Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Scarica gratuitamente LaRivista n. 4/2016, Anno IV, Aa. Vv. (pdf)
Partecipa al Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 561 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jan 19 22:55:59 UTC+0100 2017
Moderatore »

Fabrizio Bregoli

Argomento: Intervista

Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/04/2016 20:01:16

 

Intervista ai primi tre classificati, Sezione A e Sezione B, del Premio letterario “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie”, a cura della Redazione de LaRecherche.it

 

 

Continuiamo la pubblicazione delle interviste ai primi tre autori classificati di entrambe le Sezioni (Poesia e Narrativa) del Premio letterario “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie”, II edizione 2016, allo scopo di farli conoscere, come persone e come autori, un poco oltre i loro testi che è possibile leggere nell’e-book del Premio: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=200

 

*

 

L’autore qui intervistato è Fabrizio Bregoli, terzo classificato nella Sezione A (Poesia) con l'Opera “Queste care, fragili ossa”.

 

 

 

Chi sei? Come ti presenteresti a chi non ti conosce?

 

Sono un uomo che vicino ai quarant’anni ha riscoperto una passione che coltivava durante gli anni del liceo: la poesia, da cui si era indebitamente sottratto per le vicissitudini della vita e la scelta di un curriculum di studi e professionale squisitamente tecnici (sono un ingegnere). Sono dunque un uomo che scrive poesie, che spera attraverso di esse di suscitare riflessioni nella coscienza di chi le leggerà, perché la poesia consente di trasformare l’individuale (dell’autore) in universale (di tutti) grazie all’opera fattiva di chi la legge e la fa rivivere dentro di sé. Spero di restituire frammenti di verità e bellezza, distrarli dalla patina opaca dell’esistere.

 

 

Quali sono gli autori e i testi sui quali ti sei formato e ti formi, e che hanno influenzato e influenzano la tua scrittura?

 

Sono in realtà numerosi, essendo costantemente mosso dalla curiosità e dal confronto col nuovo. Fin dall’adolescenza uno dei miei numi tutelari è stato Pavese, a cui poi sono seguiti Montale e più recentemente Sereni, Caproni, Giudici, Bellezza, Raboni, Fortini, Luzi. Principalmente autori italiani, non perché non consideri di pari valore gli stranieri, ma perché credo che la traduzione possa solo restituire parzialmente il senso di un’opera poetica – e conosco discretamente solo l’inglese, per cui mi familiarizzo maggiormente con la letteratura anglosassone dove ammiro Eliot e Pound. Credo ineluttabile per chiunque voglia fare poesia la lettura di Cavalcanti, Dante, Leopardi, Rimbaud, Rilke.

In ogni caso credo che ogni autore dia il proprio contributo in un unico diuturno dialogo attraverso il tempo e lo spazio con tutti gli altri autori, celebri o sconosciuti – questa è per me la poesia. Quindi ogni autore – anche il più sconosciuto – è una necessaria voce del coro, lascia un segno di cui siamo comunque eredi, anche se inconsapevoli.

 

 

Quale utilità e quale ruolo ha lo scrittore nella società attuale?

 

Credo che non esista poesia che non sia politica. Proprio nella misura in cui la poesia ambisce ad essere universale si fa interprete dell’umanità, delle sue pulsioni, dei suoi vizi, delle sue aspirazioni. Non si dà poesia che abbia una finalità puramente estetica o consolatoria. La poesia deve poter trasformare le coscienze, scavarle negli antri più riposti e sommuoverle attraverso la forza dirompente della parola, che va restituita al suo cuore primordiale e depurata dalle brutture e dal depauperamento del linguaggio quotidiano. La forma è essa stessa una declinazione del contenuto: forma e contenuto sono la stessa cosa, vivono dello stesso respiro. Sono l’inscindibile magma in cui si fa concreta la poesia.

 

 

Come hai iniziato a scrivere e perché? Ci tratteggi la tua storia di scrittore? Gli incontri importanti, le tue pubblicazioni.

 

Ho iniziato da adolescente, con un evidente intento imitativo degli autori che preferivo. È poi seguito il lungo silenzio fino alla soglia dei quarant’anni in cui si è risvegliata questa passione. Ho ricominciato per gioco a scrivere versi, ho scoperto che esistevano premi letterari a cui ho partecipato per curiosità ottenendone da subito positivi riscontri che mi hanno incoraggiato a continuare. Oggi l’esito è che sono un poetry-addicted.

Un incontro importante è stato quello con Alberto Casiraghy con il quale ho realizzato il mio libriccino PulcinoElefante; nella sua casa ho potuto confrontarmi con altri autori, parlare con loro di poesia, da loro apprendere ed essere consigliato. I premi letterari mi hanno consentito il dialogo con altri autori, creazioni di sodalizi e scambi di suggerimenti e punti di vista. 

Poi c’è stata la frequentazione della casa della poesia di Milano, dove ho partecipato ai seminari tenuti dai fondatori fra cui Giancarlo Majorino e Tomaso Kemeny che curerà la postfazione della mia prossima opera “Il senso della neve” con i tipi di Puntoacapo Editrice. Anche se ho già pubblicato alcuni lavori dal 2013 ad oggi, considero questo libro la mia autentica opera prima perché raccoglie e porta a compimento l’insieme di riflessioni, ricerche contenutistiche e formali, in una sola parola il laboratorio poetico del mio, ancorché breve, cimento poetico.

 

 

Come avviene per te il processo creativo?

 

La poesia nasce sempre dall’ispirazione dalla quale non può esimersi; può essere anche solo il lampo di un verso o un’embrionale materia da costruire. Ne segue la decantazione mentale con l’architettura interiore del rapporto fra ritmo/musica e contenuto. Spesso articolo questo lavorio mentale per ore o giorni costruendo nella mente quella struttura che solo successivamente scrivo su carta per rielaborarla e cesellarla per stadi progressivi fino all’esito ritenuto finale. Spesso non è tale, comporta la revisione di singoli passaggi a distanza di settimane o mesi; la mia è una scrittura per certi versi in fieri che riesce a consolidarsi solo poco prima della scelta – per così dire irreversibile – della pubblicazione. Da quel momento la poesia non è più mia, diventa patrimonio di tutti, vive negli altri. Talvolta si maturano rimpianti, ritrattazioni, ma in fondo è giusto considerare ogni poesia lo specchio di un proprio momento interiore che va cristallizzato a documentare una fase della propria vita, buona o cattiva che ne sia la riuscita.

 

 

Quali sono gli obiettivi che ti prefiggi con la tua scrittura?

 

Scardinare i luoghi comuni, screditare l’ovvio e riscoprire l’inconsueto, rivitalizzare le coscienze, stilisticamente avere come riferimento costante la metrica anche quando deliberatamente la si viola.

 

 

Che cos’ha di caratteristico la tua scrittura, rispetto a quella dei tuoi contemporanei?

 

Mi è difficile rispondere. Credo tuttavia sia il bisogno di trovare un equilibrio fra la grande tradizione letteraria del passato e la prepotenza della modernità, del suo linguaggio destrutturato e frammentario. Troppi contemporanei sono tassidermisti, robivecchi, rabdomanti. Rifuggo l’imitazione, adoro la citazione. Per me è un gesto d’affetto alla poesia e agli autori che amo. Cerco di essere originale, personale. Agli altri giudicare se sia tale.

 

 

Si dice che ogni scrittore abbia le sue “ossessioni”, temi intorno ai quali scriverà per tutta la vita, quali sono le tue? Come si è evoluta la tua scrittura dalle tue prime pubblicazioni?

 

I miei temi ricorrenti sono la riscoperta memoriale del passato e delle nostre radici, la critica spietata del conformismo che impone la contemporaneità, l’ironia sferzante sul presente, il disvelamento del labile equilibrio fra individuo e società, verità e scienza. In questi anni direi che sono passato dal primo balbettio di un neonato alla capacità di esprimere la compiutezza di un pensiero, declinarla in contenuto e forma, darle spazio certo. Tuttavia credo che il mio percorso sia ancora tutto da scoprire, probabilmente demolendo quanto credo sia più definito e immodificabile. 

 

Quale rapporto hai con la poesia e quale con la narrativa? Hai scritto sia in versi sia in prosa (racconti o romanzi)? Se la risposta è no, pensi che, un giorno, ti accosterai all'altro genere letterario?

 

Attualmente scrivo solo poesie. Mi sembra che la misura del racconto o del romanzo sia lontana dall’esigenza di sintesi che la società frenetica di oggi richiede. La narrativa contemporanea tende ad essere sempre più svago e sempre meno letteratura, difficilmente coglie il senso delle cose. La poesia deve ambire di converso ad essere letteratura. La vita procede sempre più per frammenti che solo la poesia può cogliere; la mia è quasi una scelta di merito.

Tuttavia nella vita è interessante scoprire di poter cambiare. Magari in futuro anche la narrativa potrà incuriosirmi.

 

 

Quanto della tua terra di origine vive nella tua scrittura?

 

Direi che è un’ossessione costante. In particolare lo è il contatto con la campagna, con la vita di provincia, il valore del suo essere frusta e al contempo inimitabile, inquieta nella sua fissità. Molte mie poesie sono sospese sul filo del ricordo, della riscoperta di quei valori che si trasformano fino a divenire una mitologia interiore che si auto-rinnova, dà linfa alla mia materia poetica anche quando parlo d’altro.

 

 

Qual è il rapporto tra immaginazione e realtà? Lo scrittore si trova a cavallo di due mondi?

 

L’immaginazione e la realtà sono la stessa cosa, è la poesia a fonderle e a ricondurle alla loro comune radice. La poesia è azione. Non si dà poesia che non si ponga come obiettivo la trasformazione della realtà.

 

 

Quali difficoltà hai incontrato nel pubblicare i tuoi testi?

 

Il mio primo lavoro è stato auto-pubblicato, i successivi sono stati realizzati come riconoscimento per la vittoria di premi letterari.

Il limite principale che oggi l’autore di poesie incontra è la necessità di dover contribuire economicamente alla pubblicazione, perché la poesia difficilmente è remunerativa per l’editore – anzi non lo è quasi mai. Non tutti hanno mezzi per farlo, rischia di essere escluso chi è realmente valido. La situazione si aggrava nella misura in cui l’editore snaturando il suo ruolo diviene solo a pagamento, ossia una sorta di stamperia prezzolata. Questo alimenta naturalmente le puerili pulsioni dei presunti poeti o scrittori.

Credo che iniziative come la vostra de La Recherche servano proprio a scardinare queste logiche.

 

 

Chi sono i tuoi lettori? Che rapporto hai con loro?

 

Sono soprattutto curiosi che non si fermano davanti all’interpretazione ovvia della realtà, che hanno voglia di sfidare il codificato, che non temono di cimentarsi in una lettura irta e tutt’altro che rassicurante.

Ho pochi lettori, ma molto fedeli e critici, spero possano crescere giorno per giorno.

 

 

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso”. Che cosa pensi di questa frase di Marcel Proust, tratta da “Il tempo ritrovato”?

 

Credo che la poesia viva solo se letta; è il lettore interiorizzandola a trasformarla in qualcosa di diverso da sé, a dargli quel significato che lo scrittore da solo non riesce a cogliere. Spesso lettori mi hanno fatto osservazioni su miei lavori, che sottendevano interpretazioni molto lontane dal germe di quei versi, ma che ho poi dovuto ammettere fossero contenuti congeniti, insopprimibili effetti collaterali senza i quali forse quei versi non avrebbero avuto senso. Questa per me è la polisemia – termine abusato - di cui spesso si ragiona.

 

 

Hai mai fatto interventi critici, hai scritto recensioni di opere di altri autori? Quali sono gli indicatori che utilizzi nel valutare, se così ci è permesso dire, un testo? Quali sono, a tuo avviso, le caratteristiche di una buona scrittura?

 

Non ho mai preparato recensioni o studi di lavori altrui. Considero la critica letteraria un rovello che è bene affidare ad altri, responsabilità troppo grande giudicare o pesare l’oro o l’ottone altrui.

Secondo il mio metro personale reputo valida un’opera poetica che sia originale pur nell’eredità culturale da cui non può esimersi, che usi un linguaggio distintivo e trascenda la mediocrità del parlato quotidiano, si faccia interprete della contemporaneità, riesca a redimersi dai cliché e dalla retorica storica e letteraria, mi sorprenda con l’inatteso, mi trasmetta novità ad ogni reiterata lettura.

 

 

In relazione alla tua scrittura, qual è la critica più bella che hai ricevuto?

 

Recentemente un autore che stimo, leggendo il mio prossimo libro a lui mandato in anteprima, mi ha detto che ho potenzialità di crescita che nemmeno immagino. È la mia visione della poesia: cercare sempre di rinnovarsi, riscoprire le potenzialità inespresse della parola, appropriarsene, esserne testimoni.

 

 

A cosa stai lavorando? A quando la tua prossima pubblicazione?

 

Ho consegnato il mio nuovo lavoro “Il senso della neve” all’editore PuntoaCapo e ne è prevista l’uscita a Maggio 2016, con prefazione di Ivan Fedeli e postfazione di Tomaso Kemeny. È un lavoro che verte interamente sulla riscoperta del ruolo della poesia come unico strumento possibile per redimerci dal ghetto di arrendevolezza e conformismo in cui siamo afflitti dalla società contemporanea. Includerà anche i lavori presentati a questo premio.

 

 

Quali altre passioni coltivi, oltre la scrittura?

 

Soprattutto la lettura che ne è il presupposto. Oltre alla poesia da sempre sono appassionato di storia contemporanea, epistemologia, fisica nucleare e quantistica, storia della scienza. Ci sono poi le letture imposte dal lavoro, più subite che godute.

Gradisco ascoltare musica contemporanea, meno la classica per cui ho scarsa educazione.

Quando mi riesce viaggio, mi metto a curiosare per il mondo.

Nel tempo libero con una certa regolarità pratico attività fisica per una punta di narcisismo che non guasta. Del resto quale autore di poesia non ne soffre?

 

 

Sei tra i vincitori del Premio “Il Giardino di Babuk – Proust en Italie”, perché hai partecipato? Che valore hanno per te i premi letterari? Che ruolo hanno nella comunità culturale italiana?

 

Sono uno strumento per sottoporre i propri lavori al giudizio altrui, sperabilmente ad una giuria qualificata ed equamente critica; consentono quindi di essere un momento di verifica per capire la strada che si sta percorrendo, evitando di cadere nel solipsismo e nell’autocelebrazione di sé. Peccato che i premi siano veramente troppo numerosi, solo pochi – come il vostro – rispondano a quei requisiti di cui sopra. È sempre più diffusa la credenza che chiunque possa fare poesia e i cattivi concorsi alimentano questa assurdità, premiando spesso testi mediocri, scontati, inutili. Questo alimenta attese che non possono avere riscontri, screditando la poesia nella sua totalità. Consiglio chiunque – me in primis – prima di pubblicare o inviare un proprio lavoro a un premio, di porsi la seguente domanda: “Sarei disposto a dedicare alcuni minuti a leggere questo scritto? Che valore potrei trarne? Cosa dice di nuovo o autentico? Può significare qualcosa per gli altri?”. Ma sappiamo che nulla è più difficile che giudicare con obiettività sé stessi…

 

 

Hai qualcosa da dire agli autori che pubblicano i loro testi su LaRecherche.it? Che cosa pensi, più in generale, della libera scrittura in rete e dell’editoria elettronica?

 

È un valore fondamentale, consente la condivisione e la comunità degli autori. Ancora più importante per la poesia, che non potendo neanche lontanamente – e fortunatamente – ambire ad una oggettiva remunerazione economica, deve essere patrimonio comune, a tutti indistintamente fruibile. Io stesso ho aderito all’iniziativa e condivido miei lavori, sperando siano di stimolo o per lo meno di piacevole lettura per gli altri.

 

 

Vuoi aggiungere qualcosa? C’è una domanda che non ti hanno mai posto e alla quale vorresti invece dare una risposta?

 

Sono già troppe le domande che affollano la mia mente ogni giorno, ho imbrattato già forse troppe pagine con le mie poesie e parlato troppo rispondendo alle vostre domande. Preferisco concludere invitando ciascuno di noi a riscoprire il ruolo del nostro più prezioso compagno, il silenzio.

 

 

Grazie Fabrizio.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Tra i vari articoli, qui sotto, trovi altre interviste da leggere:

:: [ Intervista ] Mauro Barbetti (Pubblicato il 08/05/2016 01:11:48 - visite: 833) »

:: [ Intervista ] Slobodan Fazlagić (Pubblicato il 26/04/2016 19:09:24 - visite: 673) »

:: [ Intervista ] Katia Colica (Pubblicato il 16/04/2016 16:37:41 - visite: 629) »

:: [ Intervista ] Paola Zeni (Pubblicato il 09/04/2016 22:12:47 - visite: 991) »

:: [ Intervista ] Vincenzo Ricciardi (Pubblicato il 01/04/2016 16:50:36 - visite: 745) »

:: [ Letteratura ] Speciale Pier Paolo Pasolini (Pubblicato il 13/11/2015 21:53:40 - visite: 1275) »

:: [ Intervista ] Michel Houellebecq (Pubblicato il 30/10/2015 22:26:04 - visite: 811) »

:: [ Intervista ] Silvia Morotti (Pubblicato il 31/05/2015 12:00:00 - visite: 1385) »

:: [ Intervista ] Giulia Tubili (Pubblicato il 24/05/2015 12:00:00 - visite: 1135) »

:: [ Intervista ] Emilio Capaccio (Pubblicato il 17/05/2015 12:00:00 - visite: 1311) »

:: [ Intervista ] Mikol Fazio (Pubblicato il 10/05/2015 12:00:00 - visite: 1348) »

:: [ Intervista ] Nicola Romano (Pubblicato il 03/05/2015 12:00:00 - visite: 1459) »

:: [ Intervista ] Gianfranco Martana (Pubblicato il 26/04/2015 12:00:00 - visite: 1745) »

:: [ Intervista ] Roberto Maggiani (Pubblicato il 17/11/2014 12:00:00 - visite: 2046) »

:: [ Intervista ] Alessandro Cortese (Pubblicato il 07/11/2014 12:00:00 - visite: 1717) »

:: [ Intervista ] Salvo imprevisti (Pubblicato il 30/09/2014 20:09:49 - visite: 1182) »

:: [ Intervista ] Saverio Bafaro (Pubblicato il 09/04/2014 12:00:00 - visite: 2502) »

:: [ Intervista ] Manlio Sgalambro (Pubblicato il 09/03/2014 16:28:11 - visite: 2621) »

:: [ Intervista ] Marco Righetti (Pubblicato il 18/02/2014 12:00:00 - visite: 2039) »

:: [ Intervista ] Giuseppina Torregrossa (Pubblicato il 29/10/2013 12:00:00 - visite: 2276) »

:: [ Intervista ] Carla de Falco (Pubblicato il 10/05/2013 00:05:12 - visite: 1945) »

:: [ Intervista ] Valdo Immovilli (Pubblicato il 28/02/2013 00:00:03 - visite: 2120) »

:: [ Intervista ] Loretto Mattonai (Pubblicato il 23/11/2012 01:51:05 - visite: 2227) »

:: [ Intervista ] Laura Donnini (Pubblicato il 11/10/2012 20:16:02 - visite: 2266) »

:: [ Intervista ] Carlo Maria Martini (Pubblicato il 22/09/2012 22:05:48 - visite: 2112) »

:: [ Intervista ] Caterina Davinio (Pubblicato il 04/09/2012 19:43:32 - visite: 2403) »

:: [ Intervista ] Leonardo Bonetti (Pubblicato il 22/07/2012 12:00:00 - visite: 3116) »

:: [ Intervista ] Roberto Deidier (Pubblicato il 04/05/2012 21:48:58 - visite: 4354) »

:: [ Intervista ] Oreste De Rosa (Pubblicato il 20/04/2012 21:17:53 - visite: 3699) »

:: [ Intervista ] Antonella Anedda (Pubblicato il 21/03/2012 12:00:00 - visite: 2486) »

:: [ Intervista ] Mariella Bettarini (Pubblicato il 30/01/2012 12:00:00 - visite: 2306) »

:: [ Intervista ] Vincenzo Fresa (Pubblicato il 23/01/2012 12:00:00 - visite: 2122) »

:: [ Intervista ] Giulia Niccolai (Pubblicato il 10/01/2012 15:45:11 - visite: 3076) »

:: [ Intervista ] L. Zinkowski (Pubblicato il 02/01/2012 12:00:00 - visite: 2159) »

:: [ Intervista ] Babbo Natale (Pubblicato il 22/12/2011 18:28:29 - visite: 2202) »

:: [ Intervista ] Fabio Franzin (Pubblicato il 03/12/2011 20:32:00 - visite: 2403) »

:: [ Intervista ] Franco Fortini (Pubblicato il 21/11/2011 01:07:52 - visite: 2183) »

:: [ Intervista ] Andrea Zanzotto (Pubblicato il 11/10/2011 17:39:46 - visite: 2739) »

:: [ Intervista ] Vera Lúcia de Oliveira (Pubblicato il 12/09/2011 18:50:27 - visite: 2367) »

:: [ Intervista ] Lucianna Argentino (Pubblicato il 20/07/2011 12:58:30 - visite: 2368) »

:: [ Intervista ] Fedele Mazzetti (Pubblicato il 23/05/2011 12:00:00 - visite: 2851) »

:: [ Intervista ] Marzia Alunni su Maria Grazia Lenisa (Pubblicato il 17/03/2011 12:00:00 - visite: 2779) »

:: [ Letteratura ] Larecherche.it a Letteratronica (Pubblicato il 09/03/2011 20:20:02 - visite: 2315) »

:: [ Intervista ] Maria Grazia Calandrone (Pubblicato il 14/12/2010 20:50:53 - visite: 2560) »

:: [ Intervista ] Daniele Santoro (Pubblicato il 28/10/2010 20:53:54 - visite: 2925) »

:: [ Intervista ] Lorena Turri (Pubblicato il 15/08/2010 19:56:23 - visite: 2612) »

:: [ Intervista ] Antonello De Sanctis (Pubblicato il 16/06/2010 16:51:26 - visite: 3308) »

:: [ Intervista ] Stefanie Golisch (Pubblicato il 10/05/2010 21:08:37 - visite: 2590) »

:: [ Intervista ] Pier Paolo Pasolini (Pubblicato il 24/04/2010 23:32:59 - visite: 2447) »

:: [ Intervista ] Antonio De Marchi-Gherini (Pubblicato il 20/03/2010 12:00:00 - visite: 5194) »

:: [ Arte ] Note di mimosa a Volvera (8 marzo) (Pubblicato il 27/02/2010 21:29:20 - visite: 1637) »

:: [ Intervista ] Franca Alaimo (Pubblicato il 04/02/2010 16:49:51 - visite: 2717) »

:: [ Intervista ] Nicola Lecca (Pubblicato il 19/12/2009 00:14:43 - visite: 3142) »

:: [ Intervista ] Elio Pecora (Pubblicato il 17/11/2009 17:27:08 - visite: 3066) »

:: [ Intervista ] Valerio Magrelli (Pubblicato il 21/10/2009 16:31:14 - visite: 5450) »

:: [ Intervista ] Roberto Biagiotti (Pubblicato il 26/07/2009 21:55:09 - visite: 3648) »

:: [ Intervista ] Mario Fresa (Pubblicato il 26/06/2009 00:36:46 - visite: 3127) »

:: [ Letteratura ] Anna è viva (Pubblicato il 23/06/2009 00:11:00 - visite: 1501) »

:: [ Intervista ] Roberto Nobile (Pubblicato il 15/05/2009 15:46:52 - visite: 3632) »

:: [ Intervista ] Valerio Meledandri (Pubblicato il 22/04/2009 16:08:21 - visite: 2665) »

:: [ Intervista ] Maurizio Cucchi (Pubblicato il 25/03/2009 19:56:42 - visite: 2407) »

:: [ Intervista ] Antonio Spagnuolo (Pubblicato il 13/02/2009 23:23:32 - visite: 1940) »

:: [ Intervista ] Alessio Romano (Pubblicato il 12/01/2009 21:46:54 - visite: 2623) »

:: [ Intervista ] Franco Buffoni (Pubblicato il 15/12/2008 18:30:37 - visite: 3223) »

:: [ Letteratura ] Auçuba: grande e buon sentimento (Italia-Brasile) (Pubblicato il 21/11/2008 17:25:21 - visite: 2005) »

:: [ Intervista ] Sophia de Mello (Pubblicato il 19/11/2008 18:09:06 - visite: 2411) »

:: [ Intervista ] Davide Rondoni (Pubblicato il 31/10/2008 17:02:46 - visite: 2133) »

:: [ Intervista ] Luigi Fontanella (Pubblicato il 15/10/2008 19:46:26 - visite: 2270) »

:: [ Intervista ] Michela Duce Castellazzo (Pubblicato il 26/09/2008 21:17:38 - visite: 2712) »

:: [ Intervista ] Dante Maffia (Pubblicato il 28/07/2008 02:11:05 - visite: 2007) »

:: [ Intervista ] Giuseppe Conte (Pubblicato il 25/07/2008 21:51:37 - visite: 1909) »

:: [ Intervista ] Paolo Ruffilli (Pubblicato il 16/07/2008 17:11:16 - visite: 1778) »

:: [ Letteratura ] Immagini di Proust (Pubblicato il 11/07/2008 01:04:22 - visite: 1541) »

:: [ Intervista ] Marcel Proust (Pubblicato il 10/07/2008 00:45:39 - visite: 2400) »

:: [ Intervista ] Luciana Caranci (Pubblicato il 22/06/2008 22:00:24 - visite: 1881) »

:: [ Intervista ] Mariella Bettarini (Pubblicato il 06/06/2008 18:05:13 - visite: 2071) »

:: [ Intervista ] Yorick (Pubblicato il 24/05/2008 22:04:19 - visite: 1770) »

:: [ Intervista ] Anna Belozorovitch (Pubblicato il 16/05/2008 17:31:03 - visite: 2669) »

:: [ Ecologia ] Cambiamento clima, l’Europa adotta... (Pubblicato il 24/01/2008 - visite: 1514) »

:: [ Scienza ] Antartide, scoperto vulcano attivo (Pubblicato il 21/01/2008 - visite: 1694) »