Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 74 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 01:37:26 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

I tuoi passi in quelle sere d’oro

di Graced
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/05/2019 18:54:28

 

Ripenso ai tuoi passi in quelle sere d’oro

quando mi aspettavi paziente lungo il vialetto

con lo sguardo sorridente e colmo di domande

e, quegli abbracci delle tue amorevoli mani

li sento ancora, madre…

 

ti rivedo nella grazia dei movimenti

girare nell’aura delle stanze affaccendata

e le voci rivivono gioiose come allora.

 

Di pace e di dolcezza era abitato il tuo cuore

che trasmettevi al mio attraverso le tue carezze

percepite ancora sulla pelle.

 

Fosti mio rifugio

ed equilibrio nel desiderio di giustizia

che m’inculcasti e nel quale trovo spazio

per sperare e mai disperare

rifugiandomi in quella musica descritta

nel tuo spartito che mi riporta te

 quando il mio sole si spegne

lasciandomi desolata e triste.

 

Quando la tua mancanza

diviene sofferenza, io irrequieta vago

per sentirti ancora in me

e  per sentirmi ancora parte di te

accarezzata seppure dalla tua ombra.

 

Grazia Denaro


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Graced, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ho le iridi infiorate (Pubblicato il 10/06/2019 17:52:30 - visite: 48) »

:: Dismessa guerra (Pubblicato il 07/06/2019 11:45:55 - visite: 48) »

:: Come fiore nel vento (Pubblicato il 03/06/2019 17:48:02 - visite: 58) »

:: Nel buio dei crepuscoli (Pubblicato il 31/05/2019 16:31:32 - visite: 50) »

:: I giardini di marzo (Pubblicato il 28/05/2019 19:43:53 - visite: 83) »

:: Nella stupenda primavera (Pubblicato il 24/05/2019 08:16:13 - visite: 68) »

:: La silente magia della sera (Pubblicato il 20/05/2019 16:06:47 - visite: 63) »

:: Una sola melodia (Pubblicato il 15/05/2019 16:45:16 - visite: 75) »

:: Il raro fasto della natura (Pubblicato il 03/05/2019 17:45:45 - visite: 82) »

:: Variare i tempi del presente (Pubblicato il 29/04/2019 09:32:21 - visite: 87) »