Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1633 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 24 19:19:02 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Emilio Capaccio

Argomento: Intervista

Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/05/2015 12:00:00

Continuiamo con la pubblicazione delle interviste ai primi tre autori classificati di entrambe le Sezioni (Poesia e Narrativa) del Premio letterario “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie”, I edizione 2015, allo scopo di farli conoscere, come persone e come autori, un poco oltre i loro testi che è possibile leggere qui: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=180

 

L’autore qui intervistato è Emilio Capaccio, secondo classificato nella Sezione A (Poesia) con le poesie raggruppate nel titolo: Se tutti ti chiamassero Mario

 

Le interviste sono a cura della Redazione de LaRecherche.it e seguiranno cadenza settimanale secondo il seguente calendario di pubblicazione: Gianfranco Martana (pubblicato il 26/04/2015: leggi), Nicola Romano (03/05/2015: leggi), Mikol Fazio (10/05/2015: leggi), Emilio Capaccio (17/05/2015), Giulia Tubili (24/05/2015: leggi), Silvia Morotti (31/05/2015: leggi)

 

*

 

Chi sei? Come ti presenteresti a chi non ti conosce?

 

Spendo molto del mio tempo nella lettura, la scrittura, le traduzioni; ho pochi altri interessi.

Mi piace condurre una vita tranquilla, lontano dai frastuoni, dai crocevia, dalla calca; una vita che mi lasci il tempo di meditare sulle cose che fluttuano intorno a me, sui cambiamenti, sui propri stati d’animo.

Non ho mai aspirato a una vita frenetica; non seguo le mode o la politica, non guardo i programmi televisivi e ho la sensazione di essere al passo con i tempi e più informato degli altri.

Credo che ognuno dovrebbe avere il dovere di meditare sulla propria condizione, sul significato della coesistenza, con altri uomini, con l’ambiente, con gli animali; volersi bene, sondare la propria coscienza e curare i propri affetti.

 

 

Quali sono gli autori e i testi sui quali ti sei formato e ti formi, e che hanno influenzato e influenzano la tua scrittura?

 

Non ho autori ai quali mi ispiro, o forse mi ispiro in modo inconsapevole. Le mie letture, i miei articoli e i miei approfondimenti, spaziano da un autore all’altro, da un tempo all’altro, da un paese all’altro. Ci sono migliaia di poeti sparsi per il mondo che ci hanno tramandato e continuano a tramandarci pagine splendide di altissima poesia, di cui noi non sospettiamo nemmeno l’esistenza.

In generale, dedico meno tempo agli autori noti e più a quelli inediti, attraverso un costante lavoro di ricerca e traduzione che spero possa servire anche ad altri che vogliano approfondire gli autori che propongo su siti e riviste con cui collaboro.

 

 

Quale utilità e quale ruolo ha lo scrittore nella società attuale?

 

Lo scrittore e il poeta devono avere una lucidità e una sensibilità straordinarie, devono offrire spunti di riflessione, indicare un sentiero, suscitare emozioni o più semplicemente accogliere e confortare con la loro parola nel senso comune del “sentire”.

Devono essere le sentinelle dei disagi, dei mutamenti e delle inquietudine della loro epoca e mostrarli alle persone, affinché possano essere consapevoli, responsabili e mature dentro il loro tempo.

 

 

Come hai iniziato a scrivere e perché? Ci tratteggi la tua storia di scrittore? Gli incontri importanti, le tue pubblicazioni.

 

Non so perché abbia intrapreso quest’attività silenziosa del cuore e della mente, so che è stata sempre una mia naturale inclinazione, sin dall’età di 15 anni. Considero, oggi, la scrittura una delle cose più naturali di me, da cui non riuscirei a separarmi. La mia biografia è disponibile sul sito de la Recherche.it, alla mia pagina personale.

 

 

Come avviene per te il processo creativo?

 

Credo che la chiave sia nell’amore che ho sempre serbato per il suono delle parole, disposte una dietro l’altra, secondo una logica misteriosa, da cui scandiscono i significati le loro magie e qualche volta si staccano le montagne e si rovesciano gli oceani.

Medito, traggo un verso e poi ne amplio il concetto, la portata, e costruisco i rimandi, le assonanze, le metafore.

 

 

Quali sono gli obiettivi che ti prefiggi con la tua scrittura?

 

Vinco la mia battaglia con l’incomunicabilità e l’incomprensione ogni qualvolta una poesia viene percepita dalla gente in ogni singola parola e spazio di parole, e esitazione tra una parola e l’altra.

La mia poesia deve essere semplice, diretta e capiente, come una stiva, di “sostanza” e di senso; non mi interessano le ricerche linguistiche eccentriche e fine a se stesse, gli stridii di parole oscure, scomposte, illogiche e incomprensibili.

La poesia deve tendere all’universalità dei sensi, perciò deve essere liquida nel suo significato e semplice nella forma, perché il poeta deve parlare con la “substantia” concreta e spessa del proprio essere e con la voce chiara e nuda dell’anima.

 

 

Che cos’ha di caratteristico la tua scrittura, rispetto a quella dei tuoi contemporanei?

 

Come già accennato nella precedente domanda la mia poesia si contraddistingue per la “semplicità” del suo dire, e per una costante volontà di non cadere mai nell’ovvietà e nella banalità di cose che si dicono tanto per dire.

Sono queste le mie uniche paure. Più si rasenta la “semplicità”, più il pericolo si fa concreto, forse è per questo che è tanto difficile la “semplicità” e pochi ne parlano, e quando ne parlano appaiono banali.

 

 

Si dice che ogni scrittore abbia le sue “ossessioni”, temi intorno ai quali scriverà per tutta la vita, quali sono le tue? Come si è evoluta la tua scrittura dalle tue prime pubblicazioni?

 

Temi ricorrenti delle mie poesie sono la “morte” e il “tempo”; sono punti fermi dei miei pensieri che a volte accantono (o nego forse a me stesso i loro eventi) e a volte recupero, tentando di tracciarne umanamente, per quel che posso, l’anatomia e il volto, di descriverne il colore, l’odore, di dar forma all’invisibile, all’inaspettato, al ticchettio, sul cammino che mi dovrà condurre prima o poi verso il senso di un’accettazione.

 

 

Quale rapporto hai con la poesia e quale con la narrativa? Hai scritto sia in versi sia in prosa (racconti o romanzi)? Se la risposta è no, pensi che, un giorno, ti accosterai all'altro genere letterario?

 

Mi occupo principalmente di poesia, che scrivo o che traduco; ho scritto saltuariamente qualche breve e fugace racconto. Non sono riuscito mai a dedicare più tempo alla prosa, però ammetto che pubblicare almeno una raccolta di racconti è uno di quei pensieri che mi piacerebbe assecondare.

 

 

Quanto della tua terra di origine vive nella tua scrittura?

 

Le lunghe pause dei rumori che ritrovo nella mia terra solo le stesse che si ritrovano a volte nelle mie poesie; la sospensione dei moti durante le lunghe giornate estive, l’invito alla meditazione e il desiderio di evadere lo sguardo contemplando l’esistenza del Mar Tirreno. Come si può prescindere dal luogo in cui sei nato? Come si fa ad alleggerirsi delle proprie radici, e chi vorrebbe farlo veramente?

Io quando voglio farmi ondeggiare dai pensieri, penso alla mia casa!

 

 

Qual è il rapporto tra immaginazione e realtà? Lo scrittore si trova a cavallo di due mondi?

 

È esattamente così: “il poeta si trova a cavallo di due mondi”. Per quanto mi riguarda, visito poco quello reale.

 

 

Quali difficoltà hai incontrato nel pubblicare i tuoi testi?

 

Oggigiorno, paradossalmente, non si incontra nessuna difficoltà nel pubblicare i propri testi, se si è disposti a pagare il “prestigio” della pubblicazione, soprattutto nelle 200 antologie l’anno, che promuove la maggior parte delle piccole case editrici, in cui sono presenti altrettanti autori che venderanno esattamente “200 copie”, (cioè la somma di quelle che comprerà ognuno di loro per sé). Anch’io, sono passato per questo meccanismo subdolo e distorto dell’editoria italiana, quando anni fa decisi di pubblicare i miei primi testi.

Nessuna di queste case editrici è interessata alla qualità dei testi, solo al numero degli autori, ovviamente.

 

 

Chi sono i tuoi lettori? Che rapporto hai con loro?

 

Non saprei dire chi sono in realtà i miei lettori. È sicuramente gente a cui ancora piace spendere un po’ del loro tempo leggendo una poesia e lasciando una loro impressione, un giudizio, un commento, su qualche sito qua e là.

È per questo che li ringrazio. Come potrei non essere riconoscente? Non è forse questo l’unico e il più nobile compenso che dovrebbe spettare a un poeta? L’affetto dei propri lettori!

 

 

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso”. Che cosa pensi di questa frase di Marcel Proust, tratta da “Il tempo ritrovato”?

 

Sono d’accordo considerando quello che scriveva Proust nelle sue opere: leggendo anteponiamo la nostra esperienza, il nostro “io”, la nostra capacità di comprensione e i nostri limiti a tutto quanto scrive l’autore, e l’autore finisce per rivelare in fondo quello che noi siamo, attraverso quello che noi comprendiamo.

Ma come potrebbe valere la stessa cosa leggendo un libro giallo tascabile che si compra nelle edicole delle stazioni?

 

 

Hai mai fatto interventi critici, hai scritto recensioni di opere di altri autori? Quali sono gli indicatori che utilizzi nel valutare, se così ci è permesso dire, un testo? Quali sono, a tuo avviso, le caratteristiche di una buona scrittura?

 

Non mi sono mai occupato di recensire un’opera altrui. Da lettore, riferendomi esclusivamente alla prosa, posso dire che l’opera deve avere una originalità intrinseca e non essere scontata; la scrittura deve risultare fluida e non deve richiedere un eccessivo sforzo di comprensione da parte del lettore, al contempo non deve essere scarna di contenuto o di forme o di lessico e deve dire, deve dire qualcosa di considerevole per cui valga la pena affermare che è importante la cultura.

 

 

In relazione alla tua scrittura, qual è la critica più bella che hai ricevuto?

 

Quella che mi devono ancora fare!

 

 

A cosa stai lavorando? A quando la tua prossima pubblicazione?

 

Sto curando un’antologia poetica che vorrei pubblicare nei prossimi mesi, dovrei inoltre pubblicare qualche raccolta poetica di due poeti inediti, di cui mi sono occupato della traduzione.

Curo una rubrica: “Il poeta del lunedì” sul sito www.irisdikolibris.net in cui ogni settimana propongo un poeta inedito o seppellito ingenerosamente nei meandri della memoria, da me tradotto dall’inglese, francese, spagnolo o portoghese, con relativa biografia.

 

 

Quali altre passioni coltivi, oltre la scrittura?

 

Mi piace viaggiare, anche se non mi riesce tanto spesso, ascoltare musica, rivedere qualche vecchio amico d’infanzia.

 

 

Sei tra i vincitori del Premio “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie”, perché hai partecipato? Che valore hanno per te i premi letterari? Che ruolo hanno nella comunità culturale italiana?

 

In genere non partecipo ai concorsi. Ho partecipato a questo premio perché ritengo che “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie” sia uno dei pochi premi spinto ancora da uno spirito autentico di promozione e condivisione della poesia, secondo l’antica formula della gratuità e della liberalità.

 

 

Hai qualcosa da dire agli autori che pubblicano i loro testi su LaRecherche.it? Che cosa pensi, più in generale, della libera scrittura in rete e dell’editoria elettronica?

 

Ognuno può scrivere quello che sente e confrontare le proprie idee con i lettori o altri autori, la poesia però è ben altra cosa, richiede studio, ricerca, lettura, sensibilità, genialità che molti non dimostrano di avere, e di certo non aiuta la poesia, l’editoria elettronica che pubblica tutto quanto venga proposto, ma esigendo contributi economici a carico degli autori, spropositati e ingiustificati, se si pensa che i costi per realizzare un e-book sono praticamente pari a zero.

Le case editrici, ovviamente hanno tutto l’interesse a promuovere la pubblicazione elettronica, facendola passare come la nuova frontiera dell’editoria, adducendo che il grado di diffusione dell’opera in formato e-book è potenzialmente infinito, rispetto alla circolazione cartacea del libro.

Questo sarebbe vero se l’e-book fosse gratuito, ma avendo anch’esso un prezzo di vendita, sia pure inferiore rispetto a quello del libro, la distribuzione di cui parlano si riduce a poco più di quella cartacea.

In altri termini, non ravviso un vantaggio concreto per l’autore dell’opera rispetto alla pubblicazione cartacea, i contributi economici richiesti sono sempre gli stessi.

Leggere un e-book, poi, a mio avviso, non sarà mai come leggere un libro, inutile convincermi del contrario.

L’unico vantaggio è quello che hanno previsto per loro le case editrici, in termini di costi da sopportare pressoché nulli e maggiori introiti derivanti dalla pubblicazione.

 

 

Vuoi aggiungere qualcosa? C’è una domanda che non ti hanno mai posto e alla quale vorresti invece dare una risposta?

 

Vorrei ringraziare LaRecherche.it per avere ideato e realizzato il Premio e per avere dato a tutti gli autori la possibilità di esprimersi nella forma della poesia e della narrativa.

 

 

Grazie Emilio.

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Tra i vari articoli, qui sotto, trovi altre interviste da leggere:

:: [ Intervista ] Daniela Monreale (Pubblicato il 27/05/2017 21:10:58 - visite: 438) »

:: [ Intervista ] Fabrizio Bregoli (Pubblicato il 07/05/2017 12:00:00 - visite: 1445) »

:: [ Intervista ] Giuseppe Lamarca (Pubblicato il 28/04/2017 12:00:00 - visite: 562) »

:: [ Intervista ] Marco Ranocchiari (Pubblicato il 13/04/2017 17:15:57 - visite: 431) »

:: [ Intervista ] Daniela Neri (Pubblicato il 04/04/2017 12:00:00 - visite: 1410) »

:: [ Intervista ] Mauro Barbetti (Pubblicato il 08/05/2016 01:11:48 - visite: 1288) »

:: [ Intervista ] Slobodan Fazlagić (Pubblicato il 26/04/2016 19:09:24 - visite: 1023) »

:: [ Intervista ] Katia Colica (Pubblicato il 16/04/2016 16:37:41 - visite: 972) »

:: [ Intervista ] Paola Zeni (Pubblicato il 09/04/2016 22:12:47 - visite: 1380) »

:: [ Intervista ] Vincenzo Ricciardi (Pubblicato il 01/04/2016 16:50:36 - visite: 1100) »

:: [ Letteratura ] Speciale Pier Paolo Pasolini (Pubblicato il 13/11/2015 21:53:40 - visite: 1668) »

:: [ Intervista ] Michel Houellebecq (Pubblicato il 30/10/2015 22:26:04 - visite: 1110) »

:: [ Intervista ] Silvia Morotti (Pubblicato il 31/05/2015 12:00:00 - visite: 1711) »

:: [ Intervista ] Giulia Tubili (Pubblicato il 24/05/2015 12:00:00 - visite: 1418) »

:: [ Intervista ] Mikol Fazio (Pubblicato il 10/05/2015 12:00:00 - visite: 1681) »

:: [ Intervista ] Nicola Romano (Pubblicato il 03/05/2015 12:00:00 - visite: 1813) »

:: [ Intervista ] Gianfranco Martana (Pubblicato il 26/04/2015 12:00:00 - visite: 2128) »

:: [ Intervista ] Roberto Maggiani (Pubblicato il 17/11/2014 12:00:00 - visite: 2432) »

:: [ Intervista ] Alessandro Cortese (Pubblicato il 07/11/2014 12:00:00 - visite: 1985) »

:: [ Intervista ] Salvo imprevisti (Pubblicato il 30/09/2014 20:09:49 - visite: 1461) »

:: [ Intervista ] Saverio Bafaro (Pubblicato il 09/04/2014 12:00:00 - visite: 2867) »

:: [ Intervista ] Manlio Sgalambro (Pubblicato il 09/03/2014 16:28:11 - visite: 3157) »

:: [ Intervista ] Marco Righetti (Pubblicato il 18/02/2014 12:00:00 - visite: 2364) »

:: [ Intervista ] Giuseppina Torregrossa (Pubblicato il 29/10/2013 12:00:00 - visite: 2616) »

:: [ Intervista ] Carla de Falco (Pubblicato il 10/05/2013 00:05:12 - visite: 2229) »

:: [ Intervista ] Valdo Immovilli (Pubblicato il 28/02/2013 00:00:03 - visite: 2428) »

:: [ Intervista ] Loretto Mattonai (Pubblicato il 23/11/2012 01:51:05 - visite: 2487) »

:: [ Intervista ] Laura Donnini (Pubblicato il 11/10/2012 20:16:02 - visite: 2551) »

:: [ Intervista ] Carlo Maria Martini (Pubblicato il 22/09/2012 22:05:48 - visite: 2325) »

:: [ Intervista ] Caterina Davinio (Pubblicato il 04/09/2012 19:43:32 - visite: 2659) »

:: [ Intervista ] Leonardo Bonetti (Pubblicato il 22/07/2012 12:00:00 - visite: 3362) »

:: [ Intervista ] Roberto Deidier (Pubblicato il 04/05/2012 21:48:58 - visite: 4666) »

:: [ Intervista ] Oreste De Rosa (Pubblicato il 20/04/2012 21:17:53 - visite: 3985) »

:: [ Intervista ] Antonella Anedda (Pubblicato il 21/03/2012 12:00:00 - visite: 2703) »

:: [ Intervista ] Mariella Bettarini (Pubblicato il 30/01/2012 12:00:00 - visite: 2595) »

:: [ Intervista ] Vincenzo Fresa (Pubblicato il 23/01/2012 12:00:00 - visite: 2376) »

:: [ Intervista ] Giulia Niccolai (Pubblicato il 10/01/2012 15:45:11 - visite: 3361) »

:: [ Intervista ] L. Zinkowski (Pubblicato il 02/01/2012 12:00:00 - visite: 2411) »

:: [ Intervista ] Babbo Natale (Pubblicato il 22/12/2011 18:28:29 - visite: 2429) »

:: [ Intervista ] Fabio Franzin (Pubblicato il 03/12/2011 20:32:00 - visite: 2609) »

:: [ Intervista ] Franco Fortini (Pubblicato il 21/11/2011 01:07:52 - visite: 2415) »

:: [ Intervista ] Andrea Zanzotto (Pubblicato il 11/10/2011 17:39:46 - visite: 2987) »

:: [ Intervista ] Vera Lúcia de Oliveira (Pubblicato il 12/09/2011 18:50:27 - visite: 2600) »

:: [ Intervista ] Lucianna Argentino (Pubblicato il 20/07/2011 12:58:30 - visite: 2586) »

:: [ Intervista ] Fedele Mazzetti (Pubblicato il 23/05/2011 12:00:00 - visite: 3070) »

:: [ Intervista ] Marzia Alunni su Maria Grazia Lenisa (Pubblicato il 17/03/2011 12:00:00 - visite: 3045) »

:: [ Letteratura ] Larecherche.it a Letteratronica (Pubblicato il 09/03/2011 20:20:02 - visite: 2600) »

:: [ Intervista ] Maria Grazia Calandrone (Pubblicato il 14/12/2010 20:50:53 - visite: 2830) »

:: [ Intervista ] Daniele Santoro (Pubblicato il 28/10/2010 20:53:54 - visite: 3226) »

:: [ Intervista ] Lorena Turri (Pubblicato il 15/08/2010 19:56:23 - visite: 2825) »

:: [ Intervista ] Antonello De Sanctis (Pubblicato il 16/06/2010 16:51:26 - visite: 3660) »

:: [ Intervista ] Stefanie Golisch (Pubblicato il 10/05/2010 21:08:37 - visite: 2825) »

:: [ Intervista ] Pier Paolo Pasolini (Pubblicato il 24/04/2010 23:32:59 - visite: 2706) »

:: [ Intervista ] Antonio De Marchi-Gherini (Pubblicato il 20/03/2010 12:00:00 - visite: 5461) »

:: [ Arte ] Note di mimosa a Volvera (8 marzo) (Pubblicato il 27/02/2010 21:29:20 - visite: 1853) »

:: [ Intervista ] Franca Alaimo (Pubblicato il 04/02/2010 16:49:51 - visite: 2951) »

:: [ Intervista ] Nicola Lecca (Pubblicato il 19/12/2009 00:14:43 - visite: 3399) »

:: [ Intervista ] Elio Pecora (Pubblicato il 17/11/2009 17:27:08 - visite: 3385) »

:: [ Intervista ] Valerio Magrelli (Pubblicato il 21/10/2009 16:31:14 - visite: 5800) »

:: [ Intervista ] Roberto Biagiotti (Pubblicato il 26/07/2009 21:55:09 - visite: 3936) »

:: [ Intervista ] Mario Fresa (Pubblicato il 26/06/2009 00:36:46 - visite: 3411) »

:: [ Letteratura ] Anna è viva (Pubblicato il 23/06/2009 00:11:00 - visite: 1703) »

:: [ Intervista ] Roberto Nobile (Pubblicato il 15/05/2009 15:46:52 - visite: 3893) »

:: [ Intervista ] Valerio Meledandri (Pubblicato il 22/04/2009 16:08:21 - visite: 2879) »

:: [ Intervista ] Maurizio Cucchi (Pubblicato il 25/03/2009 19:56:42 - visite: 2584) »

:: [ Intervista ] Antonio Spagnuolo (Pubblicato il 13/02/2009 23:23:32 - visite: 2140) »

:: [ Intervista ] Alessio Romano (Pubblicato il 12/01/2009 21:46:54 - visite: 2831) »

:: [ Intervista ] Franco Buffoni (Pubblicato il 15/12/2008 18:30:37 - visite: 3493) »

:: [ Letteratura ] Auçuba: grande e buon sentimento (Italia-Brasile) (Pubblicato il 21/11/2008 17:25:21 - visite: 2201) »

:: [ Intervista ] Sophia de Mello (Pubblicato il 19/11/2008 18:09:06 - visite: 2676) »

:: [ Intervista ] Davide Rondoni (Pubblicato il 31/10/2008 17:02:46 - visite: 2325) »

:: [ Intervista ] Luigi Fontanella (Pubblicato il 15/10/2008 19:46:26 - visite: 2510) »

:: [ Intervista ] Michela Duce Castellazzo (Pubblicato il 26/09/2008 21:17:38 - visite: 2959) »

:: [ Intervista ] Dante Maffia (Pubblicato il 28/07/2008 02:11:05 - visite: 2223) »

:: [ Intervista ] Giuseppe Conte (Pubblicato il 25/07/2008 21:51:37 - visite: 2151) »

:: [ Intervista ] Paolo Ruffilli (Pubblicato il 16/07/2008 17:11:16 - visite: 2003) »

:: [ Letteratura ] Immagini di Proust (Pubblicato il 11/07/2008 01:04:22 - visite: 1687) »

:: [ Intervista ] Marcel Proust (Pubblicato il 10/07/2008 00:45:39 - visite: 2637) »

:: [ Intervista ] Luciana Caranci (Pubblicato il 22/06/2008 22:00:24 - visite: 2143) »

:: [ Intervista ] Mariella Bettarini (Pubblicato il 06/06/2008 18:05:13 - visite: 2321) »

:: [ Intervista ] Yorick (Pubblicato il 24/05/2008 22:04:19 - visite: 2011) »

:: [ Intervista ] Anna Belozorovitch (Pubblicato il 16/05/2008 17:31:03 - visite: 2919) »

:: [ Ecologia ] Cambiamento clima, l’Europa adotta... (Pubblicato il 24/01/2008 - visite: 1707) »

:: [ Scienza ] Antartide, scoperto vulcano attivo (Pubblicato il 21/01/2008 - visite: 1895) »