Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Accade al Cinema con Cineuropa News

Argomento: Cinema

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/01/2019 07:34:31


Accade al Cinema by Cineuropa News.

PRODUZIONE Italia
Un’Avventura per Marco Danieli sulle note di Lucio Battisti
di Camillo De Marco

16/01/2019 - Laura Chiatti e Michele Riondino alle prese per la prima volta con un musical. Nelle sale italiane a San Valentino, il 14 febbraio con 01 Distribution
Mai prima d’ora le celeberrime canzoni di Lucio Battisti e Mogol erano state protagoniste al cinema. Sarà ora possibile ascoltarle nel secondo film di Marco Danieli, giovane regista che si era fatto notare nel 2016 con La ragazza del mondo, Miglior Opera Prima ai Gobi d’Oro italiani, Miglior regista esordiente ai David di Donatello 2017 e premiatissimo nei numerosi festival a cui ha partecipato. Il titolo del film, prodotto da Fabula Pictures di Nicola e Marco De Angelis e Lucky Red con Rai Cinema, è Un’Avventura, come l’omonima canzone uscita nel gennaio del 1969. E negli Anni 70 è ambientato il film, interpretato da Laura Chiatti e Michele Riondino, alle prese per la prima volta con un musical, protagonisti di una storia d’amore struggente e universale.

Sulle note dei più grandi successi musicali di Battisti e Mogol, Matteo (Michele Riondino) e Francesca (Laura Chiatti) scoprono l’amore, si perdono, si ritrovano, si rincorrono, ognuno inseguendo il proprio sogno: lei vuole essere una donna libera, lui vuole diventare un musicista. Francesca gira il mondo per cinque anni, mentre Matteo rimane a scrivere canzoni d’amore. Quando Francesca ritorna porta con sé il vento di cambiamento degli anni 70, fatto di emancipazione, progresso ed evasione. I due si ritrovano e il loro amore rinasce più forte di prima, ma la loro storia seguirà sentieri inaspettati.

Le coreografie del film sono state realizzate da Luca Tommassini, uno degli art director italiani più apprezzati, che ha lavorato con grandi star della musica e dello spettacolo come Madonna e Kylie Minogue, ed è conosciuto al pubblico televisivo per X Factor Italia. La sceneggiatura del film è di Isabella Aguilar, la fotografia di Ferran Paredes Rubio, il montaggio di Davide Vizzini, la scenografia di Giada Calabria, i costumi di Catia Dottori, le musiche di Pivio e Ando De Scalzi. Il film arriverà nelle sale italiane a San Valentino, il 14 febbraio con 01 Distribution. Le vendite internazionali sono affidate a True Colours, che a dicembre scorso ha partecipato a Parigi ad una sessione di Work In Progress, riservata ai compratori, nell’ambito degli Incontri del Cinema Italiano “De Rome à Paris”.

FESTIVAL Francia / Italia
10 opere italiane inedite in Francia in programma a "De Rome à Paris"
di Fabien Lemercier

03/12/2018 - Dal 7 all'11 dicembre si terrà l'11ma edizione di un evento che mette in vetrina alcuni lungometraggi italiani ancora senza distribuzione francese
Con sempre maggior successo e le sale dell'Arlequin piene, gli Incontri del cinema italiano "De Rome à Paris" organizzati a Parigi dall'ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche, Audiovisive e Multimediali) in collaborazione con l'Istituto Luce Cinecittà, l’UNEFA (esportatori di film), ICE (Istituto per il Commercio Estero), l'Ambasciata italiana e l'Istituto di cultura italiana, con il sostegno del Ministero della Cultura italiano e con partner il CNC e UniFrance, vedrà la sua 11ma edizione svolgersi dal 7 all'11 dicembre a Parigi, con un giorno in più in programma.

Nel menù dell'evento intitolato "De Rome à Paris" ci sono 11 film: 10 ancora senza distribuzione francese ed Euforia di Valeria Golino (scoperto a Cannes, al Certain Regard, e che sarà lanciato il 20 febbraio nelle sale francesi da Paname Distribution). Da notare anche, in anteprima e a chiusura della manifestazione, i primi due episodi della serie televisiva L'amica geniale, un adattamento della famosa saga di romanzi best-seller mondiali di Elena Ferrante, che erano stati anche presentati in prima mondiale alla Mostra di Venezia.

Tra gli altri dieci film inediti in cartellone spiccano altri tre titoli passati per Venezia: Un giorno all’improviso [+] di Ciro d’Emilio e la commedia La profezia dell’armadillo [+] di Emanuele Scaringi, che avevano avuto la loro première al Lido nella sezione competitiva Orizzonti, e Il ragazzo il piu felice del mondo di Gianni Pacinotti (aka Gipi) che era selezionato nel programma Sconfini. Il programma include inoltre due lungometraggi presentati a Locarno: Menocchio di Alberto Fasulo (ammirato in competizione) e Sembra mio figlio di Costanza Quatriglio (fuori concorso).

In cartellone figurano infine Fiore gemello di Laura Luchetti (selezionato a Toronto), le commedie Benedetta follia di Carlo Verdone (che sarà proiettato in apertura della manifestazione) e Metti la nonna in freezer [+] del duo Giancarlo Fontana - Giuseppe Stasi, così come due film di cineasti ben affermati sulla scena europea: Nome di donna di Marco Tullio Giordana e Napoli velata di Ferzan Ozpetek.
L’evento sarà preceduto dagli incontri professionali (leggi la news) con un Work In Progress, un mercato di coproduzione e una conferenza sulla cooperazione franco-italiana.

FESTIVAL Italia
Sudestival, a Monopoli otto opere prime italiane in concorso
di Camillo De Marco

17/01/2019 - Dal 25 gennaio la 20ma edizione della rassegna che si articolerà nella città pugliese nell’arco di 10 weekend. Tra le novità la sezione Sudestival Doc
Sarà l’ospite d’onore Pupi Avati, che festeggia i sui 50 anni di cinema, ad inaugurare venerdì25 gennaio la 20ma edizione di Sudestival, rassegna diretta da Michele Suma che si articolerà nella città pugliese di Monopoli nell’arco di 10 weekend, fino al 30 marzo 2019. La giornata di sabato 26 gennaio sarà interamente dedicata agli eventi speciali, con la proiezione di Chi scriverà la nostra Storia, docufilm della regista Roberta Grossman prodotto da Nancy Spielberg, che uscirà nelle sale italiane ed europee il giorno successivo, inomaggio alla Giornata della Memoria. Seguirà la proiezione di Ride, esordio alla regia dell’attore Valerio Mastandrea presentato all’ultimo Torino Film Festival. Mastandrea e l’attrice protagonista Chiara Martegiani saranno presenti in sala per incontrare il pubblico.

L’ormai consolidato Concorso Lungometraggi vede protagoniste otto opere prime italiane, tutte accompagnate in sala da autori, registi e attori. Venerdì 1 febbraio aprirà la gara il road-movie In viaggio con Adele di Alessandro Capitani, che vede protagonisti Sara Serraiocco e Alessandro Haber, mentre il 22 marzo chiuderà Un giorno all’improvviso di Ciro D’Emilio, presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia. Tra le opere in concorso anche il film di 2015 Asino Vola, esordio alla regia dell’attore Marcello Fonte (pluripremiato protagonista di Dogman) e codiretto da Paolo Tripodi; Zen sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri; Beate di Samad Zarmandili, commedia che vede protagonista Donatella Finocchiaro. Saranno presentati in anteprima anche due film mai usciti in sala: La Fuga, esordio al lungometraggio della regista Sandra Vannucchi, con Donatella Finocchiaro e Filippo Nigro, che racconta la storia di una ragazzina (Lisa Ruth Andreozzi) che scappa di casa per visitare Roma e del suo incontro con una coetanea rom, e La partita del regista Francesco Carnesecchi, con Francesco Pannofino, Alberto Di Stasio e Giorgio Colangeli.

Tra le novità, Giornata Gemellaggio Italia-Armenia e la sezione Sudestival Doc, competitiva, con otto titoli selezionati dalla più recente produzione italiana. A inaugurare la sezione, il documentario presentato alla 75^ Mostra del Cinema di Venezia Arrivederci Saigon di Wilma Labate. Fabio Martina torna al Sudestival con il nuovo docu-film L’estate di Gino, su Don Gino Rigoldi, cappellano dell’Istituto di Detenzione Minorile di Milano Beccaria. Il terzo appuntamento è con Una gloriosa delegazione a Pyongyang di Pepi Romagnoli, si prosegue con La regina di Casetta di Francesco Fei, 1938 - Diversi di Giorgio Treves con Roberto Herlitzka, L’estate più bella di Gianni Vukaj, Il clan dei ricciai di Pietro Mereu, per concludere con Camorra di Francesco Patierno.

FILM Italia
Recensione: L’agenzia dei bugiardi
di Vittoria Scarpa

17/01/2019 - Volfango De Biasi riadatta liberamente il successo francese Alibi.com per una gradevole commedia degli equivoci che gioca con le bugie e l’arte dell’inganno
Al suo decimo lungometraggio da regista, tra fiction di vario genere e documentari (tra cui Crazy for Football, premiato con il David di Donatello), Volfango De Biasi conferma la sua abilità nell’intessere action comedy dinamiche e brillanti, così come è stato per la sua triade natalizia composta da Un Natale stupefacente, Natale col boss e Natale a Londra – Dio salvi la regina. Il suo nuovo film, L’agenzia dei bugiardi, non esce a Natale ma poco dopo (e ad appena tre mesi dal romantico e non riuscitissimo Nessuno come noi), ed è un libero adattamento della fortunata commedia francese di Philippe Lacheau Alibi.com, “meno giovanilistico rispetto all’originale e più incentrato sulla storia d’amore”, secondo il regista che ha riscritto la sceneggiatura con Fabio Bonifacci (Loro chi?). Una commedia degli equivoci, tra il sentimentale e il demenziale, dal ritmo incessante e scorretta al punto giusto, che gioca con le bugie e l’arte dell’inganno.

“Meglio una bella bugia che una brutta verità” è il motto della diabolica agenzia Sos Alibi diretta dal bel Fred (la star di Ammore e malavita Giampaolo Morelli), specializzata nel coprire le menzogne dei propri clienti infedeli fornendo ingegnosi alibi su misura. Con l’aiuto dell’esperto di tecnologia Diego (Herbert Ballerina) e del neo assunto Paolo (Paolo Ruffini), Fred ha una soluzione rapida per ogni caso, a colpi di travestimenti, documenti falsi, depistaggi sui social e molto altro. La situazione però si complica quando si innamora di Clio (Alessandra Mastronardi), giurista e paladina della verità, che si rivela essere anche la figlia di uno dei clienti dell’agenzia, ossia Alberto (Massimo Ghini), il quale ha urgente bisogno di coprire una scappatella con la sua amante aspirante rapper Cinzia (Diana Del Bufalo, attualmente nelle sale anche in Attenti al gorilla) proprio nel giorno del suo anniversario di matrimonio con Irene (Carla Signoris). Per uno scherzo del destino, si ritroveranno tutti in vacanza insieme nello stesso resort, e le bugie da inventare saranno infinite.

Tradimenti, sotterfugi, scambi d’identità e di stanze d’albergo: il film vira presto verso la pochade e situazioni un po’ da cinepanettone, ma gli incastri tra i personaggi funzionano e gli espedienti pittoreschi che di volta in volta vengono trovati per ingannare strappano più di un sorriso (vuoi far credere alla tua fidanzata che sei in Senegal? Mettiti sotto una palma accanto a un venditore ambulante nero per una videochiamata, oppure vai allo zoo e fatti una foto con una zebra, ed è fatta). Nonostante qualche gag irrilevante ai fini della trama (la narcolessia di Paolo, ad esempio, così come l’ingiustificato sviluppo del suo rapporto con il collega Diego), il film intrattiene per i suoi 100 minuti di durata con leggerezza e fantasia, un tocco surreale e un azzeccato cast di attori, tra cui si segnala anche Paolo Calabresi, nel ruolo dell’accorato amico di famiglia abbandonato dalla moglie e custode di torbidi segreti, e il simpatico cameo della rockstar italiana Piero Pelù nei panni di se stesso.
L’agenzia dei bugiardi, prodotto da Picomedia in collaborazione con Medusa Film, e con il contributo di Regione Puglia e Regione Lazio, esce in Italia oggi, 17 gennaio, distribuito da Medusa in 400 copie.

PRODUZIONE Italia
Volfango De Biasi 'Bugiardi'
di Camillo De Marco

Scritto dallo stesso regista con Fabio Bonifacci, il film è interpretato da Giampaolo Morelli, Massimo Ghini, Alessandra Mastronardi, Paolo Ruffini, Carla Signoris, Herbert Ballerina, Diana Del Bufalo, Paolo Calabresi, Antonello Fassari e Raiz. La commedia racconta del seducente Fred (Giampaolo Morelli), l’esperto di tecnologia Diego (Herbert Ballerina) e l'apprendista narcolettico Paolo (Paolo Ruffini) sono i componenti di una diabolica e geniale agenzia che fornisce alibi ai propri clienti e il cui motto è “ Meglio una bella bugia che una brutta verità.” Fred si innamora di Clio (Alessandra Mastronardi), paladina della sincerità a tutti i costi, alla quale quindi non può svelare qual è il suo vero lavoro. La situazione si complica quando Fred scopre che il padre di Clio, Alberto (Massimo Ghini) è un suo cliente, che si è rivolto all’agenzia per nascondere alla moglie Irene (Carla Signoris) una scappatella con la sua giovane amante Cinzia (Diana Del Bufalo). Accidentalmente, per una distrazione di Alberto, si ritroveranno in vacanza tutti insieme: Carla, Clio, Alberto e Cinzia in una situazione esplosiva.

Prodotto da Roberto Sessa per Picomedia in collaborazione con Medusa Film, L'Agenzia dei bugiardi ha ricevuto il contributo di Apulia Film Fund di Regione Puglia e il sostegno di Apulia Film Commission e sarà distribuito da Medusa Film.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Presenze di Poesia a Sesto San Giovanni (Pubblicato il 24/05/2019 15:05:51 - visite: 24) »

:: [ Cultura ] Nuovi spazi per la Cultura. (Pubblicato il 16/05/2019 06:29:01 - visite: 32) »

:: [ Cinema ] Il cinema che aspettiamo di vedere. (Pubblicato il 10/05/2019 04:52:03 - visite: 38) »

:: [ Scienza ] Mind l’interazione sociale e i cervelli sincronizzati. (Pubblicato il 26/04/2019 05:44:27 - visite: 43) »

:: [ Letteratura ] Napoli: quando la Storia fa Spettacolo (Pubblicato il 25/04/2019 05:01:44 - visite: 43) »

:: [ Società ] Bla, bla, bla … Tra menzogna e irrealtà. (Pubblicato il 28/03/2019 10:06:22 - visite: 100) »

:: [ Musica ] Popsound Press (Pubblicato il 26/03/2019 18:20:22 - visite: 65) »

:: [ Sociologia ] Il paradosso di essere giovani 2 - Inchiesta (Pubblicato il 13/03/2019 06:08:01 - visite: 101) »

:: [ Società ] Il paradosso di essere giovani - Inchiesta (Pubblicato il 06/03/2019 08:57:57 - visite: 128) »

:: [ Poesia ] San Pellegrino Festival premia i Bambini (Pubblicato il 03/03/2019 12:11:15 - visite: 61) »