Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 93 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 15 13:59:31 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dell’uomo che non ho potuto

di Robert Wasp Pirsig
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/09/2019 13:41:17

La fisicità è urtata dall’ombra. Spinta 

dall'ingorgo dei fotoni. A sua volta. 

Disegna quel che la mantiene. Con ragione.

Per mettersi in luce serve un congegno brillante.

Questo testo è a grandezza naturale

ma talmente oscuro che puoi vedere figure

solo a corto raggio. Sagome impagliate

dello stesso imbalsamatore. 

 

Ma tu vedi solo la forma, non distingui 

simili pagliuzze. Piccola - è piccolissima, 

quasi null’altro è più sottile. Sono mattoncini 

per costruire a faccia vista. Vengono alla luce 

e dicono niente. Sei tu che li ordini a tuo modo 

e va bene così.

 

Devi prendere luce luce luce. Altrove.

Lo devi alla luce. Alla luce di questa cronaca

al buio che ci tocca. Conserva ogni lumetto.

Offrilo per averne ancora. Entra nella luminosa

congestione di segni e libera il pensiero

prima di doverlo. 

 

Diventa eterno per essere longevo: non puoi 

se non si muove un esercito dietro te. Guarda

ogni cesare dalle truppe ferme. Guarda

l’accampamento che si radica in una polla

di terra. Sentinella! Guarda la cava ordinata 

da chi avrebbe dovuto mettersi in prosa. 

 

Ah la tensione umana per l’immortalità! Nella pietra, 

il tempo si getta nei minerali, sedimenta così 

il sapore di un gesto quotidiano: sa di quelli. 

Finché l'apparato tiene si dice adombra, poi 

il ritrovamento tocca l'ipotesi e suturiamo 

la conoscenza con un termine, come viene. 

In parole, opere e/o missioni.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Robert Wasp Pirsig, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Robert Wasp Pirsig, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Non mi toccano altre terre (Pubblicato il 30/11/2019 12:29:00 - visite: 62) »

:: Prima di saperlo (Pubblicato il 25/11/2019 15:04:20 - visite: 52) »

:: Per parlarti ad ora (Pubblicato il 24/11/2019 10:16:18 - visite: 59) »

:: Come mostro in tempo (Pubblicato il 21/11/2019 21:07:06 - visite: 61) »

:: Da che parte il mai avuto (Pubblicato il 19/11/2019 11:37:24 - visite: 45) »

:: Il vecchio senti mento ancora (Pubblicato il 17/11/2019 17:41:48 - visite: 88) »

:: L’affondo (Pubblicato il 14/11/2019 09:11:03 - visite: 50) »

:: In nome e per conto di LUCA (Pubblicato il 28/10/2019 12:38:57 - visite: 94) »

:: In seguito al lontano (Pubblicato il 24/10/2019 09:23:41 - visite: 97) »

:: Paradigmi di autovalutazione (Pubblicato il 21/10/2019 10:43:42 - visite: 94) »