Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 103 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 16 12:01:38 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ritorno al paese

di Lorenzo Tosco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/03/2019 09:44:41

Sono tornato a rivedere i luoghi
ove fanciullo mossi i primi passi
e trascorsi la prima giovinezza
in mezzo alle colline mugellane.

Ho passeggiato nella vecchia via
del paese e ho cercato la mia casa
con il suo orto ove facevo sogni
racchiuso in quel minuscolo universo.

Appena appena l’ho riconosciuta
ma cambiata, non era più la mia
magione amata e piena d’un sognare
che sempre ho ricordato nella vita.

Allora si poteva camminare
anche in mezzo alla strada, mentre ora
passano le automobili in gran fretta
e il marciapiede poco rassicura.

Le colline all’intorno son le stesse
ma non hanno il sapore di quel tempo
quando nell’orto mi sedevo all’ombra
d’estate del diospero frondoso

e immaginavo un mondo d’avventura
leggendo di pirati e di abbordaggi
nei libri di quel Salgari famoso
per le sue fantasie piene d’incanto.

Ho lasciato il paese in delusione
sperandovi trovare il sogno antico,
fredda la casa, piccolo quell’orto
che ho scrutato fra i ferri d’un cancello.

La macchina saliva Pratolino
e un’amarezza tanta nel mio cuore
m’aveva provocato la visione
d’un paese che in mente ancor tenevo

con gli incanti fatati di quel tempo
quando coi familiari convivevo
senza rendermi conto che la vita
ha un termine, son tutti al cimitero.

Scollinata che ebbi poi la vetta
m’apparvero le luci di Firenze
e ritornai nella realtà attuale.
L’antico sogno era di già scomparso.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorenzo Tosco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il volo delle ghiandaie (Pubblicato il 15/05/2019 08:21:40 - visite: 23) »

:: Armonie della natura (Pubblicato il 14/05/2019 08:36:51 - visite: 21) »

:: Balze (Pubblicato il 12/05/2019 10:15:25 - visite: 23) »

:: Battito del cuore (Pubblicato il 10/05/2019 08:14:10 - visite: 63) »

:: Andiamo (Pubblicato il 09/05/2019 10:10:41 - visite: 23) »

:: Necrologio della poesia ( almeno una parte) (Pubblicato il 09/05/2019 08:03:25 - visite: 24) »

:: Abbasso la metrica e la rima! (Pubblicato il 08/05/2019 08:44:04 - visite: 42) »

:: Corna cimiteriali (Pubblicato il 07/05/2019 08:17:02 - visite: 39) »

:: Sempre le stesse facce (Pubblicato il 05/05/2019 09:01:33 - visite: 40) »

:: Il vento della sera (Pubblicato il 03/05/2019 08:25:03 - visite: 47) »