Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Aforismi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 66 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 27 01:12:45 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La albicocca

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli aforismi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/03/2019 21:37:10

La albicocca

 

Superata da poco Bologna, cullato dal rollio del treno, chiusi gli occhi e mi addormentai. Sognai la storia di un matrimonio, che in principio suonò alle mie orecchie pronunciata in parole. Poi però – si trattava di un incipiente dissidio coniugale – la situazione divenne visibile, ma assumendo ai miei occhi, nel sogno, la sembianza di un frutto colorato che lentamente cominciò a ruotare facendo perno sul suo peduncolo. Il suo colore sfumava dal giallo maturo a un violetto macchiettato di puntini scuri. Dalla tonalità della colorazione, come pure dal numero dei puntini e dalla loro posizione, diveniva visibile agli occhi il corso ulteriore della faccenda, senza che una sola parola fosse necessaria. Con la massima chiarezza mi si svelava non soltanto lo sviluppo della vicenda in tutti i suoi dettagli, ma anche il suo significato segreto, così come da un foglio pentagrammato si può leggere la melodia.

Si noti poi che il quadro complessivo, benché propriamente triste, mi rallegrava, e la causa certa era il fatto che tutto ciò rappresentava una relazione umana vista nel suo aspetto necessario, o meglio – un pittore potrebbe intendermi – nel suo aspetto pittorico. Avevo l'impressione che la vicenda esigesse, nel suo snodarsi, un tempo appena di poco più lungo di quello richiesto dal sollevarsi e abbassarsi delle palpebre.

 

© Paolo Melandri (19. 3. 2019)


# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Aforismi, ha pubblicato anche:

:: La forbice 10 (Pubblicato il 07/05/2019 20:08:54 - visite: 22) »

:: Il venditore ambulante 2 (Pubblicato il 31/03/2019 11:50:03 - visite: 51) »

:: Pomeriggio (Pubblicato il 29/03/2019 20:10:45 - visite: 45) »

:: Un anno (Pubblicato il 27/03/2019 20:33:17 - visite: 44) »

:: Flutto ebbro (Pubblicato il 26/03/2019 21:30:44 - visite: 50) »

:: La persuasione (Pubblicato il 25/03/2019 21:12:50 - visite: 49) »

:: Il nodo di Gordio 4 (Pubblicato il 21/03/2019 01:33:04 - visite: 59) »

:: La forbice 8 (Pubblicato il 10/03/2019 14:49:49 - visite: 53) »

:: La forbice 7 (Pubblicato il 08/03/2019 21:57:03 - visite: 58) »

:: Micelio (Pubblicato il 28/02/2019 21:14:36 - visite: 65) »