Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 153 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 11 17:22:27 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’archetipo: sulla traccia dell’anima

Argomento: Letteratura

di Annalisa Scialpi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/06/2018 08:40:03

 

     Parlare di anima, oggi, è urgente. Perché la fretta, i modelli del mercato, la ‘sana competizione’ osannata dagli stessi modelli, la povertà delle relazioni ridotte a meri ‘contratti di scambio’ o le relazioni cariche di sofferenza contribuiscono a creare una ‘perdita d’anima’. La perdita parziale d’anima si collega a numerosi squilibri in termini di blocchi energetici che la persona avverte come dolore, sofferenza, incapacità di dare un senso alla propria vita, stasi, depressione. Ma esiste una definizione di anima? L’anima possiamo intenderla, sia in una prospettiva non religiosa, che religiosa come ‘il centro’ della persona umana, che le permette di vivere in maniera significativa, gioiosa, piena, la sua esperienza vitale. E che, soprattutto, permette la sua esperienza vitale di manifestazione nel mondo, rendendo congruo, sensato, il suo cammino.

    Non c’è bisogno di sfogliare i giornali e di ripetere le solite, agghiaccianti percentuali di donne assassinate per rendersi conto che di anima, oggi, si sente un disperato bisogno. Una delle immagini più poetiche per rappresentare l’anima è data dal simbolo della farfalla. Essa rappresenta non solo lo schiudersi del bozzo, ma anche e soprattutto la trasformazione o la metamorfosi. La parola ‘metamorfosi’ richiama le potenzialità stessa dell’anima, la capacità di auto curarsi e guarirsi per ‘schiudere le ali’ in tutti i colori che la rappresentano perché, come una farfalla, possa trovare la leggerezza che la caratterizza. Il cammino dell’anima è,  dunque, un cammino di vita-morte- rinascita – vita, in una ciclicità continua che continuamente si crea e distrugge, ma solo per ricrearsi in altre forme.

   Che c’entra l’anima con l’archetipo? Molto, dal momento che, per Jung l’anima rappresenta un archetipo, cioè un’idea innata, appartenente all’inconscio collettivo, cioè alla memoria del genere umano. Sono un prototipo delle idee che sperimenta come sistema di interpretazione di ciò che è vissuto. Gli archetipi, però, non sono immutabili, ma condizionati dalla cultura. La riflessione sull’archetipo promuove quel processo o meglio, percorso di consapevolezza di sé, che rende autonomi nelle proprie scelte e che permette, inoltre, di slatentizzare gli archetipi ‘nascosti’. L’integrità della donna, ma anche della persona umana, sta infatti nella possibilità di interpretare i vari ‘ruoli’ o le varie dee che ci ‘dominano’ in quanto energie universali che interagiscono con la nostra psiche. Si dice infatti che stringere alleanza con gli dei significa favorire se stessi, ostacolarli si ritorce contro di noi.

Annalisa Scialpi

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Annalisa Scialpi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Annalisa Scialpi, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Pedagogia ] Il sentimento d’amore nella coppia contemporanea (Pubblicato il 03/03/2017 19:14:18 - visite: 475) »

:: [ Letteratura ] Il serpente come metafora del male nel mito della Genesi di (Pubblicato il 14/06/2016 10:43:30 - visite: 605) »