Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1848 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 12 14:45:43 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

’CHAT NOIR ELEC 3 CITIES’ Nuovo Album

Argomento: Musica

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/04/2014 16:14:19

CHAT NOIR : ELEC|3|CITIES - 2014. Nuovo album digitale in 3D per RareNoise Records, ‘un suono completamente unico che può stabilire una direzione nuova e audace’ di questo trio formato da Michele Cavallari (pianoforte, tastiere, fx), Luca Fogagnolo (double-bass ed electric bass, fx), Giuliano Ferrari (percussioni, tamburi, fx).

 

ELECT|3|CITIES (RareNoise Records, 2014)

1. Avant Buddha

2. Chelsea High Line

3. Ninth

4. Pearls

5. Our hearts have been bombed

6. Peaceful

7. Radio Show

8. Aspekt

 

Approntare un nuovo album di ricerca spesso richiede un impegno non indifferente, soprattutto se misurato su quanto prodotto precedentemente, cosa da evitare sempre perché l’autore/i cresce attraverso la ricerca con la sua musica, tralascia, sorvola, si trasforma, per diventare ‘altro’ e approdare 'altrove', in luoghi spesso sconosciuti, mondi estremi dai quali è poi difficile fare ritorno, allo stesso modo che la conoscenza apre verso l’ ‘altro’, si evolve, trascende, turba e/o emoziona, si fa scoperta, invenzione. Lo stesso può dirsi della musica in quanto riflesso di attuazioni abitative cerebro-culturali necessarie a promuovere campi spaziali-educativi specifici e/o inusitati, talvolta completamente dissociati dalla memoria cui avevamo abituato l’udito, onde captare sonorità che navigano ad altissime quote, ‘oltre il silenzio’ e che attraversano allocuzioni bioclimatiche, cibernetiche. Molecole di note frante che si spostano nell’iperspazio, fino a giungere a noi entro i solchi di una realtà supertecnologica che dobbiamo abituarci a condividere e con la quale convivere, preparando il terreno culturale per un nuovo e più eclatante confronto.

Non è un caso che i Chat Noir si presentano dopo alcuni anni di assenza sulla scena discografica con un album innovativo per darci conferma della lezione ‘dinamica’ sperimentata in ‘Weather Forecasting Stone’ (2011), e qui ridisegnata seguendo soluzioni da impiantistica per ‘future architetture sonore’ atte a risolvere nello specifico il contrastato rapporto spazio-forma liberando definitivamente la musica dalle sovrastrutture del tempo, per restituirla integra alla luce che la ravviva, all’aria che la conduce, all’armonia stessa della natura dove ogni volta s’immerge e rinasce trasformata da nuove sonorità. Come nuova è la dimensione ‘elettronica’ raggiunta dal gruppo che lascia intra-ascoltare assonanze armoniche e/o disarmoniche solo apparentemente diverse per natura sonora, per cui ‘Boston’, ‘Berlino’, ‘Roma’, rappresentano qui tre punti focali (3D) di possibili temi: la ‘città creativa’ la ‘città educativa’ e la ‘città aperta’. Tre soluzioni che non riducono la possibilità di sovrapposizione e di concezione sonoro-urbanistica in atto, bensì si fanno comunicazione, accentramento della tecnologia di massa, confusione metropolitana che, semmai, suggeriscono il superamento della dimensione passato e/o presente per una ‘fuga dalla città’ che va incontro al futuro.

Una spinta ulteriore verso il recupero del tempo attuale quindi, onde ottimizzare e riorganizzare volumi e frammenti di un discorso musicale frantumato e fin troppo dispersivo cui l’attuale Jazz, almeno quello di matrice Europea, ci ha abituati e sebbene recentemente abbia abdicato alla contaminazione per sfociare in un ibrido non sempre motivato. L’odierno approdo dei Chat Noir giunge al risultato di una nuova e più aderente ‘personificazione’ che li distingue da tutte le altre formazioni, nel delineare un ‘classicismo minimalista’ (Schulze, Henze, Górecky, Takemitsu, Pärt ed altri), ‘cinematografico’ (Nyman, Glass, Vangelis) e ‘impressionista’ (John Cage, Brian Eno, Keith Jarrett, Stomu Yamashta’s) nell’accezione di ‘impronta’ (luci ed ombre) che la trasparenza dell’aria (l’effimero) concede alla musica. I limiti di questo discorso sul ‘minimalismo’ in musica, risultano più evidenti se si tiene conto che a tali e delineati approdi non è seguito un ‘creativo’ avanzamento musicale nell’insegnamento che vada oltre Berio e Stockhausen o Ligeti, e per l'Italia oltre Bruno Canino e Antonio Ballista.

Ciononostante, la ‘ricerca’ approntata dai Chat Noir non impedisce la possibilità di sperimentare azioni individuali e di gruppo all’interno dell’album, a cui si deve, in ultima analisi, il raggiungimento di un equilibrio che vede affiancate assonanze e sonorità di un discorso ‘liquido’ (Zigmunt Bauman) vicino all’essenzialità spaziale, la valorizzazione conforme all’habitat urbanistico, l’utilizzazione delle risorse liminali. Lo dimostrano alcuni brani in particolare ‘Radio Show’ e ‘Peaceful’, comprensibili di non rari verticalismi ascensionali che s’incastrano come soluzioni epicentriche nello spazio sonoro, liberate dall’oggettività della materia pentagrammatica che si delinea nell’odierno Jazz, per cui il ‘tempo’ è la cifra matematica di un ‘quantismo’ astratto che va assumendo una diversa identità, e i cui confini si spostano verosimilmente tra separazione e transizione di ‘nuova’ creatività, e tuttavia riconducibili a precedenti ricerche consolidate e riconoscibili in quanto ‘impronta’ originale dei Chat Noir: comprensibili nel formulare ulteriori e accessibili spazi sonori.

Sarebbe difficile discernere se Michele Cavallari (piano) e portavoce del gruppo è uno scienziato o un musicista, mentre è forse più semplice ravvisare quanto in entrambi i campi di specializzazione i due diversi mondi della ‘comunicazione’ e della ‘contaminazione’ interagiscano sulla sua creatività musicale. Da un lato il suo post-dottorato di ricerca presso il Centro Neurologico di Boston dove concentra la sua ricerca circa RMN (risonanza magnetica nucleare), applicata per scopi scientifici; dall’altro, l’apporto scientifico nella sperimentazione compositiva applicata alla musica, passando attraverso i confini naturali dello strumento.

Neppure Luca Fogagnolo (basso), rinnega le sue origini di giornalista per “Il Venerdì” di Repubblica, prima di essere un musicista jazz ispirato da artisti diversi dell’Europa del Nord le cui esperienze lo hanno portato a circoscrivere una distesa di suoni propriamente a lui consoni in modo indipendente e originale, dai toni ‘espressivi’, che arricchiscono la sua tavolozza musicale. Al pari di esplorazioni inusitate con altri strumenti come chitarra, theremin e trombone, in grado di riscattare il suo double-bass, sul piano della identità e determinatezza di suono, ampliando progressivamente il suo vocabolario con l'inclusione di tessiture elettroniche.

Giuliano Ferrari è un percussionista ossessionato dal suono che abbina a concetti matematici come tecniche di base alla musicalità del jazz e che applica a suoni contemporanei tramite la sperimentazione elettronica. Tutto o quasi lo interessa, dalla conoscenza di strumenti diversi, come ai tipi di legno che utilizza per suonare sul tamburo di sua creazione. La sua è piuttosto una certa abilità comunicativa che impiega in quanto forma straordinaria di un linguaggio non solo di accompagnamento ritmico, bensì di costante ‘dialogo’ con gli altri strumenti.

 

Albums:

‘Elec3cities’- RareNoise Records 2014 ‘Weather Forecasting Stone’ – Universal Music 2011

‘Difficult To See You’ - Universal Music 2008 ‘Decoupage’ - Universal Music 2007

‘Adoration’ - Splasc(h) Records 2006

 

Filmografia:

‘La Bestia nel Cuore’ (Don’t Tell)- Academy Award nomination for Best Foreign Language Film 2005

‘In Fabbrica’ - Torino Film Festival winner 2007

 

Soundtracks:

‘Bianco e Nero’ - 2008 Chat Noir Performing Pink Floyd’s “The Wall”- 2010

 

Live Performance Highlights:

Auditorium Parco della Musica (Roma, 2009 - 2011) Casa del Jazz (Roma, 2008 - 2010)

Radio Rai 1 "Tribute to Fabrizio De Andre" (Roma, 2009) Blue Note (Milano, 2007 - 2008)

European Jazz Expo (Cagliari, 2007) Villa Celimontana Jazz Festival (Roma, 2009)

Lives Jazz Fest (Bolzano, 2008) La Palma Club (Roma, 2007)

 

Contatti: info@chatnoir.it

 

Booking: Gee Goll booking@rarenoiserecords.com


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Musica ] A Ferrara con la Tower Jazz Composers Orchestra (Pubblicato il 12/11/2019 06:46:16 - visite: 31) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 4 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 30/10/2019 04:59:16 - visite: 33) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 3 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 23/10/2019 12:09:11 - visite: 39) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 2 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 18/10/2019 06:24:55 - visite: 55) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 1 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 18/10/2019 05:43:56 - visite: 80) »

:: [ Società ] Bla,bla,bla parole, parolacce, per non dire delle pentecane. (Pubblicato il 04/10/2019 08:40:48 - visite: 51) »

:: [ Poesia ] SanPellegrino Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini (Pubblicato il 02/10/2019 18:28:47 - visite: 58) »

:: [ Cinema ] CinEuropa News - (Pubblicato il 23/09/2019 17:50:08 - visite: 57) »

:: [ Arte ] Settimana della moda a Brera - Milano (Pubblicato il 18/09/2019 06:35:02 - visite: 88) »

:: [ Musica ] Novara - European Jazz Conference (Pubblicato il 12/09/2019 17:15:46 - visite: 65) »