non era come mi dicevi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Luca Gamberini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Succedi negli occhi (Pubblicato il 24/04/2019 11:53:00 - visite: 107) »

:: Vieni a vedere come muore un fiore (Pubblicato il 22/03/2019 16:38:42 - visite: 170) »

:: Tredici febbraio (Pubblicato il 10/02/2019 22:47:16 - visite: 156) »

:: Di tutte le cose perdute (Pubblicato il 03/10/2018 21:07:43 - visite: 271) »

:: Vestigia (Pubblicato il 15/03/2018 20:01:58 - visite: 473) »

:: Precipitazione chimica (Pubblicato il 16/02/2018 19:32:46 - visite: 479) »

:: Via Emilia (Pubblicato il 21/08/2017 17:50:41 - visite: 528) »

:: Bambino (Pubblicato il 16/03/2017 18:29:53 - visite: 540) »

:: Solo (Pubblicato il 02/01/2017 17:56:58 - visite: 587) »

:: Spirito libero (Pubblicato il 09/12/2014 11:53:02 - visite: 471) »