Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 108 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jan 17 20:44:13 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Confidenze

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/05/2019 01:17:27

 

 

La pigrizia s'innesta in un substrato di alterazione balistica dell'animo.

Non si capisce da quale parte mirare.

La ripetizione qualunquistica a praticare perlustrazioni superficiali

dello spazio prossimo, rende il mio raggio d'azione

di una falsa azione e il cerchio non quadra lungo la strada,

piuttosto aspetto un'evoluzione reazionaria

della mia condizione di schiavo in libertà

oppure una circostante tabula rasa cosmica

che ci renda tutti lupi mannari.

 

A quanti di luce vi guardo, a quanti di luce.

Posso sognarvi miei feudi, nell'eterno cadere delle stelle.

Mentre resurrezioni programmate deducono quintessenze

dalle parole di poeti contraffatti, industriali.

Miscredenti a buon rendere.

 

La grandezza dei miei atomi per il buco dell'Ozono

per la fessura che genera malcapitati, incompetenti,

tra le cosce soavi.

Per il mio regno un Apuleio d'oro, un amuleto apotropaico.

Amleto dal sangue versato inutilmente.

Caro Mercuzio ti trova un tesoro di rara bravura,

non tanto la spada quanto la sorte.

Convinco due monaci che fare a botte

può essere un'ottima soluzione, bestemmiando un po'

tra Romeo e Giulietta, pur di mettere becco.

 

L'anima si atomizza d'intere boccate

di sangue e di ossigeno, di polmoni confusi.

Le mie labbra serrate ti dicono ancora.

Ma il primo bacio che mi darai mi volle morto per ossimoro.

Ma se davvero tu vuoi vivere la vita

fai bene come fai.

Perchè io non voglio essere azzurro e lucente

proiettato al futuro, se segui la mia mente

sono vincolato ad un unico presente

in cui sono preda dei venti, destinato alla deriva.

Ma chi sa se così ci ritroveremo più vicini

di quanto sia altrimenti possibile.

 

L'apparato fotonico delle mie parole in fiamme

scalda e luce a perdita d'occhio

dice il rap intervistato. 

Ma io lo condanno a fare pace, come gendarme,

col suo stato di reclusione.

Che la poesia invece esploda.

E si sprechino i feriti a morte

perchè lo scopo è risorgere sempre più forti.

Mentre gioco a fare il cecchino scaricando vocabolari

da competizione.

 

La lettura ha bisogno di pause.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 13) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 26) »

:: Fuori schema (Pubblicato il 09/01/2020 03:07:41 - visite: 41) »

:: Cara la pelle (Pubblicato il 04/01/2020 03:10:47 - visite: 46) »

:: Dalla materia sbagliata (Pubblicato il 03/01/2020 02:16:06 - visite: 43) »

:: L’oblio ne ha facoltà (Pubblicato il 02/01/2020 03:01:05 - visite: 44) »

:: Oltre la soglia (Pubblicato il 23/12/2019 02:12:30 - visite: 55) »

:: Ho fattezze (Pubblicato il 19/12/2019 01:51:10 - visite: 75) »

:: Tra le pieghe del tempo (Pubblicato il 16/12/2019 01:26:59 - visite: 78) »

:: Attraversando il bardo (Pubblicato il 15/12/2019 02:00:31 - visite: 72) »